Toscana tutta verso l'open source

Lo sottolinea l'assessore all'IT della Regione, secondo cui la sfida più grossa non è tanto l'innovazione quanto l'evoluzione dell'approccio culturale non solo nella PA ma anche nelle imprese e tra i cittadini

Firenze - C'è il software libero nel presente della Toscana ma ce ne sarà ancora di più nel suo futuro. Lo ha ribadito ieri l'assessore ai Sistemi informativi Carla Guidi, in occasione di un incontro organizzato a Firenze dalla Regione insieme alla Free Software Foundation, rappresentata dal suo fondatore Richard Stallman, ed all'Agenzia Adelante. Tema del convegno era "Software libero, libertà e cittadinanza".

Per l'assessore è stata l'occasione per ribadire l'impegno della Regione verso l'open source concepito, ha spiegato Guidi, come "strumento per l'aggiornamento della pubblica amministrazione e lo sviluppo dell'e-government, come stimolo alla creatività e alla pluralità, all'innovazione del tessuto di piccole e medie imprese tipico della Toscana".

Guidi ha spiegato che la Regione punta sulla normativa regionale che nel disegnare gli scopi e le procedure della Rete Telematica Toscana vede nell'introduzione di piattaforme e applicativi aperti quella che l'assessore definisce "una scelta importante per lo sviluppo dell'informazione e della conoscenza, in linea, peraltro, con quanto indicato dall'Unione Europea e dal ministro Stanca".
"La Regione Toscana - ha spiegato Guidi - utilizza fin dal 1997, al suo interno e fra i 500 enti collegati alla Rete telematica regionale, sistemi open source. Favorirne l' uso significa, fra l'altro, anche avviare forme di risparmio e di ottimizzazione delle risorse, sia per le pubbliche amministrazioni che per il sistema economico in generale. Cio' non significa che il percorso da fare per dare un riconoscimento ufficiale a un sistema fondato sulla libertà delle conoscenze non sia ancora lungo e difficile. Come Regione dobbiamo trovare un punto di equilibrio, fare in modo che tutti i soggetti coinvolti, gli enti locali, ma anche operatori economici, professionisti, ci seguano lungo tutto il percorso".

Tra i problemi fin qui riscontrati, ha spiegato Guidi, anche il fatto che la Regione è stata tra le prime ad imboccare in Italia la via di una rete regionale "con scelte che all'epoca erano praticamente obbligate" e che oggi impongono un lavoro in più di rI-definizione dei sistemi software utilizzati.
TAG: italia
24 Commenti alla Notizia Toscana tutta verso l'open source
Ordina
  • Avanti o popolo, alla riscossa,
    bandiera rossa, bandiera rossa.
    Avanti o popolo, alla riscossa,
    bandiera rossa trionfera.
    Bandiera rossa trionfera,
    bandiera rossa trionfera,
    bandiera rossa trionfera,
    evviva il comunismo e la liberta!

    Degli sfruttati l'immensa schiera
    la pura innalzi, rossa bandiera.
    O proletari, alla riscossa
    bandiera rossa trionfera.
    Bandiera rossa trionfera,
    bandiera rossa trionfera,
    bandiera rossa trionfera,
    il frutto del lavoro a chi lavora andra!

    Dai campi al mare, alla miniera,
    all'officina, chi soffre e spera,
    sia pronto, e l'ora della riscossa,
    bandiera rossa trionfera.
    Bandiera rossa trionfera,
    bandiera rossa trionfera,
    bandiera rossa trionfera,
    soltanto il comunismo a vera liberta!

    Non piu nemici, non piu frontiere:
    sono i confini rosse bandiere.
    O comunisti, alla riscossa,
    bandiera rossa trionfera.
    Bandiera rossa trionfera,
    bandiera rossa trionfera,
    bandiera rossa trionfera,
    evviva Lenin, la pace e la liberta!
    non+autenticato
  • ma per me dura poco sta tendenza ....anche se lo vorrei veramente anch'io
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ma per me dura poco sta tendenza ....anche
    > se lo vorrei veramente anch'io

    E' possibile, ma secondo me Longhorn sara' il punto di svolta.
    Quando uscira', sopratutto se si portera' con se' Palladium, sarai costretto a sposare M$ o a lasciarla definitivamente a favore di *nix.

