Danno da spam: arrivano le multe

Un giudice di Pace napoletano colpisce una società accusata di spam: sanzioni per mille euro, rimborso delle spese legali e pubblicazione della sentenza sui giornali

Napoli - Con grande interesse è stata accolta la notizia che per la prima volta un giudice di Pace in un caso legato allo spam ha determinato non solo l'esistenza di un "danno da spam" per violazione della privacy ma ha anche sanzionato pesantemente la società colpevole di spam.

Il caso è nato dalla denuncia presentata dall'avvocato del movimento Noi consumatori, Angelo Pisani, che aveva nel mirino una società produttrice di articoli sportivi.

Nella sua sentenza, il giudice ha stabilito un'ammenda di mille euro per il fatto spammatorio, un risarcimento di 750 euro per le spese legali nonché l'onere della pubblicazione della condanna su alcuni dei principali quotidiani nazionali e su due settimanali.
Nelle conclusioni, il giudice ha spiegato che "i messaggi pubblicitari di posta elettronica non richiesti e non preventivamente autorizzati rappresentano una violazione della legge sulla privacy e la società che li invia deve rispondere del comportamento illecito dei propri dipendenti".

Secondo il magistrato, dunque, "l'invio di posta elettronica indesiderata è illegittimo sotto due profili: da un lato per la scorrettezza e l'illiceità del trattamento dei dati personali e dall'altro perché provoca un'illegittima intrusione della riservatezza".
95 Commenti alla Notizia Danno da spam: arrivano le multe
Ordina
  • Sono un webmaster che lavora ormai da anni sul web e sono stato sempre contrario a qualsiasi forma di spam per pubblicizzare i miei siti, ma però mi chiedo lo spam politico non dovrebbe essere anche un reato penale?
    La mia casella di posta civica in questi giorni pre-elezioni è stata invasa da volantini politici!!!!!
    Allora mi chiedo visto che non ho mai acconsentito a questi politici di inviarmi posta, se non è spam anche questo!!!!Arrabbiato
    non+autenticato
  • Non dimentichiamoci poi dei cartelloni in città, spalmati in sequenze tipo "VOTA CICCIO" con 10 manifesti uno dopo l'altro... allucinante.

    p.s. "ma però" è bruuuuttoOcchiolino o "ma" o "però" (anche se non si inizia mai una frase con "ma")... scusa la pignoleriaSorride
    non+autenticato
  • Se la causa è stata promossa avanti al Giudice di Pace la sentenza è nulla: infatti il Codice della Privacy stabilisce la incompetenza inderogabile del Tribunale per qualsiasi causa civile relativa alla normativa sulla protezione dei dati personali.
    Peccato: una bella occasione buttata via.
    Avv. Marzio Vaglio
    non+autenticato
  • incompetenza inderogabile???
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    [cut]
    > Peccato: una bella occasione buttata via.
    > Avv. Marzio Vaglio

    Scusi avv. mi dice dove questa "inderogabile incompetenza" sarebbe indicata ?


    CAPO II - TUTELA GIURISDIZIONALE

    Art. 152. Autorità giudiziaria ordinaria
    1. Tutte le controversie che riguardano, comunque, l'applicazione delle disposizioni del presente codice, comprese quelle inerenti ai provvedimenti del Garante in materia di protezione dei dati personali o alla loro mancata adozione, sono attribuite all'autorità giudiziaria ordinaria.

    2. Per tutte le controversie di cui al comma 1 l'azione si propone con ricorso depositato nella cancelleria del tribunale del luogo ove risiede il titolare del trattamento.

    3. Il tribunale decide in ogni caso in composizione monocratica.

    4. Se è presentato avverso un provvedimento del Garante anche ai sensi dell'articolo 143, il ricorso è proposto entro il termine di trenta giorni dalla data di comunicazione del provvedimento o dalla data del rigetto tacito.

    Se il ricorso è proposto oltre tale termine il giudice lo dichiara inammissibile con ordinanza ricorribile per cassazione.

