350 milioni di utenti, sempre meno americani

Secondo Ipsos-Reid gli utenti Internet USA sono sempre di meno. Aumentano i contenuti e i siti in altre lingue e diminuisce la frequentazione dei siti USA da parte degli utenti internazionali. Ecco la tendenza

New York (USA) - Gli americani rappresentano il 36 per cento del totale dell'utenza Internet contro il 40 per cento registrato l'anno scorso: lo afferma lo studio annuale di Ispos-Reid, "The Face of the Web", che mette in evidenza anche nuove interessanti tendenze dell'evoluzione dell'accesso nel Mondo.

Nel complesso il numero degli utenti europei, sommati a quelli canadesi, australiani e sudafricani, si avvicina notevolmente al numero di quelli americani. E in Svezia la "densità dell'accesso" è superiore a quella americana.

Inoltre, mentre negli USA il mercato dell'accesso sembra andare stabilizzandosi, con una crescita ormai piuttosto lenta, nei paesi europei e in molti paesi asiatici la crescita è invece ancora veloce e solida. La presenza di Internet e il suo impatto inizia ad essere un elemento della "coscienza collettiva" non solo negli USA ma anche in Europa, Australia e Giappone. Nei paesi in via di sviluppo e in ampi strati delle popolazioni russa, cinese e indiana, invece, la stessa esistenza di Internet risulta del tutto sconosciuta...
"Internet - ha commentato uno degli autori del rapporto - è entrata ormai in una fase post-rivoluzionaria. Mentre il Web rappresenta ancora una finestra su un mondo più ampio, ormai gli utenti sempre più trovano quello che cercano su siti locali e nella propria lingua".

Secondo Ipsos-Reid, che ha intervistato 28mila persone in 35 paesi diversi, il numero complessivo degli utenti Internet si attesta intorno ai 350 milioni di persone, con una crescita del 13 per cento rispetto ai numeri dell'anno scorso. Rispetto al 1999, invece, in Rete ci sono più donne (il 44 per cento del totale, rispetto al 41 del 1999) e aumentano, fino al 13 per cento del totale, anche gli over54.

Stando alle rilevazioni degli esperti, in Europa occidentale si trova il 22 per cento della popolazione Internet complessiva, con una percentuale di penetrazione dell'accesso sul totale della popolazione del 65 per cento per la Svezia, 60 per cento per il Canada e 59 per gli Stati Uniti. A ruota seguono Singapore (46 per cento), Corea del Sud (45), Germania (37), Belgio (36) e Gran Bretagna (35).

Di interesse anche il fatto che l'attività online preferita rimanga la posta elettronica: il 90 per cento degli utenti Internet la utilizza e ha in animo di continuare ad utilizzarla. Il 90 per cento dell'utenza, inoltre, si collega ad Internet utilizzando il personal computer da scrivania, il 7 per cento si connette da un portatile e solo l'1 per cento si collega principalmente da un device mobile via wireless.

Proprio in questo segmento, in Giappone l'accesso wireless si sta diffondendo ad una velocità del tutto sconosciuta altrove, soprattutto negli USA ma anche in Europa dove, nonostante l'alta diffusione dei telefonini, Internet continua ad essere "vissuta" da PC.
TAG: mondo