Uno standard per la durata dei toner

I quattro maggiori produttori di stampanti hanno abbracciato uno standard che, secondo quanto promesso, aiuterà gli utenti a valutare e comparare la durata dell'inchiostro nelle stampanti laser

Milano - I quattro leader del mercato delle stampanti - Canon, Epson, HP e Lexmark - hanno annunciato il loro sostegno ad un nuovo standard, ISO/IEC 19752, che ha lo scopo di fornire una metodologia comune per la misurazione del rendimento dei toner nelle stampanti laser monocromatiche. Secondo i quattro produttori, questo standard dovrebbe di aiutare i consumatori a valutare e comparare con più obiettività e accuratezza la durata massima di una cartuccia in associazione con una determinata stampante.

La specifica ISO/IEC 19752 definisce gli attributi chiave che influiscono sul rendimento e fornisce un modello statistico a cui i produttori hanno promesso di attenersi per misurare il rendimento dei propri dispositivi di stampa: in questo modo i valori riportati da una marca potranno essere direttamente confrontati a quelli di una marca differente. Finora i produttori di stampanti hanno utilizzato varie metodologie per misurare la resa dei toner, rendendo difficile per i clienti mettere a confronto i diversi prodotti.

Con questo standard i produttori sperano di guadagnarsi la fiducia degli utenti e contrastare il fertile mercato delle cartucce ricaricate, prodotti che talvolta non riescono a fornire qualità e longevità comparabili ai ricambi originali.
"Canon, Epson, HP e Lexmark, che hanno sostenuto lo sviluppo dello standard, sono certi che queste norme porteranno benefici significativi sia ai clienti che all'industria della stampa", si legge in un comunicato diffuso da Canon. "Il nuovo standard può essere utilizzato per valutare l'OEM (Original Equipment Manufacturer) e le cartucce rifabbricate o rigenerate".

Ora i produttori sperano che l'approvazione del neo standard possa accelerare lo sviluppo di analoghi standard per le stampanti a getto d'inchiostro e per quelle laser a colori.

"Il nuovo standard ISO crea una solida base per l'evoluzione degli standard anche nella tecnologia a colori, sia laser che ink-jet", ha dichiarato Mogens Molgaard Jensen, executive vice president di Canon Europe.

Molti utenti sperano che l'industria del settore possa trovare un parametro comune anche per la misurazione della velocità di stampa, oggi generalmente espressa da valori del tutto teorici e scarsamente confrontabili. Resta poi la qualità di stampa, ma questo attributo appare troppo complesso e soggettivo perché possa mai essere codificato in una specifica universale.
TAG: hw
6 Commenti alla Notizia Uno standard per la durata dei toner
Ordina
  • costo reale. E' assurdo, per non parlare delle taniche di ink Jet, li arriviamo a pargarli anche 300 - 400 volte il costo reale di produzione. Sarebbe stato onesto pagarli 10-20 volte non quelle cifre esagerate per stampare qualche centinaio di pagine!!!!!

    Anche gli ink-iostri ed i toner rigenerati sono una grande truffa costo quasi quanto quelli originali ed il guadagno per le aziende che li producono è esasperato si parla del 80-90% sul materiale effettivo e sui costi di produzione.

    Ragazzi ci stanno fregando quattrini da un decennio (circa qualche migliaio di miliardi di vecchie lire solo in Italia ogni anno) e nessuno dice niete!!! Protestiamo!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > costo reale. E' assurdo, per non parlare
    > delle taniche di ink Jet, li arriviamo a
    > pargarli anche 300 - 400 volte il costo
    > reale di produzione. Sarebbe stato onesto
    > pagarli 10-20 volte non quelle cifre
    > esagerate per stampare qualche centinaio di
    > pagine!!!!!
    >
    > Anche gli ink-iostri ed i toner rigenerati
    > sono una grande truffa costo quasi quanto
    > quelli originali ed il guadagno per le
    > aziende che li producono è esasperato
    > si parla del 80-90% sul materiale effettivo
    > e sui costi di produzione.
    >
    > Ragazzi ci stanno fregando quattrini da un
    > decennio (circa qualche migliaio di miliardi
    > di vecchie lire solo in Italia ogni anno) e
    > nessuno dice niete!!! Protestiamo!!!

