Londra stregata dalla scansione dell'iride

Anche il Regno Unito installa sistemi sperimentali per tracciare l'iride di chi si reca nel paese. Misure già attivate negli USA ed esportate in Europa. Si avvicinano passaporti digitali e face scanning

Londra stregata dalla scansione dell'irideLondra - Non si ferma la diffusione dei sistemi biometrici di sicurezza nelle aerostazioni europee: anche il Regno Unito ha infatti deciso di abbracciare una vasta sperimentazione della scansione dell'iride da applicare ad alcune categorie di viaggiatori in arrivo nel paese.

La conferma della sperimentazione da parte dell'Home Office è arrivata proprio mentre a Dublino si chiudeva una conferenza internazionale sulla biometria che ha visto la partecipazione di esperti di molti paesi sul tema "biometria in Europa", una prospettiva verso cui aumentano i consensi sebbene rimangano ferme le perplessità in materia di privacy, avanzate in più occasioni anche dal Garante italiano.

La sperimentazione inglese prevede che entro i prossimi dodici mesi nei cinque aeroporti più importanti del paese siano installate postazioni biometriche. All'analisi dell'iride verranno sottoposti solo passeggeri che si offrano volontari, in particolare stranieri che risiedono o lavorano nel Regno Unito. La traccia dell'iride viene registrata su database perché, in un secondo tempo, possa riconoscere in pochi secondi il passeggero quando questi si sottopone allo scanner.
A dirla tutta, il periodo sperimentale britannico è destinato ad estendersi notevolmente nel tempo. Limitato ai cinque aeroporti presi in esame (Heatrow, Gatwick, Stansted, Manchester e Birmingham), l'apparato sarà infatti attivato per cinque anni, un periodo durante il quale l'Home Office spera di poter "reclutare" almeno un milione di persone. Per cercare di invogliare a partecipare alla sperimentazione, le autorità assicurano a chi firma per farsi scansionare l'iride che da quel momento in poi il proprio passaggio nelle aerostazioni già dotate di impianti biometrici avverrà molto più rapidamente non solo per la velocità dello scanner ma anche perché sarà loro permesso accedere attraverso corridoi appositamente dedicati ai partecipanti al programma.

Un domani, evidentemente, il consenso non sarà più richiesto.

Ma che la biometria sia inevitabile come soluzione dei problemi di sicurezza avvertiti dalle autorità dei paesi europei, lo indicano molti fattori. Tecnologie di riconoscimento biometrico, ad esempio, sono da tempo attivate in alcuni aeroporti tedeschi, e anche in questo caso si tratta di sistemi pensati per effettuare una scansione dell'iride.

Inoltre la scelta biometrica, che negli Stati Uniti ha portato ad un potenziamento senza precedenti dei sistemi di controllo di chi si reca negli States, viene sostenuta dal continuo sviluppo di nuove e via via più affidabili tecnologie, talune delle quali singolarissime, come il riconoscimento delle orecchie.

Per l'Europa, naturalmente, il futuro è quello del passaporto biometrico, una tipologia di documento che andrà presto diffondendosi in tutta l'Unione Europea e che, tra l'altro, consentirà un accesso molto più semplice al territorio americano. Decisioni in questo senso, anche in Italia, sono già state assunte.

Da parte sua il Garante per la privacy italiano proprio ieri ha ricordato come il Gruppo che riunisce i Garanti europei abbia approvato nel 2003 un documento di lavoro (qui in pdf) nel quale si sottolinea che, in ultima analisi, "qualsiasi utilizzazione di dispositivi biometrici debba essere preceduta dalla valutazione della proporzionalità di tale utilizzazione rispetto agli scopi che ci si prefigge di raggiungere".
TAG: mondo
111 Commenti alla Notizia Londra stregata dalla scansione dell'iride
Ordina
  • Per me la biometria va bene, ma non se registarno i dati su database (si può fare un'eccezione per i pregiudicati o i soggetti ritenuti particolarmente pericolosi oppure per chi volontariamente fa registrare questi dati in cambio di vantaggi, come ad esempio check-in più veloce, ma in quest'ultimo caso deve essere possibile far cancellare i dati su richiesta).
    Per il resto, la biometria non viola la privacy più di quanto non la violi la normale carta d'identità.
  • Su 'sto forum si sente spesso e volentieri parlare a vanvera di libertà, al che mi viene un dubbio, qual'è il concetto di libertà?

