Cala la scure Apple su Go2Mac

Il sito, rinomato tra gli utenti della Mela, riceve una lettera secondo cui la pubblicazione di un'immagine di pubblico dominio rappresenta una violazione di copyright. Ma per Apple è un trend

Web - "Abbiamo saputo che avete pubblicato una schermata di una skin Mp3 che viola i diritti di copyright di Apple e (...) avete intrapreso atti di competizione sleale. Per questa ragione chiediamo che l'immagine venga rimossa da qualsiasi vostro sito o server. Ciò comprende qualsiasi link all'immagine ovunque essa si possa trovare. Attendiamo conferma per iscritto". Questa la sintesi della lettera con cui Apple ha contestato le azioni di Go2Mac, uno dei siti più seguiti sulla rete tra i tanti che si occupano del mondo Mac.

Inutile dire che per i gestori del sito si è trattato di un fulmine a ciel sereno, tanto più che l'immagine contestata è già ampiamente disponibile e pare che nulla di quanto è stato reso pubblico da Go2Mac non fosse già stato presentato da Apple in precedenza. Non solo, Apple chiede persino la rimozione di "qualsiasi link", elemento che appare decisamente fuori misura a Go2Mac.

I redattori del sito hanno espresso la propria "confusione" per la lettera inviata dai legali di Apple e hanno comunque sottolineato l' intenzione di non cedere e di rivendicare il diritto alla libertà di informazione. Hanno anche annunciato che i propri legali provvederanno a reagire a quello che definiscono "tentativo di sopprimere la libertà di espressione".
Interessante un commento di uno degli utenti dei forum online del sito, secondo cui la decisione di Apple è errata per quattro ragioni: le immagini sono state ottenute legalmente; erano già disponibili per il pubblico; non ci sono profitti diretti per il sito dalla pubblicazione delle immagini stesse; non è illecito riportare informazioni...

Non è la prima volta che Apple si scaglia contro siti legati al mondo Mac e spesso messi in piedi da fan accaniti della Mela. Una politica che appare censoria, ma di rado contestata con vivacità dai fedelissimi del Mac.
TAG: apple