SMS, lo strumento del Terrore

di Luddist - La storia di Mike, giovane tecnico informatico capace persino di inviare SMS sospetti, dimostra come la nuova intelligence nulla possa contro il terrore. Quando Echelon e fratelli vanno in tilt

Roma - La vicenda in sé dovrebbe apparire persino normale, oggi come oggi. Nell'era della Sicurezza sopra ogni cosa, del Grande Fratello sotto steroidi e delle guerre ad alto tasso petrolifero, il fatto che un SMS spedito da un ragazzo si trasformi in un problema di sicurezza nazionale non dovrebbe proprio stupire.

Eppure, a sentire le cronache del The Sun, il messaggino che tal giovin britannico Mike ha spedito ad un suo amico ha tenuto in allerta per ore l'efficiente polizia britannica. Poco dopo averlo digitato e inviato, infatti, Mike si è visto piombare in casa le forze dell'ordine che se lo sono portato in questura, lo hanno torchiato per ore fino a quando si sono accorti che non avevano davanti il pericoloso bombarolo di una cellula terroristica ma un tecnico informatico alle prime armi, spaventato e sorpreso.

Ci si potrebbe chiedere a questo punto cosa c'era scritto in questo benedetto SMS. Una curiosità legittima che si può superare subito, ecco il testo:
"Tommy Gun? Ok - Dunque, accordiamoci sul prezzo e facciamo che un jet di linea vale dieci prigionieri"
Ma il punto non è (soltanto) quello che c'era scritto, evidentemente, quanto il fatto che basta scrivere la cosa sbagliata, magari per fare una battuta, che in Gran Bretagna la polizia ti piomba in casa. Se lo fa quando si spedisce un SMS, di certo lo farà anche se invece del cellulare viene usato qualche altro mezzo di comunicazione.

Non voglio scagliarmi contro l'eccessivo zelo della polizia britannica, come dicevo peraltro comprensibile in un paese che da tempo ha abdicato la propria tradizione libertaria per abbracciare di peso la teoria e la pratica americana dell'antiterrorismo. Ma è pure evidente che di SMS come quello spedito da Mike, quel giorno ne saranno stati spediti a centinaia visti i milioni di messaggini che intasano le reti di telefonia mobile. Perché ne sono certo? Perché quelle parole, quelle che hanno portato Mike in questura, non sono frasi a caso, sono testi di una canzone dei Clash. Ma il sistemone che ha intercettato "gun" "jet di linea" e "prigionieri" non lo sapeva. E non lo sapeva perché Echelon e i suoi fratelli sono costosi ma stupidi, addestrati male o semplicemente impossibilitati a fornire le indicazioni che pure si vorrebbero da loro.

La notizia, dunque, è che l'intelligence di Sua Maestà ha licenza di monitoraggio sugli SMS e che, per il loro numero o per i loro contenuti, non è in grado che di farne ciò che vorrebbe. Non sa cioè trasformare il controllo delle attività dei cittadini in uno strumento di prevenzione nella lotta al terrorismo.

Dopo un attentato è sempre possibile ricercare nelle comunicazioni intercettate segnali e voci legati ai fatti avvenuti. Ma farlo prima è un gioco molto più difficile, per non dire impossibile, al punto che l'enorme quantità di danaro pubblico speso per scansionare in automatico le attività di tutti, persino gli SMS di un ragazzo del tutto innocuo, non basta a combattere il terrorismo. Basta invece a creare Ordine e distruggere Diritto. Avanti così.

Luddist

dello stesso autore:

Internet nelle mani di chi?
Digitale terrestre, chi gira l'assegno?
Mister Cheli, un po' di rispetto
73 Commenti alla Notizia SMS, lo strumento del Terrore
Ordina
  • A parte il fatto che la cosa possa essere vera o meno. Ma a me non piace per niente l'idea che qualche spione vada a ficcare il naso nei miei messaggi o e-mails, e nella mia privacy in generale.
    Capisco e giustifico la sacrosanrta lotta la terrorismo , ma a tutto c'è un limite. Non vedo l'ora che saremo in grado di criptare tutto.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > A parte il fatto che la cosa possa essere
    > vera o meno. Ma a me non piace per niente
    > l'idea che qualche spione vada a ficcare il
    > naso nei miei messaggi o e-mails, e nella
    > mia privacy in generale.
    > Capisco e giustifico la sacrosanrta lotta la
    > terrorismo , ma a tutto c'è un
    > limite. Non vedo l'ora che saremo in grado
    > di criptare tutto.
    E chi te lo impedisce? di grazia!
    Giusto per essere informato!
    Sorride
    non+autenticato
  • altro che terrorismo. I Clash hanno pagato non si sa quanto per spargere questa notiziola. Adesso tutti vorranno comprare il disco contenente questa canzone... o no???? Fan LinuxSorride
    non+autenticato
  • E non il nostro dove si fanno rapine come se nulla fossePerplesso
    non+autenticato
  • già, proprio non mi piace il tuo punto di vista.