    Linux+OpenOffice hanno fatto passi da gigante ultimamente e sono diventati credibili come sostituto di M$+Office, il che significa che all'80% delle segretarie possiamo gia' dare la pillola rossa di Morfeus e iniziare la cura disintossicante dalla droga di Bill.

    Io sono ottimista.
    non+autenticato
  • > Linux+OpenOffice hanno fatto passi da
    > gigante ultimamente e sono diventati
    > credibili come sostituto di M$+Office, il
    > che significa che all'80% delle segretarie
    > possiamo gia' dare la pillola rossa di
    > Morfeus e iniziare la cura disintossicante
    > dalla droga di Bill.

    Linux+OpenOffice li ho al lavoro (insieme a Windows ma senza Office) e secondo me sono usabilissimi per qualsiasi segretaria (anche senza pillola rossaOcchiolino).

    >
    > Io sono ottimista.

    Fai bene ad esserlo!!

  • > E' possibile, ma secondo me Longhorn sara'
    > il punto di svolta.
    > Quando uscira', sopratutto se si portera'
    > con se' Palladium, sarai costretto a
    > sposare M$ o a lasciarla definitivamente a
    > favore di *nix.

    Sono d'accordo. Peccato però che la gente ci metterà anni a capire cosa comporta Palladium... Ciò aprirà un buon margine per Microsoft...

    >
    > Linux+OpenOffice hanno fatto passi da
    > gigante ultimamente e sono diventati
    > credibili come sostituto di M$+Office, il
    > che significa che all'80% delle segretarie
    > possiamo gia' dare la pillola rossa di
    > Morfeus e iniziare la cura disintossicante
    > dalla droga di Bill.
    >
    > Io sono ottimista.

    Tutto sommato anche io.

    TAD

  • - Scritto da: Anonimo
    > ma per me dura poco sta tendenza ....anche
    > se lo vorrei veramente anch'io
    Mah ti dirò a quanto so io ad esempio a Firenze Linux lo usano da parecchio tempo, mi sono conservato un'articoletto che parla di nimda, del fatto che sulla rete civica di firenze sia stato distribuito un tool per rimuoverlo, e del fatto che loro non hanno avuto problemi perchè i server del comune usano Linux A bocca aperta
  • > Mah ti dirò a quanto so io ad esempio
    > a Firenze Linux lo usano da parecchio tempo,

    A ragà! Ma che ve lo dico a fà! Se non siete dentro l'ambiente delle PA in Toscana lasciate perdere!
    non+autenticato
  • ... che i software open source non li usa nessuno...

    "La Regione Toscana - ha spiegato Guidi - utilizza fin dal 1997, al suo interno e fra i 500 enti collegati alla Rete telematica regionale, sistemi open source."

    E questo è solo un esempio.
    Beh... Ancora una volta si può dire con gioia che finalmente qualcosa sta cambiando nel mondo dell'informatica, i responsabili dell' IT di regioni e aziende si stanno svegliando e non è stato grazie alle "innovazioni" di qualche avido gigante, ma grazie a un movimento di idee, persone e menti non spinte dalla cupidigia, ma dalla voglia di progredire.

    Avanti tutta.

    TAD

    Che ha appena visto la pubblicità Microsoft del bambino che suona il pianoforte e ha avuto i brividi, vogliono plasmare anche i nostri futuri figli... :|
  • - Scritto da: TADsince1995

    > Che ha appena visto la pubblicità
    > Microsoft del bambino che suona il
    > pianoforte e ha avuto i brividi, vogliono
    > plasmare anche i nostri futuri figli...
    >
    :|

    Bhe, la nostra generazione e' gia' stata abbondantemente plasmata, e senza neanche troppa pubblicità in TV; basta vedere certi fanatici su questi forum !

