DVD 16x rimandati a settembre

A dispetto delle stime iniziali, i primi masterizzatori DVD 16x potrebbero arrivare sugli scaffali non prima di settembre. Ecco i motivi del ritardo

Taipei (Taiwan) - Ci vorrà ancora qualche mese prima di vedere nei negozi masterizzatori capaci di scrivere un DVD in circa 3 minuti e mezzo. Le prime unità DVD 16x, inizialmente attese sul mercato per l'inizio dell'estate, sono infatti ora previste - se tutto va bene - per settembre.

DigiTimes.com riporta come un po' tutti i principali protagonisti asiatici di questo settore, tra cui i giapponesi Pioneer e Sony e i taiwanesi BenQ, Lite-On e Accesstek, abbiano annunciato ritardi di produzione a causa della scarsità di diodi laser, un componente fondamentale per la costruzioni di drive ottici, e l'assenza di supporti DVD+R 16x.

Così, se molti produttori avevano pianificato il rilascio dei primi masterizzatori di DVD 16x per l'inizio o la metà di luglio, ora il periodo più probabile per la commercializzazione di questa nuova generazione di prodotti sembra essere la fine dell'estate o l'inizio dell'autunno.
A quanto pare i primi dischi vergini certificati 16x, prodotti da colossi come Mitsubishi Chemical e Taiyo Yuden, non potranno essere testati dai produttori prima di agosto: questo significa che i produttori potranno dare avvio alla produzione in serie dei loro primi modelli di masterizzatore 16x solo dopo tale data.

L'ovvia conseguenza di questi ritardi sarà una maggiore longevità delle unità 12x e 8x, sia a singolo che a doppio layer; longevità che inizialmente era stata stimata in due, massimo tre mesi.

Secondo DigiTimes, le aziende taiwanesi BenQ, Lite-On IT, Quanta Storage e Accesstek hanno tutte in programma il rilascio di masterizzatori di DVD 16x a doppio standard (+R/RW -R/RW). Seguiranno a ruota i colossi giapponesi Pioneer, NEC e Ricoh, che dovrebbero proporre la nuova velocità di scrittura durante il terzo trimestre.

Secondo Mitsubishi Electric, uno dei maggiori produttori di componentistica per i drive ottici, i masterizzatori 16x saranno in grado di scrivere 176 Mbit di dati per secondo: questo significa che la creazione di un DVD da 4,7 GB richiederà circa 3 minuti e mezzo per essere completata. La prima generazione di unità 2x impiegava circa mezz'ora per portare a termine l'operazione.
TAG: hw
24 Commenti alla Notizia DVD 16x rimandati a settembre
Ordina
  • http://www.azpoint.net/news/Hardware_News_8223.asp

    Philips ha lanciato il primo masterizzatore per Dvd a velocità 16X, in grado di registrare un disco in meno di sei minuti.
    non+autenticato
  • Gli ultimi masterizzatori CD raggiungievano sulla carta velocità di scrittura di 52X. Ne avete mai visto uno andare effettivamente (anche per pochi secondi) a 52X? Io no.
    Già un masterizzatore DVD4X da ottime prestazioni e se non si ha un computer più che veloce (ed un software di masterizzazione furbo) durante la scrittura di un DVD a 4X fate fatica a muovere il mouse!
    Più di un 8X non vale la pena di comprare.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Gli ultimi masterizzatori CD raggiungievano
    > sulla carta velocità di scrittura di
    > 52X. Ne avete mai visto uno andare
    > effettivamente (anche per pochi secondi) a
    > 52X? Io no.
    > Già un masterizzatore DVD4X da ottime
    > prestazioni e se non si ha un computer
    > più che veloce (ed un software di
    > masterizzazione furbo) durante la scrittura
    > di un DVD a 4X fate fatica a muovere il
    > mouse!
    > Più di un 8X non vale la pena di
    > comprare.