    5. La proposizione del ricorso non sospende l'esecuzione del provvedimento del Garante. Se ricorrono gravi motivi il giudice,sentite le parti, può disporre diversamente in tutto o in parte con ordinanza impugnabile unitamente alla decisione che definisce il grado di giudizio.

    6. Quando sussiste pericolo imminente di un danno grave ed irreparabile il giudice può emanare i provvedimenti necessari con decreto motivato, fissando, con il medesimo provvedimento, l'udienza di comparizione delle parti entro un termine non superiore a quindicigiorni. In tale udienza, con ordinanza, il giudice conferma, modifica o revoca i provvedimenti emanati con decreto.

    7. Il giudice fissa l'udienza di comparizione delle parti con decreto con il quale assegna al ricorrente il termine perentorio entro cui notificarlo alle altre parti e al Garante. Tra il giorno della notificazione e l'udienza di comparizione intercorrono non meno di trenta giorni.

    8. Se alla prima udienza il ricorrente non compare senza addurre alcun legittimo impedimento, il giudice dispone la cancellazione della causa dal ruolo e dichiara l'estinzione del processo, ponendo a carico del ricorrente le spese di giudizio.

    9. Nel corso del giudizio il giudice dispone, anche d'ufficio, omettendo ogni formalità non necessaria al contraddittorio, i mezzi di prova che ritiene necessari e può disporre la citazione di testimoni anche senza la formulazione di capitoli.

    10. Terminata l'istruttoria, il giudice invita le parti a precisare le conclusioni ed a procedere, nella stessa udienza, alla discussione orale della causa, pronunciando subito dopo la sentenza mediante lettura del dispositivo. Le motivazioni della sentenza sono depositate in cancelleria entro i successivi trenta giorni. Il giudice può anche redigere e leggere, unitamente al dispositivo, la motivazione della sentenza, che è subito dopo depositata in cancelleria.

    11. Se necessario, il giudice può concedere alle parti un termine non superiore a dieci giorni per il deposito di note difensive e rinviare la causa all'udienza immediatamente successiva alla scadenza del termine per la discussione e la pronuncia della sentenza.

    12. Con la sentenza il giudice, anche in deroga al divieto di cui all'articolo 4 della legge 20 marzo 1865, n. 2248, allegato E), quando è necessario anche in relazione all'eventuale atto del soggetto pubblico titolare o responsabile, accoglie o rigetta la domanda, in tutto o in parte, prescrive le misure necessarie, dispone sul risarcimento del danno, ove richiesto, e pone a carico della parte soccombente le spese del procedimento.

    13. La sentenza non è appellabile, ma è ammesso il ricorso per cassazione.

    14. Le disposizioni di cui al presente articolo si applicano anche nei casi previsti dall'articolo 10, comma 5, della legge 1 aprile 1981, n. 121, e successive modificazioni.



    ==================================
    Modificato dall'autore il 28/06/2004 18.36.27
    Anlan
    1327

