Dobloni per l'IT nelle micro-imprese

13 milioni di euro: questo il valore del progetto approvato dal ministero all'Innovazione di Lucio Stanca per favorire la digital revolution nelle più piccole realtà. Una prima fettina di dolce

Roma - Più del 50 per cento dei dipendenti italiani lavora in quelle che vengono definite micro-imprese, realtà da meno di dieci dipendenti che sono l'obiettivo di un progetto sperimentale di finanziamento: 13 milioni di euro buttati sul piatto dal ministero all'Innovazione. Lo scopo è evidentemente quello di spingere innovazione e tecnologia in questo tessuto produttivo.

"Questa costellazione aziendale - ha dichiarato il ministro Lucio Stanca - da sola rappresenta il 97 per cento del sistema imprenditoriale nazionale, con 6,5 milioni di micro-imprese che danno lavoro ad oltre 8,5 milioni di persone, il 53 per cento dei dipendenti italiani, e contribuiscono alla formazione del 34 per cento del valore aggiunto totale del sistema Italia".

Il Comitato dei Ministri per la Società dell'informazione, braccio operativo presieduto dallo stesso Stanca, intende con questo primo finanziamento spingere le imprese verso il commercio elettronico, in modo da consentire loro di accedere ai marketplace digitali del business-to-business. Ma si punta anche a sostenere "la costituzione di centrali d'acquisto e di logistica per via elettronica di beni e servizi" nonché l'utilizzo dei canali digitali per dialogare con la pubblica amministrazione e le altre aziende, "ma anche - spiega una nota del Ministero - per accrescere il loro livello imprenditoriale e la loro competitività".
Una parte consistente dei destinatari di questa prima tranche per l'innovazione sono le società dei servizi e del commercio, dove si punterà, anche attraverso le associazioni di categoria a rendere più fertili le micro-imprese implementando assistenza e formazione.

Stanca ha spiegato che "se il progetto pilota avrà successo, verrà poi aumentata la dotazione finanziaria anche con il concorso delle categorie interessate". Il Ministro ha spiegato che "per la loro natura e dimensione, le micro-imprese non godono di particolari sostegni e, invece, hanno difficoltà a percorrere la strada dell'innovazione tecnologica".
9 Commenti alla Notizia Dobloni per l'IT nelle micro-imprese
Ordina
  • Sembra interessante. Ma per saperne di più?
    non+autenticato
  • Finalmente dopo tanti nomi di ministri insignificanti( di nome e di fatto)mai nome piu' appropriato per un Ministro: "STANCA".
    Ti "Stanca" perchè:
    * stanchi di sentire buoni propositie chiacchere
    * stanchi di rincorrere finanziamenti concessi solo al "giro"
    * stanchi di cacciare i soldi sempre dalle nostre tasche sempre piu' vuote e vedere chi le tasche le ha già piene con finanziamenti statali per opere e servizi fantasmi.
    * stanchi di sentirsi dire "che le micro imprese rappresentano il x% del mercato e che da sole garantiscono Y% di occupazione" e che per questo vanno tenute in considerazione ed aiutate.
    * stanchi di sapere quanti soldi vanno a finire nelle tasche degli imprenditori del Nord e sentire a quelle teste di ... della lega "ROMA LADRONA" e poi vederli strafottersi mezzo bilancio del Governo.
    ...insomma stanchi di tutto.
    Provi il ministro a chiedere finanziamenti in Sicilia (ovviamente in incognito) e poi ci dica come avrà fatto ad ottenerli.
    un piccolo imprenditore "STANCO "
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Finalmente dopo tanti nomi di ministri
    > insignificanti( di nome e di fatto)mai nome
    > piu' appropriato per un Ministro: "STANCA".
    > Ti "Stanca" perchè:
    > * stanchi di sentire buoni propositie
    > chiacchere
    > * stanchi di rincorrere finanziamenti
    > concessi solo al "giro"
    > * stanchi di cacciare i soldi sempre dalle
    > nostre tasche sempre piu' vuote e vedere chi
    > le tasche le ha già piene con
    > finanziamenti statali per opere e servizi
    > fantasmi.
    > * stanchi di sentirsi dire "che le micro
    > imprese rappresentano il x% del mercato e
    > che da sole garantiscono Y% di occupazione"
    > e che per questo vanno tenute in
    > considerazione ed aiutate.
    > * stanchi di sapere quanti soldi vanno a
    > finire nelle tasche degli imprenditori del
    > Nord e sentire a quelle teste di ... della
    > lega "ROMA LADRONA" e poi vederli
    > strafottersi mezzo bilancio del Governo.
    > ...insomma stanchi di tutto.
    > Provi il ministro a chiedere finanziamenti
    > in Sicilia (ovviamente in incognito) e poi
    > ci dica come avrà fatto ad ottenerli.
    > un piccolo imprenditore "STANCO "