    Scusa ma che computer hai?
    Contralla che per l'unità masterizzatore dvd sia attivata la modalità UDMA perché io mentre masterizzo i dvd (a 4X) navigo tranquillamente in internet.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Gli ultimi masterizzatori CD
    > raggiungievano
    > > sulla carta velocità di
    > scrittura di
    > > 52X. Ne avete mai visto uno andare
    > > effettivamente (anche per pochi
    > secondi) a
    > > 52X? Io no.
    > > Già un masterizzatore DVD4X da
    > ottime
    > > prestazioni e se non si ha un computer
    > > più che veloce (ed un software di
    > > masterizzazione furbo) durante la
    > scrittura
    > > di un DVD a 4X fate fatica a muovere il
    > > mouse!
    > > Più di un 8X non vale la pena di
    > > comprare.
    >
    > Scusa ma che computer hai?
    > Contralla che per l'unità
    > masterizzatore dvd sia attivata la
    > modalità UDMA perché io mentre
    > masterizzo i dvd (a 4X) navigo
    > tranquillamente in internet.

    dipende anche dal fs, ad esempio io quando masterizzo cd a 12x i cui dati stanno su ntfs, mi rallenta decisamente, potrebbe essere questo.

  • - Scritto da: avvelenato
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Gli ultimi masterizzatori CD
    > > raggiungievano
    > > > sulla carta velocità di
    > > scrittura di
    > > > 52X. Ne avete mai visto uno andare
    > > > effettivamente (anche per pochi
    > > secondi) a
    > > > 52X? Io no.
    > > > Già un masterizzatore DVD4X
    > da
    > > ottime
    > > > prestazioni e se non si ha un
    > computer
    > > > più che veloce (ed un
    > software di
    > > > masterizzazione furbo) durante la
    > > scrittura
    > > > di un DVD a 4X fate fatica a
    > muovere il
    > > > mouse!
    > > > Più di un 8X non vale la
    > pena di
    > > > comprare.
    > >
    > > Scusa ma che computer hai?
    > > Contralla che per l'unità
    > > masterizzatore dvd sia attivata la
    > > modalità UDMA perché io
    > mentre
    > > masterizzo i dvd (a 4X) navigo
    > > tranquillamente in internet.
    >
    > dipende anche dal fs, ad esempio io quando
    > masterizzo cd a 12x i cui dati stanno su
    > ntfs, mi rallenta decisamente, potrebbe
    > essere questo.

    Boh, forse dipende dal pc, sicuramente non dal FS NTFS dato che io oltre ai dvd a 4x navigo tranquillamente anche quando masterizzo i cd a 24x.
    non+autenticato
  • CI vogliono vendere tecnologia che dura pochi mesi ... CHe importa il 12x? ma si impegnino a fare firmware più decenti e qualche mese di test in più, piuttosto che sfornare modelli uno dietro l'altro senza riflettere che l'utente non corre a spendere i miliardi per l'ultima novità: la massa cerca piuttosto la penultima release, già testata e economica: che senso ha lanciare un 12 per sul mercato due mesi fa ed ora piangere che per il 16 ci vuole un po più di tempo?
    Secondo me è una mossa per evitare che i laser 12x rimangano in magazzino!
    ... Inoltre, gli stessi modelli (vedi l'ottimo NEC2500) via FW può fare il DL. QUesto significa che la meccanica era già pronta MESI fa ( è in vendita da 1 anno circa!) mentre il software castrato non lo gestiva. Ma sono sicuro che uscirà il modello 2510, che una volta aperto si vedrà identico nella sostanza.
    Insomma, non so voi ma io a questa rincorsa a chi ce la più lungo non poartecipo più da 3 anni, mi accontento del mio vecchio K7 @ 2.1GHz, ed aspetto i 64bit, BTX, PCI EX etc.
    Ok i prezzi sono sempre molto bassi, ma il consumismo esagerato che stanno spingendo da un po' di anni a quyesta parte è esaustivo.
    Impariamo ad accontentarci. 8, 12 e 16x non sono una gran necessità.
    Ed a risparmiare!
  • Uhm... tutto sbagliato... questo e' il tipico esempio di... "fai girare l'economia"Sorride
    E poi io credo che al mondo ci siano tantissssimi smanettoni e/o fanatici che acquistino sempre le cose appena escono. Ecco perche' fanno uscire ogni pezzo per pochi mesi, cosi' ci guadagnano il triplo, facendo tutti i singoli "passetti" anche quelli non strettamente necessari.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Uhm... tutto sbagliato... questo e' il
    > tipico esempio di... "fai girare l'economia"
    >Sorride

