Yukon e Whidbey slittano al 2005

Con l'intenzione di prolungarne la fase di beta testing, Microsoft ha deciso di ritardare ulteriormente l'uscita delle prossime versioni di SQL Server e di Visual Studio.NET, di cui ha anche annunciato il nome definitivo

Redmond (USA) - L'uscita delle due maggiori release di SQL Server e di Visual Studio.NET, note rispettivamente con i nomi in codice di Yukon e Whidbey, è slittata ulteriormente in avanti. Giustificando la decisione con la volontà di testare più a fondo i due prodotti, Microsoft ha deciso di prorogarne il rilascio, precedentemente fissato per la fine di quest'anno, alla metà del 2005.

"Vogliamo essere sicuri che questi due prodotti soddisfino i requisiti di elevata qualità dei nostri clienti", ha affermato l'azienda in un comunicato.

Microsoft prevede il rilascio di una seconda beta di Yukon e della prima beta di Whidbey nei prossimi mesi, mentre la terza beta del suo database è attesa per la fine del 2004.
Alcuni analisti ritengono che quest'ulteriore ritardo nel rilascio dei due software costringerà Microsoft a prorogare, come del resto ha già fatto di recente con altri prodotti, la scadenza del supporto all'attuale versione di SQL Server, attualmente fissata per la fine del 2005.

Whidbey è un ambiente di sviluppo che sfrutterà la profonda integrazione del MS.NET Framework con la futura versione di Windows, Longhorn, e introdurrà il supporto a WinFX, un nuovo modello per la programmazione delle applicazioni sotto Longhorn che, migliorando soprattutto gli aspetti legati alla sicurezza e all'affidabilità, costituirà un'importante evoluzione di quello attualmente adottato nel MS.NET Framework.

Yukon, il cui motore si troverà alla base del servizio Windows Future Storage (WinFS) di Longhorn, aggiungerà al database di Microsoft un maggior livello di scalabilità e un'architettura più efficiente.

Yukon e Whidbey rappresentano due componenti chiave nei piani di espansione del big di Redmond verso il mercato enterprise. Soprattutto con il primo, Microsoft spera di riuscire a erodere maggiori quote di mercato ai prodotti rivali più blasonati, come i database di Oracle e IBM: per far questo deve puntare in modo particolare sulla sicurezza, l'affidabilità e la stabilità.

Secondo quanto annunciato da Tom Rizzo, direttore alla produzione di SQL Server, i nomi commerciali di Yukon e Whidbey saranno rispettivamente SQL Server 2005 e Visual Studio 2005.
TAG: mercato
39 Commenti alla Notizia Yukon e Whidbey slittano al 2005
Ordina
  • http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=5572...

    Vehicle 20 ? Team TerraMax ? Got to mile 1.2. Vehicle then started backing up and after .5 miles, the vehicle was disabled.

    http://www.grandchallenge.org/gallery/news/BotUpda...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=557258
    >
    > Vehicle 20 ? Team TerraMax ? Got to mile
    > 1.2. Vehicle then started backing up and
    > after .5 miles, the vehicle was disabled.
    >
    > www.grandchallenge.org/gallery/news/BotUpdate

    ha fallito il programma non il sistema operativo.

    Capisci la differenza?
    non+autenticato

  • Odio Microsoft e i suoi prodotti, ad esclusione degli ambienti di sviluppo, che considero sinceramente fenomenali (Visual Basic a parte, che è la morte del concetto di programmazione).

    Però penso che con tutti questi ritardi Microsoft stia facendo una gran cazzata, ok che li vuole testare per benino (lodevole) però si parla di 2005 per Yukon e Whidbey e addirittura 2006 per il suo futuro Longhorn... Due anni sono un'era geologica per l'informatica e in questo momento in cui Linux e Co. stanno finalmente avanzando seriamente, che la gente e le aziende finalmente stanno cominciando a prendere coscienza che le alternative ci sono, la cosa non può che essere un grosso pericolo per loro...

    Staremo a vedere...