    "il fatto che un SMS spedito da un ragazzo si trasformi in un problema di sicurezza nazionale non dovrebbe proprio stupire."

    queste cose sono sempre esistite. Da quando ci sono i servizi segreti, quindi da prima di questo secolo. Io lo vedo semplicemente come un'"evoluzione del tipo di errore".
    Non ne conosci nemmeno uno CONDANNATO per errore in casi simili nel passato?

    "lo hanno torchiato per ore"... vabbè, io ho trovato notizie diverse.

    Innanzitutto la denuncia sarebbe partita perché il nostro amico Mike (neanche giovanissimo, 35enne) sbagliò a spedire il messaggio. Lo spedì ad uno sconosciuto che, nel dubbio, ha informato le autorità.

    Inoltre le date sarebbero tutte sbagliate:
    30 aprile il giorno d'invio del messaggio.
    24 maggio il giorno della visita degli ufficiali...

    insomma, un articolo sbagliato proprio alla radice, che fa cadere in fallo tutte le considerazioni successive (ovvero... l'intero articolo stesso)

    le mie fonti: news.google.co.uk
    non+autenticato
  • questa te la censuranoOcchiolino Grande!
    non+autenticato
  • Concordo, anche secondo me l'articolo e' pessimo.

    un link piu' preciso:

    http://news.google.co.uk/news?hl=en&edition=uk&ie=...

    in base alla maggior parte di questi articoli:

    1) L'interrogatorio e' avvenuto un mese dopo l'invio del messaggio, non "Poco dopo averlo digitato e inviato"

    2) Mike non e' stato arrestato ma e' stato interrogato da un agente mentre stava lavorando e non "si è visto piombare in casa le forze dell'ordine che se lo sono portato in questura"

    3) Le domande fatte a Mike prima che l'equivoco si chiarisse sono state un numero esiguo, quindi non "lo hanno torchiato per ore"

    4) Il messaggio era stato inviato per sbaglio a un'altra persona, che si e' rivolta alla polizia e dopo alcuni passaggi intermedi la segnalazione e' arrivata agli agenti anti-terrorismo


    Riguardo ai punti 1, 2 e 3 credo che non vi siano dubbi, visto che gli articoli piu' particolareggiati riportano le parole dello stesso Mike. L'unico articolo che dice che e' stato arrestato e' quello (identico) su The Register e Infoshop, ma non scende nei dettagli, per cui credo sia un'invenzione dell'autrice.

    Il punto 4 invece e' controverso: dubito che Mike si sia preso la briga di andare a controllare i tabulati delle chiamate per vedere se effettivamente avesse sbagliato il numero a cui aveva mandato il messaggio. Ne deduco pertanto che la versione riportata e' quella della polizia, per cui non e' impossibile che il messaggio fosse stato effettivamente intercettato da qualche sistema tipo Echelon e che la storia dell'errore sia solo una copertura.
    Quello che manca pero' e' una prova concreta in un senso o nell'altro, per cui e' legittimo credere sia all'una che all'altra ipotesi; personalmente mi limito ad accettare il fatto che le informazioni che ho non bastano per sapere cosa sia successo veramente.

    In ogni caso, la mancanza di una prova seocndo me fa si che gli sproloqui che seguono sul presunto funzionamento di questi sistemi di intercettazione, la loro fallibilita' ecc. siano quanto meno fuori luogo.

    Infine, l'utilizzo del termine "ragazzo" e' il solito squallido trucchetto retorico molto in voga anche nei telegiornali. Fateci caso: un maschio di 20-30 anni che sia in qualche modo il "malvagio" della situazione e' un "uomo"; una "vittima" della stessa eta' invece e' un "ragazzo". Immagino serva per aumentare l'impatto emotivo delle notizie e/o per indurre chi le ascolta a stereotiparle, rendendo facilmente riconoscibili i personaggi-tipo "bravo ragazzo" e "uomo cattivo". In effetti mi piacerebbe sapere cosa direbbe in prosito un esperto di scienze della comunicazione.
    non+autenticato
  • >
    > Infine, l'utilizzo del termine "ragazzo" e'
    > il solito squallido trucchetto retorico
    > molto in voga anche nei telegiornali. Fateci
    > caso: un maschio di 20-30 anni che sia in
    > qualche modo il "malvagio" della situazione
    > e' un "uomo"; una "vittima" della stessa
    > eta' invece e' un "ragazzo". Immagino serva
    > per aumentare l'impatto emotivo delle
    > notizie e/o per indurre chi le ascolta a
    > stereotiparle, rendendo facilmente
    > riconoscibili i personaggi-tipo "bravo
    > ragazzo" e "uomo cattivo". In effetti mi
    > piacerebbe sapere cosa direbbe in prosito un
    > esperto di scienze della comunicazione.

