MySQL salta sui cluster

Grazie ad una nuova architettura distribuita, il celebre database open source si propone come alternativa economica ai costosi database clusterizzati oggi sul mercato

Seattle (USA) - Dopo essersi fatto strada sui grossi server e sui mainframe, il famoso database open source MySQL prosegue il proprio cammino sul mercato enterprise con Cluster, una nuova versione dedicata alle applicazioni che richiedono un'elevata disponibilità (fino al 99,999%) utilizzando un'architettura per il calcolo parallelo.

"Tradotto in termini comprensibili a chiunque, questo significa meno di 5 minuti di down time (periodo morto, NdR) all'anno", ha spiegato Alex Roedling, product manager della società svedese MySQL AB. "Questo è il più grande beneficio che la nuova release porta con sé".

Minimizzare i tempi morti dei server, generalmente dovuti a guasti, crash o manutenzione, è il principale obiettivo di chi fornisce applicazioni mission-critical. Un obiettivo che MySQL AB, l'azienda che sviluppa l'omonimo database open source, sostiene di aver raggiunto attraverso l'adozione di un'architettura distribuita e fault tolerant. L'azienda ha acquistato tale tecnologia dalla propria connazionale Ericsson.
Nelle architetture cluster, il database distribuisce i dati su più server, o nodi, interconnessi fra loro: nell'eventualità in cui un nodo (o più di uno) si guasti, il cluster continuerà a funzionare conservando l'integrità del database.

"MySQL Cluster ha la disponibilità, la scalabilità e le prestazioni richieste da molte applicazioni mission-critical, ed è sufficientemente economico da rendere il clustering un'opzione attuabile per qualunque azienda", ha dichiarato Mårten Mickos, CEO di MySQL AB.

Con il suo nuovo prodotto la società svedese corteggia quelle aziende che, pur necessitando di database ad elevata disponibilità, non vogliono o non possono acquistare le costose soluzioni fornite da colossi del settore come Oracle, IBM o Microsoft.

Una versione d'anteprima di MySQL Cluster può già essere scaricata sotto la licenza GPL dalla pagina dei download del sito MySQL.com. La versione finale, che sarà disponibile, come tradizione, anche con una licenza commerciale, verrà rilasciata durante il terzo trimestre dell'anno. Il prezzo di una licenza dovrebbe aggirarsi sui 5.000 dollari per CPU, una cifra che va comparata, secondo gli analisti, ai 20-30.000 dollari per processore dei database clusterizzati oggi sul mercato.
53 Commenti alla Notizia MySQL salta sui cluster
Ordina
  • La licenza di MySQL non è gratuita come molti pensano. E' una licenza che, per un uso commerciale, richiede un pagamento. Altri prodotti sono in questa situazione

    E' interessante notare che molti utilizzatori di questi prodotti si trovano nella condizione di dover pagare la licenza ma sono spesso erroneamente convinti che nulla è dovuto ad alcuno. Questo atteggiamento spesso è agevolato da fornitori e consulenti in mala fede o non informati.

    In ogni caso si tratta di un comportamento illecito.

    Chi risponde in questo caso? Non pensate che la percezione delle aziende sull'open source cambierebbe se venisse fatta informazione corretta?

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > La licenza di MySQL non è gratuita
    > come molti pensano. E' una licenza che, per
    > un uso commerciale, richiede un pagamento.
    > Altri prodotti sono in questa situazione

    Che io sappia, dalla lettura della licenza, non è vero quello che dici. *Se vuoi* avere assistenza dalla MySQL AB paghi, se vuoi usare MySQL *anche* in progetti commerciali, puoi gratuitamente. Solo che non puoi avvalerti dell'assistenza della ditta produttrice. Tutto qui.
    non+autenticato
  • Mi spiace ma ha ragione (quasi totalmente) l'autore del 3d.
    Se l'applicazione che hai sviluppato (e che, si intende, usa MySQL) non viene rilasciata con licenza GPL allora nemmeno mySQL è in GPL e si deve pagare la commercial-licence che ti da anche diritto al supporto.

