La bolletta la paghi Telecom Italia

Almeno la sua emissione e la sua spedizione: questa la decisione di un giudice di pace di Catanzaro a seguito di un ricorso stimolato dal Codacons. L'associazione avverte: ora partiranno migliaia di cause contro l'incumbent

Roma - E' da sempre uno dei costi della bolletta telefonica inviata da Telecom Italia più inviso agli utenti: è quanto Telecom addebita per l'emissione e la successiva spedizione della bolletta stessa. Ma le cose, a quanto pare, sono destinate a cambiare radicalmente.

La cronaca racconta infatti che un giudice di pace di Catanzaro ha ribaltato una precedente decisione in materia affermando che Telecom Italia deve assumersi gli oneri della spedizione. E Telecom ha già rimborsato con un assegno di 187 euro la donna che aveva sollevato il caso tramite l'associazione del consumo Codacons. La somma si deve al fatto che oltre ai 0,20 euro richiesti per i rimborsi delle spesa di spedizione sostenuti dalla ricorrente, Pallini ha anche imposto 60 euro di risarcimento.

Secondo il giudice Luciano Pallini "le spese di emissione della fattura e dei conseguenti adempimenti e formalità non possono formare oggetto di addebito a qualsiasi titolo. Le articolate argomentazioni della Telecom al fine di distinguere l'emissione della fattura dalla sua spedizione, onde legittimare la richiesta di rimborso delle spese e dell' Iva, pur offrendo qualche suggestione di plausibilità, non sono affatto persuasive".
Carlo Rienzi, presidente del Codacons, ha sostenuto che "questa sentenza deve essere applicata a tutti gli utenti costretti a pagare le spese di spedizione della bolletta. Adesso partiranno migliaia di cause analoghe per liberare una volta per tutte l'utente dalla tirannia delle società. E abbiamo anche denunciato alla Guardia di Finanza l'indebita tassazione di una spesa non dovuta per legge".

Va detto che non è la prima volta che viene emessa una sentenza del genere. Su istanza della Federcomin, infatti, nel 2000 a Bologna un giudice di pace aveva imposto a Telecom di restituire le spese di spedizione.

Codacons ha specificato di voler veicolare per conto dei suoi associati le denunce ai giudici di pace di tutta Italia: già c'è un modulo sul suo sito pensato a questo scopo e verranno richiesti rimborsi per quanto speso dagli utenti da 10 anni a questa parte.
35 Commenti alla Notizia La bolletta la paghi Telecom Italia
Ordina
  • buongiorno io hò fatto il contratto per avere l'adsl pensando che poi avrei pagato molto di meno e invece la prima bolletta a sfiorato un po' di più del doppio di 100 euro(cioè un po' di più di 100+100)e qualche giorno fà mi è arrivata la seconda bolletta (un po' meno di 200 euro)ma sempre troppo e io non riesco a capire il motivo perchè ad esempio cos'è la voce sulla bolletta della (teleconomy 24 aziende city) cos'è?????? grazie e attendo qualche risposta alla mia e-mail ( luca-bonaldo@hotmail.it )
    non+autenticato
  • Mi sa che ci hanno guadagnato...
    questa non è pubblicità occulta? Mi pare strano ESATTAMENTE 187?
  • Attenzione, non facciamo la corsa ai rimborsi come e' successo inutilmente per i dialer. Leggete prima cio' che avete firmato sul contratto telecom, cioe' se l'invio della bolletta e' a carico vostro o no. Non fatevi infinocchiare come ai solito dai mass media. Molte banche inviano l'estratto conto a carico vostro, pero' e' scritto nel contratto che firmate quando aprite un conto corrente.
    Quindi se e' scritto nel contratto telecom e' il solito polverone alzato dai mass media cosi' come lo si e' alzato per i dialer.
    non+autenticato
  • Nel contratto, Telecom può scrive quello che vuole, ma è sempre il Codice Civile che regola ogni forma di contratto.
    Ai sensi e per effetto dell' art.21 comma 8 DPR del 26/10/72 n.633,le spese di emissione e spedizione fattura non possono essere oggetto di addebito a qualsiasi titolo.



