Quando la pirateria è l'unica strada

Dopo aver comprato un software via Internet è legittimo che vengano chieste manciate di dollari per ogni successivo download? Ecco quanto è facile passare dall'acquisto al pirataggio

Roma - Spett. Redazione di Punto Informatico,

sono a scrivervi per raccontarvi una truffa (a mio parere) di cui sono stato vittima effettuando acquisti in rete.

Un paio di mesi fa acquistai ICUII (un software di videoconferenza www.icuii.com) presso il sito omonimo per effettuare dei test di videoconferenza.
Il tutto sembrava funzionare correttamente sino a quando il backup che avevo effettuato del file di installazione (che avevo potuto scaricare all'atto dell'acquisto) non è andato per sbaglio distrutto qualche giorno fa.

Avendo io bisogno di installare nuovamente il software, sono tornato sul sito del produttore munito del mio numero d'ordine convinto di poter scaricare nuovamente copia del prodotto stesso (pagato 39$) ma il programma di verifica non me lo permetteva più.

Ho quindi scritto alla e-mail fornita sul sito stesso per richiedere di essere abilitato al download del file CHE AVEVO GIA PAGATO. Bene, questi signori mi hanno risposto con alcuni spezzoni del contratto di licenza in cui facevano presente che per downloadare più di una volta dovevo pagare ulteriori 7$ (A VOLTA!!!!) e chiamare ad un numero negli States per richiedere l'abilitazione.

Secondo voi è regolare? Non sono obbligati per legge a fornirti il download di un programma quante volte vuoi una volta che lo hai pagato? Io personalmente penso me ne andrò a cercare in rete una copia PIRATA del programma stesso, e sono sempre più convinto che la pirateria sia l'unica cosa che gente così si meriti... Infatti anche quando uno decide di mettersi in regola gli succedono queste cose...

Grazie per l'attenzione

Daniele Ricciardi

PS. Successivamente, dopo due o tre e-mail in cui ci insultavamo a vicenda con l'operatore:-), mi ha scritto il loro diretto responsabile dicendomi che "per questa volta" mi avrebbero riattivato il download (cosa che poi hanno fatto in effetti), ma che dalla prossima volta avrebbero applicato la tariffa dei famosi 7$ a download.

Penso che sia una cosa per cui valga la pena avvisare i naviganti:-), non tanto per ICUII in se stessa ma quanto perché molte aziende che vendono software online si comportano in maniera similare, scrivendolo però moooolto in piccolo nelle clausole contrattuali. Questo secondo me lede molto l'immagine dell'e-commerce, dato che quando acquisti un software online non ti rimane niente di fisico in mano, se non il file che hai downloadato e che ti aspetti (proprio per la comodità di effettuare il download direttamente da internet) di poter dowloadare quando vuoi senza portarti in giro un supporto fisico.

Con questi presupposti come si pretende di combattere la pirateria, quando anche se paghi vieni gabbato?:-(
14 Commenti alla Notizia Quando la pirateria è l'unica strada
Ordina
  • e come si fà ad accettare un contratto senza leggerne tutti i termini?
    non+autenticato
  • vorrei dire un paio di cosette...
    io vedo i prezzi dei cd o dei programmi...
    non vi sembrano un po' cari?
    i cd vuoti li trovo a 1000 lire e un masterizzatore costa sulle 300.000 (minimo)
    fate un po' il calcolo..
    i prodotti hardware costano una miseria al confronto, senza stare a fare i conti, un PC costa di meno del software che si deve inserire per un minimo di professionalità o di divertimento.
    e non venite a dirmi che tra office 97 e office 2000 ci sono delle differenze da capogiro!!!
    forse chi è contro la pirateria puo permetterselo, ma uno studente di famiglia non fortunatissima... cosa fa? non esce di casa per tre anni solo per avere una stretta di mano dalla finanza con seguito colpetto sulla spalla e frase del tipo "bravo tu si che sei un bravo ragazzo".
    io credo che essere un martire informatico non sia tanto piacevole. Forse se i prezzi diventano più onesti si puo parlare di un abbandono alla pirateria... io non sono ne contro ne a favore, ma qualcuno mi risponda che ha tutti i programmi originali....
    non+autenticato


  • - Scritto da: alan ford
    >. Forse se i prezzi
    > diventano più onesti si puo parlare di un
    > abbandono alla pirateria


    Esistono un sacco di ottimi prodotti freeware che puoi copiare quanto ti pare
    Esistono un sacco di ottimi prodotti open source che puoi copiare quanto ti pare.