    Non ti credere, guarda che è così anche al Nord. Prova a venire quà a lavorare ed a chiedere finanziamenti che vedrai che non sarà poi così diverso. Io per avere 20.000 ? di fido dalla banca ho dovuto far firmare mio padre ed impegnare una casa che vale non meno di 500.000 ? altrimenti "ciccia" .... e prova a chiedere un aumento di fido perchè c'è la crisi ... ti guardano pure male ... ma tant'è, i soldi li devono dare ai soliti (diciamo Cirio e Parmalat per par condicio geografica).
    Diciamola tutta la verità, è che i soldi non vanno ai veri imprenditori che mandano avanti l'Italia, siano essi del Nord, del Centro o del Sud, soprattutto se sono a fondo perduto ... e queste cose ormai le sa anche il CANE CHE PASSA PER STRADA, e quindi la piantino di prenderci per i fondelli con questi proclami pre-elettorali!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Sembra interessante. Ma per saperne di
    > più?
    hai amici tra gli amici?
    noo? allora non le trovi!A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Sembra interessante. Ma per saperne di
    > più?

    Qui ci sono degli inidirizzi di posta elettronica:

    http://www.innovazione.gov.it/ita/scrivi/scrivi.sh...

    L'ultima volta che ho scritto (un anno fa) mi hanno risposto in un paio di giorni.

    P.S. Facci sapere, che penso possa interessare molti!
    non+autenticato

  • ... questi sono i nostri soldi dati in sacrificio per voi.

    1) Questi finanziamenti, si esauriscono nell'arco delle 24 ore dall'annuncio (e' piu' una man bassa che un finanziamento)

    2) Nonostante i precedenti finanziamenti, nessuna azienda italiana spicca per aver fatto qualcosa di innovativo. Dove sono finiti i soldi? Erano a fondo perduto? Se non lo erano, sono tornati? E se lo erano, in mano a chi sono finiti?

    3) Se non conosci qualcuno che conta, il finanziamento non arrivera' mai.

    Auguri.

    non+autenticato

  • > ... Dove sono
    > finiti i soldi? Erano a fondo perduto? Se
    > non lo erano, sono tornati? E se lo erano,
    > in mano a chi sono finiti?

    a fondo perduto non vuol dire che vengono buttati nel cesso, vuol dire che è un finanziamento che non deve essere restituito (un "regalo" insomma).

    il ritorno è nel "miglioramento" dell'azienda per mezzo della realizzazione del progetto

    sono finiti in mano alle aziende! che poi i soldi che partono da Roma non escano dal raccordo anulare è un'altra questione.

    ma non generalizzare, è già difficile quando si prendono le cose seriamente... sputtanando tutto e tutti non se ne viene fuori...

    andrea

    (uno che è riuscito ad avere un piccolo finanziamento, però dalla Camera di Commercio della mia provincia, non da Roma!)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > ... Dove sono
    > > finiti i soldi? Erano a fondo perduto?
    > Se
    > > non lo erano, sono tornati? E se lo
    > erano,
    > > in mano a chi sono finiti?
    >
    > a fondo perduto non vuol dire che vengono
    > buttati nel cesso, vuol dire che è un
    > finanziamento che non deve essere restituito
    > (un "regalo" insomma).
    >
    > il ritorno è nel "miglioramento"
    > dell'azienda per mezzo della realizzazione
    > del progetto
    >
    > sono finiti in mano alle aziende! che poi i
    > soldi che partono da Roma non escano dal
    > raccordo anulare è un'altra
    > questione.
    >
    > ma non generalizzare, è già
    > difficile quando si prendono le cose
    > seriamente... sputtanando tutto e tutti non
    > se ne viene fuori...
    >
    > andrea
    >
    > (uno che è riuscito ad avere un
    > piccolo finanziamento, però dalla
    > Camera di Commercio della mia provincia, non
    > da Roma!)

    ma rileggi meglio prima di rispondere
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > > ... Dove sono
    > > > finiti i soldi? Erano a fondo
    > perduto?
    > > Se
    > > > non lo erano, sono tornati? E se lo
    > > erano,
    > > > in mano a chi sono finiti?
    > >
    > > a fondo perduto non vuol dire che
    > vengono
    > > buttati nel cesso, vuol dire che
    > è un
    > > finanziamento che non deve essere
    > restituito
    > > (un "regalo" insomma).
    > >
    > > il ritorno è nel "miglioramento"
    > > dell'azienda per mezzo della
    > realizzazione
    > > del progetto
    > >
    > > sono finiti in mano alle aziende! che
    > poi i
    > > soldi che partono da Roma non escano dal
    > > raccordo anulare è un'altra
    > > questione.
    > >
    > > ma non generalizzare, è
    > già
    > > difficile quando si prendono le cose
    > > seriamente... sputtanando tutto e tutti
    > non
    > > se ne viene fuori...
    > >
    > > andrea
    > >
    > > (uno che è riuscito ad avere un
    > > piccolo finanziamento, però dalla
    > > Camera di Commercio della mia
    > provincia, non
    > > da Roma!)
    >
    > ma rileggi meglio prima di rispondere

    E u prova ad accendere il cervello!

    non+autenticato