Oracle lancia un nuovo ambiente Java

Con la nuova versione del suo ambiente di sviluppo basato su J2EE, Oracle intende portare Java pi¨ in lÓ, verso gli ambienti enterprise, inclusi i grid computer

Redwood Shores (USA) - Oracle ha rilasciato una nuova versione del proprio ambiente di sviluppo per web service e applicazioni Java, JDeveloper 10g, che promette di semplificare i processi di sviluppo e di fornire una maggiore flessibilitÓ nell'integrazione con ambienti di grid computing.

Questa nuova release introduce quello che Oracle definisce un "layer per la produttivitÓ", l'Application Development Framework (ADF), che secondo il colosso semplifica lo sviluppo delle applicazioni offrendo a programmatori di ogni livello la possibilitÓ di realizzare web service e applicazioni J2EE avanzate.

"L'obiettivo principale di questa release Ŕ stato quello di rendere Java e J2EE maggiormente accessibili ad una pi¨ vasta cerchia di sviluppatori", ha spiegato Rob Cheng, direttore del marketing di prodotto in Oracle. "Java Ŕ cresciuto abbastanza, ma gli sviluppatori che lo usano sono ancora costituiti in larga parte da esperti di C o C++. Le aziende vogliono una soluzione che permetta di utilizzare le loro attuali risorse, inclusi quegli sviluppatori che potrebbero non essere cosý aggiornati sulle specifiche Java per l'enterprise".
Oracle JDeveloper 10g offre ai programmatori nuove metodologie di sviluppo Service-Oriented Architecture (SOA) per realizzare e assemblare le applicazioni partendo da un insieme di servizi business comuni.

"Gli sviluppatori - ha spiegato Cheng - si trovano quindi nella condizione di realizzare applicazioni pi¨ flessibili capaci di crescere in linea con i cambiamenti dei requisiti business quali l'integrazione di nuovi sistemi conseguente un'acquisizione, la personalizzazione delle applicazioni gestite per conto di un nuovo cliente o l'estensione a diversi partner strategici del processo di raccolta e analisi dei dati".

Con JDeveloper 10g Oracle sostiene di aver puntato ancora una volta sull'implementazione di standard aperti in grado di garantire che le applicazioni sviluppate siano interoperabili con quelle create con altri prodotti basati sulla piattaforma J2EE.

Il nuovo ambiente di sviluppo di Oracle migliora poi il supporto agli ambienti di grid computing, fornendo ai programmatori strumenti per la gestione, l'integrazione e la manutenzione delle applicazioni attraverso reti grid di qualsiasi estensione.

Oracle JDeveloper 10g, il cui costo Ŕ di 995 dollari, pu˛ essere scaricato a scopo di valutazione da qui.
TAG: mercato
3 Commenti alla Notizia Oracle lancia un nuovo ambiente Java
Ordina
  • ed è anche piuttosto bacatella... tanto che è impossibile usare il tool per top link...
    e per di più è così enorme che per farla funzionare come si deve serve almeno un giga di memoria ram...
    mahhh...
    non+autenticato


  • > ed è anche piuttosto bacatella...
    > tanto che è impossibile usare il tool
    > per top link...

    Essendo una preview, una beta ........ serve proprio a quello

    > e per di più è così
    > enorme che per farla funzionare come si deve
    > serve almeno un giga di memoria ram...
    > mahhh...

    Come in Jdev 9i anche in Jdev 10g è presente l'extension manager, per disattivare tutto quello che non serve e farlo partire più velocemente e con meno ram
    non+autenticato
  • In lacrimeIn lacrimeIn lacrimeIn lacrime

    ma perchè su gentoo non se la fiida a partire?non vedo l'ora che esca fedora core 2 così la testerò lì sopra...da quanto ho letto è davvero eccezionale!!!Ho usato il jdeveloper9i in congiunzione con oc4j e non era affatto male...ora quest'ultima verisone mi permette anche uno sviluppo di ws più veloce...non vedo l'ora di provarlo!!!
    Chissà che non superi la potenza e la facilità d'uso di VS.NET 2003. Lo spero davvero...oramai jbuilder mi sta un pò stretto per i miei progettini..che via via stanno diventando dei progettoni!!!