Windows/Whistler, the next generation

Whistler rimpiazzerà Windows 2000 e Windows Me nel tardo 2001 portando con sé alcune novità e carattersitiche di sicuro interesse. Vediamo quali

Come ormai ben sappiamo, Whistler è il nome in codice del successore di Windows 2000, un sistema operativo che sebbene non si possa definire una grande rivoluzione sul piano dei contenuti, porterà con sé, per la prima volta dopo la comparsa di Windows NT, la piena integrazione fra il mondo business e quello consumer.

Un primo passo verso questa integrazione lo si è già visto con Windows 2000, un ambiente che offre da un lato la semplicità d'utilizzo di Windows 9x e dall'altro tutta la stabilità di Windows NT. Oggi Windows 2000 appare tuttavia ancora immaturo per fare la sua entrata nelle case, sia per il suo prezzo elevato, sia per la sua più netta incompatibilità con il passato, sia per le minori performance in campo videoludico dovute anche alla mancanza o alla immaturità dei driver video.

Whistler avrà invece il compito di chiudere definitivamente questa frattura mantenendo, per ogni versione sviluppata (consumer, workstation e server) la stessa base di codice, la stessa interfaccia grafica e, naturalmente, una più vasta compatibilità software.
La convergenza fra versioni consumer e versioni business di Windows era una strada che Microsoft aveva già concepito da tempo, ma i modi e i tempi di attuazione sono stati evidentemente oggetto di controverse analisi che hanno portato, alla fine dello scorso gennaio, all'annuncio della cancellazione dei progetti Neptune (mercato consumer) e Odyssey (mercato business) a favore di Whistler.
Questo dimostra che la stessa Microsoft, fino a non molto tempo addietro, non avesse le idee particolarmente chiare su quando e come attuare la convergenza fra le sue due linee di sistemi operativi.