    Ehhh....Qualsiasi docente di micro/macroeconomia non sarebbe d'accordo con quella pubblicità che dice "fai girare l'economia": nel breve periodo l'economia e i soldi girerebbero, tutto a vantaggio di chi è in quel momento a capo del Governo.
    Tuttavia, nel lungo periodo la gente si troverebbe senza più risparmi e ci sarebbe un'involuzione dell'economia, con tutti i gravi rischi di crisi economica che comporta..
    Meditate, gente: la pubblicità va presa con le pinze!
    non+autenticato
  • > Ehhh....Qualsiasi docente di
    > micro/macroeconomia non sarebbe d'accordo
    > con quella pubblicità che dice "fai
    > girare l'economia": nel breve periodo
    > l'economia e i soldi girerebbero, tutto a
    > vantaggio di chi è in quel momento a
    > capo del Governo.
    > Tuttavia, nel lungo periodo la gente si
    > troverebbe senza più risparmi e ci
    > sarebbe un'involuzione dell'economia, con
    > tutti i gravi rischi di crisi economica che
    > comporta..
    Infatti Keynes teorizzava di far scavare buche e farle riempire pur di guadagnare e attivare il moltiplicatore dell' economia.
    Adesso almeno 'fai girare l' economia' in cambio di qualcosa un pochetto più utile.
    Ma che professori di micro ( che proprio con questo discorso non centra niente) e macro hai avuto?
    Che cosa centra poi il capo del governo?
    non+autenticato

  • - Scritto da: The Raptus
    > [CUT]

    Hai ragione da vendere.
    Io infatti mi sono preso a febbraio un pioneer 107D (che puo' fare 8X sia sui +R che sui -R) e già mi va largo!
    Mai masterizzato un DVD a 8X. Gli 8X ancora costano troppo. Non parliamo poi dei DL.
    Insomma la sostanza è: che facciano pure i modelli 16X e DL tanto io prima di cambiare masterizzatore aspettero' un bel po' prima (sicuramente non prima che i supporti vergini DL costino meno di 2 SL).
    non+autenticato
  • Concordo in parte: il dual layer secondo me vale molto di più di una velocità elevatissima. I master già hanno costi accessibili, ma si fatica a trovare i supporti a prezzi onesti.
    Io preferisco lo spazio alla velocità. Ma ovviamente pretendo la piena compatibilità prima, quindi concordo con chi dice si studino meglio i firmware prima di spararli fuori, salvo poi doverli aggiornare appena fuori dal negozio. Negozio che magari ha lo stesso master con vari firmware a seconda del pezzo, perchè il firmware appunto cambia nel giro di una settimana.
    non+autenticato
  • " i masterizzatori 16x saranno in grado di scrivere 176 Mbit di dati per secondo"

    Ma un normale hard disk è in grado di fornire un flusso continuo di dati (per intenderci, non un valore di "picco" o valori di "marketing" fasulli) pari a 22 MegaByte al secondo?

    non+autenticato
  • > Ma un normale hard disk è in grado di
    > fornire un flusso continuo di dati (per
    > intenderci, non un valore di "picco" o
    > valori di "marketing" fasulli) pari a 22
    > MegaByte al secondo?
    >
    Si
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Ma un normale hard disk è in
    > grado di
    > > fornire un flusso continuo di dati (per
    > > intenderci, non un valore di "picco" o
    > > valori di "marketing" fasulli) pari a 22
    > > MegaByte al secondo?
    > >
    > Si

    Certo come no.
    Sulle specifiche ce la fanno tutti.
    non+autenticato
  • > > >
    > > Si
    >
    > Certo come no.
    > Sulle specifiche ce la fanno tutti.

