Un impegno concreto: più galera per tutti

Ettore Panella (NewGlobal.it) interviene sulla vicenda del DL Urbani e su quello che sta accadendo in rete attorno al diritto d'autore

Roma - Sorprende molto il cambio di rotta della Casa delle Libertà rispetto al decreto Urbani. Contrariamente a quanto dichiarato alla stampa attraverso suoi esponenti autorevoli, ovvero che avrebbero distinto tra chi viola il copyright per crearsi un mercato alternativo, (i pirati), e chi invece lo viola senza fini di lucro, il provvedimento licenziato alla Camera dei Deputati presenta un subdolo cavallo di Troia, capace di smentire le ripetute rassicurazioni degli ultimi giorni. Infatti il provvedimento non distingue più tra colui che agisce a scopo di lucro e chi no, ma adopera la pericolosissima espressione "per trarne profitto".

E' evidente che chiunque scarichi un brano musicale per ascoltarlo non lo fa a scopo di lucro, ma ne trae comunque profitto e, quindi, passerebbe dall'illecito amministrativo, passibile semplicemente di una multa, all'illecito penale, punibile col carcere fino a 3 anni e, comunque, con conseguenze non lievi.

In molti parlano di una svista, ma la cosa onestamente non è plausibile, considerata la presenza alla Camera dei Deputati di professionisti di chiara fama: si tratta sicuramente di una scelta. Una scelta che a noi di NewGlobal.it appare incredibile, la violazione del copyright non è affatto percepita come reato da praticamente tutto il popolo italiano.
Lo stesso on. Berlusconi la indicò come esempio di comportamento illecito inconsapevole, essendo entrato nella consuetudine dei comportamenti della totalità, o quasi, delle persone. Basta chiedere in giro per capire che in un' ipotetica retata finirebbe la stragrande maggioranza del popolo italiano e la quasi totalità dei giovani. Dove pensano di trovare galere abbastanza capaci per tutti? In un paese dove i veri criminali non scontano le pene loro comminate, perché alcuni ragazzi dovrebbero diventare i capri espiatori di chi ha voglia di mostrare i muscoli, prendendosela come al solito, e come sempre, con i più deboli? Perché in un Paese dove le famiglie hanno difficoltà a giungere a fine mese e dove sempre più spesso si fanno debiti per sostenere non le spese straordinarie, ma addirittura il pagamento delle bollette, e dove perfino i ladri cominciano a snobbare gli appartamenti, dove ormai, se va bene, possono trovare solo cambiali, non si è scelto di applicare semplicemente una pena pecuniaria che, data la grave situazione economica delle famiglie, sarebbe stata comunque una punizione dura.

Siamo consapevoli che nel breve lasso di tempo, occorrente all'approvazione definitiva del dl Urbani, non si potranno affrontare esaustivamente tutti i nodi della questione, estremamente complessa, e per questo ci riserviamo di preparare una proposta di legge seria e completa da sottoporre a tutti gli Onorevoli, alla ripresa dei lavori parlamentari, dopo elezioni e vacanze estive.

Riteniamo però opportuno proporre fin d'ora il veto allo Stato e/o a sue componenti periferiche di finanziare le opere cinematografiche che non verranno rilasciate secondo la licenza Creative Commons, essendo di certo inaccettabile che gli italiani versino tasse all'erario perché lo Stato regali soldi ai produttori. Riteniamo che, se lo Stato finanzia un'opera, automaticamente ne diventi produttore e/o coproduttore e che perciò il cittadino italiano non debba pagare come al solito due volte per la fruizione del prodotto artistico.

In attesa di un serio lavoro del mondo politico, di concerto con tutti i soggetti coinvolti, speriamo in un atteggiamento ragionevole degli onorevoli Senatori, capaci di superare le logiche di bandiera e di operare realmente nell'interesse di TUTTO il paese.

Ettore Panella
NewGlobal.it
TAG: p2p
76 Commenti alla Notizia Un impegno concreto: più galera per tutti
Ordina
  • fate solo chiacchiere,ipotesi,distinguo,accuse,difese...sprecate solo fiato...io invece nn mi agito per nulla..appena approvano la legge al senato mi do da fare per far partire il referendum abrogativo della legge urbani...e poi ci facciamo 4 risate..certo nn sarà facile far votare il 50% + 1 degli aventi diritto...ma lavorando bene....ciao
    non+autenticato
  • si parla tanto di "vigilanza sui prezzi"...

    io posso vigilare su quello che voglio, ma a NESSUNO posso imporre un prezzo, questo deve essere ben chiaro. Il 99% degli articoli in vendita, dal pane alla benzina, dalle scarpe ai cellulari, sono LIBERI dal controllo dello Stato, escluso quello che riguarda il carico fiscale (le tasse da pagarci sopra, l'iva etc etc).
    Mai e poi mai lo stato può andare in un panificio e dire "il tuo pane costa troppo, un mese fa costava meno, abbassate il prezzo!" NON ESISTE!!!
    Accadeva nella vostra beneamata CCCP, USSR, URSS, chiamatela come vi pare, ma qui no!

