Bluetooth infila il GPS nel telefonino

Route 66 sta per lanciare sul mercato un ricevitore GPS tascabile che può essere interfacciato, attraverso una connessione wireless, agli smartphone basati su SymbianOS. Fornito anche il software per la navigazione satellitare

Milano - Mentre sul mercato hanno cominciato a fare capolino i primi cellulari dotati di funzionalità GPS, la società olandese Route 66 propone una soluzione di navigazione satellitare, Mobile 2005, che può essere utilizzata con un certo numero di smartphone già sul mercato.

Si tratta di un ricevitore GPS tascabile in grado di interfacciarsi via Bluetooth alla maggior parte dei telefoni cellulari basati sul sistema SymbianOS, quali ad esempio Nokia 6600, Nokia N-Gage, Sendo X, Samsung SGH-D710 ed altri modelli. Il ricevitore, abbinato al software di navigazione di Route 66, consente di ricercare, localizzare e visualizzare sullo schermo sia la propria posizione attuale sia la strada da percorrere per arrivare a destinazione, con istruzioni vocali che guidano il conducente verso la destinazione prescelta.

Accanto alle funzionalità più tradizionali, come la possibilità di calcolare e simulare il percorso in base alle proprie esigenze, a eventuali tappe intermedie, e al mezzo di trasporto (auto, camion e a piedi), il software include una funzione "dial-in" attraverso cui è possibile telefonare direttamente ad un posto di interesse visualizzato sulla mappa, come ad esempio un hotel o un ristorante, e una tecnologia di riconoscimento vocale che permette di comandare il programma attraverso la voce. Il software sfrutta poi le potenzialità grafiche degli smartphone più recenti per visualizzare, su scelta dell'utente, le mappe in 3D "a volo d'uccello".
Preinstallata su di una scheda di memoria flash RS-MMC da 128 MB c'è una mappa dell'Italia con un livello di dettaglio che arriva ai numeri civici. Le informazioni riportate sulla mappa, come le condizioni del traffico, possono essere aggiornate automaticamente in tempo reale attraverso una connessione GPRS al sito di Route 66.

Route 66 Mobile 2005 sarà disponibile in Italia dalla metà del mese di giugno al prezzo di 399 euro IVA inclusa.
9 Commenti alla Notizia Bluetooth infila il GPS nel telefonino
Ordina
  • l'unica cosa buona del bluethoot è il toothingA bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > l'unica cosa buona del bluethoot è il
    > toothingA bocca aperta


    Certo anche il toothing è un bellissimo giochino:
    qui trovi i vari forum di coordinamento e FAQ
    http://www.perugialife.it/forum/viewthread.php?tid...

    comunque il Bluetooth su uno smartphone ti evita di collegare le varie periferiche con scomodissimi fili
    e questo non è poco
  • - Scritto da: Anonimo
    > l'unica cosa buona del bluethoot è il
    > toothingA bocca aperta

    ma quale toothing e toothing d'egitto...
    mi sono iscritto per curiosità al forum togatoga toothing community, ma sinceramente, apparte il fatto che ho notato come il 99% degli iscritti sono RAGAZZI, credo che al di là di uno che ha strappato un appuntamento la maggior parte non sia mai riuscita a concluder nulla.


    penso sia uno spreco di tempo, va bene giusto per sprecare tempo (chessò mentre si sta andando al lavoro).
  • Ho questa curiosità da veramente tanto tempo...
    Come accidenti sono memorizzati i dati per un programma di navigazione?
    E' un db di punti (incroci)? Ma come gestisce le svolte, gli incroci i sottopassaggi, gira a destra gira qui...
    E' una mappa vettoriale?
    Ma fatta come?

    Come si fa a far stare tutta l'italia in 128 Mb (una parte sarà il programma, no?) arrivando fino alla precisione dei numeri civici?

    E, poi, il routing?
    Che algoritmi? Che logica c'e' dietro....

    Si, potrei cercare su Google ma non conosco la terminologia specifica dell'argomento e partire da "Come archiviate mappe navigazione" mi sembra prenderla un po' alla lontana!! A bocca aperta
    non+autenticato
  • Da quanto ne so, è tutto un gioco di latidutine e longitudine. In base alla langitudine e latitudine ti trova in che strada stai. poi in base allo spostamento ne capisce la direzione.
    Ciao
    non+autenticato
  • il gps e' troppo importante per essere piazzato in un cellulare, il mio garmin e' impermeabile, indistruttibile, ha una buona autonomia , mi fido di lui! Vi immaginate se in mezzo ad una foresta vi arriva una chiamata, vi si scarica il cell e restate senza ne' cell ne' gps????

    non+autenticato
  • Difatti è un ricevitore gps separato.
    Si tratta, da quanto detto nell'articolo, di un ricevitore gps con interfaccia Bluetoth, e quindi collegabile con ogni dispositivo Bluetooth che supporti lo stesso servizio (= profilo nella terminologia Bluetooth). Ne esistono già diversi in commercio. In particolare penso si basi sul servizio (=profilo) Bluetooth Serial Port. E' un servizio che mette a disposizione dell'utente una connessione seriale wireless. Quindi così come molti pc sono dotati di porte seriali fisiche ( COM1, COM2,...), il serial port profile crea numerose porte seriali virtuali al sistema.   

    L'articolo in questione più che altro informa sull'uscita di un imminente software di navigazione per gli smartphone basati su SymbianOS. Software che aprirà un link bluetoth serial port con il gps e saprà gestire le informazioni che da esso arrivano.

    Solo un commento ancora: il costo del sw è decisamente esagerato (ma purtroppo in linea con un analogo sw di un azienda rivale)

    Think Wireless & Enjoy Yourself.



    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Solo un commento ancora: il costo del sw
    > è decisamente esagerato (ma purtroppo
    > in linea con un analogo sw di un azienda
    > rivale)

    E' una soluzione hardware-software, quindi non si puo' stimare separatamente il prezzo del software (non avrebbe senso nemmeno copiarselo, cosa che credo sia facilmente fattibile, perchè intanto senza ricevitore GPS non te ne fai niente). Personalmente non credo che possa sostituire in tutto il classico navigatore da auto, io ho un Becker Traffic Pro e non sempre il navigatore riceve il segnale da un numero di satelliti sufficiente per stabilire con precisione la posizione dell'auto (ne servono due sull'asse longitudinale e due sull'asse verticale) però in quei casi il navigatore puo' sempre stabilire dove ci troviamo grazie al giroscopio e il collegamento col contachilometri, tutti strumenti che questi cellulari, non essendo collegati fisicamente all'auto, non possiedono. Cmq sono sempre una buona opportunità per avere un navigatore, uno strumento che diventerà sempre piu' utilizzato col passare del tempo.

    Luke
    non+autenticato
  • Come da oggetto, la versione 2005 per cellulari, e' piu'
    evoluta della versione 2004 per pda in cui manca l'opzione di
    visualizzazione 3D AKA "a volo d'uccello"...
    non+autenticato