GPL trascinata in tribunale

L'autore del noto programma free VirtualDub ha accusato un produttore di software commerciale di aver incluso nel proprio prodotto codice protetto da GPL. E qualcuno già ipotizza la prima volta della GPL in un'aula di tribunale

Web - Ieri, su Slashdot, è apparsa una notizia secondo cui l'autore del popolare software di editing video VirtualDub, considerato uno dei migliori prodotti free nella sua categoria, avrebbe deciso di denunciare la società SloMedia per aver incluso, nel suo software commerciale Vidomi, alcune parti del codice GPL di VirtualDub.

Se si trattasse davvero di denuncia formale, come veniva suggerito da Slashdot, per la licenza GPL si prospetta un interessantissimo test: dimostrare la sua forza, e questo per la prima volta nella sua storia, all'interno di un'aula di tribunale.

Nella stessa giornata di ieri, con una lettera pubblicata sul proprio sito, l'autore di VirtualDub, Avery Lee, ha però negato la sua intenzione di denunciare SloMedia, sostenendo di essersi per ora soltanto limitato a chiedere all'azienda in questione di rimuovere dal suo prodotto la porzione di codice GPL presa in prestito dall'altrettanto noto software GPL FlaskMPEG, a sua volta basato su VirtualDub.
Sebbene fino ad oggi SloMedia pare abbia respinto ogni richiesta proveniente da Lee, questi si è detto fiducioso nella possibilità di trovare un accordo senza la necessità di scomodare gli avvocati.

Qualcuno sostiene che se fino ad oggi la GPL non ha mai avuto l'opportunità di difendersi in un'aula di tribunale è proprio per il timore, da parte degli sviluppatori open source, di intraprendere le vie legali. Ma questo, a parere di molti membri della comunità open source, non è tanto una dimostrazione di sfiducia nella validità della licenza GPL, quanto semmai la conseguenza del fatto che la stragrande maggioranza degli sviluppatori di software free non ha denaro sufficiente per affrontare i costi che una causa di questo tipo richiede.
47 Commenti alla Notizia GPL trascinata in tribunale
Ordina
  • Considerate che non si possono usare sistemi con l'algoritmo di compressione di Huffman (algoritmo all'atto pratico usato dovunque, a partire dai sistemi JPEG a finire con molti compressori) perchè l'algoritmo è (C) Microsoft.
    All'atto pratico la gente usa algoritmi compatibili con Huffman che non utilizzano codice "strettamente" Huffman based.
    Credo che se la Microsoft facesse casino perderebbe in tribunale perchè le verrebbe detto che cerca di monopolizzare una parte di codice essenziale.
    A questo proposito Avery Lee ha avuto diverse beghe con quelli del Vidomi non perchè è stato utilizzata parte del suo codice ma perchè non è stata menzionata l'origine del suddetto codice stesso.
    Solo su questo và avanti la lotta, comunque Avery Lee sta collaborando, come si legge nella pagina del VirtualDub, alla stesura di una nuova versione di GPL che dovrebbe tutelare maggiormente gli sviluppatori.
    non+autenticato
  • un dubbio (piccolo) e' come ha fatto l'autore di virtual dub ad accorgersi che il suo codice e' stato incluso in tale software, e' opensource anch'esso? o e' andato giu' di debugger? bo'

    un altro dubbio e' fino a quando si potra' andare avanti cosi' ?
    insomma mi spiego: com'e' possibile dimostrare e accusare qualcuno di aver 'copiato' quando si stanno realizzando cose simili/uguali? per esempio se faccio un browser, la porzione di codice che invia le richieste delle pagine penso sara' pressoche' identica a quella di tutti gli altri browser.. e' copiatura di codice non autorizzata?

    tutte queste cose sui 'diritti d'autore' per me non hanno _nessun_ senso
    se euclide avesse messo il brevetto sui suoi teoremi o sull'addizione ad esempio.. mah!
    non+autenticato


  • - Scritto da: snooper
    > un dubbio (piccolo) e' come ha fatto
    > l'autore di virtual dub ad accorgersi che il
    > suo codice e' stato incluso in tale
    > software, e' opensource anch'esso? o e'
    > andato giu' di debugger? bo'
    Ha aperto il programma eseguibile con un debugger ed ha scoperto che c'erano dozzine di funzioni con nomi e "firma" (numero e tipo di argomenti) identici a quelle da lui create per il suo programma, con solo aggiunto davanti un nomignomolo ( miafunzione -> cicco_miafunzione )

