Microsoft Tour Scuole 2004

Office 2003 per docenti

Roma - E' partito ieri il Tour Scuole 2004, un ciclo di incontri che toccherà in una prima fase 18 città italiane, eventi organizzati da Microsoft e rivolti agli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado. L'idea è di fornire non solo strumenti software che possono essere usati dai docenti ma anche una serie di informazioni e competenze da utilizzare in ambito didattico.

"Il ciclo di incontri della durata di mezza giornata e interamente gratuiti - si legge in una nota - prevede approfondimenti su Microsoft Office 2003, con un particolare focus sugli scenari di utilizzo degli strumenti informatici nella didattica. I seminari infatti dedicheranno ampio spazio a illustrare come, grazie alla tecnologia, sia possibile organizzare le informazioni e le conoscenze, creando nuove forme di comunicazione. Per esempio i docenti potranno apprendere come realizzare un archivio di dati, costruire un sito Web, condividere in rete idee e risorse scambiandosi esperienze e materiali didattici, visualizzare e preparare le lezioni scolastiche in modo nuovo e più stimolante da proporre ai propri studenti".

Il calendario degli appuntamenti e i form di iscrzione sono disponibili qui
TAG: microsoft
50 Commenti alla Notizia Microsoft Tour Scuole 2004
Ordina
  • Io non sono un insegnante, ma talvolta i conoscenti mi chiedono di illuminarli sull'uso del computer.

    Ogni volta l'esperienza è degradante.

    Nessuno, dico NESSUNO vuole CAPIRE il computer. E' inutile spiegare certi concetti fondamentali (tipo cos'è un file), vogliono solo sapere "dove devo premere/cliccare per fare questo o quello?"

    Gente che usa il PC da anni e quando deve fare cose come masterizzare un CD o scompattare uno zip tira fuori una pagina di appunti con liste di istruzioni tipo "cliccare sull'icona tale", menu "questo", clicca qui, digita lì, premi sulla frecciolina che compare un menu da cui si sceglie questo... Questi NON HANNO ASSOLUTAMENTE IDEA di cosa fanno. Sanno solo che seguendo quelle istruzioni arriveranno al risultato desiderato. Ed è inutile che tenti persino di spiegare loro percorsi più brevi, oppure (meglio) cerchi di far capire il significato dei comandi che impartiscono. NO, niente da fare.

    Come fai a far usare openoffice a qualcuno che conosce solo l'interfaccia di word ed è convinto che "a usare il pc si fa così"?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Come fai a far usare openoffice a qualcuno
    > che conosce solo l'interfaccia di word ed
    > è convinto che "a usare il pc si fa
    > così"?

    Guarda che per arrivare a cio' M$ sono anni che studia e fa un lavoro di fino alle proprie interfacce e programmi.
    Non per nulla i programmi M$ nascondo abbastanza i tecnicismi e le sigle. In Outlook trovi scritto POP3 o SMTP?
    E quando importi o esporti grafica i programmi M$ ti permettono di regolare trasparenze alpha channel o altri dettagli chiamandoli con il loro vero nome?

    Il lavoro di M$ nelle scuole serve anche a questo.
    Creare futuri utilizzatori passivi dei suoi programmi. Non e' insegnare informatica, ma insegnare procedure automatizzate, che e' una cosa totalente differente.

    --
    Ciao.
    Mr. Mechano
    mechano@punto-informatico.it
  • Mechano, hai scritto prima che con il tuo LUG hai seguito un progetto nelle scuole. Avete per caso pubblicato una relazione, un resoconto di qualche genere, sul vostro sito web? Lo leggerei con molto piacere.
    Personalmente non sono molto esperta di computer. Quando andavo a scuola io, alle superiori, ci hanno dato una "spolverata" di concetti base di DOS, cosa che ogni tanto mi viene ancora utile. In seguito avevo sempre e solo usato Win, per lavoro, poi ho conosciuto Linux, istallato a casa, e ho imparato (e sto imparando) moltissime cose... insomma, non ce n'è di balle, un computer Win si usa senza capirlo. La stessa cosa si può fare anche con un computer Linux. Però non appena si vuole approfondire, lo si fa, si imparano i nomi giusti delle cose, cosa fanno, come funzionano.............
    Fan Linux