    ma la stampante te la regalano. Certo comunque vuoi tutto, stampanti a prezzo bassimoe cartucce a prezzo zero. Poi le rigenerate costano in media la metà dell'originale e c'è il lavoro di ricarica che in italia costa più del materiale o i kit di ricarica costano pochissimo.

    Io compro le originali solo quando devo cambiare le cartucce per dei problemi se no ricarico e non mi lamento
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > costo reale. E' assurdo, per non parlare
    > delle taniche di ink Jet, li arriviamo a
    > pargarli anche 300 - 400 volte il costo
    > reale di produzione. Sarebbe stato onesto
    > pagarli 10-20 volte non quelle cifre
    > esagerate per stampare qualche centinaio di
    > pagine!!!!!
    >
    > Anche gli ink-iostri ed i toner rigenerati
    > sono una grande truffa costo quasi quanto
    > quelli originali ed il guadagno per le
    > aziende che li producono è esasperato
    > si parla del 80-90% sul materiale effettivo
    > e sui costi di produzione.
    >
    > Ragazzi ci stanno fregando quattrini da un
    > decennio (circa qualche migliaio di miliardi
    > di vecchie lire solo in Italia ogni anno) e
    > nessuno dice niete!!! Protestiamo!!!

    impariamo a farci l'inchiostro da noi...
  • Anche i produttori di cartucce compatibili potranno adeguarsi alla SO/IEC 19752
    Funz
    13000
  • ... e mi sono accorto della differenza!

    Con la vecchia Epson Stylus Color 800 spendevo 30-40 euro d'inchiostro (nero+colore) e dopo una decina di stampe a colori A4 era già in esaurimento.
    Ora ho una Canon 850i, l'inchiostro costa 90 euro (4 cartucce separate) ma ci ho già stampato una cinquantina di A4 a colori (foto) e ho ancora inchiostro.
    Che dire, un bel salto di prestazioni! (oltre ovviamente alla qualità di stampa).

    Unica nota negativa: i driver Canon sono molto lenti, dal momento che controllano che ogni cosa che stampo non contenga immagini di banconote di varie valute.... (è anche per questo che i driver pesano 25Mb mentre una volta erano di 1Mb), altrimenti bloccano la stampa (analogamente a Photoshop CS, che è più lento di Photoshop 7 per lo stesso motivo).



    non+autenticato
  • Sì d' accordo.. ma stai parlando di inchiostri per ink jet.. cosa c'entra con l'articolo che parla di nuovi standard pe rtoner laser?



    - Scritto da: Anonimo
    > ... e mi sono accorto della differenza!
    >
    > Con la vecchia Epson Stylus Color 800
    > spendevo 30-40 euro d'inchiostro
    > (nero+colore) e dopo una decina di stampe a
    > colori A4 era già in esaurimento.
    > Ora ho una Canon 850i, l'inchiostro costa 90
    > euro (4 cartucce separate) ma ci ho
    > già stampato una cinquantina di A4 a
    > colori (foto) e ho ancora inchiostro.
    > Che dire, un bel salto di prestazioni!
    > (oltre ovviamente alla qualità di
    > stampa).
    >
    > Unica nota negativa: i driver Canon sono
    > molto lenti, dal momento che controllano che
    > ogni cosa che stampo non contenga immagini
    > di banconote di varie valute.... (è
    > anche per questo che i driver pesano 25Mb
    > mentre una volta erano di 1Mb), altrimenti
    > bloccano la stampa (analogamente a Photoshop
    > CS, che è più lento di
    > Photoshop 7 per lo stesso motivo).
    >
    >
    >
    non+autenticato