DL Urbani, interviene l'on. Carlucci

Relatrice del provvedimento, la parlamentare di Forza Italia ha ieri diramato una nota per spiegare le novità previste dal decreto che si avvia, nelle prossime settimane, ad essere convertito in legge dello Stato. Ecco il testo

Roma - "Decreto-legge Urbani: attenuate e graduate le sanzioni contro la pirateria (da 1.500 a 154 euro), ma estese a tutte le opere dell'ingegno (musica editoria, software)"

L'on.Gabriella Carlucci, responsabile spettacolo di Forza Italia, relatrice sul decreto-legge anti-pirateria fortemente voluto dal Ministro Urbani, segnala che il Governo ha accolto, facendoli propri, tutti gli emendamenti della relatrice, i quali prevedono un'attenuazione delle sanzioni contro la pirateria per coloro che agiscono per uso esclusivamente personale e senza fini di lucro, ed un'estensione delle norme all'insieme delle opere dell'ingegno.

Carlucci si dichiara soddisfatta, perché questo risultato cerca di coniugare intelligentemente le ragioni della libertà individuale, di cui internet è lo strumento sovrano, e le comunque legittime esigenze di tutelare i diritti degli autori e dei produttori di contenuto. Il "content" (musica, cinema, audiovisivo, editoria) si conferma come la risorsa più preziosa della cultura e dell'economia nazionale.
Il risultato è frutto di una delega che Carlucci ha acquisito dal Ministro Urbani, d'intesa con Gasparri e Stanca, affinché venissero ascoltate le voci più rappresentative dell'universo internet italiano, dai provider a Telecom e Fastweb, dalla Siae alle associazioni di consumatori, e venissero identificati i più adeguati correttivi alla prima versione del decreto-legge, approvato d'urgenza dal Consiglio dei Ministri il 12 marzo.

La relatrice si è quindi fatta promotrice di un rapido ma ampio giro di consultazioni, ed ha elaborato una serie di emendamenti che sono stati apprezzati anche dall'opposizione: dal sen. Cortiana (Verdi) agli onn. Grignaffini e Chiaromonte (Ds) a on. Colasio (Margherita). Il "popolo della rete" vede confermata la sua libertà, ma viene imposto il rispetto di regole essenziali per lo sviluppo delle industrie creative nazionali.

La nuova versione del decreto-legge elimina la sanzione amministrativa inizialmente prevista, riconducendo la trasgressione nell'ambito della vigente normativa sul diritto d'autore: la sanzione amministrativa è stata ridotta da 1.500 a 154 euro, che salgono a 1.032 soltanto in caso di recidiva.

La nuova norma prevede che qualsiasi opera dell'ingegno resa disponibile su internet, anche con sistemi di condivisione (file-sharing), debba recare un avviso relativo l'avvenuto rispetto degli obblighi previsti dalla legge sul diritto d'autore.

Il decreto conferma la liceità della cosiddetta "copia privata", ovvero della riproduzione privata di fonogrammi e videogrammi, effettuata da persona fisica per uso esclusivamente personale, senza scopo di lucro e senza fini direttamente o indirettamente commerciali. Pesanti le sanzioni penali, invece, se il fatto è commesso per uso non personale: reclusione da 6 mesi a 3 anni.

Infine, è stato introdotto un prelievo del 3 per cento sul prezzi al listino dei masterizzatori di dvd (esiste già, dal 1992, un prelievo simile per i videoregistratori e registratori audio).

Il provvedimento diverrà legge dello Stato entro poche settimane.
TAG: italia
618 Commenti alla Notizia DL Urbani, interviene l'on. Carlucci
Ordina
  • Grazie On.le Carlucci
    finalmente qualcuno che mette fine al far west di internet dove ognuno può fare a suo piacimento infischiandosene di pilastri come la proprietà intellettuale e i diritti d'autore.
    Vi piacerebbe se qualcuno usasse un oggetto da voi creato senza darvi neanche un cent?
    Pensateci cari amici.
    Volete ascoltare un cd del vostro cantante preferito?
    Volete assistere ad un film su un dvd del vostro attore/attrice/regista preferiti?
    COMPRATEVELO!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Grazie On.le Carlucci
    > finalmente qualcuno che mette fine al far
    > west di internet dove ognuno può fare
    > a suo piacimento infischiandosene di
    > pilastri come la proprietà
    > intellettuale e i diritti d'autore.
    > Vi piacerebbe se qualcuno usasse un oggetto
    > da voi creato senza darvi neanche un cent?

    Più che altro per gli 'oggetti' che creo io (foto e filmini) i 'cent' li devo dare io alla SIAE quando compro i CD per salvarli.

    Ma forse di questo a te non frega nulla.

    A me invece non frega nulla se qualche strapagato cantante deve rinunciare ad un metro o due di panfilo....

    > Pensateci cari amici.
    > Volete ascoltare un cd del vostro cantante
    > preferito?

    Il mio 'cantante preferito' ha smesso di esistere da tempo, e francamente non mi interessa la musica delle bellone semisvestite che ululano alla Luna che oggi vanno per la maggiore.

    non+autenticato
  • CINEMA: URBANI, PIRATERIA? SIAMO COMPRENSIVI CON I GIOVANI
    (AGI) - Roma, 14 apr. - "Pugno di ferro per chi ruba a scopo di lucro, massima comprensione per chi lo fa a scopo individuale, che poi sono soprattutto i giovani". Il ministro Urbani, a margine della presentazione della societa' "Arcus" per la valorizzazione della cultura, parla anche del decreto antipirateria cinematografica. Il decreto, ora in sede di conversione parlamentare "sta andando - a giudizio del ministro - molto bene, dopo una prima perplessita' da parte di alcuni verso la necessita' di colpire la pirateria a scopo individuale, quella dei giovani". Il "punto di equilibrio" raggiunto, spiega il ministro, e' stato quello di "prevedere sanzioni penali per tutti coloro che rubano a scopo di lucro.
       Per chi invece compie il furto a scopo di consumo individuale scattano due fattispecie: se l'opera non e' coperta dal diritto di autore non accade nulla, chi ha rubato non paga alcun fio perche' ha attinto ad una 'terra di nessuno'; restano piccole sanzioni amministrative a scopo simbolico - conclude Urbani - se invece l'opera era coperta dal diritto d'autore". (AGI) .
    141548 APR 04
    non+autenticato
  • Quante strade devono percorrere questi governanti prima di capire che i loro interessi personali non sono quelli degli italiani..
    e quante strade devono ancora percorrere prima di capire che la politica non è il loro affare privato...
    quante strade devono percorrere prima di capire che sono stati votati dagli italiani.....
    quante strade devono percorrere prima di capire che stanno facendo gli interessi della mafia ...
    e quante strade ancora dovranno percorrere prima di capire che sono in grado di farsi soltanto leggi inutili....
    La risposta amici miei soffia nel Web
    The answer i blowinin'g in the web
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | Successiva
(pagina 1/23 - 115 discussioni)