Urbani: non ce l'abbiamo con i giovani

Il ministro torna sull'argomento più spinoso del momento, il suo decreto legge su cinema e pirateria che la Camera si appresta a convertire in legge con modifiche sostanziali. Raggiunto - dice - un punto di equilibrio. Preoccupati gli ISP

Urbani: non ce l'abbiamo con i giovaniRoma - "Pugno di ferro per chi ruba a scopo di lucro, massima comprensione per chi lo fa a scopo individuale, che poi sono soprattutto i giovani". Con queste parole ieri il ministro ai Beni culturali, Giuliano Urbani, è tornato sulla questione del decreto legge su cinema e pirateria che tante polemiche ha scatenato.

Urbani, che ha parlato a latere della presentazione della società Arcus, organizzazione che si propone di valorizzare la cultura italiana, si è detto soddisfatto del dibattito in Commissione che ha messo al centro il proprio decreto. La conversione dello stesso, ha dichiarato Urbani, "sta andando molto bene".

Dinanzi alle proteste dei provider, alla petizione che ha raccolto l'adesione di decine di migliaia di utenti, alle pesanti considerazioni dell'opposizione, Urbani ha spiegato che le novità sono arrivate "dopo una prima perplessità da parte di alcuni verso la necessità di colpire la pirateria a scopo individuale, quella dei giovani".
Secondo il Ministro, dunque, si è giunti ora ad un "punto di equilibrio", costituito dal fatto che il testo che verrà approvato in Commissione è destinato a "prevedere sanzioni penali per tutti coloro che rubano a scopo di lucro". Stando ad un lancio AGI che ha ripreso le dichiarazioni del Ministro, Urbani avrebbe anche dichiarato che "per chi invece compie il furto a scopo di consumo individuale scattano due fattispecie: se l'opera non è coperta dal diritto di autore non accade nulla, chi ha rubato non paga alcun fio perché ha attinto ad una terra di nessuno; restano piccole sanzioni amministrative a scopo simbolico se invece l'opera è coperta dal diritto d'autore".

Nessun accenno, per ora, alla questione che sembra centrale nella vicenda della normativa, ovvero quali siano gli strumenti per procedere alle contestazioni di illecito se l'utente scarica materiale protetto e, soprattutto, quale debba essere il ruolo dei provider in questo quadro.

Da questo punto di vista, fondamentale per le libertà digitali, le anticipazioni sul nuovo testo, tra cui quelle fornite dalla relatrice Gabriella Carlucci, non convincono ma anzi preoccupano proprio gli ISP.

Non solo, infatti, non vengono rimosse le pesantissime sanzioni previste a carico dei prestatori di servizi della società dell'informazione, definizione che comprende anche i fornitori di accesso e non solo quelli di servizi, ma a questi soggetti può essere richiesto di rimuovere l'account di un utente non solo da parte dall'autorità giudiziaria ma anche dal ministero dell'Interno. Una disposizione che solleva evidentemente importanti dubbi di costituzionalità.

Inoltre, le attuali formulazioni possono indicare nei provider i responsabili di eventuali operazioni di diffusione di opere protette promosse tramite le proprie reti, anche se ciò è evidentemente ascrivibile al comportamento illecito solo dell'abbonato. Come a dire, dunque, che anche nella nuova formulazione non viene espresso con chiarezza un principio essenziale, quello della irresponsabilità dei provider per l'uso che viene fatto dai propri utenti delle reti messe a disposizione.

Urbani non ha peraltro voluto fin qui commentare la denuncia contro il suo decreto presentata da un'associazione italiana all'Unione Europea né l'interrogazione parlamentare presentata nelle scorse ore dall'europarlamentare italiano Marco Cappato. In entrambe le iniziative si punta decisamente al conflitto del decreto con la normativa europea in materia di protezione delle proprietà intellettuali.

Particolare attenzione devono prestare gli utenti del peer-to-peer che ritengano che la legge italiana, con le modifiche al DL Urbani, consenta di condividere opere protette. Ciò non è vero: è anzi fin qui invalsa l'interpretazione delle leggi sul diritto d'autore che puniscono con multe fino a 2.065 euro chiunque diffonda a qualsiasi fine opere protette. Poiché fin qui la sola messa in condivisione di un file viene considerata diffusione, ne discende una diretta responsabilità sul piano legale. Viene cioè considerato illegale detenere sul proprio computer un file sul quale si ha un diritto d'uso per il solo fatto che ai contenuti di tale computer possano accedere terzi da remoto.