  • - Scritto da: Anlan
    > - Scritto da: Anonimo
    > [cut]
    > > Peccato: una bella occasione buttata
    > via.
    > > Avv. Marzio Vaglio
    >
    > Scusi avv. mi dice dove questa "inderogabile
    > incompetenza" sarebbe indicata ?
    >
    >
    > CAPO II - TUTELA GIURISDIZIONALE
    >
    > Art. 152. Autorità giudiziaria
    > ordinaria
    > 1. Tutte le controversie che riguardano,
    > comunque, l'applicazione delle disposizioni
    > del presente codice, comprese quelle
    > inerenti ai provvedimenti del Garante in
    > materia di protezione dei dati personali o
    > alla loro mancata adozione, sono attribuite
    > all'autorità giudiziaria ordinaria.
    >
    > 2. Per tutte le controversie di cui al comma
    > 1 l'azione si propone con ricorso depositato
    > nella cancelleria del tribunale del luogo
    > ove risiede il titolare del trattamento.
    >
    > 3. Il tribunale decide in ogni caso in
    > composizione monocratica.
    >
    > 4. Se è presentato avverso un
    > provvedimento del Garante anche ai sensi
    > dell'articolo 143, il ricorso è
    > proposto entro il termine di trenta giorni
    > dalla data di comunicazione del
    > provvedimento o dalla data del rigetto
    > tacito.
    >
    > Se il ricorso è proposto oltre tale
    > termine il giudice lo dichiara inammissibile
    > con ordinanza ricorribile per cassazione.
    >
    > 5. La proposizione del ricorso non sospende
    > l'esecuzione del provvedimento del Garante.
    > Se ricorrono gravi motivi il giudice,sentite
    > le parti, può disporre diversamente
    > in tutto o in parte con ordinanza
    > impugnabile unitamente alla decisione che
    > definisce il grado di giudizio.
    >
    > 6. Quando sussiste pericolo imminente di un
    > danno grave ed irreparabile il giudice
    > può emanare i provvedimenti necessari
    > con decreto motivato, fissando, con il
    > medesimo provvedimento, l'udienza di
    > comparizione delle parti entro un termine
    > non superiore a quindicigiorni. In tale
    > udienza, con ordinanza, il giudice conferma,
    > modifica o revoca i provvedimenti emanati
    > con decreto.
    >
    > 7. Il giudice fissa l'udienza di
    > comparizione delle parti con decreto con il
    > quale assegna al ricorrente il termine
    > perentorio entro cui notificarlo alle altre
    > parti e al Garante. Tra il giorno della
    > notificazione e l'udienza di comparizione
    > intercorrono non meno di trenta giorni.
    >
    > 8. Se alla prima udienza il ricorrente non
    > compare senza addurre alcun legittimo
    > impedimento, il giudice dispone la
    > cancellazione della causa dal ruolo e
    > dichiara l'estinzione del processo, ponendo
    > a carico del ricorrente le spese di
    > giudizio.
    >
    > 9. Nel corso del giudizio il giudice
    > dispone, anche d'ufficio, omettendo ogni
    > formalità non necessaria al
    > contraddittorio, i mezzi di prova che
    > ritiene necessari e può disporre la
    > citazione di testimoni anche senza la
    > formulazione di capitoli.
    >
    > 10. Terminata l'istruttoria, il giudice
    > invita le parti a precisare le conclusioni
    > ed a procedere, nella stessa udienza, alla
    > discussione orale della causa, pronunciando
    > subito dopo la sentenza mediante lettura del
    > dispositivo. Le motivazioni della sentenza
    > sono depositate in cancelleria entro i
    > successivi trenta giorni. Il giudice
    > può anche redigere e leggere,
    > unitamente al dispositivo, la motivazione
    > della sentenza, che è subito dopo
    > depositata in cancelleria.
    >
    > 11. Se necessario, il giudice può
    > concedere alle parti un termine non
    > superiore a dieci giorni per il deposito di
    > note difensive e rinviare la causa
    > all'udienza immediatamente successiva alla
    > scadenza del termine per la discussione e la
    > pronuncia della sentenza.
    >
    > 12. Con la sentenza il giudice, anche in
    > deroga al divieto di cui all'articolo 4
    > della legge 20 marzo 1865, n. 2248, allegato
    > E), quando è necessario anche in
    > relazione all'eventuale atto del soggetto
    > pubblico titolare o responsabile, accoglie o
    > rigetta la domanda, in tutto o in parte,
    > prescrive le misure necessarie, dispone sul
    > risarcimento del danno, ove richiesto, e
    > pone a carico della parte soccombente le
    > spese del procedimento.
    >
    > 13. La sentenza non è appellabile, ma
    > è ammesso il ricorso per cassazione.
    >
    > 14. Le disposizioni di cui al presente
    > articolo si applicano anche nei casi
    > previsti dall'articolo 10, comma 5, della
    > legge 1 aprile 1981, n. 121, e successive
    > modificazioni.
    >
    >
    >
    > ==================================
    > Modificato dall'autore il 28/06/2004 18.36.27