    TAD

    Che, lo ammette, ma ha sempre amato il Visual C++, anche se ora è passato ad Anjuta.....Occhiolino

  • - Scritto da: TADsince1995
    >
    > Odio Microsoft e i suoi prodotti, ad
    > esclusione degli ambienti di sviluppo, che
    > considero sinceramente fenomenali (Visual
    > Basic a parte, che è la morte del
    > concetto di programmazione).
    >
    > Però penso che con tutti questi
    > ritardi Microsoft stia facendo una gran
    > cazzata, ok che li vuole testare per benino
    > (lodevole) però si parla di 2005 per
    > Yukon e Whidbey e addirittura 2006 per il
    > suo futuro Longhorn... Due anni sono un'era
    > geologica per l'informatica e in questo
    > momento in cui Linux e Co. stanno finalmente
    > avanzando seriamente, che la gente e le
    > aziende finalmente stanno cominciando a
    > prendere coscienza che le alternative ci
    > sono, la cosa non può che essere un
    > grosso pericolo per loro...
    >
    > Staremo a vedere...
    >
    > TAD
    >
    > Che, lo ammette, ma ha sempre amato il
    > Visual C++, anche se ora è passato ad
    > Anjuta.....Occhiolino


    non vogliamo traditori

    Fan Linux
    non+autenticato

  • > > Che, lo ammette, ma ha sempre amato il
    > > Visual C++, anche se ora è
    > passato ad
    > > Anjuta.....Occhiolino
    >
    >
    > non vogliamo traditori
    >
    > Fan Linux

    Ehm... Ti ricordo che Anjuta è un IDE per Gnome... In ogni caso non sono un traditore, il mio odio per Microsoft non è "per partito preso", quelle poche cose buone che ha fatto in 20 anni io le riconosco, il mio odio per Microsoft è dettato da ragioni concrete: perchè i suoi prodotti sono osceni ma vengono usati per "forza di cose", per la sua politica commerciale, perchè è riuscita a far credere alla gente profondamente ignorante (penso un buon 70% di chi ha un PC) che informatica/PC=Windows=Microsoft, perchè l'ECDL ben si sposa con la precedente equazione. La odio perchè è l'azienda più spaventosamente sopravvalutata della storia dell'umanità.

    TAD

    Che tradirebbe linux solo per il nuovo Amiga!

  • - Scritto da: TADsince1995
    >
    > TAD
    >
    > Che tradirebbe linux solo per il nuovo
    > Amiga!

    allora lo vedi che saresti traditore

    Fan Linux
    non+autenticato
  • >La odio perchè
    > è l'azienda più
    > spaventosamente sopravvalutata della storia
    > dell'umanità.

    Sottoscrivo in pieno. Come penso pure molti altri.
    non+autenticato
  • Se MS davvero vuole dare l'assalto in fascia alta non puo' che far bene a rallentare e testare. Basta seguire il framework per rendersi conto del lavoro allucinante che stanno facendo.
    Vediamo cosa ne verra'a noi developers
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > Se MS davvero vuole dare l'assalto in fascia
    > alta non puo' che far bene a rallentare e
    > testare. Basta seguire il framework per
    > rendersi conto del lavoro allucinante che
    > stanno facendo.
    > Vediamo cosa ne verra'a noi developers

    Vedremo ma intanto il framework e' gia' presente da parecchi anni e l'interesse sucscitato e' bassissimo senza contare che non aggiuange niente a prodotti gia' disponbili da tempo a stra-collaudati in ambienti di produzione
    non+autenticato


  • > Vedremo ma intanto il framework e' gia'
    > presente da parecchi anni e l'interesse
    > sucscitato e' bassissimo

    Palle !
    Sono le piccole realtà a ignorare .NET perchè non hanno soldi da investire per passare a VS.NET o a BEA.
    Le aziende più importanti o più ardite invece usano già .NET e da un pezzo ormai.
    Aggiornati.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > ...
    > Le aziende più importanti o
    > più ardite invece usano già
    > .NET e da un pezzo ormai.

    questa e' davvero buona, mi hai strappato un sorriso


    non+autenticato
  • > Vedremo ma intanto il framework e' gia'
    > presente da parecchi anni
    parecchi anni? Ma se è stato rilasciati il 13 febbraio 2002! Sono 2 (due) anni... Ti sembrano "parecchi"?!?

    >e l'interesse
    > sucscitato e' bassissimo senza contare che
    > non aggiuange niente a prodotti gia'
    > disponbili da tempo a stra-collaudati in
    > ambienti di produzione
    questo è un falso mito da sfatare: il framework .NET è molto utilizzato nelle applicazioni server side, soprattutto nei settori telco e finance/bancario. Solo che si tratta si "procedure" lato server e non te ne accorgi. Tutto qui. Piccolo esempio: i web services di Tiscali (mail, fax, gestione/validazione transazioni mediante carta di credito, ...) sono _tutti_ implementati mediante il framework .NET:
    http://webservices.tiscali.com/
    non+autenticato
  • ...cioè dobbiamo aspettare ancora più di un'anno per la versione 1.2 di .NET????

