iTunes in Europa, non in Italia

Ecco tutti i dettagli dell'assalto di Apple all'Europa, partendo dai tre mercati di maggiore interesse. Alla Mela per il momento non piace lo Stivale. Nemico da battere: OD2

Roma - E il gran giorno di Apple iTunes arrivò. A molti mesi dal lancio negli Stati Uniti che ha scosso il mercato della distribuzione legale via Internet, il jukebox della Mela che coniuga shop, musica e player portatile sbarca anche in Europa.

Il lancio, preannunciato da qualche giorno e ieri confermato con una presentazione londinese, è stato condito dallo show di Steve Jobs. Il fondatore di Apple ha infatti "duettato" con Alicia Keys per dimostrare la propria inclinazione alla musica che così tanto sta dando al fatturato dell'azienda. E non si è dimenticato di offrire un tributo a Ray Charles, il grandissimo bluesman americano scomparso nei giorni scorsi.

Al contrario del nemico da battere in Europa, vale a dire il distributore OD2 reduce da un accordo a tutto campo con Microsoft, iTunes di Apple per ora limiterà la propria area di mercato a Regno Unito, Germania e Francia, i tre paesi che decideranno il leader di mercato in Europa. iTunes Music Store per l'intera UE sarà operativo solo il prossimo ottobre.
iTunes, cresciuto all'ombra del peer-to-peer spopolando ben al di là delle previsioni di certi discografici, sarà naturalmente anche in Europa legato all'iPod di Apple, il playerino di dimensioni sempre più piccole e dalle funzioni sempre maggiori la cui promozione rappresenta, in effetti, il vero senso del jukebox della Mela.

Anche iTunes, come i suoi concorrenti, consente di acquistare musica a 99 centesimi (79 penny in UK) per brano scaricato, e dà accesso come già negli USA a preview gratuite dei brani, a condivisione di playlist (iMix) e via dicendo. Offrendo gli stessi diritti di utilizzo personali già disponibili negli Stati Uniti, iTunes permette agli utenti europei fin qui coinvolti di caricare le canzoni acquistate su un massimo di cinque computer, di masterizzare una singola canzone su CD un numero illimitato di volte, di masterizzare la stessa playlist fino ad un massimo di sette volte e di ascoltare la propria musica su un numero illimitato di iPod.

Il catalogo da 700mila canzoni concorre direttamente con le risorse messe in campo da Napster, la creatura di Roxio che darà filo da torcere alla Mela e a Microsoft-OD2. Una difficoltà commerciale per Apple sta probabilmente, infine, nella natura dei brani del proprio catalogo, quasi tutti figli della grande industria discografica e non di quella discografia indipendente che pure in paesi come il Regno Unito rappresenta una enorme fetta del mercato.
213 Commenti alla Notizia iTunes in Europa, non in Italia
Ordina
  • "Apple ha annunciato che la versione "europea" del suo music store ha venduto ben 800.000 brani nella prima settimana (di cui 450.000 nel solo Regno Unito). Numeri davvero enormi che fanno ben sperare sull'affermarsi del servizio di Apple anche nel Vecchio Continente. Jobs non ha mancato di sottolineare che il Music Store ha venduto un numero di brani 16 volte superiore a quello di Od2, il suo più importante concorrente che proprio ieri ha annunciato l'intenzione di fare un passo indietro e divenire fornitore di servizi B2b. Insomma per Apple la strada europea del Music Store appare davvero spianata. Vedremo se le vendite delle prossime settimane saranno "in linea" davvero con l'exploit di questa settimana."

    fonte:
    http://www.tevac.com/
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > w il pitupi

    w la galera...
    w la multa salata...
    w sequestro del computer...