    Miss Nik Dyom

  • - Scritto da: Mechano
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Come fai a far usare openoffice a
    > qualcuno
    > > che conosce solo l'interfaccia di word
    > ed
    > > è convinto che "a usare il pc si
    > fa
    > > così"?
    >
    > Guarda che per arrivare a cio' M$ sono anni
    > che studia e fa un lavoro di fino alle
    > proprie interfacce e programmi.
    > Non per nulla i programmi M$ nascondo
    > abbastanza i tecnicismi e le sigle. In
    > Outlook trovi scritto POP3 o SMTP?
    > E quando importi o esporti grafica i
    > programmi M$ ti permettono di regolare
    > trasparenze alpha channel o altri dettagli
    > chiamandoli con il loro vero nome?
    >
    > Il lavoro di M$ nelle scuole serve anche a
    > questo.
    > Creare futuri utilizzatori passivi dei suoi
    > programmi. Non e' insegnare informatica, ma
    > insegnare procedure automatizzate, che e'
    > una cosa totalente differente.
    >

    mi dispiace ma non sono d'accordo con te...

    bisogna invece ammettere che microsoft è una software house che come tante altre, vuole diffondere l'uso del computer e non la conoscenza di tecnicismi...

    questa è la sottile differenza che distingue tante software house dalle comunità estreme open source...

    mettetevi in testa che la gente comune deve sapere i passaggi da eseguire per arrivare al risultato e non farsi una cultura pseudo-tecnica... quest'ultima lasciamola agli addetti ai lavori...

    ergo, open office rimarrà sempre all'ombra...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > mettetevi in testa che la gente comune deve
    > sapere i passaggi da eseguire per arrivare
    > al risultato e non farsi una cultura
    > pseudo-tecnica... quest'ultima lasciamola
    > agli addetti ai lavori...
    >
    > ergo, open office rimarrà sempre
    > all'ombra...

    Scusa?
    Si può perfettamente imparare ad USARE open office come si impara ad usare word, cioè senza indagare sul come e perchè funziona. L'hai mai visto?

    Personalmente concordo con Mechano che ritiene che la scuola debba formare. Va bene insegnare ad usare un word processor, un foglio di calcolo e così via.
    Se prima ci mettiamo qualche conoscenza informatica generale magari è meglio....

  • Evangelizzazione, addestramento, lobotomizzazione, robotizzazione, rincoglionimento.

    E' solo propaganda, l'obiettivo e' tra quelli elencati in alto.
    La creazione di eserciti di utenti Winzozz e Offiz, che inonderanno il mondo del lavoro conoscendo solo e soltanto quei prodotti.

    Perfetti imbecilli che non sapranno mai che esistono le shell, che l'informatica e' fatta di silicio prima ancora che di icone traslucide.

    Gli esperimenti Linux a scuola sono stati fatti e le risposte sono unanimi: Linux insegna davvero come funziona il computer. Imparata la teoria si e' in grado di applicare tali nozioni a qualsiasi sistema operativo e programma.

    A scuola va insegnata l'informatica NON in quale menu' di quale programma bisogna andare per riceve le e-mail o per importare un'immagine. E tutta la formazione scolastica incentrata su prodotti monopolistici e' appositamente studiata per limitare allo stretto indispensabile l'insegnamento di tecnicismi.

    Dai prodotti M$ sono spariti da tempo i tecnicismi e le sigle. Che sono quelle diciture che ci aiutano a ricordare come dobbiamo fare funzionare le cose in qualsiasi ambiente ci troviamo.
    Pop3, SMTP, news, blocco, kbyte, gateway, netmask, hsync, vertical blank, frequenza, interlace, bitmap, ecc.
    Sono state tutte sostituite da traduzioni letterali nella lingua dell'utente, con un tasto o un campo di menu'.
    Il giorno in cui un utente si sposta su un sistema operativo tradizionale che riporta tali sigle, questi non sapra' che pesci pigliare... Proprio perche' i prodotti M$ gli hanno negato le basi!

