X-Box: fumo tanto. Ma l'arrosto?

Su di un sito dedicato alla futura console di Microsoft sono apparsi nuovi screen shot in alta risoluzione di alcuni demo funzionanti su X-Box. Foto d'effetto, ma quanto reali?

Web - Su IGN Xbox, un sito dedicato interamente alle novità riguardo la futura console di Microsoft, sono apparsi nuovi screen shot, alcuni in alta risoluzione, di demo simili a quelli mostrati da Microsoft due mesi or sono alla Game Developers Conference.

Immagini di sicuro effetto ma che non hanno mancato di suscitare emozioni e pareri discordanti fra i molti lettori, per dirne una, di Slashdot.org. Chi dice che X-Box è destinata a prendere il sopravvento grazie alla potenza del suo hardware e all'economicità delle sue soluzioni tecniche, chi afferma che non si può valutare nulla da demo o immagini statiche scritte ad hoc per stupire i ragazzini, chi ancora sostiene che quando la console di Microsoft uscirà in commercio, tutto ciò sarà già roba vecchia, o quantomeno alla portata di un PC di fascia medio-alta.

A ben vedere potrebbero aver ragione un po ' tutti, perché in effetti X-Box è un concetto in sé e per sé rivoluzionario, basandosi su tecnologie standard che già si trovano sui normali PC, ma nello stesso tempo rischia di arrivare tardi all'appuntamento con il suo potenziale pubblico.
I demo che Microsoft ha fatto girare su un prototipo di X-Box durante la Game Developers Conference, di cui si può vedere qualche filmato proprio qui, sono effettivamente sbalorditivi, ma dovranno mantenersi tali ancora per un altro anno! Non dimentichiamo, infatti, che X-Box è attesa non prima della prossima estate e che nel frattempo il processore di fascia media per i PC avrà raggiunto tranquillamente il GHz di clock e che le schede grafiche saranno arrivate a potenze fino a 10 volte superiori a quelle attuali. Sebbene Microsoft abbia appena aggiornato le caratteristiche tecniche di X-Box, sfoggiando fra l'altro un processore più potente dei 600 MHz iniziali, c'è da chiedersi se non sarà costretta a rivedere più volte l'equipaggiamento hardware della sua console.

Insomma, il proliferare di screen shot di X-Box potrebbe anche rappresentare, per Microsoft, un'accattivante strategia di marketing, ma la verità è che tutto ciò che oggi vediamo non è "reale", nel senso che non appartiene al 2000 ma, se va bene, al 2001 inoltrato. Non dimentichiamoci poi che il prossimo anno farà la sua comparsa anche Dolphin, il "mostro" di Nintendo, che fra l'altro potrebbe anticipare di alcuni mesi Microsoft.

Sarebbe anche curioso sapere che strada seguirà X-Box se il colosso di Redmond venisse spaccato in due: agli applicativi o al sistema operativo? O forse fra qualche anno l'antitrust dovrà intervenire anche nel settore videogiochi.. ?

Alessandro Del Rosso
TAG: mercato