    >
    > un altro dubbio e' fino a quando si potra'
    > andare avanti cosi' ?
    > insomma mi spiego: com'e' possibile
    > dimostrare e accusare qualcuno di aver
    > 'copiato' quando si stanno realizzando cose
    > simili/uguali? per esempio se faccio un
    > browser, la porzione di codice che invia le
    > richieste delle pagine penso sara'
    > pressoche' identica a quella di tutti gli
    > altri browser.. e' copiatura di codice non
    > autorizzata?
    Non e' affatto vero. Per qualsiasi cosa che non sia "Ciao mondo" esistono infinite (o quasi) possibilita' di realizzazione, soprattutto se il programma fa qualcosa di "corposo".
        
    non+autenticato
  • Ecco
    Se ora infilo in un mio programma commerciale closed-source un quicksort, finisce che corro il rischio di essere denunciato perche' il quicksort si trova in qualche programma gpl.

    Ma non vi rendete conto che se uno pubblica il sorgente, non deve avere alcun diritto di lamentarsi se una parte di esso viene utilizzata da un altro programma ?

    Ma non sono proprio i fan della gpl contrari ai brevetti sul software ?

    Ciao
    non+autenticato


  • - Scritto da: Paolo Zavarise
    > Ecco
    > Se ora infilo in un mio programma
    > commerciale closed-source un quicksort,
    > finisce che corro il rischio di essere
    > denunciato perche' il quicksort si trova in
    > qualche programma gpl.
    >
    > Ma non vi rendete conto che se uno pubblica
    > il sorgente, non deve avere alcun diritto di
    > lamentarsi se una parte di esso viene
    > utilizzata da un altro programma ?
    >
    > Ma non sono proprio i fan della gpl contrari
    > ai brevetti sul software ?
    >
    > Ciao

    Ma tu l'hai letta la GPL ?
    a parte che il qsort non e' un programma ma un aloritmo...
    e poi la gpl non vieta che il programma venga usato in un'altro ma che l'altro sia a sua volta gpl
    LEGGI LA GPL PRIMA DI PARLARE
    PIRLA
    non+autenticato
  • > Ma tu l'hai letta la GPL ?
    > a parte che il qsort non e' un programma ma
    > un aloritmo...
    > e poi la gpl non vieta che il programma
    > venga usato in un'altro ma che l'altro sia a
    > sua volta gpl
    > LEGGI LA GPL PRIMA DI PARLARE
    > PIRLA

    Non hai capito un cazzo del mio post.
    Vabbe' non te lo spiego.

    Comunque... guarda che i tipi del soft commerciale hanno fregato al programma free mica tutto il programma, ma solo qualche "algoritmo".

    Quindi secondo te potevano ?
    Se mi dici di no, perche' avrebbero dovuto rilasciare il codice sotto GPL, allora ti rispondo che non posso usare il quicksort, perche' dovrei rilasciare il codice sotto gpl.

    Ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo Zavarise

    > Se mi dici di no, perche' avrebbero dovuto
    > rilasciare il codice sotto GPL, allora ti
    > rispondo che non posso usare il quicksort,
    > perche' dovrei rilasciare il codice sotto
    > gpl.

    Certo che non puoi. La licenza parla chiaro, e tu non la puoi infrangere.

    Il tuo discorso è senza alcun senso.
    Puoi prendere pezzi del codice di windows (il tuo tanto amato quicksort), e metterlo in un tuo programma sotto altra licenza(ammesso d'avere accesso al codice di Windows)? SI puoi, l'effetto collaterale è che il giorno dopo sei in tribunale.

    Quindi prima di parlare aziona il cervello.
    non+autenticato
  • Quindi secondo te non si possono fare programmi commerciali con il quicksort.

    Giusto ?
    non+autenticato


  • - Scritto da: Paolo Zavarise
    > Quindi secondo te non si possono fare
    > programmi commerciali con il quicksort.
    >
    > Giusto ?

    forse non conosci bene la differenza tra un algoritmo e una porzione di codice sorgente...
    beh sappi che lo stesso algoritmo quicksort può essere implementato in 12323432434 porzioni di codice sorgenti differenti.
    La licenza GPL ha valore legale tanto quanto quella di Windows e quindi và rispettata. Se fai un uso del codice contro la licenza, sei perseguibile legalmente. Punto e basta.
    non+autenticato
  • Te stai sragionando.
    Mi hai chiesto se puoi prendere codice (per quanto quick esso sia) e usarlo per fatti tuoi.
    Io ti ho risposto che parlando di GPL o licenze MS non puoi. Se c'è un programma co licenza "prendi e fai quel che vuoi", allora chiaramente ne puoi fare.