    --
    Ciao.
    Mr. Mechano
    mechano@punto-informatico.it

  • - Scritto da: Mechano
    >
    > Evangelizzazione, addestramento,
    > lobotomizzazione, robotizzazione,
    > rincoglionimento.

    Assolutamente vero. Muovi il culo e sensibilizza la filosofia Open Source nelle scuole. Vedrai che effetto...

    > E' solo propaganda, l'obiettivo e' tra
    > quelli elencati in alto.

    Mi sembri te il primo che fa propaganda

    > La creazione di eserciti di utenti Winzozz e
    > Offiz, che inonderanno il mondo del lavoro
    > conoscendo solo e soltanto quei prodotti.

    Vero

    > Perfetti imbecilli che non sapranno mai che
    > esistono le shell, che l'informatica e'
    > fatta di silicio prima ancora che di icone
    > traslucide.

    Qualcuno non è interessato ai dettagli.

    > Gli esperimenti Linux a scuola sono stati
    > fatti e le risposte sono unanimi: Linux
    > insegna davvero come funziona il computer.
    > Imparata la teoria si e' in grado di
    > applicare tali nozioni a qualsiasi sistema
    > operativo e programma.

    Mi sembra una balla clamorosa.

    > A scuola va insegnata l'informatica NON in
    > quale menu' di quale programma bisogna
    > andare per riceve le e-mail o per importare
    > un'immagine. E tutta la formazione
    > scolastica incentrata su prodotti
    > monopolistici e' appositamente studiata per
    > limitare allo stretto indispensabile
    > l'insegnamento di tecnicismi.

    L' Italia non ha bisogno di tecnocrati

    > Dai prodotti M$ sono spariti da tempo i
    > tecnicismi e le sigle. Che sono quelle
    > diciture che ci aiutano a ricordare come
    > dobbiamo fare funzionare le cose in
    > qualsiasi ambiente ci troviamo.
    > Pop3, SMTP, news, blocco, kbyte, gateway,
    > netmask, hsync, vertical blank, frequenza,
    > interlace, bitmap, ecc.
    > Sono state tutte sostituite da traduzioni
    > letterali nella lingua dell'utente, con un
    > tasto o un campo di menu'.
    > Il giorno in cui un utente si sposta su un
    > sistema operativo tradizionale che riporta
    > tali sigle, questi non sapra' che pesci
    > pigliare... Proprio perche' i prodotti M$
    > gli hanno negato le basi!

    Falso. Esistono ancora quelle sigle. Informati prima di parlare caxxate.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    ....
    > > A scuola va insegnata l'informatica NON
    > in
    > > quale menu' di quale programma bisogna
    > > andare per riceve le e-mail o per
    > importare
    > > un'immagine. E tutta la formazione
    > > scolastica incentrata su prodotti
    > > monopolistici e' appositamente studiata
    > per
    > > limitare allo stretto indispensabile
    > > l'insegnamento di tecnicismi.
    >
    > L' Italia non ha bisogno di tecnocrati

    No. Infatti è molto meglio un paese di acquirenti ignoranti...

    Ma va, va....


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Assolutamente vero. Muovi il culo e
    > sensibilizza la filosofia Open Source nelle
    > scuole. Vedrai che effetto...

    Ci pensa gia' il mio LUG e la cosa sembra funzionare.
    Abbiamo fatto una 3 giorni in un liceo della mia citta'.

    Franca e' una ragazzina di 15 anni al V ginnasio, gli abbiamo chiesto dopo qualche giorno con delle distribuzioni live di Knoppix,: "allora come ti sembra Linux?", e lei: "forte mi piace, in 3 giorni ho capito come dialogano i computer in rete, cos'e' e come funziona una porta. Mi e' piaciuto perche' mi ha fatto capire come funziona veramente il computer e le comunicazioni".