    E io, che a chi mi diceva su Java ci son più librerie rispondevo: vedrai che con la 1.2 vanno in pari. Tsk

    A sto punto tanto vale consigliare Java, anche considerando che verrà resa progressivamente open.

    Baaaaahhhhh....Arrabbiato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > ...cioè dobbiamo aspettare ancora
    > più di un'anno per la versione 1.2 di
    > .NET????
    >
    > E io, che a chi mi diceva su Java ci son
    > più librerie rispondevo: vedrai che
    > con la 1.2 vanno in pari. Tsk
    >
    > A sto punto tanto vale consigliare Java,
    > anche considerando che verrà resa
    > progressivamente open.
    >
    > Baaaaahhhhh....Arrabbiato

    Veramente Whidbey, già nella beta 1 include .NET Framework 2.0.

    .NET Framework 1.2 era incluso nella beta di Yukon dello scorso ottobre, ma anche qui sarà sostituito dalla versione 2.0.


    Zeross
    1303
  • > Veramente Whidbey, già nella beta 1
    > include .NET Framework 2.0.
    >
    > .NET Framework 1.2 era incluso nella beta di
    > Yukon dello scorso ottobre, ma anche qui
    > sarà sostituito dalla versione 2.0.

    ci sei o ci fai? Son la stessa cosa, caro mio, è che a M$ hanno deciso di appioppare a 1.2 l'etichetta di 2.0 (forse perchè fa più marketing), ma è la stessa identica roba.

    Roba, comunque, che uscira nel 2005.

    Ri- baaaaaaaaahh....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Veramente Whidbey, già nella
    > beta 1
    > > include .NET Framework 2.0.
    > >
    > > .NET Framework 1.2 era incluso nella
    > beta di
    > > Yukon dello scorso ottobre, ma anche qui
    > > sarà sostituito dalla versione
    > 2.0.
    >
    > ci sei o ci fai? Son la stessa cosa, caro
    > mio, è che a M$ hanno deciso di
    > appioppare a 1.2 l'etichetta di 2.0 (forse
    > perchè fa più marketing), ma
    > è la stessa identica roba.
    >
    > Roba, comunque, che uscira nel 2005.
    >
    > Ri- baaaaaaaaahh....

    Tu invece ti fai vero? Ma dove le hai lette 'ste panzane? Sai almeno vagamente di cosa stai parlando? Ma provato a leggere qualche articolo sulle evoluzioni del framework? Non dirmi di si e che ci lavori perchè non è vero... Nessuno ti obbliga a usare quello che non vuoi ma trollare per il gusto di farlo.
    non+autenticato
  • > Tu invece ti fai vero? Ma dove le hai lette
    > 'ste panzane? Sai almeno vagamente di cosa
    > stai parlando? Ma provato a leggere qualche
    > articolo sulle evoluzioni del framework? Non
    > dirmi di si e che ci lavori perchè
    > non è vero... Nessuno ti obbliga a
    > usare quello che non vuoi ma trollare per il
    > gusto di farlo.

    Diciamo solamente che lavoro con .NET quasi ogni giorno, sin dalla versione beta1, e ritengo senza modestia di conoscerlo molto bene e molto approfonditamente.
    Gli articoli? Li leggo e ne scrivo.

    Non aggiungo altro, ma mi sa che il trollone tra i due sei tu.Occhiolino
    non+autenticato
  • > Diciamo solamente che lavoro con .NET quasi
    > ogni giorno, sin dalla versione beta1, e
    > ritengo senza modestia di conoscerlo molto
    > bene e molto approfonditamente.
    > Gli articoli? Li leggo e ne scrivo.
    >
    purtroppo, le tue affermazioni sono incompatibili: non puoi affermare quanto sopra e conteporaneamente dire "Java è meglio". Tiger (la JVM 1.5) è ancora in beta, e il grosso delle nuove caratteristiche sono "roba" presente in .NET dalla v1.0 (autoboxing, enum, ...) o quantomeno in Rotor, come i generics. L'implementazione di questi ultimi in Java, poi, è quantomeno discutibile: ne parla anche Bruce Eckel nell'ultimo post sul suo blog.