    Dove sbaglia l'autore del 3d è nel considerare l'uso commerciale dell'applicazione: se io sfrutto commercialmente un'applicazione GPL (che so' inserendola ad esempio come pacchetto extra con sovrapprezzo in un servizio di hosting) ma l'applicazione è GPL (ovvero sorgenti in chiaro liberamente distribuibili ecc.) non sono tenuto a pagare la licenza commerciale.

    http://www.mysql.com/products/licensing/commercial...
    http://www.mysql.com/products/licensing/opensource...

    ==================================
    Modificato dall'autore il 16/04/2004 18.59.06
    Anlan
    1327
  • > Se l'applicazione che hai sviluppato (e che,
    > si intende, usa MySQL) non viene rilasciata
    > con licenza GPL allora nemmeno mySQL
    > è in GPL e si deve pagare la
    > commercial-licence che ti da anche diritto
    > al supporto.


    Ovvio. Se è GPL puoi sfruttare MySQL in tuoi progetti, rilasciando ovviamente di nuovo con la medesima licenza. Il che significa che puoi sfruttarlo for free per farci soldi.

    MySQL AB in più offre la possibilità di acquistare (pagando) la libertà di rilasciare il codice con una licenza differente. Ma è una cosa in più, non una restrizione.

    Cioè, MySQL è gratuito, in quanto GPL. Ma si ha anche la possibilità di modificargli la licenza (e quindi il vincolo che GPL impone a rilasciare nuovamente sotto GPL).

    Da qui a dire "Attenzione , MySQL non è gratuito" ce ne passa
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Cioè, MySQL è gratuito, in
    > quanto GPL. Ma si ha anche la
    > possibilità di modificargli la
    > licenza (e quindi il vincolo che GPL impone
    > a rilasciare nuovamente sotto GPL).

    Si e no.. (anche se si discute del sesso degli angeli). Se ne fai uso in un bundle "closed" che distribuisci paghi. Se ne fai uso in una applicazione che ti usi per i fatti tuoi sul tuo pc e non la dai a nessuno non paghi. Se però quell'applicazione la usi all'interno di una azienda o gruppo di lavoro "closed" che non la distribuirà mai all'esterno allora paghi di nuovo.
    Il principio (richiamato anche da mySQL) è quello di avere for free un prodotto che ti permetta di persona di contrbuire alla comunità opensource. Se non lo fai paghi. E' semplice.

    > Da qui a dire "Attenzione , MySQL non
    > è gratuito" ce ne passa

    Io non ho detto che "non è gratuito" : ho spiegato quando lo è e quando no.
    Anlan
    1327
  • Per progetti chiusi, che non sono GPL, è necessario acquistare la licenza.

    Abbiamo sviluppato internamente un gestionale e lo abbiamo appoggiato su MySQL (PostGreSQL non ci dava sufficienti garanzie di stabilità, e neppure Firebird. Con MySQL c'è una società dietro, ed è il db più diffuso al mondo, quindi problemi ne dovrebbe avere ben pochi...), e abbiamo acquistato le licenze che, comunque, costano veramente poco rispetto ad altri database.

    Tra l'altro esiste un partner italiano che le vende, basta fare una ricerca con google con "MySQL partner ufficiale" ed esce fuori.

    Abbiamo anche acquistato il supporto per un anno, ma non è certo obbligatorio: si possono usare i loro forum. Anche se ci hanno risolto nell'arco di poche ore diversi problemi rognosi.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Abbiamo sviluppato internamente un
    > gestionale e lo abbiamo appoggiato su MySQL
    > (PostGreSQL non ci dava sufficienti garanzie
    > di stabilità, e neppure Firebird. Con
    > MySQL c'è una società dietro,
    > ed è il db più diffuso al
    > mondo, quindi problemi ne dovrebbe avere ben
    > pochi...),

    Grosso sbaglio riguardo a come avete valutato PostgreSQL,
    e se utilizzate MyISAM, cambiate mestiere perche non sapete cosa sia l'integrità dei dati, transaction log, ecc.