    Naturalmente c'e' anche stato il caso di Gianni: "non ci ho capito una mazza. Ma c'e' anche need4speed qui?".

    Forse non e' un caso che l'entusiasta sia stata una donna...
    Comunque i commenti sono stati al 90% come quelli di Franca.

    > > E' solo propaganda, l'obiettivo e' tra
    > > quelli elencati in alto.
    >
    > Mi sembri te il primo che fa propaganda
    >
    > Qualcuno non è interessato ai
    > dettagli.

    Certo a qualcuno interessa solo need4speed... Ho chiesto a qualche suo insegnante, infatti quel ragazzino e' mediocre in tutto...

    Qua siamo a scuola non puoi non essere interessato ai dettagli, perche' stai studiando i dettagli della fisica, della matematica, della storia, della filosofia e anche dell'informatica.
    I dettagli non interesseranno ad un utente hobbistico ma non ad uno studente.

    > Mi sembra una balla clamorosa.

    Vieni a trovarmi e ci andiamo insieme...
    Siamo finiti anche in un giornale locale.

    > L' Italia non ha bisogno di tecnocrati

    Si solo di utenti consumisti...

    --
    Ciao.
    Mr. Mechano
    mechano@punto-informatico.it

  • - Scritto da: Anonimo

    >
    > Qualcuno non è interessato ai
    > dettagli.

    Però deve saperli lo stesso. Chi usa una macchina, qualunque macchina, deve conoscere dettagli tecnici, non solo legali (EULA e menate varie). Oppure deve piangere quando becca dialer e vermi vari, o quando impesta di virus anche le macchine altrui.
    Se non è interessato ai dettagli, che cambi attività.

    > Mi sembra una balla clamorosa.
    >
    Sembra
    >
    > L' Italia non ha bisogno di tecnocrati
    >
    Ha bisogno di tecnici.
    Economia è anche produrre, non solo vendere e consumare.

    >
    > Falso. Esistono ancora quelle sigle.
    > Informati prima di parlare caxxate.

    Magari ben nascoste, però.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Assolutamente vero. Muovi il culo e
    > sensibilizza la filosofia Open Source nelle
    > scuole. Vedrai che effetto...

    _Tu_ lo hai fatto? Mechano sì, e io pure, e potrei citarne altri. Ci vuole tempo, passione, pazienza, ma qualche risultato lo si sta iniziando a cogliere.

    > Qualcuno non è interessato ai
    > dettagli.

    Libero di continuare a convivere con Win$. Non siamo tutti meccanici, nè collaudatori. Però sarebbe ben strano se la patente la si prendesse solo guidando FIAT (e FIAT con il volante triangolare, l'accensione a sputo, la guida bendata ecc, per dire: fuori da ogni standard).

    > Mi sembra una balla clamorosa.

    Mah, sarà che io ho iniziato con il Sinclair ZX80...

    > L' Italia non ha bisogno di tecnocrati

    Neanche di persone ignoranti, nel senso che ignorano. Non so, ma la tua affermazione mi riporta alla memoria un sinistro ventennio. Solo analogie casuali?