  • > Bhe, la nostra generazione e' gia' stata
    > abbondantemente plasmata, e senza neanche
    > troppa pubblicità in TV;

    In effetti mamma Microsoft non si vede spesso in TV, se escludiamo la campagna di pro-fancazzismo nelle aziende (quella dove si vedevano i dipendenti che ballavano grazie al tempo risparmiato e ai 5 centesimi a transazione)...
    Però è raccapricciante la somiglianza con la pubblicità IBM su Linux...

    TAD

    Che aspetta il grande giorno in cui la pubblicità IBM (già doppiata in italiano) verrà trasmessa nella TV nazionale...

  • - Scritto da: TADsince1995

    > In effetti mamma Microsoft non si vede
    > spesso in TV, se escludiamo la campagna di
    > pro-fancazzismo nelle aziende

    Per non parlare del banner in mezzo alla pagina di questa notizia: Abbassare dell'80% il tempo di sviluppo ?!? Ma siamo pazzi ! Gia' lavoro al 120% (Usando Eclipse come IDE), se a causa di Visual Studio l'80% del tempo di sviluppo se ne va' per problemi vari, sto' fresco A bocca aperta !

    > (quella dove si vedevano i dipendenti che ballavano
    > grazie al tempo risparmiato e ai 5 centesimi
    > a transazione)...

    Ballavano sul ritmo di "developers, developers, developers", la famosa canzoncina Disneyana di Ballmer-Orso-Baloo Sorride ?

    > Che aspetta il grande giorno in cui la
    > pubblicità IBM (già doppiata
    > in italiano) verrà trasmessa nella TV
    > nazionale...


    Non che siano meglio, pero' almeno le pubblicita' di IBM ti fanno sognare: Vuoi mettere la giovane e carina sistemista ninfomane con l'imbranato che ha dovuto ratoppare il lavoraccio del suo predecessore e consolidare sessantamila domini in quattordiciSorride ?
    11237

  • - Scritto da: TADsince1995
    > ... che i software open source non li usa
    > nessuno...
    >
    > "La Regione Toscana - ha spiegato Guidi -
    > utilizza fin dal 1997, al suo interno e fra
    > i 500 enti collegati alla Rete telematica
    > regionale, sistemi open source."
    >
    > E questo è solo un esempio.
    > Beh... Ancora una volta si può dire
    > con gioia che finalmente qualcosa sta
    > cambiando nel mondo dell'informatica, i
    > responsabili dell' IT di regioni e aziende
    > si stanno svegliando e non è stato
    > grazie alle "innovazioni" di qualche avido
    > gigante, ma grazie a un movimento di idee,
    > persone e menti non spinte dalla cupidigia,
    > ma dalla voglia di progredire.
    >
    > Avanti tutta.
    >
    > TAD
    >
    > Che ha appena visto la pubblicità
    > Microsoft del bambino che suona il
    > pianoforte e ha avuto i brividi, vogliono
    > plasmare anche i nostri futuri figli...
    >
    :|
    sottoscrivo ma se inseriranno davvero linux nelle scuole sarà difficile plagiarliA bocca aperta

  • > sottoscrivo ma se inseriranno davvero linux
    > nelle scuole sarà difficile plagiarli

    E quando li inseriranno i vidoegiochi belli per linux? qualcosa che il bimbo possa comprare coi risparmiucci senza la carta di credito? Se no linux lo userà a scuola, e windows a casa, nei secoli dei secoli.

    E NON DITEMI CHE WINEX E' LA SOLUZIONE!!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > E quando li inseriranno i vidoegiochi belli
    > per linux? qualcosa che il bimbo possa
    > comprare coi risparmiucci senza la carta di
    > credito? Se no linux lo userà a
    > scuola, e windows a casa, nei secoli dei
    > secoli.