    > Non aggiungo altro, ma mi sa che il trollone
    > tra i due sei tu.Occhiolino
    Io non sono la persona che ti ha dato del trollone, ma se il livello di conoscenza di .NET raggiunto in 3 anni (dalla beta 1) è quello che dimostri, IMHO dovresti rimboccarti le maniche...
    senza rancore
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Diciamo solamente che lavoro con .NET
    > quasi
    > > ogni giorno, sin dalla versione beta1, e
    > > ritengo senza modestia di conoscerlo
    > molto
    > > bene e molto approfonditamente.
    > > Gli articoli? Li leggo e ne scrivo.
    > >
    > purtroppo, le tue affermazioni sono
    > incompatibili: non puoi affermare quanto
    > sopra e conteporaneamente dire "Java
    > è meglio". Tiger (la JVM 1.5)
    > è ancora in beta, e il grosso delle
    > nuove caratteristiche sono "roba" presente
    > in .NET dalla v1.0 (autoboxing, enum, ...) o
    > quantomeno in Rotor, come i generics.
    > L'implementazione di questi ultimi in Java,
    > poi, è quantomeno discutibile: ne
    > parla anche Bruce Eckel nell'ultimo post sul
    > suo blog.

    .NET batte Java dal punto di vista del bytecode e della macchina virtuale. Senzadubbio, sono d'accordo.
    (Nota: i generics su Tiger beta1 li trovi già, su .NET non ci sono ancora virtual machine beta che li supportino, eccetto Mono)

    Il problema sono le librerie disponibili (pardòn... gli assembly) e le community.
    In java esistono jar per fare qualsiasi cosa, esistono framework immensi, sia closed che open (ad es. jboss, tomcat, jxta, firebird, ...)
    Che ci faccio di una potentissima virtual machine se non ho classi per svolgere i compiti fondamentali????

    Ti faccio un esempio,un cliente mi ha chiesto una applicazione stand-alone che generasse un PDF lievemente complicato e lo spedisse via mail a qualcuno. Cosa semplice mi son detto: proviamola in .NET. Sono letteralmente diventato deficiente per trovare delle librerie open che m aiutassero.

    Ho impiegato due giorni per trovare un assembly in grado di spedire una cacchio di mail da una installazione .NET su Win98 in quanto l'oggettistica per fare suddetto lavoro (System.Web.Mail) in 1.1 si appoggia sui servizi NT. Tanto per la cronaca il componente si chiama openSmtp.

    Per il PDF altri casini infernali. NFop andava in profonda crisi mistica, PDFReport non ne parliamo, sicchè mi son buttato su iTextSharp che sembrava farcela (tutti assembly che trovi su sourceforge). In alcuni punti però assumeva comportamenti assurdi. M'è toccato ritoccarne i sorgenti: evidentemente chi ne fece il porting da java non sapeva che tutti i metodi sono di default virtuali e si dimenticò le dihiarazioni override in C#. Patetico.

    E qui entriamo nell'altro grande problema. Community scadenti, non come organizzazione, ma come livello di cultura informatica media. Se in java trovi gente che proveniva da C++, laureati, gente "con le palle", nelle community .NET generalmente ti trovi davanti a ex di VisualBasic, per definizione l'insulto all'OOP.

    C'è la cultura del tizio che si fa il programmone top-down con ottocento variabili temporanee e che ancora trova intelligente definire classi come collezioni di metodi statici, e che non conosce il multithreading nel modo più assoluto. "lock? a che serve?"

    Per tacer dell'interfacciamento con basi di dati. Quando uso Java, se ho una base dati su cui riflettere il mio modello ad oggetti mi attacco a qualche JDO, o più recentemente a Hibernate e ho un mapping automatico e performante sul database.

    In .NET dopo anni ancora non riesco a deglutire quello schifo di ADO.NET. Non riesco a capire quale geniaccio dentro a Microsoft abbia pensato di dare una rappresentazione ad oggetti alle struttura di un db relazionale (leggi Dataset, dataadapter,...) anzichè non concepire oggetti che facciano il rovescio, cioè che mappino degli oggetti in un db. Se modello il codice ad oggetti devo essere libero di rappresentare il mio mondo e poi sincronizzarlo sulla fonte di dati, e non voglio assolutamente infilare il mio mondo in un oggetto che modella un database.
    Che bevono a Seattle la mattina? Ketchup?

    Mi dicono che in .NET 2 ci sarà la soluzione....ah però, nel 2005, sempre tempestivi!!!

    >
    > > Non aggiungo altro, ma mi sa che il
    > trollone
    > > tra i due sei tu.Occhiolino
    > Io non sono la persona che ti ha dato del
    > trollone, ma se il livello di conoscenza di
    > .NET raggiunto in 3 anni (dalla beta 1)
    > è quello che dimostri, IMHO dovresti
    > rimboccarti le maniche...
    > senza rancore

    Auguri anche a te
    non+autenticato
  • > .NET batte Java dal punto di vista del
    > bytecode e della macchina virtuale.
    > Senzadubbio, sono d'accordo.
    > (Nota: i generics su Tiger beta1 li trovi
    > già, su .NET non ci sono ancora
    > virtual machine beta che li supportino,
    > eccetto Mono)
    >
    Anche Rotor compila già i generics.