L'esame del provvedimento in Commissione riprenderà il 19 aprile.
311 Commenti alla Notizia Urbani: non ce l'abbiamo con i giovani
Ordina
  • Salve a tutti,
    ho un interrogativo, vediamo se qualcuno me lo risolve.
    Qualche tempo fa è uscito un decreto che prevede che su OGNI supporto fisico (CD, DVD) gravi una tassa a favore della SIAE di circa 30 centesimi di euro, correggetemi se sbaglio, a TUTELA del diritto d'autore... in pratica io ti dò 30 cent a CD vuoto (che posso utilizzare anche per fare un backup del mio hard disk, contenente solo i MIEI DOCUMENTI PERSONALI!!) e la SIAE se li intasca per tutelare il diritto d'autore.
    Tutto ciò che trasferisco dal mio hd al cd è "regolarizzato" ai fini della legge sul diritto d'autore, visto che ho pagato alla fonte per acquistare il cd vergine...
    Il DL Urbani a cosa serve allora? Solo per il materiale che si trova sui nostri HD? Basta masterizzare e saremo in regola!! O metteranno una tassa SIAE anche sugli HD??
    Ma è assurdo!! Io non ci sto!!
    Signori muoviamoci!! Montiamo dei banchetti in tutte le piazze d'Italia e raccogliamo le firme per un referendum ABROGATIVO di tutte queste leggi che non fanno altro che limitare i nostri diritti.
    Saluti.
    non+autenticato
  • Chi c'è che ruba a scopo impersonale?

    Poi essere definiti "ladri" da uno che distrae miliardi per finanziare film prodotti dalla sua amante....
    Faccia di pitale ha la sclerosi che gli è arrivata a quei pochi neuroni che aveva ancora in funzione....

    Pover'uomo, se consideriamo anche le nuove esperienze erotiche che gli hanno dato alla testa, niente di strano che si metta nudo durante una prossima riunione del Parlamento!!!

    P.S. Chi scrive non è un giovane, ma shara e scarica lo stesso...
  • Un po' mi fa ridere chi pensa che magari se ci fosse stato un altro governo, le cose sarebbero andate diversamente, pensate davvero che sia così? Beh, se vi va di illudervi, fate voi. A comandare sono chi ha i soldi (spesso comanda in modo nascosto) e non i politici.
    Ma se vi va di fare gli "intellettuali" di sinistra, nessuno vi vieta di farlo.
    non+autenticato
  • e' inutile lamentarci continuamente tanto non cambia le cose, alla fine la verita' e' che siamo tutti dei pecoroni.
    faccio qui faccio là e alla fine facciamo niente come sempre
    perco' visto che non faremo (come sempre) niente abbandoniamo le lamentele e continuiamo a stare nella nostra abituale posizione dei 90°
    non+autenticato
  • ho letto molti commenti riguardo la decisione da prendere sul decreto urbani se questi venisse tramutato in legge ma a dire la verità non sono pienamente convinto del metodo che molti utenti vogliono intraprendere per farsi sentire come ad esempio la disdizione dell'abbonamento adsl la rinuncita ad acquistare cd e dvd disertare i cinema ecc...

    ora che si voglia o no la situazione è la seguente : se scarichi o condividi=multa da 154 ? a 2048 ?

    La migliore soluzione in realtà e la protesta tramite la raccolte di firme contro il decreto che è gia stata cominciata tempo fa e che   mi auguro di cuor mio, stia continuando.

    Chiedo scusa se dico che è inutile lagnarsi cerchiamo di far sapere agli altri come sta la situazione e non aspettiamo che il telegiornale faccia la sua mossa metendo in testa idee strampalate all'opinione pubblica poichè scambiare file non è come rubare visto che chi scambia file , nella stragrandemaggioranza dei casi chi uppa o downloada qualcosa lo fa per puro spirito di amicizia e non chiede nulla in cambio se a sua volta qualche file....


    Quindi , le major hanno tutti i torti di questo mondo se continuano di questo passo, visto che la condivisione esisteva anche in passato (chi di voi ha mai prestato un cd ad un amico???) e non ha fatto gravi danni dunque meglio protestare per iscritto magari con qualche manifestazione simbolica invece di intrapprendere strade troppo dure.
    Infine vi ricordo che l' opinione pubblica in un paese conta terribilmente, tutti gli urbani di questo mondo non possono fare a meno di fare i conti con chi votandoli gli ha dato fiducia.
    non+autenticato
  • non credo servano a molto le manifestazioni o la raccolta firme, hanno dimostrato di fregarsene completamente
    la chiusura di adsl o il non comperare cd e dvd libri e altre cose farebbe sicuramente piu' effetto
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | Successiva
(pagina 1/19 - 95 discussioni)