    Non capisco come tu abbia potuto fare una domanda some quella sotto, mi pare abbastanza chiara la situazione e la tua domanda è semplicemente insensata.


    - Scritto da: Paolo Zavarise
    > Quindi secondo te non si possono fare
    > programmi commerciali con il quicksort.
    >
    > Giusto ?
    non+autenticato


  • - Scritto da: Paolo Zavarise
    >
    > Ma non vi rendete conto che se uno pubblica
    > il sorgente, non deve avere alcun diritto di
    > lamentarsi se una parte di esso viene
    > utilizzata da un altro programma ?
    >
    > Ma non sono proprio i fan della gpl contrari
    > ai brevetti sul software ?

    I brevetti sono cosa ben diversa dall'uso di codice gia` scritto. Se un algoritmo (metodo) e` brevettato non si e` liberi di usarlo in un programma a prescindere dall'implementazione e dal linguaggio di programmazione usato. Bisogna pagare delle royalty al detentore del brevetto, o chiedere di esserne esentati ecc.
    La GPL impone che, se usi il mio codice per risparmiarti la fatica e i costi di scrivere una parte del tuo programma, devi rendere possibile a tutti di fare lo stesso col tuo. Altrimenti sei liberissimo di scrivere da zero un programma con le stesse funzionalita`.

    non+autenticato
  • Detto questo c'è da dire che il brevetto è un modo per tenersi per se un 'idea', o un 'metodo' come lo chiami te, cosa assolutamente ingiusta.
    Brevettare il sapere è la cosa più ignobile che l'uomo possa fare.

    Open/Close Source, Licenze restrittive, Licenze free, tutto può e deve esistere, il brevetto è un insulto alla lobertà.

    - Scritto da: Antonio Bellezza
    >
    >
    > - Scritto da: Paolo Zavarise
    > >
    > > Ma non vi rendete conto che se uno
    > pubblica
    > > il sorgente, non deve avere alcun diritto
    > di
    > > lamentarsi se una parte di esso viene
    > > utilizzata da un altro programma ?
    > >
    > > Ma non sono proprio i fan della gpl
    > contrari
    > > ai brevetti sul software ?
    >
    > I brevetti sono cosa ben diversa dall'uso di
    > codice gia` scritto. Se un algoritmo
    > (metodo) e` brevettato non si e` liberi di
    > usarlo in un programma a prescindere
    > dall'implementazione e dal linguaggio di
    > programmazione usato. Bisogna pagare delle
    > royalty al detentore del brevetto, o
    > chiedere di esserne esentati ecc.
    > La GPL impone che, se usi il mio codice per
    > risparmiarti la fatica e i costi di scrivere
    > una parte del tuo programma, devi rendere
    > possibile a tutti di fare lo stesso col tuo.
    > Altrimenti sei liberissimo di scrivere da
    > zero un programma con le stesse
    > funzionalita`.
    >
    non+autenticato


  • > Open/Close Source, Licenze restrittive,
    > Licenze free, tutto può e deve esistere, il
    > brevetto è un insulto alla lobertà.

    Se non posso guadagnare dalle mie scoperte chi me lo fa fare di fare il ricercatore? E se non brevetto mi date i soldi perche' siete buoni?
    non+autenticato


  • > La GPL impone che, se usi il mio codice per
    > risparmiarti la fatica e i costi di scrivere
    > una parte del tuo programma, devi rendere
    > possibile a tutti di fare lo stesso col tuo.
    > Altrimenti sei liberissimo di scrivere da
    > zero un programma con le stesse
    > funzionalita`.

    Ok ,guarda caso mi e' venuto identico al tuo...
    non+autenticato
  • Io spero che si trovino i fondi necessari per intraprendere la causa. E' la prima volta che la GPL va in tribunale ed è un fondamentale banco di prova. Una eventuale vittoria costituirebbe un precedente indiscutibile ed una spinta propulsiva non indifferente per l'Open Source.
    Si tratterebbe, insomma, di fargli vedere che facciamo sul serio...
    non+autenticato
  • L'avvocato dell'accusa non sia Alien, se no il GPL perde.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)