    > Il problema sono le librerie disponibili
    > (pardòn... gli assembly) e le
    > community.
    > In java esistono jar per fare qualsiasi
    > cosa, esistono framework immensi, sia closed
    > che open (ad es. jboss, tomcat, jxta,
    > firebird, ...)
    > Che ci faccio di una potentissima virtual
    > machine se non ho classi per svolgere i
    > compiti fondamentali????
    >
    quali "classi" ti mancano per svolgere i "compiti fondamentali" che invece trovi in una JVM "vanilla"?

    > Ti faccio un esempio,un cliente mi ha
    > chiesto una applicazione stand-alone che
    > generasse un PDF lievemente complicato e lo
    > spedisse via mail a qualcuno. Cosa semplice
    > mi son detto: proviamola in .NET. Sono
    > letteralmente diventato deficiente per
    > trovare delle librerie open che m
    > aiutassero.
    >
    > Ho impiegato due giorni per trovare un
    > assembly in grado di spedire una cacchio di
    > mail da una installazione .NET su Win98 in
    > quanto l'oggettistica per fare suddetto
    > lavoro (System.Web.Mail) in 1.1 si appoggia
    > sui servizi NT. Tanto per la cronaca il
    > componente si chiama openSmtp.
    >
    Diamine! openSMTP è stra-conosciuta! Come hai fatto a impiegare 2 gg per trovarla?

    > Per il PDF altri casini infernali. NFop
    > andava in profonda crisi mistica, PDFReport
    > non ne parliamo, sicchè mi son
    > buttato su iTextSharp che sembrava farcela
    > (tutti assembly che trovi su sourceforge).
    > In alcuni punti però assumeva
    > comportamenti assurdi.
    su PDFReport e iTextSharp concordo, ma NFOP (pur arretrato rispetto alla ver Java) fa il suo lavoro. Noi lo usiamo anche per reportistica complessa, e non abbiamo (grandi) problemi...

    >M'è toccato
    > ritoccarne i sorgenti: evidentemente chi ne
    > fece il porting da java non sapeva che tutti
    > i metodi sono di default virtuali e si
    > dimenticò le dihiarazioni override in
    > C#. Patetico.
    >
    questa è una lacuna del programmatore, non della tecnologia. Purtroppo, ci sono in giro un sacco di "polli" che si sono "bevuti" la "storiella" che "C# è la copia di Java", ed infatti scrivono codice a vanvera.

    > E qui entriamo nell'altro grande problema.
    > Community scadenti, non come organizzazione,
    > ma come livello di cultura informatica
    > media. Se in java trovi gente che proveniva
    > da C++, laureati, gente "con le palle",
    > nelle community .NET generalmente ti trovi
    > davanti a ex di VisualBasic, per definizione
    > l'insulto all'OOP.
    >
    bah! Solo per rimanere in Italia, mi sembra che realtà quali:
    http://www.devleap.com/
    http://www.ugidotnet.org (io openSMTP l'avevo trovato qui nella sezione "Goodies")
    dimostrino tutt'altro: c'è gente che tiene seminari alle università, ed anche qualcuno che ha fatto il docente ai Master del Politecnico di Milano...
    In generale, poi, hai siti quali:
    http://www.codeproject.com
    http://www.dotnetjunkies.com
    che sono delle "miniere" di risorse...

    > C'è la cultura del tizio che si fa il
    > programmone top-down con ottocento variabili
    > temporanee e che ancora trova intelligente
    > definire classi come collezioni di metodi
    > statici, e che non conosce il multithreading
    > nel modo più assoluto. "lock? a che
    > serve?"
    >
    Boh: a me sembra che questo qui:
    http://www.ugidotnet.org/articles/articles_read.as...
    sappia di cosa parla...