    E io che temevo di essere l' unico paranoico a piede libero...
    finalmente qualcun altro denuncia i ridicoli trucchetti retorici che i giornalisti impiegano per suscitare sdegno/pietà/etc.
    E voglio rincarare la dose: il termine "bambino", "ragazzino", "adolescente" non esistono più; ormai è universalmente noto che da 0 a 16 anni una persona è un "bimbo".
    Poco tempo fa' in un telegiornale una giornalista ha avuto il coraggio di parlare di "una bimba (sic) di 18 anni" correggendosi prontamente dopo essersi accorta della boiata che aveva detto...:|
    non+autenticato


  • > Poco tempo fa' in un telegiornale una
    > giornalista ha avuto il coraggio di parlare
    > di "una bimba (sic) di 18 anni"
    > correggendosi prontamente dopo essersi
    > accorta della boiata che aveva detto...:|

    Anche qui e' pieno di "bimbi" che usano trucchetti (come la notoria insipienza dei giornalisti) per minimizzare (quando fa comodo) i fatti.

    Il succo rimane quello!
    Sorveglianza massiva, e per di piu' (e a maggior ragione) inefficace dato (e a maggior ragione) il tempo trascorso tra l'intercettazione e l'azione pratica (quale che ne fosse la portata o la pesantezza come interrogatorio).

    Vero e' pieno di bambini! In lacrime
    non+autenticato
  • > queste cose sono sempre esistite.

    Quindi ce ne fottiamo?


    >Da quando
    > ci sono i servizi segreti, quindi da prima
    > di questo secolo. Io lo vedo semplicemente
    > come un'"evoluzione del tipo di errore".

    "Semplicemente"

    Complimenti per la superficialita'
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > queste cose sono sempre esistite.
    >
    > Quindi ce ne fottiamo?
    >
    >

    no, ma vuoi pubblicare 20 articoli al giorno?
    Almeno fossero veritieri!


    > >Da quando
    > > ci sono i servizi segreti, quindi da
    > prima
    > > di questo secolo. Io lo vedo
    > semplicemente
    > > come un'"evoluzione del tipo di errore".
    >
    > "Semplicemente"
    >
    > Complimenti per la superficialita'

    Superficialità? La superficialità casomai è di chi ha scritto l'articolo. Ha sentito una notizia e l'ha riproposta, dando giustificazione così al suo modo di pensare le cose.

    Una volta si sbagliava per un motivo.
    Ora si sbaglia per altri.

    E' semplice!

    e semplicemente deriva da semplice!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > queste cose sono sempre esistite.
    >
    > Quindi ce ne fottiamo?
    >
    >
    > >Da quando
    > > ci sono i servizi segreti, quindi da
    > prima
    > > di questo secolo. Io lo vedo
    > semplicemente
    > > come un'"evoluzione del tipo di errore".
    >
    > "Semplicemente"
    >
    > Complimenti per la superficialita'

    Non lo so se sei stato tu (ma è probabile visto che è l'unico commento negativo) ma chiunque abbia votato il primo intervento come INUTILE è fazioso.

    Il primo commento smentisce la veridicità dell'articolo, citando anche un minimo di fonti.

    Per cui votarlo "inutile" è molto peggio che essere superficiali.

    E' essere FALSI e FAZIOSI.

    Qualcuno di cui mai mi fiderei.
    non+autenticato
  • Sono proprio dei fenomeni qsti...Avranno pagato qualche milione di sterline per filtrare le parole "del terrore"...maffigurati se uno di questi personaggi inizia a scrivere "oggi voglio buttare giu un'aereo con 70 prigionieri sul Big Bang..."
    oh oh...forse ora beccano anche meA bocca aperta
  • > Big Bang...

    Big Ben? Occhiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da: hypervx
    > > Big Bang...
    >
    > Big Ben?Occhiolino

    "Brigadie', il terrorista c'ha pure un complice che gli specifica meglio gli obbiettivi!"

    non+autenticato
  • maffigurati se uno di questi
    > personaggi inizia a scrivere "oggi voglio
    > buttare giu un'aereo con 70 prigionieri sul
    > Big Bang..."


    non sapevo che Al Qaeda disponesse di macchine del tempo!!
  • anche "un'aereo" con l'apostrofo non è malaccio
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)