Spam, la Germania vuole il carcere

Misure drastiche contro gli spammer vengono richieste a gran voce nelle ore in cui in Australia diventa efficace la prima legge antispam che colpisce anche all'estero. Si moltiplicano gli sforzi

Roma - La rete e le mailbox degli utenti sono travolte dai virus in queste settimane ma lo spam contribuisce senza sosta a rendere sempre meno utilizzabile l'applicazione più utilizzata di internet, la posta elettronica. E in Germania a problemi di tale gravità si intende rispondere con la mano dura.

Esponenti del Partito socialdemocratico stanno lavorando su una nuova legge antispam che preveda non solo multe molto pesanti ma anche pene carcerarie dinanzi ad azioni di spam gravi e ripetute. Nel mirino della legge non solo le imprese che si abbandonano allo spam ma anche i loro amministratori.

Va detto che anche in Italia è previsto il carcere per le violazioni più pesanti ma in Germania gli stessi proponenti della nuova legge dichiarano di essere convinti che tuttavia questa normativa non fermerà quel nugolo di spammer professionisti che sono responsabili della maggioranza dello spam internazionale.
Come già accade negli USA, la legge tedesca prenderà di mira non solo la raccolta indiscriminata di indirizzi email ma anche l'utilizzo di mittenti fasulli nelle email, piuttosto che l'utilizzo non autorizzato di server da cui far partire lo spam. Un'altra direzione alla quale si sta pensando è quella di un Trusted Network, una soluzione invisa a molti, in virtù della quale all'interno di quel network circolano soltanto le email di membri riconosciuti del network stesso. Un'idea che convince pochi e che sembra peraltro contraria alle aperture consentite da internet.

In queste stesse ore, intanto, in Australia è entrata in vigore la legge nota come Spam Act of 2003, una normativa che si occupa dello spam trasmesso con qualsiasi mezzo elettronico, compresi i messaggini dei telefonini, l'instant messaging e così via.

Una delle misure considerate più rilevanti della nuova normativa è che colpisce anche all'estero. Qualora le email spammatorie siano state distribuite agli utenti australiani con mezzi locali, come server e altri servizi australiani, allora le autorità potranno condannare per spam, fino all'arresto, anche spammer che non si trovino in Australia. Va da sé che, perché ciò avvenga, gli spammer stessi vanno prima identificati e questo, come noto, è talvolta estremamente difficile.
TAG: mondo
56 Commenti alla Notizia Spam, la Germania vuole il carcere
Ordina
  • sono pienamente d'accordo con leggi più severe per chi fa spam o apre siti truffa pieni di dialers. Farà da deterrente, e se la gente non vuole finire in carcere ci penserà 1, 2, 3 volte o più! Un po' come oggi con le cinture di sicurezza: la gente siccome si caga addosso che un vigile o la polizia stradale li posso togliere dei punti della patente, si mette le cinture di sicurezza!
    non+autenticato
  • su 1 solo account.
    Nuovo virus o recrudescenza spam?
    p.s. se hai l'email (in chiaro) su un sito commerciale ci vuole una persona fissa a filtrare i clienti dalla feccia. Non si và + avanti cosìTriste
    non+autenticato
  • queste parole del Manzoni mi risuonano nella mente...

    oggi c'è il terrorismo arabo, la rivoluzione in Iraq, i terremoti, le ingiustizie nel mondo, i morti di fame, le malattie, le pestilenze in un luogo dopo l'altro, etc. etc. etc.

    e noi qui si parla di spam... solo perchè ci sono alcuni schizzinosi che non vogliono leggere le proprie e-mail e che magari non conoscono la netiquette di internet...

    non volete spam: bene, non iscrivetevi a tutte quelle mailing-list porno... lo capite o no che dovete smetterla di attaccare i metodi di pubblicità diretta (e non spam, come gli ignoranti in materie lo chiamano).
    Questi non sono altro che delle ONESTISSIME metodologie di lavoro, che tra l'altro danno da mangiare a migliaia di ONESTI programmatori ogni giorno...

    Se passate 4 ore al giorno nei siti PORNO e inserite il vostro e-mail per ricevere le foto di ALESSIA TUTTA NUDA, poi non potete lamentarvi se ricevete un'e-mail ogni tanto (una al mese??? forse nemmeno...) che vi consiglia una pastiglietta per il vostro pene.... ve lo siete cercati, è pubblicità ONESTA.
    La pillolina non vi interessa? BENE, fate unsuscribe e cancellate la mail.

    22 secondi e tutto e finito.

