France Telecom ha mangiato l'Orange

La megacompagnia transalpina spende la bellezza di centomila miliardi di lire per mangiare le arance di Orange, brillante compagnia telefonica d'Oltremanica. Consolidamento o sfida a BT?

Parigi - Il motivo per cui non pu˛ passare sotto silenzio l'operazione voluta da France Telecom Ŕ presto detto: nasce il secondo operatore di telecomunicazioni europeo. Il colosso transalpino ha infatti confermato l'acquisto, per l'equivalente di 97mila miliardi di lire, della compagnia Orange, operatore britannico controllato da Vodafone Airtouch (attraverso Mannesmann) e da questa dismesso per problemi di antitrust.

Vodafone AirTouch potrÓ contare su un versamento di 13,8 miliardi di sterline "cash" mentre il resto sarÓ compensato con azioni e col pagamento di debiti pregressi. Per Vodafone la cessione significa anche fondi straordinari per competere nel mercato delle licenze del wireless di nuova generazione che, come noto, sembrano destinate a costare moltissimo agli operatori.

Per France Telecom si apre invece una vera e propria nuova fase, con un mercato potenziale di 30 milioni di utenti e con l'ingresso della societÓ francese nel settore UMTS britannico proprio attraverso Orange.