NetFraternity censura Punto Informatico

Il network sparabanner se la prende con il giornale che ha pubblicato la cronaca del sequestro dei server di Payland. Il quotidiano accusato per aver diffuso il link di un forum

NetFraternity censura Punto InformaticoRoma - Sorpresa e inevitabili sorrisi si son visti ieri nella redazione di Punto Informatico quando è giunta l'email del legale di Net Fraternity. Una email, confermata poi al telefono dall'avvocato stesso, che preannuncia una querela per diffamazione a mezzo stampa contro il nostro giornale. Il motivo? Un link.

Due giorni fa, Punto Informatico ha informato delle proteste degli utenti di Payland.com per il sequestro dei server di questa azienda voluto e ottenuto da NetFraternity. Nella notizia era incluso un link al Forum sul quale postano i loro messaggi gli utenti che non vogliono darla vinta a Net Fraternity. Quest'ultima sostiene che Payland.com ha violato il proprio copyright e proprio oggi a Padova un'udienza aprirà le danze giudiziarie su questo procedimento.

Ciò che sgomenta e stupisce è che da qualcuno che dovrebbe conoscere bene la rete, come quelli di NetFraternity, arrivi una querela per la pubblicazione di un link. Sarebbe una ingenuità prendersela per un link a materiale illegale, figuriamoci per un link ad un forum su un server americano che secondo NetFraternity contiene messaggi diffamanti. E se non è ingenuità allora è qualcosa d'altro di cui, francamente, non solo Punto Informatico ma tutta la libera informazione in rete può senz'altro fare a meno?
TAG: censura