Multato: 4mila dollari per 5 canzoni

Succede in Connecticut dove per la seconda volta un utente internet preso di mira dalle major viene condannato per aver scaricato file musicali dalla rete

New York (USA) - Si tratta per il momento di pochi isolati episodi ma desta certo attenzione il fatto che per la seconda volta un cittadino americano residente nel Connecticut è stato condannato da un tribunale locale a pagare una consistente somma perché riconosciuto colpevole di aver scaricato qualche file coperto da diritto d'autore.

In particolare, stando alle ricostruzioni che sono emerse nell'aula del tribunale di Bridgeport nel caso presieduto dal giudice distrettuale Janet C. Hall, un utente avrebbe scaricato dalla rete attraverso i sistemi di file sharing cinque canzoni, cinque brani tutti protetti e per i quali l'imputato non aveva autorizzazione alla duplicazione.

La sentenza pronunciata da Hall impone una multa da 4mila dollari a William Martinez ed è motivata non soltanto da una condotta denunciata come illegale dall'industria discografica, ma anche dal fatto che Martinez non ha replicato in alcun modo alla denuncia e non si è nemmeno presentato in aula.
Va detto che il suo comportamento è identico a quello che ha tenuto qualche settimana fa la signora Jennifer Brothers, accusata di aver scaricato una decina di file protetti senza autorizzazione e sanzionata per questo con 6mila dollari di multa.

Occorre anche ricordare che nel corso dell'ultimo anno la RIAA ha denunciato più di 2.500 utenti del P2P, ma soltanto con alcune centinaia di essi è giunta ad accordi extragiudiziali. Non è dunque da escludere che quanto avvenuto in Connecticut sia destinato a ripetersi per migliaia di volte in molti altri stati americani.
68 Commenti alla Notizia Multato: 4mila dollari per 5 canzoni
Ordina
  • Ciao a tutti,
    oltre alle varie e lodevoli iniziative già attuate sono qui ad invitare quanti dispongano di un sito web di listarlo a lutto per dare ancora più visibilità alla protesta contro il DL Urbani (prossimamente Legge Urbani.. sigh..).

    E' poco,è un piccolo segnale ma può servire ad informare quanti ancora non sappiano di questa grande onda di protesta che si sta levando da noi,Popolo della Rete,oggi forse più compatto che mai.

    Mettete uno sfondo nero,un banner,un riferimento a quel che sta accadendo o ancora copiate in toto la mia homepage se vi va,creiamo un'audience sempre più vasta al nostro disappunto.

    Questo il link alla mia homepage:
    http://www.valeriogiunta.altervista.org/

    Un grazie alla redazione di P.I. per la costante informazione,per lo spazio dedicato alla questione e per lo spazio nei forum sempre dedicatoci,senza di voi non tutte le persone che oggi sanno avrebbero saputo.
    Siete grandiOcchiolino

    ..e viva Cortiana!

    Ciao Popolo della Rete!
    non+autenticato

  • Oggi mi trovavo con la mia ragazza al Ricordi Media Store, volevo comprare l'ultimo CD di Alanis Morissette, un'artista che amo molto e di cui ho tutti i cd originali... Ma poi ho pensato: 20 euro? Devo di nuovo dare i soldi alle Major?

    Naaaa...

    TAD

    Che ha il browser puntato all'indirizzo http://127.0.0.1:4080/... A buon inteditor...Occhiolino
  • - Scritto da: TADsince1995
    >
    > Oggi mi trovavo con la mia ragazza al
    > Ricordi Media Store, volevo comprare
    > l'ultimo CD di Alanis Morissette, un'artista
    > che amo molto e di cui ho tutti i cd
    > originali... Ma poi ho pensato: 20 euro?
    > Devo di nuovo dare i soldi alle Major?
    >
    > Naaaa...
    >
    > TAD
    >
    > Che ha il browser puntato all'indirizzo
    > 127.0.0.1:4080 /... A buon inteditor...
    >Occhiolino


    solo oggi?
    io se dovessi comprare tutti i cd che vorrei, ho fatto un calcolo, spenderei almeno 4000euri + non so quanto di ssA bocca aperta

    ==================================
    Modificato dall'autore il 15/05/2004 21.16.12
  • stasera volevano trascinarmi al cinema:

    gli ho spiegato sta storia del decreto Urbani (non ne sapevano niente i nostri 2 amici: per dire che spazio i TG stanno dando alla cosa...)

    Risultato: stasera ci facciamo una partita a Risiko e PARLIAMO, alla faccia delle mayor!

    non+autenticato
  • I brani oggetto della causa giudiziale sono protetti da copyright e la RIAA ha avviato da mesi e mesi una massiccia campagna di informazione sul fatto che chi avrebbe scaricato illegalmente tale materiale sarebbe stato punito in base alle leggi in vigore.

    Gli imputati hanno contravvenuto a tali leggi e in base a queste saranno puniti (o, più probabilmente, si accorderanno in via extragiudiziale). Tenete presente che questo iter rappresenterà la norma (anche in Europa) nel giro di un paio d'anni al massimo.

    Non c'è nulla di strano o scandaloso in tutto questo: i cittadini eleggono i propri rappresentanti, questi emanano leggi e tali leggi devono essere fatte rispettare, pena il depauperamento del concetto stesso di democrazia.
    non+autenticato
  • E' certamente vero.

    Ma la cleptomania impellente di queste persone è più forte di qualunque senso civico.

    Joshua
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > I brani oggetto della causa giudiziale sono
    > protetti da copyright e la RIAA ha avviato
    > da mesi e mesi una massiccia campagna di
    > informazione sul fatto che chi avrebbe
    > scaricato illegalmente tale materiale
    > sarebbe stato punito in base alle leggi in
    > vigore.

    Non sono un avvocato, ma nel diritto non dovrebbe esserci un principio di proporzionalita' tra l'offesa alla legge e la relativa punizione? Il danno alle majors per uno scaricamento illegale e' facilmente quantificabile nel suo valore massimo dal cd che non si e' comprato. Vada per un 300, 400% di sanzione che e' pure esagerato, poi basta pero'.


    > Non c'è nulla di strano o scandaloso
    > in tutto questo: i cittadini eleggono i
    > propri rappresentanti, questi emanano leggi
    > e tali leggi devono essere fatte rispettare,
    > pena il depauperamento del concetto stesso
    > di democrazia.

    Ragionamento teoricamente ineccepibile, ma inapplicabile a questo particolare caso. Voglio vedere se Bush o Berlusca in campagna elettorale avessero parlato della stretta quasi terroristica sul P2P quanti voti avrebbero racimolato.

    La vera democrazia sarebbe: Tu come candidato presenti TUTTE le leggi che secondo il tuo programma politico servono a questo paese. Io elettore ti voto, il giorno dopo le votazioni tutte quelle leggi entrano in vigore ed e' compito del candidato eletto farle rispettare. Se non ci riesce, a casa. Stranamente invece i politici preferiscono essere eletti sulla fiducia e poi al governo si fanno i cavolacci loro. Strano eh?A bocca aperta
    non+autenticato
  • Ha fatto benissimo a farlo x la seconda volta, non avendo + nulla da perdere penalmente se non soldi (e se ce li ha chi sennefreca). Magari potrebbe cambiare provider
    Non ci fermerete mai, ormai la strada è tracciata, fatevene una ragione
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 18 discussioni)