    A meno che non usiate INNODB, ma qualcosa mi dice che neanche sapete cosa sia.

    > e abbiamo acquistato le licenze
    > che, comunque, costano veramente poco
    > rispetto ad altri database.

    Con PostgreSQL non pagate nulla, neanche per scopi commerciali!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Abbiamo sviluppato internamente un
    > > gestionale e lo abbiamo appoggiato su
    > MySQL

    > Grosso sbaglio riguardo a come avete
    > valutato PostgreSQL,
    > e se utilizzate MyISAM, cambiate mestiere
    > perche non sapete cosa sia
    > l'integrità dei dati, transaction
    > log, ecc.

    E' altrettanto un errore affidare la coerenza dei dati al solo controllo del db: il supporto all'integrità referenziale, a mio parere, dovrebbe essere un valido ausilio alla fase di progettazione sviluppo e debug ma, in sistemi di produzione, se l'applicazione è ampiamente testata potrebbe risultare addirittura superfluo. Per altro considero assai più importante il supporto transazionale che aiuta nell'evitare che si possano registrare operazioni "monche" che potrebbero verificarsi più per errori esterni che interni (ad esempio la caduta di una connessione remota).
    Solo per memoria storica ricordo (a me in primis) che in assenza di database relazionali esistevano fior di applicazioni "mission critical" che implevementavano sia l'integrità referenziali che transazioni atomiche esclusivamente attraverso il codice programma: su tutti ha fatto scuola IBM con le sue ACG che prima di DB2 lavoravano su file a indici. E funzionavano gran bene.
    Anlan
    1327
  • > Grosso sbaglio riguardo a come avete
    > valutato PostgreSQL,
    > e se utilizzate MyISAM, cambiate mestiere
    > perche non sapete cosa sia
    > l'integrità dei dati, transaction
    > log, ecc.
    >
    > A meno che non usiate INNODB, ma qualcosa mi
    > dice che neanche sapete cosa sia.

    Ma senti questa gente che non sa niente di te ed esprimi giudizi.
    Abbiamo provato PostGreSQL, lo hai provato tu con 20 utenti concorrenti? MySQL è più veloce di 6 volte. E se gli utenti aumentano, poverino.

    > > e abbiamo acquistato le licenze
    > > che, comunque, costano veramente poco
    > > rispetto ad altri database.
    >
    > Con PostgreSQL non pagate nulla, neanche per
    > scopi commerciali!!!

    PostGreSQL lo usi te, che se c'è un bug voglio vedere in quanto tempo te lo patchano.
    C'era una cosa che non andava nella versione sperimentale di MySQL sulle subquery, e abbiamo contattato lo sviluppatore dell'azienda che in 2 ore lo ha sistemato.
    E si tratta della versione sperimentale.

    Fallo tu con postgresql.

    Ma tanto mica doverci basare un business voi, ci fate i siterelli per la vostra community.

    bah andate a lavorare davvero.
    non+autenticato
  • Add replication of distributed databases

        * Automatic failover
        * Load balancing
        * Master/slave replication
        * Multi-master replication
        * Partition data across servers
        * Queries across databases or servers (two-phase commit)
        * Allow replication over unreliable or non-persistent links

    http://developer.postgresql.org/todo.php

    Quelli che ho provato e supporato queste features, sono Firebird, Oracle e SQLServer.

    Altri DBMS che hanno queste features ?

    In particolare "Queries across databases or servers (two-phase commit)"


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Altri DBMS che hanno queste features ?

    IBM DB2 da una vita!
    E con IBM DataJoiner il two-phase commit lo fai con db di produttori diversi.
    L'architettura cluster di IBM DB2 è shared-nothing (molto scalabile), l'ottimizzatore cost-based distribuisce le query sui nodi da tempo, ecc. ecc.
    E costa meno di Oracle!

    non+autenticato
  • Non è la lista della spesa.

    C'è da vedere come si implementano le cose, e MySQL, tutto quello che ha, funziona bene.