    Basta con questi atteggiamenti a volte un pochetto ipocriti...
    non+autenticato
  • Che bel discorso, peccato che sia intriso di malafede ed ignoranza, scommetto che sei uno che campa di spam ma non sei un tecnico dato che mischi concetti alla rinfusa.

    > oggi c'è il terrorismo arabo, la
    > rivoluzione in Iraq, i terremoti, le
    > ingiustizie nel mondo, i morti di fame, le
    > malattie, le pestilenze in un luogo dopo
    > l'altro, etc. etc. etc.
    >
    > e noi qui si parla di spam... solo
    > perchè ci sono alcuni schizzinosi che
    > non vogliono leggere le proprie e-mail e che
    > magari non conoscono la netiquette di
    > internet...

    Primo questa è una rivista informatica quindi si parla di Spam non di malattie o terrorismo,se non ti piace puoi tranquillamente togliere il disturbo.
    Secondo sciaquati la bocca e sopratutto studia prima parlare quando parli di netiquette, dato che difendi chi invia mail NON RICHIESTE, altro che iscrizioni a siti porno.


    > non volete spam: bene, non iscrivetevi a
    > tutte quelle mailing-list porno... lo capite
    > o no che dovete smetterla di attaccare i
    > metodi di pubblicità diretta (e non
    > spam, come gli ignoranti in materie lo
    > chiamano).
    > Questi non sono altro che delle ONESTISSIME
    > metodologie di lavoro, che tra l'altro danno
    > da mangiare a migliaia di ONESTI
    > programmatori ogni giorno...

    Qui l'ignoranza è manifesta, dato che non si spiega cosa abbiano a che fare i programmatori, anzi migliaia di programmatori, con lo Spam, è chiaro che non sai cosa vuol dire la parola 'programmatore'.
    Lasciamo perdere poi l'uso risibile dell'aggettivo "ONESTO", è onesto proporre pillole miracolose o prestiti a tassi da puro strozzinaggio?

    > Se passate 4 ore al giorno nei siti PORNO e
    > inserite il vostro e-mail per ricevere le
    > foto di ALESSIA TUTTA NUDA, poi non potete
    > lamentarvi se ricevete un'e-mail ogni tanto
    > (una al mese??? forse nemmeno...) che vi
    > consiglia una pastiglietta per il vostro
    > pene.... ve lo siete cercati, è
    > pubblicità ONESTA.
    > La pillolina non vi interessa? BENE, fate
    > unsuscribe e cancellate la mail.
    >
    > 22 secondi e tutto e finito.

    > Basta con questi atteggiamenti a volte un
    > pochetto ipocriti...

    Una mail al mese????la fantomatica iscrizione al sito porno???l'unsuscribe che funziona???
    e parli pure di ipocrisia?
    La cosa più patetica della tua difesa è che la realtà è sotto gli occhi tutti, se fosse come dici non si sarebbe arrivati a ventilare la galera.
    L'unico ipocrita qui sei tu , non hai avuto nemmeno il coraggio di dire che sei uno spammer.
    non+autenticato
  • Io sono sconcertato. Ma ti rendi conto di quanto lontano sei dall'avere anche una minima idea di come funziona lo spamming?
    Non meriti nemmeno delle puntualizzazioni.
    Mail list Porno... povero sprovveduto...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > queste parole del Manzoni mi risuonano nella
    > mente...
    >
    > oggi c'è il terrorismo arabo, la
    > rivoluzione in Iraq, i terremoti, le
    > ingiustizie nel mondo, i morti di fame, le
    > malattie, le pestilenze in un luogo dopo
    > l'altro, etc. etc. etc.

    Vero, credo che ci siano cose ben più gravi dello spam.

    > e noi qui si parla di spam... solo
    > perchè ci sono alcuni schizzinosi che
    > non vogliono leggere le proprie e-mail e che
    > magari non conoscono la netiquette di
    > internet...

    Non direi che sono schizzinosi, lo spam è una cosa negativa e basta.

    > non volete spam: bene, non iscrivetevi a
    > tutte quelle mailing-list porno... lo capite
    > o no che dovete smetterla di attaccare i
    > metodi di pubblicità diretta (e non
    > spam, come gli ignoranti in materie lo
    > chiamano).

    Io sono finito nelle liste degli spammer grazie ad un virus che si è beccato un utonto e che ha sparato fuori il mio indirizzo, da quel momento è cominciato lo spam per la mia mailbox.

    > Questi non sono altro che delle ONESTISSIME
    > metodologie di lavoro, che tra l'altro danno
    > da mangiare a migliaia di ONESTI
    > programmatori ogni giorno...