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > w il pitupi

    No, viva il putipù, va a suonare quello va8)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > w il pitupi


    panettiere = pagare
    macellaio = pagare
    benzina = pagare
    telefono = pagare
    cinema = pagare
    frigorifero = pagare

    Non mi sembra che esista qualcuno che regali qualcosa, musica compresa.....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > w il pitupi
    >
    >
    > panettiere = pagare
    > macellaio = pagare
    > benzina = pagare
    > telefono = pagare
    > cinema = pagare
    > frigorifero = pagare
    >
    > Non mi sembra che esista qualcuno che regali
    > qualcosa, musica compresa.....

    beh, per questi tristi individui funziona così

    panettiere=macellaio=autoinvitarsi e mangiare a sbafo
    benzina=scroccare passaggi
    telefono=quello degli amici
    cinema=hanno lasciato il portafoglio a casa
    frigorifero=non serve, tanto scroccano di qua e di là!
  • Per chi fosse interessato allego il link della presentazione Europea di Itunes Music Store

    http://www.apple.com/quicktime/qtv/musicevent04/

    Ciao.
    non+autenticato

  • Ho provato ad installare itunes poco fa, sara' che ascolto generi di nicchia , ma di una lista di artisti che ho provato a cercare non ne ho trovato nemmeno uno, manco fossero sconosciuti.....
    Provate a cercare qualcosa di space rock e troverete il deserto totale.

    ma allora sui 200mila e passa disponibili sbandierati come sono stati scelti quelli disponibili?

    Ho provato a cercare qualcosa di piu' classico su un altro artista rock che mi interessa (Steve Vai), ma .... tutti gli album sono incompleti mancando i pezzi migliori oppure i pezzi vanno aquistati singolarmente risultando che a prenderli tutti costa piu' che in negozio, questa me la devono spiegare.

    Se me lo legalizzassero in qualche modo scaricherei quello che mi pare con mezzi miei e poi verserei i soldi direttamente a loro con Paypal o quello che si puo' purche' non mi facciano il solito prezzo esagerato.

    Personalmente sono un po' deluso,
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Ho provato ad installare itunes poco fa,
    > sara' che ascolto generi di nicchia , ma di
    > una lista di artisti che ho provato a
    > cercare non ne ho trovato nemmeno uno, manco
    > fossero sconosciuti.....
    > Provate a cercare qualcosa di space rock e
    > troverete il deserto totale.


    Space Rock? Vuoi dire quello di Guerre Stellari?



    >
    > ma allora sui 200mila e passa disponibili
    > sbandierati come sono stati scelti quelli
    > disponibili?
    >

    I brani sono 700.000 e sono stati scelti cercando di accontentare la maggioranza delle richieste, ovviamente. Hai una vaga idea di quanta musica sia stata prodotta fino ad'oggi? Io per esempio cercavo il Quartetto Cetra e non l'ho trovato.....



    non+autenticato
  • Gaurdate che esistono anche algoritmi di compressione loseless, quindi senza perdita alcuna di dati.

    Il più famoso ed usato è il FLAC, che qualcuno timidamente inizia ad usare anche in qualche negozio e che i Phish usavano per vendere le registrazioni dei concerti online (leggo sul sito di Flac che ora lo fanno anche i Metallica).

    Poi hanno il loro formato loseless propietario sia Microsoft che Apple, quindi non c'è nemmeno problema a DRMarlo!

    Il problema è solo la banda: sono tutti sistemi che comprimono con rate circa 0,5 ossia dimezzano la lunghezza, quindi un CD intero verrebbe 300 e rotti mega!
  • - Scritto da: Ekleptical
    > Il più famoso ed usato è il
    > FLAC, che qualcuno timidamente inizia ad
    > usare anche in qualche negozio e che i Phish
    > usavano per vendere le registrazioni dei
    > concerti online (leggo sul sito di Flac che
    > ora lo fanno anche i Metallica).