    Forse l'Avv. si riferisce alla eventuale opposizione al provvedimento del Garante, per la quale, effettivamente, è competente il Tribunale, per di più del luogo ove risiede il titolare del trattamento. Ma se invece è lo spammato a voler ottenre il risarcimento del danno, allora per valore è senz'altro competente il Giudice di Pace, del luogo ove risiede il danneggiato. Infatti il comma 1 dell'art. 152, da te citato, parla genericamente di Autorità Giudiziaria, mentre il comma 2, che nomina il Tribunale, afferma anche la competenza del Trib, del luogo di residenza dello spammer, per cui è evidente che si riferisce ad una opposizione al provvedimento del Garante, e non ad una azione dello spammato-danneggiato, che ha diritto di ricorrere al Giudice del luogo ove egli ha la residenza.
    non+autenticato
  • Ciao a tutti,

    ecco come vanno VERAMENTE le cose.

    questa sentenza è davvero dittatoriale, perchè dimostra che la magistratura italiana non è più affidabile.

    Tutti parlano di spam, tutti parlano e si riempiono la bocca di diritti alla privacy. Sapete che cosa vi dico? PRIVACY UN CORNO!!!

    Nessuno parla del diritto dei lavoratori di avere uno stipendio a fine mese. Nessuno parla del diritto delle industrie di non chiudere.

    Lo spam (parola che odio, preferisco definirlo "contatto commerciale diretto") è forse l'ultimo baluardo di questi valori, di queste opportunità per il paese.

    Grazie al metodo del contatto commerciale diretto, ecco cosa succede:

    - le aziende vendono, quindi prosperano, dando lavoro agli operai e di conseguenza distribuendo ricchezza, quindi felicità

    - i provider guadagano sul costo delle connessioni degli utenti, quindi possono tenere i prezzi bassi. Se non fosse per lo "spam", nessuno potrebbe avere un ADSL a meno di 150 euro al mese!!! non lo dico io, lo dicono i più grandi studi di settore.

    - gli utenti sono contenti, perchè vengono a conoscenza di prodotti di ottima qualità, estremamente utili ed a basso costo.

    come vedete, si arriva alla quadratura del cerchio, tutti sono felici e l'economia del paese progredisce sempre di più!

    Purtroppo la magistratura è nelle mani di chi non vuole il progresso: non voglio fare politica, ma il nostro Presidente del Consiglio dei Ministri in carica ha più volte spiegato il problema dell'indipendenza della magistratura.

    Insomma, la prossima volta che ricevete la vostra busta paga, chiudete gli occhi e ringraziate nel fondo del vostro cuore i cossiddetti "spammatori": grazie a loro anche questo mese si mangia!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ciao a tutti,
    >
    > ecco come vanno VERAMENTE le cose.
    >
    > questa sentenza è davvero
    > dittatoriale, perchè dimostra che la
    > magistratura italiana non è
    > più affidabile.
    >
    > Tutti parlano di spam, tutti parlano e si
    > riempiono la bocca di diritti alla privacy.
    > Sapete che cosa vi dico? PRIVACY UN CORNO!!!
    >
    > Nessuno parla del diritto dei lavoratori di
    > avere uno stipendio a fine mese. Nessuno
    > parla del diritto delle industrie di non
    > chiudere.
    >
    > Lo spam (parola che odio, preferisco
    > definirlo "contatto commerciale diretto")
    > è forse l'ultimo baluardo di questi
    > valori, di queste opportunità per il
    > paese.
    >
    > Grazie al metodo del contatto commerciale
    > diretto, ecco cosa succede:
    >
    > - le aziende vendono, quindi prosperano,
    > dando lavoro agli operai e di conseguenza
    > distribuendo ricchezza, quindi
    > felicità
    >
    > - i provider guadagano sul costo delle
    > connessioni degli utenti, quindi possono
    > tenere i prezzi bassi. Se non fosse per lo
    > "spam", nessuno potrebbe avere un ADSL a
    > meno di 150 euro al mese!!! non lo dico io,
    > lo dicono i più grandi studi di
    > settore.
    >
    > - gli utenti sono contenti, perchè
    > vengono a conoscenza di prodotti di ottima
    > qualità, estremamente utili ed a
    > basso costo.
    >
    > come vedete, si arriva alla quadratura del
    > cerchio, tutti sono felici e l'economia del
    > paese progredisce sempre di più!
    >
    > Purtroppo la magistratura è nelle
    > mani di chi non vuole il progresso: non
    > voglio fare politica, ma il nostro
    > Presidente del Consiglio dei Ministri in
    > carica ha più volte spiegato il
    > problema dell'indipendenza della
    > magistratura.
    >
    > Insomma, la prossima volta che ricevete la
    > vostra busta paga, chiudete gli occhi e
    > ringraziate nel fondo del vostro cuore i
    > cossiddetti "spammatori": grazie a loro
    > anche questo mese si mangia!

