Dalla Sierra Leone un'email tra le pallottole

Un ufficiale inglese del contingente ONU bloccato dalla guerra civile in Sierra Leone ha inviato alla moglie un messaggio email nonostante l'accerchiamento da parte dei ribelli

Freetown (Sierra Leone) - "Cara, sto bene e sono anche di buon umore": questa la sintesi del messaggio inviato alla moglie da un ufficiale inglese che si trova bloccato con il contingente ONU in Sierra Leone, paese africano nel pieno della guerra civile.

Il Maggiore Andy Harrison ha inviato la sua email dalla città di Kailahun, nella zona orientale della Sierra Leone, un luogo controllato dalle truppe ONU, principalmente indiane, che sono però accerchiate e bloccate al suo interno dal Fronte rivoluzionario unito.

Da quanto si apprende, la notizia dell'email non è arrivata come ci si potrebbe attendere dalla moglie ma da fonti di Freetown, anche se la Reuters non fornisce particolari sul come il messaggio sia stato inviato. Harrison era stato per qualche tempo ostaggio dei ribelli che gli hanno poi consentito di unirsi al battaglione indiano.
TAG: mondo