    Ciao
    FB
    non+autenticato

  • - Scritto da: Mechano
    >
    > Evangelizzazione, addestramento,
    > lobotomizzazione, robotizzazione,
    > rincoglionimento.
    >
    > E' solo propaganda, l'obiettivo e' tra
    > quelli elencati in alto.
    > La creazione di eserciti di utenti Winzozz e
    > Offiz, che inonderanno il mondo del lavoro
    > conoscendo solo e soltanto quei prodotti.
    >
    > Perfetti imbecilli che non sapranno mai che
    > esistono le shell, che l'informatica e'
    > fatta di silicio prima ancora che di icone
    > traslucide.
    >
    > Gli esperimenti Linux a scuola sono stati
    > fatti e le risposte sono unanimi: Linux
    > insegna davvero come funziona il computer.
    > Imparata la teoria si e' in grado di
    > applicare tali nozioni a qualsiasi sistema
    > operativo e programma.
    >
    > A scuola va insegnata l'informatica NON in
    > quale menu' di quale programma bisogna
    > andare per riceve le e-mail o per importare
    > un'immagine. E tutta la formazione
    > scolastica incentrata su prodotti
    > monopolistici e' appositamente studiata per
    > limitare allo stretto indispensabile
    > l'insegnamento di tecnicismi.
    >
    > Dai prodotti M$ sono spariti da tempo i
    > tecnicismi e le sigle. Che sono quelle
    > diciture che ci aiutano a ricordare come
    > dobbiamo fare funzionare le cose in
    > qualsiasi ambiente ci troviamo.
    > Pop3, SMTP, news, blocco, kbyte, gateway,
    > netmask, hsync, vertical blank, frequenza,
    > interlace, bitmap, ecc.
    > Sono state tutte sostituite da traduzioni
    > letterali nella lingua dell'utente, con un
    > tasto o un campo di menu'.
    > Il giorno in cui un utente si sposta su un
    > sistema operativo tradizionale che riporta
    > tali sigle, questi non sapra' che pesci
    > pigliare... Proprio perche' i prodotti M$
    > gli hanno negato le basi!
    >
    > --
    > Ciao.
    > Mr. Mechano
    > mechano@punto-informatico.it

    Io proporreri Mechano for president!!!!!
    ;);););););););););););););););););););););););););)
    Fan Linux
  • parole sante!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Mechano
    >
    > Evangelizzazione, addestramento,
    > lobotomizzazione, robotizzazione,
    > rincoglionimento.

    non ti offendere... ma tu avrai qualche rotella fuori posto...

    spari in media 10 post al minuto e sempre con le stesse min*h*iate pro linux e VS windows...

    spero che tu abbia almeno un legame diretto con il business (se così si può chiamare) open source... altrimenti sei davvero in gravi condizioni...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Mechano
    >
    > Evangelizzazione, addestramento,
    > lobotomizzazione, robotizzazione,
    > rincoglionimento.

    Si, con i prodotti MS succede questo, siamo tutti d'accordo.



    > Perfetti imbecilli che non sapranno mai che
    > esistono le shell, che l'informatica e'
    > fatta di silicio prima ancora che di icone
    > traslucide.
    >



    E qui cominci a dare i numeri. Il computer è uno strumento, non un fine come credono gli invasati come te.

    Ci sono fior di "perfetti imbecilli" che usando un computer SENZA sapere necessariamente come funziona riescono ad eccellere in arti che TU non riesci neanche a fruire da spettatore.
    Prova a dire a Peter Gabriel, a Quentin Tarantino o a Don De Lillo di smettere di lavorare perché non sanno cos'è una shell!!!!!!
    Stupido tecnocrate ottuso legato al privilegio di casta di un passato ormai lontano.
    Oggi il computer non serve più per dimostrare di essere parte di una elite di iniziati alla sacra arte dell'informatica, oggi serve per CREARE: quello che TU non sai fare....e allora ti consoli con il fatto che TU però sai come funziona il piccì. Chissà quanti ingegneri conoscono la Ferrari meglio di Schumacher...però col cavolo che sono in grado di guidarla.




    > A scuola va insegnata l'informatica NON in
    > quale menu' di quale programma bisogna
    > andare per riceve le e-mail o per importare
    > un'immagine. E tutta la formazione
    > scolastica incentrata su prodotti
    > monopolistici e' appositamente studiata per
    > limitare allo stretto indispensabile
    > l'insegnamento di tecnicismi.


    E vuoi costringere tutta la popolazione mondiale a seguire corsi sul percorso del pennello elettronico di un tubo catodico...pena il divieto di uso del telecomando per la TV?
    O vuoi costringere un taglialegna a diventare un esperto di meccanica altrimenti gli impedisci di usare la sega a motore?