    Sulle specifiche fanno più del quintuplo. Non parlavo di specifiche.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > " i masterizzatori 16x saranno in grado di
    > scrivere 176 Mbit di dati per secondo"
    >
    > Ma un normale hard disk è in grado di
    > fornire un flusso continuo di dati (per
    > intenderci, non un valore di "picco" o
    > valori di "marketing" fasulli) pari a 22
    > MegaByte al secondo?
    >

    InfattiPerplesso

    Mi sa che passerò al serial ATAA bocca storta
    non+autenticato
  • > Ma un normale hard disk è in grado di
    > fornire un flusso continuo di dati (per
    > intenderci, non un valore di "picco" o
    > valori di "marketing" fasulli) pari a 22
    > MegaByte al secondo?

    Molto difficilmente, secondo me - quantomeno non tutti i sistemi raggiungeranno le prestazioni necessarie. Col mio PC (che non e` proprio cutting edge, ma nemmeno una fetecchia) molto spesso ho l'impressione di avere dei buffer underrun anche a 4x, ma sembra che i vari meccanismi SafeBurn e simili funzionino piuttosto bene...

    In ogni caso, si sta ripetendo l'assurdita` che gia` avveniva con masterizzatori CD: al dila` di una certa velocita` (che permette effettivamente di ottenere un risparmio di tempo apprezzabile), diventa una pura e semplice questione di marketing. Voglio dire: a chi serve di masterizzare un DVD in 3 minuti anziche` in 7?
    non+autenticato
  • uhm... 176 Mbit/sec e' il bitrate.
    ossia... 176 Mbit/sec, essendo composto un byte di 8 bit, ed avendo noi la misura in MegaByte != (diverso) da Mbit, si deve fare la divisione: 176/8... che guardacaso fa 22 MegaByte/sSorride aloha
    non+autenticato
  • beh 22 MByte/s penso si ottengano tranquillamente... il mio U-Ata normale sta attorno ai 35 di punta... penso che a 22 per un po' costante ci stia, e per la fase non costante credo che ci siano tecniche per ovviare il problema... non penso dicano cazzateSorride
    non+autenticato
  • Il metodo c'è: avere un disco con abbastanza spazio libero da poter allocare sequenzialmente tutti i dati da scrivere in modo da azzerare eventuali tempi di seek. Inoltre un disco con 8MB di buffer sarebbe più indicato.
    Tuttavia specie per processori non potentissimi è meglio avere anche tanta ram e impostare un buffer di lettura bello grosso nonchè disattivare i servizi in background non indispensabili...
    Cioè si può, ma vale la pena correre il rischio? Certo che c'è lo smart burn, ma meno entra in funzione meglio è, perchè cmq la traccia presenta una piccola imprecisione in quel punto. Se i punti sono pochi è trascurabile, ma se sono molti non è bello.
    Infine credo che i 16X non siano costanti, ma solo nella parte esterna del disco (un po' come i 52X dei cd). Quindi già ci sono dei punti di stacco tra le zone. La traccia sarà anche leggibile, ma non è proprio accurata.
    non+autenticato
  • 1) L'affidabilità dei nuovi supporti e unità (nonchè compatibilità) sarà all'altezza con tempi di testing così compressi? Da agosto all'autunno c'è poco tempo. Basterà per comporre firmware affidabili per non doverli poi upgradare giornalmente?

    2) Precisione di scrittura a tale velocità. Come per i cd i 52X per i dvd i 16X sembrano essere il limite fisico di velocità. Già un cd a 52X viene così così (specie se audio non lo consiglio). Nel dvd le tracce sono persino più "sottili" e difficili da scrivere. Ci si potrà fidare? Specie per la durata dei dati scritti.