    Magari se la leggevi la pagina di FLAC...
    non+autenticato
  • > > Il più famoso ed usato è
    > il
    > > FLAC, che qualcuno timidamente inizia ad
    > > usare anche in qualche negozio e che i
    > Phish
    > > usavano per vendere le registrazioni dei
    > > concerti online (leggo sul sito di Flac
    > che
    > > ora lo fanno anche i Metallica).
    >
    > Magari se la leggevi la pagina di FLAC...


    Uh? Che ho detto di strano?
  • > > Magari se la leggevi la pagina di
    > FLAC...
    >
    > Uh? Che ho detto di strano?

    Ti saresti accorto che è una compressione LOSSLESS non loseless forse si dice così a RomaSorride

    Ciao
    non+autenticato
  • > Ti saresti accorto che è una
    > compressione LOSSLESS non loseless forse si
    > dice così a RomaSorride

    In verità si dice anche loseless.... fai una ricerca su Google..Con la lingua fuori
  • > > Ti saresti accorto che è una
    > > compressione LOSSLESS non loseless
    > forse si
    > > dice così a RomaSorride
    >
    > In verità si dice anche loseless....
    > fai una ricerca su Google..Con la lingua fuori

    Due torti non fanno una ragione, o meglio 2620 contro 401000 e guarda un po' la prima pagina che ti ritorna con losslessSorride

    Ciao
    non+autenticato
  • Il problema è solo la banda: sono tutti sistemi che comprimono con rate circa 0,5 ossia dimezzano la lunghezza, quindi un CD intero verrebbe 300 e rotti mega!



    ...e quale sarebbe il problema ?
    con l'ADSL impieghi tempi discreti, con la fibra non te ne accorgi nemmeno di aver fatto il download !
    l'importante è la qualità, le dimensioni sono irrilevanti.
    non+autenticato
  • > ...e quale sarebbe il problema ?
    > con l'ADSL impieghi tempi discreti, con la
    > fibra non te ne accorgi nemmeno di aver
    > fatto il download !
    > l'importante è la qualità, le
    > dimensioni sono irrilevanti.

    Il problema è per loro, non per te!Con la lingua fuori
    Può farlo la Telecom, che tanto la banda non la paga, ma per un'azienda inizia ad essere un costo!
  • io uso monkey's audio, mi sembra più efficace, soprattutto in velocità di encoding.decoding

    cmq pretendere il loseless negli acquisti online mi sembra poco pratico e oltretutto assolutamente non cost-effective, a me basterebbe che fosse al max bitrate "utile", magari un 320kbps, che se è in formato aac non so quante persone su diecimila sono in grado di accorgersi della differenza (con test a doppio cieco).

    chiaramente poi non ci devono essere drm, ma non per le mie velleità di pirataggio, quanto perché nell'utilizzo portatile è frequente il "ricompattamento" a dimensioni più umane e formati vetusti come l'mp3.

    (sono consapevole che il transcoding è una brutta pratica, ma tanto già mi devo accontentare di 128kbps sul muvo da64mb, quindi accetto il compromesso.)


    - Scritto da: Ekleptical
    > Gaurdate che esistono anche algoritmi di
    > compressione loseless, quindi senza perdita
    > alcuna di dati.
    >
    > Il più famoso ed usato è il
    > FLAC, che qualcuno timidamente inizia ad
    > usare anche in qualche negozio e che i Phish
    > usavano per vendere le registrazioni dei
    > concerti online (leggo sul sito di Flac che
    > ora lo fanno anche i Metallica).
    >
    > Poi hanno il loro formato loseless
    > propietario sia Microsoft che Apple, quindi
    > non c'è nemmeno problema a DRMarlo!
    >
    > Il problema è solo la banda: sono
    > tutti sistemi che comprimono con rate circa
    > 0,5 ossia dimezzano la lunghezza, quindi un
    > CD intero verrebbe 300 e rotti mega!


    ==================================
    Modificato dall'autore il 16/06/2004 20.57.31


    ==================================
    Modificato dall'autore il 16/06/2004 21.05.05
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)