Espulsione illustre da ISOC Italia

Comunicato

Roma - Pubblichiamo una nota giunta da Mario Chiari, promotore della divisione italiana di Internet Society, a proposito della sua espulsione dalla stessa:

"In occasione dell'ultima Assemblea dei Soci, lo scorso 4 Maggio, su proposta del Presidente Stefano Trumpy, sono stato espulso da Società Internet, sezione italiana di Internet Society.

Internet Society (ISOC) è l'associazione internazionale fondata dai padri pionieri di Internet per sostenere la continua evoluzione di Internet e diffonderne globalmente lo sviluppo e l'uso. A suo tempo, la sezione italiana fu costituita su mia proposta (vedi http://www.isoc.it/chisiamo/storia.php).
Scrivo e diffondo questa nota, a tutela della mia reputazione, per affermare che i motivi della mia espulsione, peraltro mai formulati in modo circonstanziato, citando fatti o episodi definiti, sono del tutto pretestuosi e assolutamente infondati.

L'espulsione è l'ultimo episodio di un anno di polemiche interne su come perseguire la missione di Società Internet, ed è da ricondurre alle mia legittima e motivata richiesta al Presidente Stefano Trumpy di mantenere distinti il suo ruolo e interessi quale dirigente dell'Istituto di Informatica e Telematica (IIT) del CNR di Pisa dal ruolo di rappresentante della comunità Internet italiana, di cui Società Internet si considera un portavoce, in particolare per quanto riguarda le questioni relative alla gestione, da parte dello IIT, del Registro del ccTLD.it, al centro negli ultimi mesi di numerose polemiche.

Per quanto e se previsto dagli Statuti di ISOC, spero di poter difendere la mia reputazione davanti a un collegio che valuti imparzialmente la fondatezza delle accuse contro di me, collegio di cui ho già chiesto la costituzione e delle cui eventuali conclusioni terrò infomata la comunità Internet italiana.

Sono grato della diffusione di questa nota nei forum della comunità Internet italiana.

Mario Chiari
Parma, 1 Giugno 2004"
TAG: italia
15 Commenti alla Notizia Espulsione illustre da ISOC Italia
Ordina
  • Con l'espulsione del fondatore di Isoc Italia Mario Chiari io considero Isoc Italia morta.

    Questo Presidente Trumpy usa Isoc solo per i suoi interessi di lavoro.
    non+autenticato
  • mi pare una comunicazione importante, ma per capirla non basta citare vagamente le polemiche degli ultimi mesi ...
    magari sono io che non mi informo adeguatamente, ma non ho la più pallida idea di che polemiche siano.
    Detto così è solo una comunicazione incompleta e comprensibile solo all'interno di una cerchia ristretta.
    v.
    non+autenticato
  • ok, ma se dobbiamo seguire la faccenda, non hai un punto di riferimento da darci sempre? uno sfigatissimo blog, per un pioniere della società dell'internet non dovrebbe essere un grosso problema Occhiolino


    pensaci e fate un aggiornamento della news, daiSorride
    non+autenticato
  • Salve,

    grazie dell'interessamento.

    La querelle che mi vede coinvolto comprende anche opinioni diverse su quanto di essa fosse corretto o meno rendere noto (inizialmente perfino ai soci stessi).

    Benchè personalmente non ponga riserve alla più ampia diffusione dei materiali rilevanti, nell'attesa di ricevere istruzioni più precise sulle procedure di appello interne a ISOC, non mi sembra opportuno procedere unilateralmente.

    saluti internauti
    mario (chiari)
    non+autenticato
  • Con l'espulsione del fondatore di Isoc Italia Mario Chiari io considero Isoc Italia morta.

    Questo Presidente Trumpy usa Isoc solo per i suoi interessi di lavoro.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > cdt

    Troll

    Difende la sua posizione , una persona che ha dignità e onore, rispetto a valori che probabilmente tu nemmeno conosci.

    non+autenticato
  • > Difende la sua posizione , una persona che
    > ha dignità e onore, rispetto a valori
    > che probabilmente tu nemmeno conosci.

    Dignità e onore?