    L'euro di per se non ha fatto un bel niente, ne' in negativo ne' in positivo. Se domani usciamo dai parametri di Maastricht ci troviamo con il culo per terra perchè perdiamo una barca di aiuti, però per starci dentro occorre un forte carico fiscale e una quantità di tagli alla spesa pubblica da spavento!!!! Poi non mi sembra che senza euro in Europa negli ultimi 50 anni ci siano state situazioni "da Argentina", se non nei paesi al di là della vecchia "cortina di ferro", dopo il crollo del comunismo.

    Anche sui costi l'euro non fa niente, però per quei deliquenti dei commercianti (non tutti, ma la maggior parte sì) è più facile aumentare i prezzi imbrogliando la gente sul vero costo degli beni. E la cosa è ancora più facile da attuare se nel mercato italiano ed europeo la concorrenza è ZERO, perchè tutto è gestito tramite cartelli agevolati da associazioni e balle varie.
    Se un settore va male, ora, anzichè lasciare che la legge della domanda e dell'offerta compia il suo dovere, si chiedono gli aiuti alla comunità europea, che con un assistenzialismo statalista da paese socialista-marxista.

    Al tempo stesso l'euro ha danneggiato la bilancia import/export, perchè se l'euro era troppo debole l'europa perdeva peso politico/economico, se l'euro era troppo forte era impossibile fare esportazioni verso gli USA.

    Ah dimenticavo, l'Europa per l'Italia sta facendo moltissimo: finanzia migliaia di corsi inutili se non inesistenti (le truffe alla ex-cee si sono sprecate). Nel frattempo ci hanno tolto centinaia di prodotti "made in Italy" che adesso sono riproducibili da ogni paese del globo. E, se non sbaglio, il mercato unico europeo sta forse facendo qualcosa per impedire l'invasione asiatica dei mercati europei? O sta forse facendo qualcosa per fermare la politica abominevole delle major e delle multinazionali americane e straniere? E aspettate di vedere fra un po', quando entreranno nel'orbita dell'Europa unita altri paesi più poveri dell'Italia (ex comunisti), vedrete quanti aiuti continuerà a ricevere l'Italia....

    Meditate "miei Prodi", meditate, e toglietevi da dinanzi gli occhi le fronde di querce e ulivi che avete!
    non+autenticato
  • chiedo scusa, questo post rientrava nel seguente thread:

    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=6147...

    mi scuso ancora per l'inconveniente
    non+autenticato

  • -> Anche sui costi l'euro non fa niente,
    > però per quei deliquenti dei
    > commercianti (non tutti, ma la maggior parte
    > sì) è più facile
    > aumentare i prezzi imbrogliando la gente sul
    > vero costo degli beni.

    Cerca di ricordare (se la capienza del tuo cervello fosse sufficiente) che il prezzo finale è composto dal costo di acquisto del bene e dalle spese di gestione che un'attività commerciale prevede:
    Trasporto delle merci: 30-40% in più (e secondo te gli aumenti delle assicurazioni e dei carburanti non li paghiamo noi "ladri"?)
    Fitti commerciali: 100-150% di aumento medio. T'è piaciuta la liberalizzazione selvaggia dei canoni, tanto cara a voi di destra? ...ora pedala e ZITTO!
    Non hai notato quanti negozi hanno chiuso o "cambiato gestione" negli ultimi anni? Secondo te chiudiamo per capriccio o perchè i costi sono diventati insopportabili?
    Ed è ovvio che buona parte di questi aumenti siano ricaduti sul prezzo delle merci. Ma questo è meglio non dirlo, fa poco "IMPEGNO CONCRETO" (x chi avesse poca memoria era lo slogan del nano). La realtà è che (in questo concordo almeno in parte) l'euro non c'entra (in germania ha fatto "danni" x un 25-30%, in Francia poco più..), la mancanza di una politica economica, la liberalizzazione selvaggia di tariffe assicurative/fitti commerciali/, interessi bancari...
    una sola cosa.... vergognati
    non+autenticato
  • > Cerca di ricordare (se la capienza del tuo
    > cervello fosse sufficiente) che il prezzo
    > finale è composto dal costo di
    > acquisto del bene e dalle spese di gestione
    > che un'attività commerciale prevede:
    > Trasporto delle merci: 30-40% in più
    > (e secondo te gli aumenti delle
    > assicurazioni e dei carburanti non li
    > paghiamo noi "ladri"?)
    > Fitti commerciali: 100-150% di aumento
    > medio. T'è piaciuta la
    > liberalizzazione selvaggia dei canoni, tanto
    > cara a voi di destra? ...ora pedala e ZITTO!

    la benzina non è aumentata tantissimo in questo periodo, ci sono stati periodi ben peggiori... con o senza guerre... idem per gli affitti degli immobili. Per non parlare invece delle agevolazioni a favore delle attività commerciali soprattutto nei centri storici e per i giovani esercenti, che sono presenti in quasi tutti i comuni (almeno nella zona in cui vivo)

    > Non hai notato quanti negozi hanno chiuso o
    > "cambiato gestione" negli ultimi anni?
    > Secondo te chiudiamo per capriccio o
    > perchè i costi sono diventati
    > insopportabili?