    A meno che tu non abbia esigenze ultraspecifiche, NON hai bisogno di programmi pirata. Punto.

    non+autenticato
  • Perchè?
    E' molto semplice. Per il semplice fatto che NON SI ACQUISTA IL SOFTWARE, ma si ACQUISTA LA LICENZA DI POTERLO USARE. Il software rimane sempre di proprietà della ditta produttrice. Ora, questa 'gabola' non l'ho inventata io, ma proprio le maggiori aziende di software. Non ci sono scuse. Una volta che ho pagato per avere il DIRITTO di usarlo non vedo il problema a farmelo scaricare 2 o 3 volte. Una sola, poi, mi sembra proprio eccessivamente limitante.
    non+autenticato
  • Se perdi un libro appena acquistato, sicuramente non pretenderai di averne un altro in omaggio. Perchè invece con il software lo pretendi? Forse perchè pensi che a loro non costi nulla ridartelo (perchè, cosa credi che costi di materiale un libro?) ... Invece non è proprio così, la gente ritiene che il trasferimento di file via web sia gratuito, invece costa. In alcuni casi arriva a costare 70-80 lire a Mb. Su 100Mb scaricati il costo è di 7000 lire. Perciò è giusto creare una barriera per impedire eccessi da parte degli utenti. Credo che 7$ siano una cifra onesta.
    non+autenticato

  • > In alcuni casi
    > arriva a costare 70-80 lire a Mb. Su 100Mb
    > scaricati il costo è di 7000 lire. Perciò è
    > giusto creare una barriera per impedire
    > eccessi da parte degli utenti. Credo che 7$
    > siano una cifra onesta.

    Secondo me tu sei un direttore di azienda.
    Non si spiega altrimenti i tuoi calcoli atrusi e l'argomentazione totalmente fuori tema.
    Qui non si parlava di 1, 7, 100$, ma del principio.
    Se poi pensi che il download del sw costi così tanto, non so dove vivi. Poi dire 7$ sono giusti, calcolando che non sai quanto è grande il SW.
    Se fosse 2Mb, il costo sarebbe du 150 lire. per arrivare a 14 mila ce ne vuole.
    Di software sopra i 50Mb ci sono solo quelli di M$ e pochi altri, a parte i giochi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario B.
    > Credo che 7$ siano una cifra onesta.

    Se tutte le volte (poche) che rovino un CD potessi riacquistarlo con 5.000 lire, sarei contentissimo.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Mario B.
    > la gente
    > ritiene che il trasferimento di file via web
    > sia gratuito, invece costa. In alcuni casi
    > arriva a costare ...

    E certo che costa, ma mi sa proprio che costa a chi lo scarica e non a chi te lo fa scaricare. E vero che li costerebbe il server ecc ecc ma sono costi che sosterrebbe comunque.
    non+autenticato
  • Giusto per precisare... io il backup l'avevo fatto eccome! Il problema e' che il cd mi si era rigato e non era piu' leggibile! Triste

    Io comunque volevo mettere in discussione questo tipo di politica e la sua legittimita', non il fatto che le cose scaricate vadano backupate regolarmente....

    ciao

    Daniele Ricciardi
    non+autenticato
  • - Scritto da: Daniele Ricciardi
    > Giusto per precisare... io il backup l'avevo
    > fatto eccome! Il problema e' che il cd mi si
    > era rigato e non era piu' leggibile! Triste
    >
    > Io comunque volevo mettere in discussione
    > questo tipo di politica e la sua
    > legittimita', non il fatto che le cose
    > scaricate vadano backupate regolarmente....
    Il tuo ragionamento parte da un presupposto errato e inevitabilmente il risultato sara' anch'esso errato.
    Se sul contratto (che acquistando il software hai accettato) sta scritto esplicitamente che un eventuale successivo download sarebbe stato a pagamento hanno ragione loro, e accampare la scusa che era scritto in piccolo mi pare infantile.
    Se io smanettando sulla scheda madre di un computer cancello per errore il BIOS credi che all'assistenza non mi facciano pagare l'intervento di riflashatura, anche se la scheda e' in garanzia?
    Va bene criticare la politica commerciale delle software house, ma in questo caso mi pare che loro fossero dalla parte della ragione, anzi mi pare che siano stati fin troppo gentili a non applicare la clausola (legittima) del contratto.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)