    Chiamarle onestissime metodologie di lavoro mi sembra un po' esagerato, sul fatto che ci siano migliaia di programmatori che lavorano sui sistemi che spammano ho dei seri dubbi.

    > Se passate 4 ore al giorno nei siti PORNO e
    > inserite il vostro e-mail per ricevere le
    > foto di ALESSIA TUTTA NUDA, poi non potete
    > lamentarvi se ricevete un'e-mail ogni tanto
    > (una al mese??? forse nemmeno...) che vi
    > consiglia una pastiglietta per il vostro
    > pene.... ve lo siete cercati, è
    > pubblicità ONESTA.
    > La pillolina non vi interessa? BENE, fate
    > unsuscribe e cancellate la mail.

    Bene così nel 90% dei casi dai solo conferma che il tuo indirizzo è attivo e che leggi la posta.

    > 22 secondi e tutto e finito.

    22 secondi e tutto potrebbe essere peggio di prima.

    > Basta con questi atteggiamenti a volte un
    > pochetto ipocriti...

    Ipocriti una ceppa, io non sono d'accordo con il carcere ma con una sanzione di tipo amministrativo si, questa sanzione deve essere ovviamente commisurata al fatto, se è un azienda che spamma inviando mail per vendere i propri prodotti senza che sia stata richiesta DIRETTAMENTE l'autorizzazione agli utenti ovviamente deve pagare di più.

    non+autenticato
  • Lo spam da aziende nostrane, arriva un paio di volte al mese, qualche volta anche lo leggo.
    Per il momento non infastidisce.

    Ma colui che utilizza virus per creare computer spammatori, buca server di posta e' un vandalo e sa di esserlo, sa di commettere un crimine ma lo fa comunque, questo tipo di comportamento andrebbe veramente scoraggiatoArrabbiato
    non+autenticato
  • E poi mi prende in giro con il sistema di unsubscribe che, guarda caso, non funziona.
    Io credo che quando sono grossi gruppi in gioco (e non Mr. Adamu Bello che stamattina mi vuole dare il 30% di 15 milioni di dollari di un mio vecchio parente morto), la sanzione penale sia giusta.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > E poi mi prende in giro con il sistema di
    > unsubscribe che, guarda caso, non funziona.
    > Io credo che quando sono grossi gruppi in
    > gioco (e non Mr. Adamu Bello che stamattina
    > mi vuole dare il 30% di 15 milioni di
    > dollari di un mio vecchio parente morto), la
    > sanzione penale sia giusta.
    >

    ma è k che ti spamma, oppure ti arriva spam su k ?
    non+autenticato
  • Mi spamma Kataweb su una casella aziendale invitandomi spesso e volentieri ad iscrivermi al CEPU. Io faccio (ormai ogni settimana) la procedura di unsubscribe che regolarmente alla fine di un bizantino giro di mail e click mi dice che il mio indirizzo era già stato rimosso.. balle...
    La settimana dopo (15 gg circa in realtà) si ricomincia. Notare che ho scritto a tutti gli indirizzi possibili di kw ma nessuna minima risposta. Nemmeno ventilando la segnalazione al Garante. Per conto mio il giorno che sono nervoso faccio causa.
    E la vinco sicuro.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Mi spamma Kataweb su una casella aziendale
    > invitandomi spesso e volentieri ad
    > iscrivermi al CEPU. Io faccio (ormai ogni
    > settimana) la procedura di unsubscribe che
    > regolarmente alla fine di un bizantino giro
    > di mail e click mi dice che il mio indirizzo
    > era già stato rimosso.. balle...
    > La settimana dopo (15 gg circa in
    > realtà) si ricomincia. Notare che ho
    > scritto a tutti gli indirizzi possibili di
    > kw ma nessuna minima risposta. Nemmeno
    > ventilando la segnalazione al Garante. Per
    > conto mio il giorno che sono nervoso faccio
    > causa.
    > E la vinco sicuro.

    Hai già provato con questa?
    http://www.attivissimo.net/antispam/diffida_antisp...
    non+autenticato
  • il problema curioso è che gli spammer non italiani sono la
    stragrande maggioranza e restano impuniti con l'attuale "legge"
    non+autenticato
  • guarda che per fare una segnalazione al Garante per la protezione dei dati non occorre carta bollata, tribunali, etc.

    Basta, per cominciare, mandare un mail a

    urp@garanteprivacy.it

    Ciao
    non+autenticato
  • Grazie per la dritta. Kataweb e tutto il suo gruppo editoriale è avvertita. Al prossimo spam Cepu che mi mandano (La mia fama di ignorante è diffusa nel web!?) Rodotà verrè informato!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)