Sito Camera accessibile ai disabili

Lo promette il presidente Luciano Violante che ha parlato di una versione per chi soffre di disturbi di lettura e per i non vedenti. Un passo avanti nella strada verso l'accessibilità

Roma - Il presidente della Camera Luciano Violante non ha dettagliato i tempi di realizzazione ma ha annunciato ieri che il sito del ramo del Parlamento che presiede sarà presto accessibile anche dai disabili.

Come noto, da tempo il Web Consortium ha varato standard e suggerimenti per ampliare le possibilità di accesso dei siti, un must per le pubbliche amministrazioni e le istituzioni di tutto il mondo. In Italia, ha ricordato Violante, il sito della Camera sarà uno dei primi a utilizzare le nuove tecnologie per consentire a chi non vede o a chi fa fatica a leggere l'accesso ai moltissimi testi pubblicati dal sito.

Secondo Violante il sito della Camera è uno dei più importanti non tanto perché è quello della Camera ma perché raccoglie "una media di 500mila accessi giornalieri e picchi a ridosso del milione". In una nota di Montecitorio si ricorda che "in Internet è stato sviluppato un protocollo, ormai universalmente accettato, che rende possibile la navigazione ai ciechi (che possono utilizzare uno speciale software che trasforma il testo in suoni) oppure a persone che soffrono di disturbi di lettura che non tollerano le caratteristiche standard di navigazione e di uso comune del computer, o che sono dotati di modem, computer e programmi particolarmente obsoleti non compatibili con la ricchezza dei siti attuali".
TAG: italia