    quoto tutto! sei davvero un grande, finalmente qualcuno che ha il coraggio di dire la verità
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ciao a tutti,
    > >
    > > ecco come vanno VERAMENTE le cose.
    > >
    > > questa sentenza è davvero
    > > dittatoriale, perchè dimostra
    > che la
    > > magistratura italiana non è
    > > più affidabile.
    > >
    > > Tutti parlano di spam, tutti parlano e
    > si
    > > riempiono la bocca di diritti alla
    > privacy.
    > > Sapete che cosa vi dico? PRIVACY UN
    > CORNO!!!
    > >
    > > Nessuno parla del diritto dei
    > lavoratori di
    > > avere uno stipendio a fine mese. Nessuno
    > > parla del diritto delle industrie di non
    > > chiudere.
    > >
    > > Lo spam (parola che odio, preferisco
    > > definirlo "contatto commerciale
    > diretto")
    > > è forse l'ultimo baluardo di
    > questi
    > > valori, di queste opportunità
    > per il
    > > paese.
    > >
    > > Grazie al metodo del contatto
    > commerciale
    > > diretto, ecco cosa succede:
    > >
    > > - le aziende vendono, quindi prosperano,
    > > dando lavoro agli operai e di
    > conseguenza
    > > distribuendo ricchezza, quindi
    > > felicità
    > >
    > > - i provider guadagano sul costo delle
    > > connessioni degli utenti, quindi possono
    > > tenere i prezzi bassi. Se non fosse per
    > lo
    > > "spam", nessuno potrebbe avere un ADSL a
    > > meno di 150 euro al mese!!! non lo dico
    > io,
    > > lo dicono i più grandi studi di
    > > settore.
    > >
    > > - gli utenti sono contenti,
    > perchè
    > > vengono a conoscenza di prodotti di
    > ottima
    > > qualità, estremamente utili ed a
    > > basso costo.
    > >
    > > come vedete, si arriva alla quadratura
    > del
    > > cerchio, tutti sono felici e l'economia
    > del
    > > paese progredisce sempre di più!
    > >
    > > Purtroppo la magistratura è nelle
    > > mani di chi non vuole il progresso: non
    > > voglio fare politica, ma il nostro
    > > Presidente del Consiglio dei Ministri in
    > > carica ha più volte spiegato il
    > > problema dell'indipendenza della
    > > magistratura.
    > >
    > > Insomma, la prossima volta che ricevete
    > la
    > > vostra busta paga, chiudete gli occhi e
    > > ringraziate nel fondo del vostro cuore i
    > > cossiddetti "spammatori": grazie a loro
    > > anche questo mese si mangia!
    >
    > quoto tutto! sei davvero un grande,
    > finalmente qualcuno che ha il coraggio di
    > dire la verità

    sono quasi commosso, ho semrpe attaccato lo spam, ma ora ho capito che mi sbagliavo.