    Prima di implementare qualcosa, ci pensano due volte, e fanno test approfonditi.

    Anche Windows, sulla carta, fa tutto. Poi che funzioni è un altro discorso.
    non+autenticato
  • > In particolare "Queries across databases or
    > servers (two-phase commit)"

    Il two-phase commit lo implementano tutti i database che consentono di utilizzare query su due database contemporaneamente (dblink o riferimento ad altro database)

    il controller (quello che fa le query sugli altri database) istruisce gli altri di cominciare a fare il commit quando tutti rispondono positivamente da il comando a tutti gli altri di rendere effettivo il commit.

    bye,
         Mdx4
    non+autenticato

  • non uso Mysql per via della sua licenza che non mi piace per nulla.

    GPL in certi casi e commerciale per altri...
    Il pregio maggiore di Mysql è di essere gratuito ... MA se lo devi utilizzare per una applicazione che poi venderai(l'app non il DB!) non è più gratuito ....

    Io nella confusione mi tengo stretto Oracle quando il cliente è disposto a pagarlo oppure il buon Postgre che è rilasciato sotto la licenza più libera che c'è.....

    Ciao
    non+autenticato
  • A me risulta che MySQL sia a pagamento solo se ridistribuisci il codice (di MySQL) in un pacchetto che poi rivendi.
    Questo vale per le vecchie versioni... ho fatto un giro su mysql.org (era nu po' che non ci andavo...) e non ho trovato link per scaricare MySQL... bisogna acquistarlo!
    Da quando è diventato solo a pagamento?
    O mi sono rimbecillito io?
    Vi prego, ditemi che mi sono sbagliato... In lacrime
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > Vi prego, ditemi che mi sono sbagliato... In lacrime

    http://dev.mysql.com/downloads/
    Se vuoi lasciare la GPL a casa te lo vendono anche sotto una diversa licenza.
    2678
  • ok... mi sono rimbecillito!
    Forse è ora che cambi lavoro...Triste
    non+autenticato
  • Scusate, è da ieri che cerco di trovare la versione scaricabile di MySQL cluster...

    Qualcuno sa dove si trovi ? Sono un po' tonto, temo, nella pagina di download di mysql non ho trovato il link....

    Un commento en passant: il cluster engine è quello di Alzato, uno spin off di Ericsson. Il DB cluster era stato a quanto ho capito sviluppato per uso interno di Ericsson e specializzato per le esigenze dei DB di telecomunicazioni....

    Ciao,
         Paolo
    non+autenticato
  • Oracle e SQLServer non costano 20.000/30.000 per processore.

    Costano poco più di MySQL. Solo che MySQL non
    è in grado di fare le cose che fanno quei due cosi citati prima.

    non+autenticato
  • > Solo che
    > MySQL non
    > è in grado di fare le cose che fanno
    > quei due cosi citati prima.
    >

    E che cosa sanno fare i due cosi citati prima, che MySql no sa fare?
    non+autenticato
  • almeno una cosa, supportano le stored procedure...

    poi molte altre, ma non stò la a elencarle !!
    non+autenticato
  • La 5.0 supporta le Stored. Le nested query e altro ancora. Non sto dicendo che sia a livello di Oracle o M$SQL o DB2, ma per il 90% delle applicazioni puo' andare piu' che bene. Imho Pgsql e' il migliore in quanto a rapporto prezzo/prestazioni, considerando che fa tutto quello che fanno i grandi ma costa 0....

    Cya
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > La 5.0 supporta le Stored. Le nested query e
    > altro ancora. Non sto dicendo che sia a
    > livello di Oracle o M$SQL o DB2, ma per il
    > 90% delle applicazioni puo' andare piu' che
    > bene.


    Nell'articolo si parla di applicazioni clustered., cioè di applicazioni di alto livello (certo, non il 90% delle applicazioni). In applicazioni di questo tipo, IMHO, dubito che possa non pesare l'assenza di trigger, di supporto a XML, di stored procedure.
    non+autenticato
  • >. In applicazioni di questo
    > tipo, IMHO, dubito che possa non pesare
    > l'assenza di trigger, di supporto a XML, di
    > stored procedure.

