DL Urbani, i pericoli per il software

Ne parla FSF Europe che affronta uno dei problemi sollevati dalla normativa ora all'attenzione del Senato: le implicazioni sul software. Un favore alla SIAE

Roma - "Del decreto Urbani ci amareggia non solo il suo contenuto, che costituisce una concreta minaccia al libero mercato e alla comunità degli sviluppatori del software libero. L'elemento che lascia più perplessi è l'atteggiamento di alcuni politici che dichiarano di aver sostenuto con atti concreti le istanze che la FSF Europe porta avanti, ma, vittime di una "svista", hanno trasformato un decreto limitato e circoscritto in un'arma che mette a repentaglio il lavoro di un'intera comunità di sviluppatori e utenti informatici rispettosi della legge".

Così Stefano Maffulli, presidente della sezione italiana della Free Software Foundation Europe, è tornato ieri sulla questione più calda di queste settimane, la conversione in legge del provvedimento voluto dal ministro dei Beni culturali su cinema e pirateria.

Secondo FSF certi politici "che si sono dichiarati garanti del software libero" nel Palazzo ora "hanno perso un'importante occasione per difenderne i diritti".
La contestazione di FSF si concentra sul primo articolo del decreto che, al primo comma, prevede l'introduzione di numerosi adempimenti allo scopo di verificare che si sia ottemperato agli obblighi di legge derivanti dal diritto d'autore. Nello specifico, il riferimento è a tutte le opere dell'ingegno distribuite via Internet, fra cui evidentemente è compreso il software.

Questi obblighi, che parrebbero introdurre una sorta di bollino virtuale, costituirebbero secondo FSF "un grave impedimento" all'attività creativa ed economica di quegli autori che, come accade nell'ambito del software libero, non hanno interesse alcuno a limitare la circolazione del loro lavoro, ma che anzi per propria scelta la incentivano.

"Di nuovo un favore alla SIAE - attacca Maffulli - un'istituzione in rotta di collisione con la modernità e con la libera circolazione del sapere, esattamente come accadde nel 2000 con la legge di riforma del diritto d'autore".

Sul merito della conversione in legge del decreto, FSF chiede che si modifichi il primo comma del primo articolo affinché "gli obblighi di cui sopra non si applichino al software libero e, più in generale, a quelle opere dell'ingegno di cui il legittimo autore abbia esplicitamente autorizzato la copia e la libera distribuzione al pubblico". In alternativa FSF chiede di "stralciare l'intero comma affinché il suo contenuto normativo possa essere trattato più ampiamente e democraticamente in altra sede".
46 Commenti alla Notizia DL Urbani, i pericoli per il software
Ordina
  • Premetto che non sono un P2P abitudinario, ogni tanto, però qualcosa la scarico anch'io. Se domani passa il decreto, così come passerà, torno al mio vecchio hobby. Disdetta Adsl (è una questione di principio. Dov'è andata a finire la mia privacy?), ed investimento della stessa cifra in un maneggio. Riacquisto un cavallo, e vai!!! Questa estate prevedo lunghe passeggiate a contatto con la natura e con la gente, alla faccia di Urbani e di quanti la pensano come lui. Se poi le cose col tempo si aggiusteranno... un giorno ... forse ... chissà...!!!
    Grazie Urbani, per quello che inconsapevolmente stai facendo per me. So che a molti questo post non interesserà. Vi prego di considerarlo come un momento di sfogo, come un atto di solidarietà nei confronti del popolo della rete che in questi giorni, forse, sta vedendo tramontare un vecchio sogno, un'utopia, "la Libertà" quella vera!!!
    W l'Italia.
    non+autenticato
  • Domani sera, ore 22,35, su Radio 24 c'è un dibattito di circa un'ora su Decreto Urbani con Cortiana e Carlucci.
    Da seguire. Si può intervenire con telefono e SMS.
    non+autenticato
  • io faccio presto:

    se passa mi addio alice torno all'isdn flat

    se fate come me non paasera' mai
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > io faccio presto:
    >
    > se passa mi addio alice torno all'isdn flat
    >
    > se fate come me non paasera' mai

    ecco bravo! "addiaci" anche noi oltre che alice cosi' almeno la finiamo con sta storia delle disdette!
    Telecom non dice nulla perche' per lei conta molto di piu' (economicamente) la rendita dei favori che i politici gli fanno come ex monopolista!
    Pollo!A bocca aperta
    non+autenticato
  • :|
    Ma per quale motivo se io decido di creare e distribuire gratuitamente un prodotto lo stato tenta in tutti i modi di farmelo "registrare" e/o "etichettare" ?

    La risposta la sappiamo tutti.. per i dindi $$$

    Però ritengo che questa volta sia troppo e che questo obbligo leda uno dei più sacrosanti diritti, cioé quello della libertà personale. E' un obbligo anti-democratico, è esattamente come prendere una persona e dirgli :
    - da oggi tu non potrai più regalare 1 centesimo alla tua nipotina , se lo farai dovrai registrare questa operazione
    - da oggi tu non potrai più regalare 1 centesimo al mendincante , se lo farai dovrai registrare questa operazione
    - da oggi i regali di natale verranno aboliti, perché è proibito dare un oggetto gratuitamente ...

    Pensateci bene .. è =
    Io lavoro e sviluppo un prodotto .... quindi investo il mio tempo, il che equivale a comprare un bene, poi decido di regalarlo a qualcuno, di condividerlo... INVECE NO.. visto che non ci guadagno io allora ci pensa lo STATO ...

    IL software libero deve rimanere tale, nessun pagamento, nessuna restrizione, nessun bollino... anzi un bollino sì, però decidiamo noi dove metterlo ed a chi .. hihihihi

    Pensavo un'altra cosa ... rompono tanto con la musica su internet, multe a go go, penali, .... non entro nel merito di sto schifo di leggi
    Ma mi chiedo ... ma questo lo si fà da quando c'è la radio...si registra dalla radio, si duplicano le audio cassette, oppure si mettono le canzanodi sulla cassetta prendendole dal cd... però questo non l'hanno mai controllato .. perché ?
    Semplice, non c'era ritorno, non era evidentemente così semplice e fruttuoso come ora con i cd...

    Fa Schifo !
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)