    A me hanno insegnato che libertà vuol dire fare quel che si vuole, purchè questo non danneggi la libertà di qualcun altro (e l'altro in sè, ovviamente). E' una definizione che mi è sempre andata bene e che condivido.

    Ora, valutiamo la questione biometrica della scansione dell'iride in questo contesto. Mi impedisce di fare qualcosa? Mah, direi di no. Mi cagiona un danno fisico? Men che meno. Mi cagiona un danno psicologico? Manco me ne accorgo. Mi stressa molto di più un poliziotto che mi chieda i documenti, soprattutto quando sei in macchina, che scatta sempre il pensiero "oddio, ho pagato il bollo, il bollino blu, non è che mi è scaduta oggi l'assicurazione, ecc?". Il danno psicologico in termini di stress è mille volte superiore.

    Quindi, esattamente, in che modo danneggia la libertà, attenendosi alla definizione? O, alternativamente, qual'è la definizione di libertà che rende 'st'aggeggio una violazione della medesima?

    A me sembra proprio un oggetto a danno zero e solo beneficio. Evitare risposte paranoia tipo "sì, ma poi è il primo passo per l'arrivo di Stalin" e cazzate varie. Atteniamoci ai FATTI reali e concreti e non ai trip mentali dei paranoici nevrotici con la mania del complotto.

    Domanda extra facoltativa per i più bravi: qual'è lo scopo della Polizia e delle forze dell'ordine? Devono anche prevenire il crimine o solo starsene in caserma a cazzeggiare e arrestare i colpevoli se capita qualcosa (il che significa criminalità a tutto spiano illimitata, visto che non beccano quasi nessun colpevole).

    ==================================
    Modificato dall'autore il 16/06/2004 15.12.41

  • - Scritto da: Ekleptical
    > Su 'sto forum si sente spesso e volentieri
    > parlare a vanvera di libertà, al che
    > mi viene un dubbio, qual'è il
    > concetto di libertà?
    >
    > A me hanno insegnato che libertà vuol
    > dire fare quel che si vuole, purchè
    > questo non danneggi la libertà di
    > qualcun altro (e l'altro in sè,
    > ovviamente). E' una definizione che mi
    > è sempre andata bene e che condivido.
    >
    > Ora, valutiamo la questione biometrica della
    > scansione dell'iride in questo contesto. Mi
    > impedisce di fare qualcosa? Mah, direi di
    > no. Mi cagiona un danno fisico? Men che
    > meno. Mi cagiona un danno psicologico? Manco
    > me ne accorgo. Mi stressa molto di
    > più un poliziotto che mi chieda i
    > documenti, soprattutto quando sei in
    > macchina, che scatta sempre il pensiero
    > "oddio, ho pagato il bollo, il bollino blu,
    > non è che mi è scaduta oggi
    > l'assicurazione, ecc?". Il danno psicologico
    > in termini di stress è mille volte
    > superiore.
    >
    > Quindi, esattamente, in che modo danneggia
    > la libertà, attenendosi alla
    > definizione? O, alternativamente,
    > qual'è la definizione di
    > libertà che rende 'st'aggeggio una
    > violazione della medesima?
    >
    > A me sembra proprio un oggetto a danno zero
    > e solo beneficio. Evitare risposte paranoia
    > tipo "sì, ma poi è il primo
    > passo per l'arrivo di Stalin" e cazzate
    > varie. Atteniamoci ai FATTI reali e concreti
    > e non ai trip mentali dei paranoici
    > nevrotici con la mania del complotto.
    >
    > Domanda extra facoltativa per i più
    > bravi: qual'è lo scopo della Polizia
    > e delle forze dell'ordine? Devono anche
    > prevenire il crimine o solo starsene in
    > caserma a cazzeggiare e arrestare i
    > colpevoli se capita qualcosa (il che
    > significa criminalità a tutto spiano
    > illimitata, visto che non beccano quasi
    > nessun colpevole).
    >
    > ==================================
    > Modificato dall'autore il 16/06/2004 15.12.41

    Sottoscrivo in pieno. L'unica occupazione di alcuni frequentatori di P.I. oramai è la pippa mentale o la paranoia da "Caccia alle streghe".
    Il Biometrico fa paura come faceva paura la televisione a mia nonna che quando non la usava la copriva per paura che la vedessero in vestaglia per casa.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Ekleptical