    >
    > Dai prodotti M$ sono spariti da tempo i
    > tecnicismi e le sigle. Che sono quelle
    > diciture che ci aiutano a ricordare come
    > dobbiamo fare funzionare le cose in
    > qualsiasi ambiente ci troviamo.
    > Pop3, SMTP, news, blocco, kbyte, gateway,
    > netmask, hsync, vertical blank, frequenza,
    > interlace, bitmap, ecc.
    > Sono state tutte sostituite da traduzioni
    > letterali nella lingua dell'utente, con un
    > tasto o un campo di menu'.


    Io NON uso Windows e nessun prodotto MS, quindi non scrivo questo per difendere Bilghèiz ma le tue sono idiozie legate al tuo perduto potere di "guru" del piccì che vede erodere la sua aura di iniziato alla "scienza misteriosa".
    A chi serve sapere cosa cavolo è un netmask se deve scaricarsi le foto o mixare un pezzo "acid"?
    Serve ai falliti come te che fanno i fighi con l'utonto di turno che plagiato dalla tanto sbandierata (ma assolutamente falsa) facilità di Windows diventerà matto per connettere due computer tra loro. Io uso un sistema operativo che mi permette di farlo con UN click, senza configurare (parola che a te fa impazzire) NIENTE, e domani lo faranno altri, a quel punto quelli come te, che vedono il piccì come FINE e non come strumento, potranno esssre dismessi.....


    Addio trollone, il pinguino NON ha bisogno di gente come te.



    non+autenticato
  • Ho appena finito di discutere con un'insegnante perchè vuole che mia figlia lavori con PowerPoint (e vai a spiegare che Openoffice è analogo, e che il risultato è ciò che conta), questi tour servono a fare il lavaggio del cervello a delle persone (i docenti) che, senza offesa, evidentemente quando si parla di informatica mettono il cervello in freezer. Sì, perchè se si fermassero per un istante a pensare, capirebbero che, così chiedendo, di fatto istigano alla delinquenza. Mi risulta infatti un po' bizzarro _imporre_ la suite di M$ come strumento di studio, visto l'alto costo (e non mi si venga a parlare di licenze studente, sono anni che le cerco per i miei clienti !). In effetti, si dà per scontato che l'utente domestico usi sw copiato. Mi oppongo a questo modo di ragionare da anni, le alternative esistono, (a dire il vero esistevano anche anni fa, nessuno ricorda Lotus 123, che veniva venduto a 9.900 lire iva inclusa?) ma la pigrizia mentale di dover imparare anche solo una nuova interfaccia ha la meglio(o peggio, Fan LinuxFan Linux uso Word perchè lo usano tutti - e dunque il cervello non è in freezer è proprio scomparso)?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ho appena finito di discutere con
    > un'insegnante perchè vuole che mia
    > figlia lavori con PowerPoint (e vai a
    > spiegare che Openoffice è analogo, e
    > che il risultato è ciò che

    Programmi per la scuola, hai già visto questo sito?

    http://www.didattica.org/

    ciao
  • concordo al 2000%
  • Potrei essere d'accordo con te...
    Tuttavia non credo che tu debba essere arrabbiato con MS perchè fa questi tour promuovendo i suoi prodotti, piuttosto dovresti essere inkazzato (come lo sarei io) con il docente della tua figlia, che di sicuro non può stare in cattedra se impone ai suoi studenti di fare un determinato lavoro solo con PowerPoint!!!! Questo si che fa inkazzare anche me!
    non+autenticato

