Flatrate: ora è Telecom vs. Infostrada

L'ex monopolista lancia la propria offerta sperando di ridurre l'emorragia di utenti attirati dalla voceflat della concorrente. E promette, però solo fino a fine agosto, anche la flat per internet

Flatrate: ora è Telecom vs. InfostradaRoma - Il tempo delle battaglie campali è giunto e Telecom Italia ha deciso di non stare a guardare le iniziative del suo concorrente Infostrada e di pugnare nell'arena con nuove armi.

Alla flat rate voce di Infostrada e alla flat rate dati di Galactica o Wind, Telecom Italia risponde con Teleconomy, termine sotto il quale si nascondono due offerte. Vediamo il dettaglio (tutti i prezzi Iva esclusa).

Teleconomy24
Con 9mila lire di canone mensile, l'offerta consente di effettuare chiamate urbane e interurbane al costo di 24 lire al minuto più 100 lire alla risposta senza fasce orarie. Con questa tariffe, le chiamate ad un provider internet prescelto sono scontate fino a 15 lire al minuto con 100 lire di scatto alla risposta.
Teleconomy 24 incide anche sui costi delle internazionali, scontate del 35 per cento mediamente, e sulle chiamate fisso-mobile, anche se in misura meno incisiva (- 5 per cento circa).
Questa offerta esclude qualsiasi altro sconto sul numero utilizzato e non copre le chiamate ai servizi "speciali" (12, 166 ecc.).
Teleconomy No Stop
Il canone mensile è di 89mila lire al mese e comprende la possibilità di effettuare un numero qualsiasi di telefonate urbane e interurbane per il tempo che si desidera, secondo il modello della voceflat Tempo Zero già adottato da Infostrada.
In più, ma solo fino a fine agosto, scegliendo questa opzione si può chiamare gratuitamente il proprio provider, una sorta di "flatrate" dati temporanea. Dal primo settembre in poi, invece, sono comprense nel canone venti ore di connessione ad internet. Le riduzioni sulle chiamate internazionali e quelle verso i cellulari sono le stesse dell'offerta Teleconomy24.

A differenza della voceflat di Infostrada, le due offerte Teleconomy possono essere attivate anche dagli utenti di linee ISDN.
TAG: mercato