    > A me hanno insegnato che libertà vuol
    > dire fare quel che si vuole, purchè
    > questo non danneggi la libertà di
    > qualcun altro (e l'altro in sè,
    > ovviamente). E' una definizione che mi
    > è sempre andata bene e che condivido.

    quello che dici e' vero e lo condivido, ma quello che io personalmente credo e' che tutto cio' non risolve il problema. Sono strumenti che rendono la vita piu' difficile, ma non servono a niente, concretamente, per impedire atti terroristici. Se vogliono fare "scansione dell'iride per velocizzare le procedure d'imbarco" ottimo. Ma spacciare sempre tutte ste cose per "sicurezza contro il terrorismo" e' solo fare il gioco dei terroristi, ovvero creare terrore costante.

    Se le forze dell'ordine hanno conoscenza di tutto (nell'ambito pubblico, se ti mettono la telecamera in casa la cosa cambia) e' giusto che sia cosi' perche' e' il loro mestiere. Che differenza c'e', per esempio, tra una telecamera in piazza e un poliziotto presente 24 ore su 24? la telecamera genera quintali di polemiche, il poliziotto non le genererebbe.
    Quello che mi preoccupa di piu' e' se queste cose vengono utilizzate da privati, che come e' noto, fanno i propri interessi (legalmente o illegalmente, tanto se fa guadagnare soldi lo si fa diventare legale) e non di quelli degli altri.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Ekleptical
    > Su 'sto forum si sente spesso e volentieri
    > parlare a vanvera di libertà,

    Io sento spesso è volentieri parlare a vanvera di pedofilia e terrorismo..la cosa grave è che questo succede presso chi ci governa e attua leggi o presso chi quelle leggi deve farle rispettare.

    al che
    > mi viene un dubbio, qual'è il
    > concetto di libertà?
    >
    > A me hanno insegnato che libertà vuol
    > dire fare quel che si vuole, purchè
    > questo non danneggi la libertà di
    > qualcun altro (e l'altro in sè,
    > ovviamente). E' una definizione che mi
    > è sempre andata bene e che condivido.
    >
    > Ora, valutiamo la questione biometrica della
    > scansione dell'iride in questo contesto. Mi
    > impedisce di fare qualcosa? Mah, direi di
    > no. Mi cagiona un danno fisico? Men che
    > meno. Mi cagiona un danno psicologico? Manco
    > me ne accorgo. Mi stressa molto di
    > più un poliziotto che mi chieda i
    > documenti, soprattutto quando sei in
    > macchina, che scatta sempre il pensiero
    > "oddio, ho pagato il bollo, il bollino blu,
    > non è che mi è scaduta oggi
    > l'assicurazione, ecc?". Il danno psicologico
    > in termini di stress è mille volte
    > superiore.
    >
    > Quindi, esattamente, in che modo danneggia
    > la libertà, attenendosi alla
    > definizione? O, alternativamente,
    > qual'è la definizione di
    > libertà che rende 'st'aggeggio una
    > violazione della medesima?

    Ti consiglio 'la vana fuga dagli dei' di hillman (filosofo, sociologo e psicologo), tra l'altro parla anche di malattie politiche (nel senso di politiche malate) come 'paranoia di stato' e militocrazia che sembrano ricalcare a pieno gli atteggiamenti di alcuni stati (in primis america, uk e italia)...
    ..di argomentazioni simili sono i rappresentanti di amnesty international..soprattutto va evidenziata l'affermazio: la democrazia, la sicurezza e la libertà non si ottengono mai diminuendo i diritti umani delle persone, anzi al contrario si ottengono aumentandoli...e ancora: il clima del terrorismo è instaurato in primis dai governi cosidetti democratici che non esitano a tirare in ballo il terrorismo (e la pedofilia aggiungerei io) per giustificare ogni nuova (e più invasiva) forma di controllo!

    Da notare che un controllo esasperato è già una lesione della mia libertà!

    >
    > A me sembra proprio un oggetto a danno zero
    > e solo beneficio.

    Anche un controllo preventivo nelle case di tutti i mulsumani allora...

    Evitare risposte paranoia
    > tipo "sì, ma poi è il primo
    > passo per l'arrivo di Stalin" e cazzate
    > varie.

    Cazzate per chi?

    Atteniamoci ai FATTI reali e concreti
    > e non ai trip mentali dei paranoici
    > nevrotici con la mania del complotto.