    Non ho notato una particolare flessione delle attività, almeno nella mia zona... quei pochi che hanno chiuso erano anziani per problemi di salute. Molti giovani comunque hanno aperto nuove attività al loro posto.
    comunque, molti chiudono perchè in alcuni casi la concorrenza dei centri commerciali è insostenibile... altri chiudono x "affari loro". Molti negozi nuovi invece aprono, soprattutto in franchising.

    > Ed è ovvio che buona parte di questi
    > aumenti siano ricaduti sul prezzo delle
    > merci. Ma questo è meglio non dirlo,
    > fa poco "IMPEGNO CONCRETO" (x chi avesse
    > poca memoria era lo slogan del nano). La
    > realtà è che (in questo
    > concordo almeno in parte) l'euro non c'entra
    > (in germania ha fatto "danni" x un 25-30%,
    > in Francia poco più..), la mancanza
    > di una politica economica, la
    > liberalizzazione selvaggia di tariffe
    > assicurative/fitti commerciali/, interessi
    > bancari...
    > una sola cosa.... vergognati

    vergognati tu, che al pari di molti commercianti probabilmente al posto del cervello hai solo un registratore di cassa. Le associazioni di commercianti girano a seconda di come tira il vento... qualsiasi cosa gli possa fruttare un guadagno è bene, qualsiasi cosa gli provochi una perdita è un male, poco importa cosa ciò comporti al resto della gente.
    Per capire che razza di categoria siate, basti pensare che qualcuno voleva denunciare i giornalisti che avevano fatto le previsioni meteo a Pasqua dove si diceva che in Italia avrebbe piovuto x il weekend. E siccome ha piovuto solo in mezza Italia volevate denunciarli per presunte perdite di non so quanti milioni di euro!!! Oppure, per fare un altro esempio vi ricordate gli albergatori che volevano chiedere i danni a berlusconi per il caso diplomatico ITA-GER che aveva fatto disdire le ferie in Italia a Schroeder?
    Fareste ridere i polli, se non fosse che a causa vostra la gente ha il potere d'acquisto ridotto a zero!
    non+autenticato
  • si continua a votare forza italia tu,che secondo me davanto agli occhi ed alle orecchie hai le fette di prosciutto....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > si continua a votare forza italia tu,che
    > secondo me davanto agli occhi ed alle
    > orecchie hai le fette di prosciutto....

    bella obiezione, molto originale... se per formularla ci hai pensato sopra per più di un microsecondo probabilmente hai dei problemi...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > si parla tanto di "vigilanza sui prezzi"...
    >
    > io posso vigilare su quello che voglio, ma
    > a NESSUNO posso imporre un prezzo, questo
    > deve essere ben chiaro. Il 99% degli
    > articoli in vendita, dal pane

    esiste il pane calmierato
    non+autenticato
  • E' la disgustosa arroganza e presunzione con cui il signor urbani osa definire "puramente simboliche" multe da migliaia di euro.....

    Ma questa gente superpagata e fuori dalla realtà si rende conto che per molte persone una di queste multe può facilmente mettere in crisi un intero bilancio familiare ?
    non+autenticato
  • Una frase saggia come questa la si legge di rado; c'è solo da capire se la si pensa realmente oppure è solo "per farsi vedere". Comunque è la più giusta sentita fino ad ora!

    Cito testualmente dall'articolo!

    In un paese dove i veri criminali non scontano le pene loro comminate, perché alcuni ragazzi dovrebbero diventare i capri espiatori di chi ha voglia di mostrare i muscoli, prendendosela come al solito, e come sempre, con i più deboli? Perché in un Paese dove le famiglie hanno difficoltà a giungere a fine mese e dove sempre più spesso si fanno debiti per sostenere non le spese straordinarie, ma addirittura il pagamento delle bollette, e dove perfino i ladri cominciano a snobbare gli appartamenti, dove ormai, se va bene, possono trovare solo cambiali, non si è scelto di applicare semplicemente una pena pecuniaria che, data la grave situazione economica delle famiglie, sarebbe stata comunque una punizione dura.
    non+autenticato
  • eh no... visto che per certi reati la pena può essere comminata in sanzione. Cioè: pagando, pagando e pagando.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 29/04/2004 15.17.47
  • Viste le pene previste dal decreto Urbani non conviene piu' divertirsi scaricando musica o film.
    E' meglio rubare direttamente nei negozi.

    Se poi mi trovano il dischi in casa, dovranno riconoscere che sono gli originali. E se non li rivendo non possono neanche accusarmi di ricettazione.
    Tanto per furto semplice non va più in galera nessuno, e non ci sono multe da pagare....
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)