    > Per tacer dell'interfacciamento con basi di
    > dati. Quando uso Java, se ho una base dati
    > su cui riflettere il mio modello ad oggetti
    > mi attacco a qualche JDO, o più
    > recentemente a Hibernate e ho un mapping
    > automatico e performante sul database.
    >
    Guarda: quando io devo gestire una base dati, definisco delle classi implementando i pattern CRUD + Value Object e preferisco di gran lunga questa soluzione rispetto ad un ORM

    > In .NET dopo anni ancora non riesco a
    > deglutire quello schifo di ADO.NET. Non
    > riesco a capire quale geniaccio dentro a
    > Microsoft abbia pensato di dare una
    > rappresentazione ad oggetti alle struttura
    > di un db relazionale (leggi Dataset,
    > dataadapter,...) anzichè non
    > concepire oggetti che facciano il rovescio,
    > cioè che mappino degli oggetti in un
    > db. Se modello il codice ad oggetti devo
    > essere libero di rappresentare il mio mondo
    > e poi sincronizzarlo sulla fonte di dati, e
    > non voglio assolutamente infilare il mio
    > mondo in un oggetto che modella un database.
    > Che bevono a Seattle la mattina? Ketchup?
    >
    vedi sopra... In ogni caso, il dataset non è propriamente "relazionale", bensì un ibrido relazionale/gerarchico, il che può avere molto senso per una _primitiva_ di accesso ai dati

    > Mi dicono che in .NET 2 ci sarà la
    > soluzione....ah però, nel 2005,
    > sempre tempestivi!!!
    >
    Si, si chiama Objectspaces ma, come ti ho già dett, non amo gli ORM
    Se non vuoi aspettare, puoi sempre utilizzare Olymars, un ORM per .NET realizzato da Microsoft France. Oltretutto, è anche gratis.

    > Auguri anche a te
    io ho le maniche _costantemente_ rimbocacte: nel settore IT non si è mai "arrivati" Sorride
    non+autenticato
  • > Anche Rotor compila già i generics.

    Solita domandina pragmatica: conosci qualcuno che usa Rotor? Che sta sviluppando su Rotor? Che l'abbia anche solo scaricato?

    Tiger, sarà anche una beta, ma è già installato sulla mia macchina e ci lavoro per progetti futuri.
    Inoltre e topdownload sul sito Sun.

    Noi coi generics ci giochiamo già, e voi?Occhiolino

    > quali "classi" ti mancano per svolgere i
    > "compiti fondamentali" che invece trovi in
    > una JVM "vanilla"?

    tipiche inclusioni standard che facevo fino ad un annetto fa:
    log4net (questa la faccio ancora)
    NUnit

    poi mi dicevo... Cristo ma non hanno un ca**o di meccanismo standard per la cache, e le eccezioni? Mi scrissi un po' di classi mie.
    Tadaaa... e un giorno mi ritrovo gli Application Block, che a tutt'oggi includo in ogni progetto.

    Poi ce ne sarebbero da dire... java.util mi sembra sia dotata di un po' più di collection rispetto a System.Collections o mi sbaglio?
    Troppo complicato copiare anche la LinkedHashMap quella volta? Sarà, ma per le LRU mi è sempre stata utile.

    Mettiamo che tu voglia aprire un socketSSL, cosa che capita almeno una volta nella vita no? In java vai su java.net è c'è in .NET bestemmi un po' perchè ti sembra impossibile che non ci sia e trovi post sui newsgroup come questo:

    http://tinyurl.com/27xpg

    e bestemmi in aramaico antico. Non capita spesso, ma quando capita rompe le balle alla grande.

    e cosi via, ad libitum

    > Diamine! openSMTP è stra-conosciuta!
    > Come hai fatto a impiegare 2 gg per
    > trovarla?

    Quando mi serviva non lo conosceva nessuno ed era fuori da poco tempo (giorni).

    > >M'è toccato
    > > ritoccarne i sorgenti: evidentemente
    > chi ne
    > > fece il porting da java non sapeva che
    > tutti
    > > i metodi sono di default virtuali e si
    > > dimenticò le dihiarazioni
    > override in
    > > C#. Patetico.
    > >
    > questa è una lacuna del
    > programmatore, non della tecnologia.
    > Purtroppo, ci sono in giro un sacco di
    > "polli" che si sono "bevuti" la "storiella"
    > che "C# è la copia di Java", ed
    > infatti scrivono codice a vanvera.

    Ed è vero che è una copia!!! Fatta bene, migliorata finchè vuoi. Stupendi i delegate e gli attribute, ma il resto è copia.

    Cioè Gosling e compagni son partiti da zero è hanno messo su tutta quella gerarchia di tipi, GC, macchina virtuale. Si son inventati un macello di pattern. Microsoft ha preso il javadoc, e s'è detta, ok si copia, ma meglio. IMHO

    > > E qui entriamo nell'altro grande
    > problema.
    > > Community scadenti, non come
    > organizzazione,
    > > ma come livello di cultura informatica
    > > media. Se in java trovi gente che
    > proveniva
    > > da C++, laureati, gente "con le palle",
    > > nelle community .NET generalmente ti
    > trovi
    > > davanti a ex di VisualBasic, per
    > definizione
    > > l'insulto all'OOP.
    > >
    > bah! Solo per rimanere in Italia, mi sembra
    > che realtà quali:

    Conosco, conosco.

