Sony spara sulle digicam di Kodak

Sony ha contro-querelato Kodak accusandola di aver violato alcuni brevetti relativi alla fotografia digitale. Uno scontro che potrebbe scuotere l'intero mercato delle cam digitali

Trenton (USA) - Fra i colossi della fotografia digitale Sony e Kodak è fuoco incrociato. A poche settimane di distanza dalla causa con cui quest'ultima ha accusato la multinazionale giapponese di violare alcuni suoi brevetti legati alle fotocamere digitali, Sony ha controquerelato Kodak lanciandole accuse simili.

Nella causa, presentata presso una corte distrettuale del New Jersey, Sony ha chiesto una non specificata somma di denaro a titolo di risarcimento danni e il blocco della produzione, della distribuzione e della vendita di prodotti marchiati Kodak contenenti tecnologie coperte dai propri brevetti.

Similmente a quanto ha fatto Kodak lo scorso mese, Sony reclama la proprietà di 10 tecnologie relative alla fotografia digitale e, in particolare, ai sensori CCD (Charge Coupled Device): questi vengono comunemente utilizzati in dispositivi come fotocamere digitali e scanner per trasformare la luce in un segnale analogico elettrico che, attraverso un apposito convertitore ADC, viene a sua volta convertito in valori numerici e, infine, nella corrispondente immagine digitale.
Sony e Kodak sono due fra i maggiori produttori al mondo di macchine fotografiche digitali e, sul mercato nordamericano, si posizionano rispettivamente al primo e al secondo posto.
TAG: mercato
2 Commenti alla Notizia Sony spara sulle digicam di Kodak
Ordina