    "Per quanto e se previsto dagli Statuti di ISOC, spero di poter difendere la mia reputazione davanti a un collegio che valuti imparzialmente la fondatezza delle accuse contro di me, collegio di cui ho già chiesto la costituzione e delle cui eventuali conclusioni terrò infomata la comunità Internet "

    Ha *ovviamente* dimenticato di dire che lo statuto di ISOC Italia ha contribuito a scriverlo lui, e quindi dovrebbe conoscerlo.
    Ha *anche* dimenticato di dire che lo statuto stabilisce già il collegio presso cui ci si deve difendere, che è l'assemblea plenaria dei soci di ISOC Italia.
    E, dulcis in fundo, ha *evitato di dire* che all'assemblea di ISOC Italia che doveva decidere sulla sua espulsione non ha nemmeno partecipato, delegando la sua difesa ad un altro socio, che ha accettato di difenderlo, ma che ha rifiutato la sua delega a votare!

    Una delle più importanti ragioni che mi ha spinto a votare la sua espulsione è stata -- più che la ignominiosa gazzarra che ha creato dentro e fuori Società Internet, più che la spregiudicata violazione della netiquette e delle leggi compiuta pubblicando stralci di comunicazioni private tra lui e altri consiglieri, più che i reiterati tentativi di mettere in cattiva luce chi dissentiva con lui -- proprio il fatto che quando il prof. Trumpy lo ha accusato ha chiesto di rispondere delle accuse davanti al consiglio, quando il consiglio lo ha sconfessato ha chiesto di sospendere il giudizio in attesa del pronunciamento dell'assemblea dei soci, quando era chiaro che l'assemblea dei soci lo avrebbe espulso ha invocato un ipotetico "consiglio di probiviri" che avrebbe dovuto processarlo.

    Come era prevedibile, quando l'assemblea dei soci lo ha espulso si è rivolto a ISOC Reston - non dimenticando ovviamente di mandare in copia conoscenza il forum di discussione di ISOC, lista aperta a tutti e i cui partecipanti sono ovviamente completamente disinteressati delle beghe interne ad ISOC Italia - e adesso si rivolge ai lettori di Punto Informatico ...

    Di questa dignità e di questo onore non ne voglio sentir parlare. Faccio male?
    non+autenticato
  • evviva gli anonimi!!!
    abbi il coraggio di firmarti, perlomeno!!!

    Lelio C.






    non+autenticato
  • Caro Socio Anonimo,

    alcune precisazioni

    > Ha *ovviamente* dimenticato di dire che lo
    > statuto di ISOC Italia ha contribuito a
    > scriverlo lui, e quindi dovrebbe conoscerlo.
    > Ha *anche* dimenticato di dire che lo
    > statuto stabilisce già il collegio
    > presso cui ci si deve difendere, che
    > è l'assemblea plenaria dei soci di
    > ISOC Italia.

    Lo Statuto che, come proposing party, stilai in prima persona, prevedeva che "Il socio che ha agito senza giustificato motivo in modo tale da rompere il legame di fiducia tra soci è dichiarato decaduto, sempre rispettando i principi del giusto e imparziale processo e i diritti di replica alle accuse e di difesa."
    Nella successiva riscrittura dello Statuto l'ultima clausola fu espunta, con l'argomentazione che fosse pleonastica, considerando che l'Assemblea dei Soci avrebbe, nei remoti casi, seguito sicuramente procedure comuni di reciproca garanzia e rispetto. Se questo sia avvenuto nel caso in questione io ho forti dubbi.


    > E, dulcis in fundo, ha *evitato di dire* che
    > all'assemblea di ISOC Italia che doveva
    > decidere sulla sua espulsione non ha nemmeno
    > partecipato,

    Documentabili impegni di lavoro mi hanno impedito di partecipare all'Assemblea, peraltro convocata con modalità chiaramente non di aiuto a un sereno confronto.

    > delegando la sua difesa ad un
    > altro socio, che ha accettato di difenderlo,
    > ma che ha rifiutato la sua delega a votare!

    Non è corretto dire che ho delegato la mia difesa a qualcuno. Per rispetto dell'Assemblea ho semplicemente inviato un breve testo, chiedendo a un socio di leggerlo, per esporre sinteticamente alcuni commenti e una proposta sulla situazione. Ho indicato poi al Presidente che, se necessario per lo svolgimento dell'Assemblea, indicavo lo stesso socio come mio delegato, ma senza avergli dato particolari indicazioni di voto. Per prassi nota, io in genere mi astengo sulle questioni che mi riguardano direttamente.   