    La malattia del complotto e del terrorismo c'è l'hanno gli stati e riescono ad inculcarla abbastanza bene anche ai cittadini

    >
    > Domanda extra facoltativa per i più
    > bravi: qual'è lo scopo della Polizia
    > e delle forze dell'ordine? Devono anche
    > prevenire il crimine o solo starsene in
    > caserma a cazzeggiare e arrestare i
    > colpevoli se capita qualcosa (il che
    > significa criminalità a tutto spiano
    > illimitata, visto che non beccano quasi
    > nessun colpevole).

    Prevenire è meglio...se per prevenire (possibili e ipotetici) crimini però devono ledere i diritti di tutti allora è meglio che trovino altri modi per prevenire...i mezzi gli hanno già senza dovermi impiantare un chip (lo so che non è il caso ma la situazione è perfettamente ipotizabile per un futuro davvero vicino)

    >
    > ==================================
    > Modificato dall'autore il 16/06/2004 15.12.41
    non+autenticato
  • >e ancora: il clima del
    > terrorismo è instaurato in primis dai
    > governi cosidetti democratici che non
    > esitano a tirare in ballo il terrorismo

    Eh, già, infatti in realtà la bomba di New York l'ha piazzata Blair e quella di Madrid Bush (per ricambiare il favore, ovvio).
    O magari la gente dovrebbe dire "ah, ieri ci sono stati 3mila morti in un attentato a New York", "ah sì? va beh, chissenefrega, a che ora abbiamo il volo per la Grande Mela", come se nulla fosse successo?


    > Anche un controllo preventivo nelle case di
    > tutti i mulsumani allora...

    Per loro è un danno, visto che se voglio girare nudo per casa, insultare Bush, trombarmi mia moglie o travestirmi da donna nel tempo libero sono cazzacci miei. Quindi esce dal concetto di libertà.


    > La malattia del complotto e del terrorismo
    > c'è l'hanno gli stati e riescono ad
    > inculcarla abbastanza bene anche ai
    > cittadini

    Infatti con te ci son riusciti benissimo, direi...


    > Prevenire è meglio...se per prevenire
    > (possibili e ipotetici) crimini però
    > devono ledere i diritti di tutti

    Quali diritti lede la biometria in oggetto?


    > i mezzi gli hanno già
    > senza dovermi impiantare un chip (lo so che
    > non è il caso ma la situazione
    > è perfettamente ipotizabile per un
    > futuro davvero vicino)

    Bravo, paranoia nevrotica in full effect. Sei un ottimo esempio di vittima delle politiche governative.

  • - Scritto da: Ekleptical
    > Quali diritti lede la biometria in oggetto?

    gli stessi diritti che lede un controllo di un passaporto.

    non+autenticato
  • > gli stessi diritti che lede un controllo di
    > un passaporto.

    Vuoi fare a meno anche di quello?

  • - Scritto da: Ekleptical
    > >e ancora: il clima del
    > > terrorismo è instaurato in
    > primis dai
    > > governi cosidetti democratici che non
    > > esitano a tirare in ballo il terrorismo
    >
    > Eh, già, infatti in realtà la
    > bomba di New York l'ha piazzata Blair e
    > quella di Madrid Bush (per ricambiare il
    > favore, ovvio).
    > O magari la gente dovrebbe dire "ah, ieri ci
    > sono stati 3mila morti in un attentato a New
    > York", "ah sì? va beh, chissenefrega,
    > a che ora abbiamo il volo per la Grande
    > Mela", come se nulla fosse successo?
    >

    1) Il terrorismo non deve essere una scusa per instaurare uno stato di polizia!
    2) visti altri tuoi post ti facevo più intelligente, ma evidentemente interpreti come ti pare...
    cerchiamo di spiegarlo ai bambini dell'asili e a te:
    > >e ancora: il clima del
    > > terrorismo è instaurato in
    > primis dai
    > > governi cosidetti democratici che non
    > > esitano a tirare in ballo il terrorismo
    il terrorismo è la politica del terrore ed i primi a farla sono i governi..terrorizandonci con l'idea del terrorismo e degli estremisti di fatto non fanno che fare il loro gioco..governi che sfruttano la paura del terrorismo per far passare ogni cosa...

