Innestate le prime nanosonde

I device dell'immaginario trekkiano al centro di una ricerca ormai in fase avanzata. Introdotte nell'organismo rilasciano farmaci a comando. Nanocosi contro il tumore

Roma - Tra le molte notizie dal sapore fantascientifico di questi giorni una colpisce particolarmente. Ripresa dalla BBC, parla di una ricerca sulle nanotecnologie che ricorda molto da vicino le nanosonde di trekkiana memoria.

Stando alla BBC, la società australiana di biotecnologie pSivida ha realizzato dei nanorobot chiamati BrachySil che possono essere introdotti nell'organismo senza alcun danno, diventando invece vettori per farmaci.

pSivida ha spiegato che la struttura di questi particolarissimi nanorobot è basata sul cosiddetto biosilicio, un materiale poroso che può quindi trasportare dei farmaci e che è facilmente adattabile a questo genere di esigenze. Non solo, la conduttività elettrica del silicio consente di "manovrare" le nanosonde in modo tale che rilascino le sostanze richieste nell'organismo nel modo ritenuto necessario e solo quando sono "sull'obiettivo".
L'idea di fondo, infatti, è che le nanosonde possano essere indirizzate per colpire specifiche formazioni tumorali in modo molto più preciso dei farmaci fin qui sperimentati.

Nanobot (Antonio Siber 2003)La notizia viene data ora in quanto sono partiti i test su pazienti umani nell'ospedale di Singapore. Per ora sono due i soggetti che hanno iniziato ad assumere nanosonde ma presto se ne aggiungeranno altri.

Da segnalare che durante il processo di utilizzo, e proprio per consentire il rilascio del farmaco, i nanocosi si liquefanno fino a disperdersi nell'organismo senza alcuna conseguenza, trasformandosi in un acido normalmente assorbito ed elaborato dall'organismo umano attraverso il cibo. Il processo di degradazione richiede più o meno 15 giorni.
TAG: mondo
32 Commenti alla Notizia Innestate le prime nanosonde
Ordina
  • se uno ha un nanocoso, la tecnologia può fornirgli una ragazza con una nanocosa, così la sua vita sessuale sarà più appagante
    non+autenticato
  • Ciao a tutti, sono indeciso se andare a fare biotecnologie mediche e farmaceutiche o ingegneria biomedica... Volevo appunto sapere: la ricerca di questi procedimenti e la realizzazione è fatta da un biotecnologo vero?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ciao a tutti, sono indeciso se andare a fare
    > biotecnologie mediche e farmaceutiche o
    > ingegneria biomedica... Volevo appunto
    > sapere: la ricerca di questi procedimenti e
    > la realizzazione è fatta da un
    > biotecnologo vero?

    Sono campi che abbracciano una vasta gamma di conoscenze: dall'ingegneria biomedica (studia dalle protesi alla strumentazione ai materiali) alla biologia, dalla fisica atomica all'istologia, all'ematologia ecc.
    mi spiace averti confuso le idee, ma le cose non sono così semplici. Solo ascolta te stesso, lasciati dire da lui dove andare e scegli d'istinto. È quella la tua strada.
    non+autenticato
  • Sorride

    già mi vedo i primi filmettuzzi horror di serie B in cui le nanomacchine impazziscono e sbudellano vari personaggi DA DENTRO

    ^___________^


    GHUAAAAAHAHAHAHAHHA


    :-E
    non+autenticato
  • "I robot" ,per ora.
    in "I robot 2" li miniatuzzerannoSorride
  • La ricerca nanotecnologica in questione e' realizzata tra Australia ed USA, con i grant del US National Nanotechnology Initiative (NNI) e con quel centro di eccellenza nanotecnologica che e' la Purdue University ...
    ... chi diceva soldi buttati un giorno potrebbe ricredersi.

    E faccio notare che la Purdue non e' sola ... si puo' partire dalla west coast con Stanford, USC, UCLA, UCSD ... e scorrere l'elenco fino alla east coast passando per l'Indiana per vedere come fioriscono nuovi campi di ricerca ... che periodo eccitante, non trovate?

    Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > La ricerca nanotecnologica in questione e'
    > realizzata tra Australia ed USA, con i grant
    > del US National Nanotechnology Initiative
    > (NNI) e con quel centro di eccellenza
    > nanotecnologica che e' la Purdue University
    > ...
    > ... chi diceva soldi buttati un giorno
    > potrebbe ricredersi.
    >
    > E faccio notare che la Purdue non e' sola
    > ... si puo' partire dalla west coast con
    > Stanford, USC, UCLA, UCSD ... e scorrere
    > l'elenco fino alla east coast passando per
    > l'Indiana per vedere come fioriscono nuovi
    > campi di ricerca ... che periodo eccitante,
    > non trovate?

    un ricercatore italiano non credo sarebbe d'accordo con teTriste
  • .... se mi guariscono da una malattia o meglio ancora riparano un mio difetto genetico. Evviva anche l'ingegneria genetica.
    Sebbene io sia credente non riesco proprio a condividere le remore di certi reazionari bigotti. Perche' opporsi ad una tecnologia che puo' migliorare la vita??? Perche' ???
    Forse perche' la vita deve essere nelle mani di Dio ?
    State tranquilli che ci rimane. Alla fine l'ultima parola sul nostro destino e' SUA. Come e' sempre stato.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > .... se mi guariscono da una malattia o
    > meglio ancora riparano un mio difetto
    > genetico. Evviva anche l'ingegneria
    > genetica.
    > Sebbene io sia credente non riesco proprio a
    > condividere le remore di certi reazionari
    > bigotti. Perche' opporsi ad una tecnologia
    > che puo' migliorare la vita??? Perche' ???
    > Forse perche' la vita deve essere nelle mani
    > di Dio ?
    > State tranquilli che ci rimane. Alla fine
    > l'ultima parola sul nostro destino e' SUA.
    > Come e' sempre stato.
    >

    Sicuro!
    Stanne certo!
    Ti dà anche una bella medaglietta se sei stato buono!
    Ma fammi il piacere...
    non+autenticato
  • > > di Dio ?
    > > State tranquilli che ci rimane. Alla
    > fine
    > > l'ultima parola sul nostro destino e'
    > SUA.
    > > Come e' sempre stato.
    > >
    >
    > Sicuro!
    > Stanne certo!
    > Ti dà anche una bella medaglietta se
    > sei stato buono!
    > Ma fammi il piacere...

    Si infatti adesso non so se passare in purgatorio ed eventualmente in paradiso a contemplare questa luce eterna oppure andare dove di danno 72 mogli, speriamo non tutte racchie e speriamo non si debba pagare gli alimenti...
    forse quello e' l'inferno?Deluso

    Comunque per quanto riguarda la medaglietta devo dire che il discorso e' piu' complesso e la ricompensa te la godi anche quanto sei in vita.
    non+autenticato
  • Sono con te... e con Dio!
    non+autenticato
  • Era ora che cominciassero ad applicare questa tecnologia: dal punto di vista etico per me non ci sono affatto problemi.

    Se non si è d'accordo direi di provare a spiegarlo a un malato di cancro.
    non+autenticato
  • Dio può tutto basta volerlo!
    non+autenticato
  • :) E' semplicemente fantastica questa tecnologia. Era ora che ci arrivassero. Le implicazioni e gli impieghi saranno notevoli; e chi è seriamente ammalato avrà nuove speranze!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)