In autunno pioggia di chipset DDR

Verso la seconda metà dell'anno tre fra i più grandi chipmaker al mondo hanno annunciato il rilascio di chipset che supportano nativamente le veloci memorie DDR. Nel frattempo i prezzi delle DRDRAM scendono

Taipei (Taiwan) - A partire dalla seconda metà dell'anno la carenza di chipset in grado di supportare le nuove DRAM Doubel Data Rate (DDR) avrà finalmente termine. I tre più grossi chipmaker taiwanesi, VIA, ALI e SiS, hanno infatti annunciato, per l'autunno, l'inizio della produzione in grossi volumi dei loro nuovi chipset DDR.

ALI annuncerà il suo primo chipset DDR per Athlon a giugno. Più o meno nello stesso periodo dovrebbe arrivare anche la nuova proposta di Via, che rimpiazzerà il suo attuale chipset APP-133A con il nuovo PX-266 (che si chiamerà KX-266 nella versione per Athlon), in grado di supportare lo standard DDR PC-2100. SiS, non da meno, integrerà il supporto DDR nei suoi due nuovi imminenti chipset: il SiS640 per processori Intel ed il SiS730 per processori AMD, abbandonando così di fatto il supporto per la costosa memoria Rambus.

Fra l'estate e l'autunno compariranno sul mercato anche le soluzioni di Intel e AMD (AMD-760), la cui produzione in quantità inizierà però verso la fine dell'anno.
Il 2000 segnerà anche le sorti delle memorie Rambus: la tendenza sembra andare a tutto favore delle più economiche DDR, specie nella fascia media e bassa, ma la decisione di Intel di riadottare le memorie DRDRAM per la sua imminente generazione di CPU Willamette e gli ultimi cali di prezzo (fino al 35% la scorsa settimana), potrebbe mischiare nuovamente le carte in tavola.
TAG: mercato