    Grazie anonimo amico, ora si è accesa la luce.
    non+autenticato
  • TI PIACEREBBE DOVER SVUOTARE LA POSTA DI CASA CON LA CARRIOLA ??...............
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > TI PIACEREBBE DOVER SVUOTARE LA POSTA DI
    > CASA CON LA CARRIOLA ??...............

    commento infantile
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > TI PIACEREBBE DOVER SVUOTARE LA POSTA DI
    > > CASA CON LA CARRIOLA ??...............
    >
    > commento infantile

    Io dire fine e arguto...
    non+autenticato
  • > Nessuno parla del diritto dei lavoratori di
    > avere uno stipendio a fine mese. Nessuno
    > parla del diritto delle industrie di non
    > chiudere.

    Le industrie non chiudono per sentenze contro lo spam non ti preoccupare.

    > Lo spam (parola che odio, preferisco
    > definirlo "contatto commerciale diretto")
    > è forse l'ultimo baluardo di questi
    > valori, di queste opportunità per il
    > paese.
    >
    > Grazie al metodo del contatto commerciale
    > diretto, ecco cosa succede:

    "contatto commerciale diretto non sollecitato"

    > - le aziende vendono, quindi prosperano,
    > dando lavoro agli operai e di conseguenza
    > distribuendo ricchezza, quindi
    > felicità

    Un impegno concreto: più spam per tutti!

    > - i provider guadagano sul costo delle
    > connessioni degli utenti, quindi possono
    > tenere i prezzi bassi. Se non fosse per lo
    > "spam", nessuno potrebbe avere un ADSL a
    > meno di 150 euro al mese!!! non lo dico io,
    > lo dicono i più grandi studi di
    > settore.

    link a questi studi di settore

    > - gli utenti sono contenti, perchè
    > vengono a conoscenza di prodotti di ottima
    > qualità, estremamente utili ed a
    > basso costo.

    talmente contenti che scenderebbero in piazza a manifestare: più spam per tutti

    > Insomma, la prossima volta che ricevete la
    > vostra busta paga, chiudete gli occhi e
    > ringraziate nel fondo del vostro cuore i
    > cossiddetti "spammatori": grazie a loro
    > anche questo mese si mangia!

    TrollTrollTrollTrollTrollTrollTrollTrollTroll
    4751

  • - Scritto da: cico
    > > Nessuno parla del diritto dei
    > lavoratori di
    > > avere uno stipendio a fine mese. Nessuno
    > > parla del diritto delle industrie di non
    > > chiudere.
    >
    > Le industrie non chiudono per sentenze
    > contro lo spam non ti preoccupare.
    >

    certo che chiudono, la pubblicità è il sale del mercato, quindi no spam = no mercato!

    > "contatto commerciale diretto non
    > sollecitato"

    non è vero, se ricevi un'e-mail è perchè ti sei iscritto a qualche servizio, magari facendo click su un bottone "ok" senza leggerne le condizioni.

    perchè te la prendi con qualcuno se non sei capace di leggere le info?


    > Un impegno concreto: più spam per
    > tutti!

    no, un impegno concreto: più LIBERTA' per tutti!

    > link a questi studi di settore
    >

    fai un salto su google e troverai tutte le risposte alle tue domandeSorride

    > talmente contenti che scenderebbero in
    > piazza a manifestare: più spam per
    > tutti

    non esagerare, ma ci sono moltissimi acquirenti, quindi perchè penalizzare le loro scelte?

    >
    > > Insomma, la prossima volta che ricevete
    > la
    > > vostra busta paga, chiudete gli occhi e
    > > ringraziate nel fondo del vostro cuore i
    > > cossiddetti "spammatori": grazie a loro
    > > anche questo mese si mangia!
    >

    confermo
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: cico
    > > > Nessuno parla del diritto dei
    > > lavoratori di
    > > > avere uno stipendio a fine mese.
    > Nessuno
    > > > parla del diritto delle industrie
    > di non
    > > > chiudere.
    > >
    > > Le industrie non chiudono per sentenze
    > > contro lo spam non ti preoccupare.
    > >
    >
    > certo che chiudono, la pubblicità
    > è il sale del mercato, quindi no spam
    > = no mercato!
    >
    > > "contatto commerciale diretto non
    > > sollecitato"
    >
    > non è vero, se ricevi un'e-mail
    > è perchè ti sei iscritto a
    > qualche servizio, magari facendo click su un
    > bottone "ok" senza leggerne le condizioni.