    ==================================
    Modificato dall'autore il 22/05/2004 10.13.54
  • per esempio quelli che uso io (Tele2 e LombardiaCom)
    Bruco
    2098


  • - Scritto da: Bruco
    > per esempio quelli che uso io (Tele2 e
    > LombardiaCom)

    Fastweb invece e' piu' corretta.
    Si fa pagare la spedizione della fattura cartacea.
    Se uno non la vuole pagare la invia in pdf per mail gratuitamente.

    A me arriva il pdf che mi salvo in una directory e se mi serve su carta me lo stampo e buonanotte.
    non+autenticato
  • si può avere un facsimile di domanda di rimborso?

    grazie
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > si può avere un facsimile di domanda
    > di rimborso?
    >
    > grazie
    ecco da Codacons

    UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI
    RICORSO PER INGIUNZIONE DI PAGAMENTO
    Per il Sig..........................................., C.F??????????..residente in .........................................................................................................................
    che sta in giudizio personalmente ai sensi dell?art. 82 c.p.c.
    CONTRO
    La ................................................................................ (indicare la Società che ha emesso la bolletta/fattura richiedendo il rimborso delle spese di spedizione della stessa, ad es. compagnia telefonica, gas, acqua etc.), in persona del legale rappresentante p.t., con sede in ................... via ...................... n. .....
    PREMESSO
    1) che il sig. .................... è titolare del contratto di                             , utenza n.         con la Società                                         ;
    2) che la Società sopra indicata, al momento dell?emissione della fattura, richiede un rimborso a titolo di contributo per le spese di spedizione per l?importo di ?        ;
    3) che l?art. 21, co. 8 del D.P.R. N. 633/1972 (Legge IVA) prevede espressamente che ?Le spese di emissione della fattura e dei conseguenti adempimenti e formalità non possono formare oggetto di addebito a qualsiasi titolo?. La norma al riguardo è chiarissima: il legislatore ha determinato di porre a carico del soggetto che emette la fattura tutte le spese relative agli adempimenti connessi alla emissione della stessa, come quelli inerenti alla spedizione del documento, all?annotazione sui libri contabili ed alla conservazione dei medesimi.
    Tali oneri, dunque, non possono essere addebitati al consumatore/utente a nessun titolo;
    4) che la Società predetta, quindi, sta contravvenendo a tale divieto, lucrando su chi inconsapevolmente ha eseguito un pagamento non dovuto;
    5) che l?illegittimità della pretesa è stata espressamente affermata dalla sentenza n. 1221, emessa dal Giudice di Pace di Catanzaro Avv. Luciano Pallini in data 20/5/2003, pubblicata il 25/8/2003, nonché dalla sentenza del Giudice di Pace di Bologna, Avv. Cesare Santi, in data 21/2/2003;
    6) che l?esponente, quindi, ai sensi dell?art. 2033 c.c., ha diritto di ripetere quanto ha pagato ed è pertanto creditore nei confronti di .................... della somma di euro .................... La violazione dell?art. 21, ultimo comma, della Legge sull?IVA da parte di quest?ultima, infatti, determina la mancanza di causa della prestazione effettuata dal ricorrente, secondo il principio generale per cui, in caso di indebito oggettivo, chi ha ricevuto un pagamento non dovuto deve restituire quanto percepito insieme ai frutti ed agli interessi;
    7) che sussistono tutti i requisiti di cui all?art. 633 c.p.c.: il credito per cui si agisce è certo, liquido ed esigibile, fondato su prova scritta; l?On. Giudice adito, inoltre, è competente a pronunciarsi al riguardo ex art. 637 c.p.c.
    Tutto ciò premesso il ricorrente
    CHIEDE
    che l?Ill.mo Sig. Giudice di Pace di .................... voglia ingiungere a ........................................, in persona del legale rappresentante p.t., con sede in ...................., via ......................................... il pagamento della somma di ? ?????.oltre interessi, rivalutazione monetaria nonché le spese del presente procedimento.
    Ai fini dell?applicazione della legge sul contributo unificato si dichiara che il valore della presente controversia è inferiore ad ? 516,00.
    Si allega copia della bolletta citata, nonché della sentenza n. 1221/2003 del Giudice di Pace di Catanzaro.

    .............................(data)            F.to: ........................


    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)