    >
    > > Anche un controllo preventivo nelle
    > case di
    > > tutti i mulsumani allora...
    >
    > Per loro è un danno,

    per chi?
    io dico che le persone del medio oriente sono pericolose (o almeno è quello che viene detto in america) e che vanno controllate in modo più intenso (questo viene già fatto in america) da qui a quello che ipotizzo manca solo un'altro difensero della democrazia e inquisitore anti-terrorismo

    visto che se
    > voglio girare nudo per casa, insultare Bush,
    > trombarmi mia moglie o travestirmi da donna
    > nel tempo libero sono cazzacci miei. Quindi
    > esce dal concetto di libertà.
    >
    >
    > > La malattia del complotto e del
    > terrorismo
    > > c'è l'hanno gli stati e riescono
    > ad
    > > inculcarla abbastanza bene anche ai
    > > cittadini
    >
    > Infatti con te ci son riusciti benissimo,
    > direi...

    Con me non so..con te di sicuro visto che ogni cosa proposta se accompagnata dalla dicitura 'anti-terrorismo' ti va bene

    "Coloro che sono disposti a barattare
    libertà essenziali per ottenere un
    pò di sicurezza passeggera non
    meritano né la libertà
    né la sicurezza".

    Benjamin Franklin

    >
    >
    > > Prevenire è meglio...se per
    > prevenire
    > > (possibili e ipotetici) crimini
    > però
    > > devono ledere i diritti di tutti
    >
    > Quali diritti lede la biometria in oggetto?

    I mie dati vengono immagazinati, in pratica sono schedato alla stregua di un criminale!
    Se su il passaporto ho un controllo (pur essendo un domunto di riconoscimento ci metto mani solo io e i pubblici ufficiali che me lo richiedono) su questi dati non ho alcun controllo..
    Da principio (ora non so) in america era ipotizzata questa misura solo per chi entrava e che dopo un primo controllo risultassa non essere cittadino americano di nascita (RAZZISMO e XENOFOBISMO)!
    Questi sono solo alcuni degli scenari già esistenti...in + ci sono quelli prevedibili..
    perchè ad esempio non prevedere lo stesso meccanismo nelle stazioni ferroviarie? e ai porti? magari anche negli ingressi di luoghi ritenuti a rischi terrorismo (che so cattedrali, uffici governativi, consolati e chi + ne ha + ne metta)
    al quel punto non solo sarei schedato ma pure monitorato come un animale da laboratorio...ma si è per fermare il terrorismo..
    "Coloro che sono disposti a barattare
    libertà essenziali per ottenere un
    pò di sicurezza passeggera non
    meritano né la libertà
    né la sicurezza".

    Benjamin Franklin


    >
    >
    > > i mezzi gli hanno già
    > > senza dovermi impiantare un chip (lo so
    > che
    > > non è il caso ma la situazione
    > > è perfettamente ipotizabile per
    > un
    > > futuro davvero vicino)
    >
    > Bravo, paranoia nevrotica in full effect.
    > Sei un ottimo esempio di vittima delle
    > politiche governative.

    tu sei un esempio di come il governo riesce a farti credere quello che gli pare ed a limitare ogni tuo diritto facendoti credere che lo fa per il tuo bene..
    invece di sparare minc**ate hai dato un occhio in rete alla lettura che ti consigliavo (è un saggio tratto da un congresso 'LOGOS' luogo di massima importanza nello studio delle problematiche socio-politico-culturali e non fuffa da tg4 o propaganda di parte)

    Ti saluto, sperando che i miei figli non debbano vivere in un mondo con il coprifuoco dopo le 23 per evitare formantarsi di rivolte-terroristicheSorride:):):)
    non+autenticato
  • > "Coloro che sono disposti a barattare
    > libertà essenziali per ottenere un
    > pò di sicurezza passeggera non
    > meritano né la libertà
    > né la sicurezza".
    >
    > Benjamin Franklin

    Fiato sprecato, lo ha già bollato come minchiata...

    > Ti saluto, sperando che i miei figli non
    > debbano vivere in un mondo con il coprifuoco
    > dopo le 23 per evitare formantarsi di
    > rivolte-terroristicheSorride:):):)

    Secondo me Ekle. è anche daccordo con la vecchia legge che vieta l'assemblamento di più di un tot (risibile) di persone in luogo pubblico A bocca aperta (altra legge del menga fatta passare ai tempi bui del terrorismo)

    4751
  • > Evitare risposte paranoia
    > > tipo "sì, ma poi è il
    > primo
    > > passo per l'arrivo di Stalin" e cazzate
    > > varie.
    >
    > Cazzate per chi?