  • > dovresti essere inkazzato (come lo sarei io)
    > con il docente della tua figlia, che di
    > sicuro non può stare in cattedra se
    > impone ai suoi studenti di fare un
    > determinato lavoro solo con PowerPoint!!!!
    > Questo si che fa inkazzare anche me!
    Il punto è che il sistema scuola è succube della multinazionale, dal Ministero via via più giù sino ai Provveditorati tutti. Il singolo docente alla fine non conta praticamente nulla, ha fatto corsi di addestramento (sottolineo _addestramento_) largamente sponsorizzati da M$, a scuola lavora con pc dismessi dalle aziende o regalati con già preinstallato il noto S.O. e, dulcis in fundo, spesso ha allievi che ne sanno _a pacchi_ più di lui: direi che c'è da essere abbastanza demoralizzati! Cmq l'invito che rivolgo a tutti i genitori é: partecipate e fate sentire la vostra voce. Se si interagisce con la scuola in maniera propositiva, spesso si riesce a modificare almeno in parte l'atteggiamento dei docenti: io sono riuscito a far provare Openoffice, alcuni adesso lo usano e in segreteria un pc ha persino Linux installato (per la posta elettronica). Insomma, mai arrendersi!

    Ciao
    FilippoFan Linux
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Potrei essere d'accordo con te...
    > Tuttavia non credo che tu debba essere
    > arrabbiato con MS perchè fa questi
    > tour promuovendo i suoi prodotti, piuttosto
    > dovresti essere inkazzato (come lo sarei io)
    > con il docente della tua figlia, che di
    > sicuro non può stare in cattedra se

    Scusa ma come fa ad incazzarsi con un docente che non capisce molto d'informatica, ha fatto pochi corsi e di fretta tutti con prodotti M$ e sponsorizati da M$. Ha avuto regalato software e programmi da M$. A scuola ha aule didattiche con prodotti M$. La sua segreteria per interfacciarsi con i siti del ministero deve avere prodotti M$ e i siti stessi sponsorizzano prodotti M$ e sono ottimizzati per i prodotti M$.

    Quando t'incazzi col docente che tipo di reazione pensi di avere? E che risultato pensi di ottenere?

    Tra l'altro M$ sa deviare ad arte da se le responsabilita' di questa sudditanza... Sorride
    E dalla mente di tanti arrivano parole come quelle che scrivi tu: "Tuttavia non credo che tu debba essere
    arrabbiato con MS".
    Quindi credi che il professore sia la causa di tutto?

    --
    Ciao.
    Mr. Mechano
    mechano@punto-informatico.it

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ho appena finito di discutere con
    > un'insegnante perchè vuole che mia
    > figlia lavori con PowerPoint (e vai a
    > spiegare che Openoffice è analogo, e

    AHAHAHA AHAHAHA AHAHAHAHA AHAHAHAH
    non+autenticato
  • Anche perchè Linux è ancora gratis, mentre win$ozz si paga ed anche MOLTO caro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    non+autenticato
  • Linux tour nelle scuole?? Lo si farà non preoccuparti!!
    non+autenticato
  • Da tempo ci sto pensando, ma bisognerebbe fare qualcosa di coordinato, tipo il Linux-Day.

    fbFan Apple
    Fan Linux
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Anche perchè Linux è ancora
    > gratis, mentre win$ozz si paga ed anche
    > MOLTO
    > caro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Posso dirti che dopo quest' affermazione sei caduto davvero in basso. Non ti dò del troll perchè avrai sicuramente meno di 10 anni e hai ancora la bocca sporca di latte.

    Studia e cresci
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Anche perchè Linux è ancora
    > gratis, mentre win$ozz si paga ed anche
    > MOLTO
    > caro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Ho patato 80 euro la Suse 9.0. Pensi che sia gratis Linux?
    Mi sembra che stai sparando a vanvera solo per creare un' inutile polemica.

    Troll
    non+autenticato
  • 1-affari tuoi se hai scelto suse.
    2- si paga la raccolta dei pacchetti e dei programmi, non il software di per se.
    3-informati prima di parlare.
    Fan Linux

  • - Scritto da: bacarozz83
    > 1-affari tuoi se hai scelto suse.

    Serviva per l' azienda

    > 2- si paga la raccolta dei pacchetti e dei
    > programmi, non il software di per se.

    Mi sono trovato bene

    > 3-informati prima di parlare.
    > Fan Linux

    Mi sono informato e la Suse 9.0 è stata la scelta migliore
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Serviva per l' azienda

    Qua stiamo parlando di ragazzi e di scuola se non te ne eri accorto...