    Si. E poi c'era la marmotta che confezionava la cioccolata...
    non+autenticato
  • Pubblica il tuo indirizzo email e quello dei tuoi familiari e ti assicuro che vi arriveranno delle proposte commerciali così irrestistibili che farete impennare il PIL di almeno due punti e creerete almeno 1.100.000 di posti di lavoro.
    Alla faccia del Cavaliere!
    Anzi, al posto ( con simili risultati il prossimo governo lo presiedi tu)Ficoso

    olivedolci

    - Scritto da: Anonimo
    > Ciao a tutti,
    >
    > ecco come vanno VERAMENTE le cose.
    >
    > questa sentenza è davvero
    > dittatoriale, perchè dimostra che la
    > magistratura italiana non è
    > più affidabile.
    >
    > Tutti parlano di spam, tutti parlano e si
    > riempiono la bocca di diritti alla privacy.
    > Sapete che cosa vi dico? PRIVACY UN CORNO!!!
    >
    > Nessuno parla del diritto dei lavoratori di
    > avere uno stipendio a fine mese. Nessuno
    > parla del diritto delle industrie di non
    > chiudere.
    >
    > Lo spam (parola che odio, preferisco
    > definirlo "contatto commerciale diretto")
    > è forse l'ultimo baluardo di questi
    > valori, di queste opportunità per il
    > paese.
    >
    > Grazie al metodo del contatto commerciale
    > diretto, ecco cosa succede:
    >
    > - le aziende vendono, quindi prosperano,
    > dando lavoro agli operai e di conseguenza
    > distribuendo ricchezza, quindi
    > felicità
    >
    > - i provider guadagano sul costo delle
    > connessioni degli utenti, quindi possono
    > tenere i prezzi bassi. Se non fosse per lo
    > "spam", nessuno potrebbe avere un ADSL a
    > meno di 150 euro al mese!!! non lo dico io,
    > lo dicono i più grandi studi di
    > settore.
    >
    > - gli utenti sono contenti, perchè
    > vengono a conoscenza di prodotti di ottima
    > qualità, estremamente utili ed a
    > basso costo.
    >
    > come vedete, si arriva alla quadratura del
    > cerchio, tutti sono felici e l'economia del
    > paese progredisce sempre di più!
    >
    > Purtroppo la magistratura è nelle
    > mani di chi non vuole il progresso: non
    > voglio fare politica, ma il nostro
    > Presidente del Consiglio dei Ministri in
    > carica ha più volte spiegato il
    > problema dell'indipendenza della
    > magistratura.
    >
    > Insomma, la prossima volta che ricevete la
    > vostra busta paga, chiudete gli occhi e
    > ringraziate nel fondo del vostro cuore i
    > cossiddetti "spammatori": grazie a loro
    > anche questo mese si mangia!
    non+autenticato
  • > Pubblica il tuo indirizzo email e quello dei
    > tuoi familiari e ti assicuro che vi
    > arriveranno delle proposte commerciali
    > così irrestistibili che farete
    > impennare il PIL di almeno due punti e
    > creerete almeno 1.100.000 di posti di
    > lavoro.
    > Alla faccia del Cavaliere!
    > Anzi, al posto ( con simili risultati il
    > prossimo governo lo presiedi tu)Ficoso

    Più proposte commerciali per tutti!

    updated: Mi pento amaramente dell'OTAngioletto
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 19.40
    -----------------------------------------------------------
    4751
  • Continuamente attaccati al campanello di casa per venderti questo o altro che non ti interessa.

    Si puo' denunciarli per violazione alla privacy??