    Ma lascia perdere... cosa vuoi dire a uno che liquida i problemi del medio oriente bollando la popolazione di fannullonismo? e gli stai pure a consigliare dei liberi? saranno bollati tout-court come stampa eversiva e paranoica ed il cinico immaturo avrà l'ultima parola come sempre vuole fare.
    non+autenticato
  • ve la do io la ricetta per la sicurezza aerea:

    1) cabina di pilotaggio sigillata
    2) bombole di gas lacrimogeno/addormentante pronte a partire in zona passeggeri se qualcosa va storto, su comando del pilota
    3) quando sali, e' obbligatorio avere il costume da bagno. Tutti i passeggeri fanno il viaggio in tenuta da mare e si rivestono all'uscita.

    dimenticavo

    4) due gorilla da discoteca, invece delle hostess mingherline


    ==================================
    Modificato dall'autore il 16/06/2004 14.43.50
    non+autenticato

  • - Scritto da: munehiro
    > ve la do io la ricetta per la sicurezza
    > aerea:
    >
    > 1) cabina di pilotaggio sigillata
    > 2) bombole di gas lacrimogeno/addormentante
    > pronte a partire in zona passeggeri se
    > qualcosa va storto, su comando del pilota
    > 3) quando sali, e' obbligatorio avere il
    > costume da bagno. Tutti i passeggeri fanno
    > il viaggio in tenuta da mare e si rivestono
    > all'uscita.
    >
    > dimenticavo
    >
    > 4) due gorilla da discoteca, invece delle
    > hostess mingherline
    >


    Ti prego no!!! i gorilla no!!! Sorride

    Gli ultimi sembra ci siano costati tra i 5 ed i 9 milioni di dollari
    oltre ad una figura di m..da dato che li hanno trovati per sbaglio cercando una spia polaccaSorride
    :D



  • - Scritto da: Namkrad
    > Ti prego no!!! i gorilla no!!! Sorride

    si ma gorilla buttafuori... e buttafuori in questa occasione e' veramente _buttafuori_A bocca aperta



    non+autenticato

  • - Scritto da: Namkrad
    > > 4) due gorilla da discoteca, invece
    > delle
    > > hostess mingherline
    > >
    >
    >
    > Ti prego no!!! i gorilla no!!! Sorride
    >
    > Gli ultimi sembra ci siano costati tra i 5
    > ed i 9 milioni di dollari

    Come no, se lo ha detto Gino (E)Strada...
    Come facesse a saperlo lui non si sa, visto che i suoi amici non sono più in Iraq da mesi e che quando è andato per trattare gli iracheni lo hanno rispedito in Italia con due calci nel cubo!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Namkrad
    > > > 4) due gorilla da discoteca, invece
    > > delle
    > > > hostess mingherline
    > > >
    > >
    > >
    > > Ti prego no!!! i gorilla no!!! Sorride
    > >
    > > Gli ultimi sembra ci siano costati tra
    > i 5
    > > ed i 9 milioni di dollari
    >
    > Come no, se lo ha detto Gino (E)Strada...
    > Come facesse a saperlo lui non si sa, visto
    > che i suoi amici non sono più in Iraq
    > da mesi e che quando è andato per
    > trattare gli iracheni lo hanno rispedito in
    > Italia con due calci nel cubo!
    A quanto pare 6 bene informato: come fai???
    Per caso segui (sempre) Emilio Fido???
    non+autenticato
  • > A quanto pare 6 bene informato: come fai???

    No, l'informazione la leggo su internet, possibilmente su siti di diverse opinioni.
    A parte l'ansa, bbc, cnn, corriere e i siti noti a tutti, cerco di andare alle fonti, ma non è sempre facile.
    I siti "dell'altra sponda" non li leggo perchè l'arabo non lo conosco.
    Tu invece ti informi ascoltando i discorsi accannati di Casarin e soci?

    non+autenticato
  • e il mondo ubbidisce!!

    Attenzione! Solo oggi neo telegiornali si è parlato della pirateria......
    Canale 5 ne ha parlato (brevemente) e addirittura Rai 1 ha mostrato un servizio antipirateria....
    parlando del servizio iTunes che sta arrivando...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)