    Coi risparmiucci farebbero bene a comprarsi un bel libro colorato e che insegna tante belle cose. Dura piu' a lungo di un vidogioco e lo si puo' portare a letto.
    E poi con la crisi di recente molti gruppi tra cui Giunti e Mondadori stanno facendo sconti anche oltre il 20%.

    I genitori che comprano e fanno usare videogiochi fin da piccoli non fanno altro che rincoglionire i figli...

    --
    Ciao.
    Mr. Mechano

  • - Scritto da: TADsince1995
    > Beh... Ancora una volta si può dire
    > con gioia che finalmente qualcosa sta
    > cambiando nel mondo dell'informatica, i
    > responsabili dell' IT di regioni e aziende
    > si stanno svegliando

    Quanta inutile prosopopea. Imparate ad usare il rasoio di Occam, diamine:
    1) la toscana è una regione rossa nel DNA,
    2) i rossi appoggiano opensource per partito preso, per la sua vaga assonanza anticapitalistica (provate un po' a dirlo a ESR, però...),
    3) al momento storico del passaggio in massa da AS/400 a sistemi decentralizzati, e della sostituzione di moltissime installazioni SCO, l'ovvia direttiva del PolitBuro è stata: usare roba opensource (inclusa una quantità mostruosa di sistemi *BSD, se proprio volete saperlo).

    La parte di strombazzamento dei vantaggi, veri o presunti, fa parte della normale presentazione infiocchettata di qualsiasi piano burocratico, ed è irrilevante. La musica sarebbe la stessa se comprassero l'ultraproprietario, strachiuso e arcimonopolista (per mancanza totale di concorrenza...) SAP per dieci miliardi: dopo aver letto la brochure il cittadino medio sarebbe lo stesso persuaso di aver fatto un affare irripetibile.

    Se qualcuno s'illude che i burocrati pensino in termini di qualità, apertura, manutenibilità o battaglie ideologiche (quelle le decide la Nomenklatura centrale, semmai) ha veramente sbagliato non solo nazione, ma pianeta.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Se qualcuno s'illude che i burocrati pensino
    > in termini di qualità, apertura,
    > manutenibilità o battaglie
    > ideologiche (quelle le decide la
    > Nomenklatura centrale, semmai) ha veramente
    > sbagliato non solo nazione, ma pianeta.

    Guarda che ti sbagli di grosso e stai facendo inutili generalizzazioni.

    La Toscana e' ricchissima non solo di cose buonissime e belissime, ma anche di gente veramente in gambissima.
    Io non sono Toscano ma ci vado spesso sia per svago che per lavoro e posso dirti che la magior parte sia dei dirigenti delle P.A. che esponenti politici toscani hanno le idee chiare sull'opensource senza distinzioni di fede politica.

    Io andavo spesso preso le ASL e i loro CED e sono stati tra i primi in Italia a cominciare a testare StarOffice prima e OpenOffice.org dopo...

    Quello che scrivi e' una grave offesa soprattutto perche' stai dando del comunista ad un'intera regione solo in base alle preferenze in fatto di strumenti informatici, chi lo e' ne sara' magari orgoglioso, ma chi non lo e', secondo me, farebbe bene a darti un bel cazzotto in bocca.

    --
    Ciao.
    Mr. Mechano
  • - Scritto da: Mechano
    > Io andavo spesso preso le ASL e i loro CED...

    Forse non sei stato presso una nota azienda ospedaliera toscana: i programmatori e sistemisti interni non contano un cavolo, mentre fanno la voce da leone le ditte esterne e gli strapagati consulenti che impongono i loro costosissimi software e architetture hardware totalmente closed da centinaia di migliaia di euro.

    Tutto questo in barba alla Regione.
    non+autenticato
  • Il fatto è che molti sono convinti di poter "capire" le cose guardandole da turisti. Invece bisogna esserci dentro e conoscerle bene, molto bene per avere diritto a spendere giudizi minimamente credibili...
    non+autenticato
  • dalle mie parti si dice
    "piuttost che ninta, mei piuttost"

    ovvero: "piuttosto che nulla, meglio piuttosto"
    non+autenticato