    > www.devleap.com /
    > www.ugidotnet.org (io openSMTP l'avevo
    > trovato qui nella sezione "Goodies")

    All'epoca non c'era il link.

    > dimostrino tutt'altro: c'è gente che
    > tiene seminari alle università, ed
    > anche qualcuno che ha fatto il docente ai
    > Master del Politecnico di Milano...

    Wow. Di Java, invece, si tengono solo corsi ordinari.

    > Boh: a me sembra che questo qui:
    > www.ugidotnet.org/articles/articles_read.aspx
    > sappia di cosa parla...

    Chi Gunnerson? Cacchio, se non lo sa lui di cosa parla...

    > Guarda: quando io devo gestire una base
    > dati, definisco delle classi implementando i
    > pattern CRUD + Value Object e preferisco di
    > gran lunga questa soluzione rispetto ad un
    > ORM

    Tipico pattern consigliato da Microsoft, vero?

    > > Mi dicono che in .NET 2 ci sarà
    > la
    > > soluzione....ah però, nel 2005,
    > > sempre tempestivi!!!
    > >
    > Si, si chiama Objectspaces ma, come ti ho
    > già dett, non amo gli ORM
    > Se non vuoi aspettare, puoi sempre
    > utilizzare Olymars, un ORM per .NET
    > realizzato da Microsoft France. Oltretutto,
    > è anche gratis.

    Mi stai prendendo in giro?
    Guarda che quello lì è un tool per generare codice mica un O/R mapperPerplesso
    Inoltre supporta solo SQL server!!!!!!

    Metti che io voglia usare Oracle, mi sparo?

    Mai visto mapper come hibernate all'opera di la verità!Occhiolino
    Scrivo i miei oggetti database-agnostici, creo l'xml di mapping, creao una sessione di hibernate e gli dico update (2 righe di codice).
    Ampia scelta di 15 database ready to use combiando due righe nell'xml.

    > > Auguri anche a te
    > io ho le maniche _costantemente_ rimbocacte:
    > nel settore IT non si è mai
    > "arrivati"Sorride

    Già
    non+autenticato
  • > Solita domandina pragmatica: conosci
    > qualcuno che usa Rotor? Che sta sviluppando
    > su Rotor? Che l'abbia anche solo scaricato?
    >
    bah! Secondo i dati ufficiali, Rotor ha avuto 1.500.000 di download...

    > Tiger, sarà anche una beta, ma
    > è già installato sulla mia
    > macchina e ci lavoro per progetti futuri.
    > Inoltre e topdownload sul sito Sun.
    >
    > Noi coi generics ci giochiamo già, e
    > voi?Occhiolino
    >
    Io gioco con i generics da un anno, visto che sono alpha tester di Whidbey... Ma vresi potuto iniziare anche prima, visto che Gyro (l'estensione di Rotor per il supporto ai generics) era disponibile a settembre 2002 A bocca aperta

    > > quali "classi" ti mancano per svolgere i
    > > "compiti fondamentali" che invece trovi
    > in
    > > una JVM "vanilla"?
    >
    > tipiche inclusioni standard che facevo fino
    > ad un annetto fa:
    > log4net (questa la faccio ancora)
    > NUnit
    >
    e continuerai a farle: per parola di Kent Beck, NUnit è una ottima implementazione. Potendo usare gli attributi in luogo delle classi base per definire i test, migliora moltissimo l'implenentazione e la leggibilità del codice di test. Per non parlare di come è più facile adattarlo alle modifiche del codice applicativo introdotte dalle fasi di Refactoring...


    > poi mi dicevo... Cristo ma non hanno un
    > ca**o di meccanismo standard per la cache, e
    > le eccezioni? Mi scrissi un po' di classi
    > mie.
    > Tadaaa... e un giorno mi ritrovo gli
    > Application Block, che a tutt'oggi includo
    > in ogni progetto.
    >
    Gli application block sono stati disponibili dopo pochi mesi dal rilascio del framework: nulla a che vedere con i primi tempi di Java.

    > Poi ce ne sarebbero da dire... java.util mi
    > sembra sia dotata di un po' più di
    > collection rispetto a System.Collections o
    > mi sbaglio?
    > Troppo complicato copiare anche la
    > LinkedHashMap quella volta? Sarà, ma
    > per le LRU mi è sempre stata utile.
    >
    A me sembra che per essere una v1.1 il framework sia una libreria _molto_ nutrita: più di 9000 classi! Tu ricordi la JVM 1.0? Io si... Ti sembra possibile fare confronti?