    > Mi sono trovato bene

    Sono contento per te. Io invece mi trovo meglio col mondo Debian. Come vedi siamo persone diverse ed abbiamo trovato diverse soluzioni alle nostre necessita'. Linux ci ha permesso di soddisfare necessita' diverse. Winzozz puo' fare altrettanto?

    > Mi sono informato e la Suse 9.0 è
    > stata la scelta migliore

    Il fatto che lo sia stato per te non significa che lo sia per tutti.
    Io ho preferito Mepis e a mio figlio invece ho installato College Linux, una distribuzione a basso livello che obbliga a configurare tutto senza tool grafici.
    Fatto sta che lui sa configurare la nostra piccola rete casalinga con 2 comandi (ifconfig e route e i tool di Samba) in pochi secondi ed io sto li a cercare di ricordarmi la sintassi, rintronato dai tool grafici.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: bacarozz83
    > > 1-affari tuoi se hai scelto suse.
    >
    > Serviva per l' azienda
    >
    > > 2- si paga la raccolta dei pacchetti e
    > dei
    > > programmi, non il software di per se.
    >
    > Mi sono trovato bene
    >
    > > 3-informati prima di parlare.
    > > Fan Linux
    >
    > Mi sono informato e la Suse 9.0 è
    > stata la scelta migliore

    che ci parli a fare con quello... è solo il classico personaggio che giudica scadente qualunque prodotto cui è previsto il corrispettivo di un prezzo...

    eppure imho di norma è il contrario...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Ho patato 80 euro la Suse 9.0. Pensi che sia
    > gratis Linux?
    > Mi sembra che stai sparando a vanvera solo
    > per creare un' inutile polemica.

    Non eri obbligato a pagarla la Suse infatti si puo' installare tutta via FTP.
    Poi se la Suse o la Mandrake o la RedHat hanno versioni a pagamento e' anche vero che hanno anche versioni download gratuite.
    E poi si sono Debian (e sue derivate), Slackware, Gentoo, Lorma, Mepis, Yoper, SOL. Tutte gratuite libere per il download e spesso dentro i CD/DVD delle riviste in edicola quindi dal costo irrisorio.

    Sei tu il Troll che nomina un package di Suse.
    E poi anche a volerla pagare la distribuzione Linux con una enorme confezione, 1-2 manuali molto grandi, e minimo 5 (ma sono spesso 7-10) Cd pieni di software, a 80-90? e' praticamente regalata a confronto con il costo del solo sistema operativo Winzozz XP Home Edition.

    --
    Ciao.
    Mr. Mechano
    mechano@punto-informatico.it

  • - Scritto da: Mechano
    >

    > Non eri obbligato a pagarla la Suse infatti
    > si puo' installare tutta via FTP.
    > Poi se la Suse o la Mandrake o la RedHat
    > hanno versioni a pagamento e' anche vero che
    > hanno anche versioni download gratuite.
    > E poi si sono Debian (e sue derivate),
    > Slackware, Gentoo, Lorma, Mepis, Yoper, SOL.
    > Tutte gratuite libere per il download e
    > spesso dentro i CD/DVD delle riviste in
    > edicola quindi dal costo irrisorio.
    >
    > Sei tu il Troll che nomina un package di
    > Suse.
    > E poi anche a volerla pagare la
    > distribuzione Linux con una enorme
    > confezione, 1-2 manuali molto grandi, e
    > minimo 5 (ma sono spesso 7-10) Cd pieni di
    > software, a 80-90? e' praticamente regalata
    > a confronto con il costo del solo sistema
    > operativo Winzozz XP Home Edition.
    >
    > --
    > Ciao.
    > Mr. Mechano
    > mechano@punto-informatico.it

    il solito Troll
    non+autenticato
  • secondo me questi giri tra le varie scuole servono solo a questo.....ovviamente IHMO
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > secondo me questi giri tra le varie scuole
    > servono solo a questo.....ovviamente IHMO

    Scusa... ma forse intendevi IMHO... no?
    non+autenticato