    > Una delle più importanti ragioni che
    > mi ha spinto a votare la sua espulsione
    > è stata -- più che la
    > ignominiosa gazzarra che ha creato dentro e
    > fuori Società Internet, più
    > che la spregiudicata violazione della
    > netiquette e delle leggi compiuta
    > pubblicando stralci di comunicazioni private
    > tra lui e altri consiglieri, più che
    > i reiterati tentativi di mettere in cattiva
    > luce chi dissentiva con lui --

    Nella mozione di richiesta di espulsione non sono dettagliati episodi particolari. Esistono una serie di episodi a cui forse ti riferisci, la cui caratterizzazione nei termini che proponi non corrisponde alla realtà dei fatti.

    proprio il
    > fatto che quando il prof. Trumpy lo ha
    > accusato ha chiesto di rispondere delle
    > accuse davanti al consiglio,

    Mai formulato tale richiesta.

    quando il
    > consiglio lo ha sconfessato ha chiesto di
    > sospendere il giudizio in attesa del
    > pronunciamento dell'assemblea dei soci,

    Mai formulato tale richiesta di sospensione o un pronuciamento dell'Assemblea dei Soci.

    > quando era chiaro che l'assemblea dei soci
    > lo avrebbe espulso ha invocato un ipotetico
    > "consiglio di probiviri" che avrebbe dovuto
    > processarlo.

    La richiesta di una valutazione terza rispetto alle parti in causa l'ho formulata appena si aperta la questione, peraltro senza negare la sovranità ultima dell'Assemblea.


    > Come era prevedibile, quando l'assemblea dei
    > soci lo ha espulso si è rivolto a
    > ISOC Reston - non dimenticando ovviamente di
    > mandare in copia conoscenza il forum di
    > discussione di ISOC, lista aperta a tutti e
    > i cui partecipanti sono ovviamente
    > completamente disinteressati delle beghe
    > interne ad ISOC Italia - e adesso si rivolge
    > ai lettori di Punto Informatico ...

    La richiesta di un appello interno a ISOC mi sembra del tutto legittima. La diffusione di un breve comunicato a difesa della mia reputazione, pure.

    >
    > Di questa dignità e di questo onore
    > non ne voglio sentir parlare. Faccio male?

    saluti internauti
    mario (chiari)
    chiari.hm()flashnet.it
    non+autenticato
  • Buongiorno a tutti.
    Do' la mia totale solidarieta' a Mario Chiari, e mi auguro
    che la vicenda si risolva al meglio, perche' c'e' bisogno
    di gente come lui.
    Pur rispettando la decisione dell'assemblea dei soci, ribadisco cio' che ho dettto personalmente in assemblea:
    la maggior parte ha votato contro di lui senza conoscerlo e senza sapere NULLA della vicenda, solo fidandosi delle parole dell'accusa.

    Vorrei inoltre stigmatizzare l'intervento anonimo, comunque
    penso che l'autore abbia fatto del male solo a se stesso, visto
    che tutti sono in grado di riconoscerlo: solo due persone scrivono in quella maniera:
    una da tanti anni, l'altra da poco vuole emularlo, con scarsi risultati.
    Il primo, malgrado che sia un po' partigiano, e' una brava persona e non sarebbe capace di simili meschinita', l'altra si'.
    Ora lo sanno tutti.
    Occhiolino

    Vincenzo Viscuso

    http://enzoviscuso.it?p=104

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > cdt

    Pensiero profondo... ricco di argomentazioni.
  • Hai ragione, Isoc in Italia conta come il 2 di picche e l'unica cosa memorabile che hanno fatto è stata spammare per errori per mesi chi aveva incautamente chiesto info...
    non+autenticato
  • Spammare ... parola grossa. Triste
    Forse intendi il fatto che, chi si registra nel forum
    automaticamente vi rimane iscritto e riceve tutti
    i messaggi del forum stesso.
    Basta conoscere listserv: vi entri e cambi l'impostazione:
    e' possibile disiscriversi o, meglio, rimanere iscritto con sola lettura via web.

    Vincenzo Viscuso

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > cdt

    Come te, d'altronde.
    non+autenticato