    3) Costi: non ho dubbi che dopo pochi mesi il costo delle unità scenderà sensibilmente (il mio master preso a febbraio ora costa circa la metà). Ma i costi dei supporti vergini? Dovranno cmq avere un prezzo competitivo con gli 8X, altrimenti uno va+lento, ma risparmia.

    4) Il tempo di masterizzazione di 3 min esclude lead in e lead out che sono +o- fissi. Quindi se a 8X ci vogliono 6min (+lead ovvero in realtà 7-8min veri) con un 16X sono 3min, ma almeno 4-5 veri. Sotto una certa soglia non si può scendere.

    Son cmq contento che il dvd arrivi così allo stato di completo sviluppo e si possa affermare come standard di successione al vecchio cd.
    non+autenticato
  • Vabè io i cd li faccio con un vecchio liteon 40x flashato a 48x e non ne brucia uno a 48x di qualsiasi marca. Fra 48 e 52 non c'e' tanta differenza basta trovare il masterizzatore giusto che anche a 52 non ci so problemi. Per il dvd credo che fra un annetto ci sarà qualche 20x quando i 16x le svenderanno. Per i supporti invece ? Fatico ancora a trovare gli 8x e per vedere i primi 16x a buon mercato forse ci corrà più di un anno. Secondo me hanno corso troppo i masterizzatori dvd. Quelli per cd ci hanno impiegato più di 4 anni ad arrivare al top. Quelli dvd poco più di uno, grazie alle tecnologie ottiche importate dai fratelli minori.
    non+autenticato
  • Ti sbagli è cha da poco più di uno ci sono i multiformato.....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > 1) L'affidabilità dei nuovi supporti
    > e unità (nonchè
    > compatibilità) sarà
    > all'altezza con tempi di testing così
    > compressi? Da agosto all'autunno c'è
    > poco tempo. Basterà per comporre
    > firmware affidabili per non doverli poi
    > upgradare giornalmente?
    >
    Non sono affidabili i 12x figuriamoci i 16x.

    > 2) Precisione di scrittura a tale
    > velocità. Come per i cd i 52X per i
    > dvd i 16X sembrano essere il limite fisico
    > di velocità. Già un cd a 52X
    > viene così così (specie se
    > audio non lo consiglio). Nel dvd le tracce
    > sono persino più "sottili" e
    > difficili da scrivere. Ci si potrà
    > fidare? Specie per la durata dei dati
    > scritti.
    >
    Già ad 8x la maggior parte dei supporti fatica a passare il primo anno. Se usi dvd di bassa qualità non arrivi a 6 mesi anche masterizzando a 1x. Quindi a 16x o masterizzi dati o il film scatterà dalla metà in poi (di solito non lo leggi neppure).

    > 3) Costi: non ho dubbi che dopo pochi mesi
    > il costo delle unità scenderà
    > sensibilmente (il mio master preso a
    > febbraio ora costa circa la metà). Ma
    > i costi dei supporti vergini? Dovranno cmq
    > avere un prezzo competitivo con gli 8X,
    > altrimenti uno va+lento, ma risparmia.
    >
    Ho appena preso il DL della Sony (700) a 139?, vale la pena prendere un qualsiasi SL oggi?
    Secondo me non usciranno mai i 16x, non hanno + mercato.

    > 4) Il tempo di masterizzazione di 3 min
    > esclude lead in e lead out che sono +o-
    > fissi. Quindi se a 8X ci vogliono 6min
    > (+lead ovvero in realtà 7-8min veri)
    > con un 16X sono 3min, ma almeno 4-5 veri.
    > Sotto una certa soglia non si può
    > scendere.
    >
    > Son cmq contento che il dvd arrivi
    > così allo stato di completo sviluppo
    > e si possa affermare come standard di
    > successione al vecchio cd.

    Ciao
    non+autenticato