    Come lo spam fanno perdere tempo e soldi (visto che la corrente del campanello la pago io)Deluso
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Continuamente attaccati al campanello di
    > casa per venderti questo o altro che non ti
    > interessa.
    >
    > Si puo' denunciarli per violazione alla
    > privacy??
    >
    > Come lo spam fanno perdere tempo e soldi
    > (visto che la corrente del campanello la
    > pago io)Deluso

    Facciamo come negli USA . comperiamo un fucile e spariamo a chi mette un piede nella nostra proprieta'. Viva il progresso
    non+autenticato
  • > > Si puo' denunciarli per violazione alla
    > > privacy??
    > >
    > > Come lo spam fanno perdere tempo e soldi
    > > (visto che la corrente del campanello la
    > > pago io)Deluso
    >
    > Facciamo come negli USA . comperiamo un
    > fucile e spariamo a chi mette un piede nella
    > nostra proprieta'. Viva il progresso

    Non serve andare tanto lontano, si dice che il nostro ex re abbia colpito ed ucciso un turista che avrebbe attraccato troppo vicino alla sua villa.
    Ovviamente e' stato assolto, il turista rompiscatole deve essere soppresso per leggeDeluso
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Non serve andare tanto lontano, si dice che
    > il nostro ex re abbia colpito ed ucciso un
    > turista che avrebbe attraccato troppo vicino
    > alla sua villa.
    > Ovviamente e' stato assolto, il turista
    > rompiscatole deve essere soppresso per legge
    >Deluso
    Ex-re un par di palle: al massimo figlio dell'ex-re..
    non+autenticato
  • > > Non serve andare tanto lontano, si dice
    > che
    > > il nostro ex re abbia colpito ed ucciso
    > un
    > > turista che avrebbe attraccato troppo
    > vicino
    > > alla sua villa.
    > > Ovviamente e' stato assolto, il turista
    > > rompiscatole deve essere soppresso per
    > legge
    > >Deluso
    > Ex-re un par di palle: al massimo figlio
    > dell'ex-re..

    Vedo che hai colto il cuore dell'argomentoPerplesso
    Comunque il figlio di un ex-re e' sempre un ex-re in quanto i titolo nobiliari sono ereditari.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Ex-re un par di palle: al massimo figlio
    > > dell'ex-re..
    >
    > Vedo che hai colto il cuore dell'argomentoPerplesso

    Il cuore dell'argomento è che la giustizia premia i potenti in Francia come in Italia (il tutto è accaduto in Francia).

    > Comunque il figlio di un ex-re e' sempre un
    > ex-re in quanto i titolo nobiliari sono
    > ereditari.
    No, al massimo è principe. Il titolo di re lo hai solo se regni su qualcosa; quello che erediti è il regno, non il titolo.
  • carissimo amico in america si vendono macchine e casa con il porta a porta !! salutiArrabbiato
    non+autenticato
  • Bel tentativo di trollare ma non attacca....
    non+autenticato
  • Basta un calcio nel sedere.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Continuamente attaccati al campanello di
    > casa per venderti questo o altro che non ti
    > interessa.
    >
    > Si puo' denunciarli per violazione alla
    > privacy??
    >
    > Come lo spam fanno perdere tempo e soldi
    > (visto che la corrente del campanello la
    > pago io)Deluso

    Si ma solitamente, quelli non infastidiscono i politici
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Continuamente attaccati al campanello di
    > casa per venderti questo o altro che non ti
    > interessa.
    >
    > Si puo' denunciarli per violazione alla
    > privacy??
    >
    > Come lo spam fanno perdere tempo e soldi
    > (visto che la corrente del campanello la
    > pago io)Deluso

    puoi benissimo dir loro di non entrare, mentre la posta anche se non la scarichi la banda del server l'ha consumata.

    (cmq, meglio farli entrare, far perdere loro tempo, e poi cacciarli fuori a malo modo o in maniere strambeA bocca aperta )
  • Se contesto lo spam che mi arriva mi viene risposto che mi sono iscritto alla loro newsletter (mai fatto mai conosciuti), oppure per causa di un virus ho ricevuto quell'email.
    E cosi' ti fregano.Triste

    Voglio proprio leggere la sentenza per capire come sono andate veramente le cose.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)