    > Mettiamo che tu voglia aprire un socketSSL,
    > cosa che capita almeno una volta nella vita
    > no? In java vai su java.net è
    > c'è in .NET bestemmi un po'
    > perchè ti sembra impossibile che non
    > ci sia e trovi post sui newsgroup come
    > questo:
    >
    > tinyurl.com/27xpg
    >
    > e bestemmi in aramaico antico. Non capita
    > spesso, ma quando capita rompe le balle alla
    > grande.
    >
    io invece non bestemmio in aramaico, uso questo:
    http://www.mentalis.org/soft/projects/ssocket/
    e non mi pongo il problema.

    > e cosi via, ad libitum
    >
    appunto Sorride

    > > Diamine! openSMTP è
    > stra-conosciuta!
    > > Come hai fatto a impiegare 2 gg per
    > > trovarla?
    >
    > Quando mi serviva non lo conosceva nessuno
    > ed era fuori da poco tempo (giorni).
    >
    strano: io la trovai sul sito che ti ho citato almeno 2 anni addietro... Tieni conto che openSMTP è stato rilasciato per la prima volta a marzo 2001

    > Ed è vero che è una copia!!!
    Saresti così gentile da motivare _tecnicamente_ la tua affermazione?

    > Fatta bene, migliorata finchè vuoi.
    > Stupendi i delegate e gli attribute, ma il
    > resto è copia.
    >
    Guarda che, oltre a delegate ed attributi, hai: type system single rooted, codice unsafe e puntatori), i tipi enumerativi (che Gosling vedeva come il "male" ma ora implementerà per "scimmiottare" C#)...

    > Cioè Gosling e compagni son partiti
    > da zero è hanno messo su tutta quella
    > gerarchia di tipi, GC, macchina virtuale. Si
    > son inventati un macello di pattern.
    Quale "Macello di pattern"? Inoltre, guarda che l'idea di avere una VM è vecchia come il cucco: mai provato Smalltalk? (Solo per dirne uno)

    > Microsoft ha preso il javadoc, e s'è
    > detta, ok si copia, ma meglio. IMHO
    >
    Come dire che Sun ha copiato AmigaDoc, che risale al 1983. Sai cos'era, vero?

    > Conosco, conosco.
    >
    e ti sembrano community scadenti?

    > Wow. Di Java, invece, si tengono solo corsi
    > ordinari.
    >
    Non ho detto questo. Ho detto che nelle community sopra citate (che tu definisci "scadenti") partecipano anche docenti universitari. Tutto qui.

    > www.ugidotnet.org/articles/articles_read.aspx
    > > sappia di cosa parla...
    >
    > Chi Gunnerson? Cacchio, se non lo sa lui di
    > cosa parla...
    Veramente parlavo dell'autore dell'articolo, che ha scaricato il sorgente del CLR e lo ha messo sotto debugging, per fare trace del Garbage Collector...

    > > Guarda: quando io devo gestire una base
    > > dati, definisco delle classi
    > implementando i
    > > pattern CRUD + Value Object e
    > preferisco di
    > > gran lunga questa soluzione rispetto ad
    > un
    > > ORM
    >
    > Tipico pattern consigliato da Microsoft,
    > vero?
    >
    No: pattern di Martin Fowler, tratti dal classico PEAA.

    > Mi stai prendendo in giro?
    > Guarda che quello lì è un tool
    > per generare codice mica un O/R mapperPerplesso
    > Inoltre supporta solo SQL server!!!!!!
    >
    Ed infatti è un "tappabuchi" momentaneo: l'ORM "vero" per .NET (visto che NHibernate è fermo) sarà Objectspaces

    > Mai visto mapper come hibernate all'opera di
    > la verità!Occhiolino
    > Scrivo i miei oggetti database-agnostici,
    > creo l'xml di mapping, creao una sessione di
    > hibernate e gli dico update (2 righe di
    > codice).
    > Ampia scelta di 15 database ready to use
    > combiando due righe nell'xml.
    >
    come Objectspaces, che però non sarà una libreria esterna bensì una parte del framework 2.0
    In ogni caso, io continuo a non amare gli ORM, quindi per me non è un grande problema Sorride

    non+autenticato
  • Ok, leggendo quello che scrivi non sei un troll ma quanto alla storia della 1.2 rinominata in 2.0 "per puro marketing" sbagli di grosso... lì si che stai trollando nel senso che per pura antipatia verso il prodotto (che può piacere o meno) spari una notizia senza fondamento.
    non+autenticato