    Perchè SQL Server supporta XML?

    Non mi sembra affatto. Non è un db semistrutturato, non supporta XQuery ne il querying misto SQL/XQuery.
    Eventuali cazzatine come l'integrazione con IIS/SOAP non serve a nulla, tutta pubblicità: il cuore è puro RDBMS.

    Yukon sarà un'altra storia, Oracle non so.
    non+autenticato
  • > Perchè SQL Server supporta XML?

    No! Non mi è mai piaciuto SQLServer... Non lo avevo specificato dichiaratamente, ma i termini di paragone che stavo utilizzando erano PgSQL e Oracle

    > Eventuali cazzatine come l'integrazione con
    > IIS/SOAP non serve a nulla, tutta
    > pubblicità: il cuore è puro
    > RDBMS.

    D'accordissimo

    > Yukon sarà un'altra storia, Oracle
    > non so.

    Oracle è massiccio, è veramente bello. MySQL è l'ideale per progetti web based, per db che devono essere veloci e senza particolari richieste evolute. PgSQL lo vedo adatto a qualsiasi cosa, è veramente notevole. Oracle è esagerato, probabilmente siamo allo stato dell'arte dei RDBMS. La conclusione del discorso voleva essere la constatazione che certamente MySQL si colloca in una fascia di prodotti che è differente da quella di Oracle e PgSQL. Che poi MySQL abbia applicazioni in cui fa' da padrone, non ci piove.
    non+autenticato
  • > di supporto a XML

    eh si, fondamentale nelle applicazioni
    di "alto livello" giusto, giusto perché
    parliamo di RDBMS....

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Non sto dicendo che sia a
    > livello di Oracle o M$SQL o DB2, ma per il
    > 90% delle applicazioni puo' andare piu' che
    > bene.

    Tra mySQL e Oracle (o MSSQL - de gustibus) c'è anche un'interessante via di mezzo che, personalmente ho testato con estrema soddisfazione: si chiama MaxDb (sempre di MySQl). E' il rebrand di SAPDb ed è, a parer mio, un clone (quasi bestemmia) del vecchio Oracle Workgroup Sever 7.3.4: ne supporta infatti pienamente la sintassi oltre ad un bel ANSI standard.

    Pro :
    - Costa Poco (49$ per utente o 1490$ per CPU)
    - Triggers
    - Stored Procedures
    - ACID transactions
    - Views
    - Integrità referenziale
    - Le mitiche Sequence di Oracle
    - Risorse macchina limitate

    Contro :
    - Gestione rigidissima dei datafile
    - Limitazioni lunghezza di record
    - altro ? (che non ho ancora trovato)

    Leggero di installazione (100Mb circa con tutti i tool) contro quel "mostro" di oracle che ti sbatte giù il suo bel CD fitto fitto e nella versione Enterprise ti ficca anche dentro Apache (cakkio sarà anche bello ma chi te lo ha chiesto ?).
    Anlan
    1327

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Solo che
    > > MySQL non
    > > è in grado di fare le cose che
    > fanno
    > > quei due cosi citati prima.
    > >
    >
    > E che cosa sanno fare i due cosi citati
    > prima, che MySql no sa fare?
    LE VIEWS!!!! MYSQL non supporta le VIEW ci rendiamo conto!?!?!

    E se abiliti l'integrità referenziale (cosa che gli altri DB fanno di default) si piega in ginocchio!!

    Chiunque usi MySQL anche per fare lavori *stupidi* si scontra con queste assurde limitazioni
    non+autenticato
  • Ti sbagli.. dipende da come lo usi e dallo skill del programmatore.
    Io ho progettato per una nota società degli applicativi VB/ASP-MySQL utilizzando 5 server distribuiti in Europa in replica con una mole di dati di milioni di righe e tempi di risposta notevoli.
    Ora questa società dopo un anno di test e nessun problema sta migrando da SQL Server a MySQL.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)