Corsi Microsoft per docenti

Scuole superiori

Milano - Microsoft ha annunciato l'avvio di un corso di formazione gratuito della durata di tre giorni dedicato ai docenti delle scuole superiori che erogano almeno un corso di programmazione.

"Il corso - si legge in una nota - intende fornire a tutti i partecipanti gli strumenti e le conoscenze necessarie per erogare un corso di programmazione basato su Microsoft.NET Framework. Verranno inoltre affrontate le tematiche relative alla creazione di un laboratorio didattico di informatica e l'erogazione delle relative esercitazioni inerenti ai corsi di programmazione".

L'evento, organizzato in collaborazione con il dipartimento di Informatica dell'Università di Pisa, si terrà a Pisa dal 9 al 12 settembre 2004.
Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.msdnaa.it
TAG: mercato
26 Commenti alla Notizia Corsi Microsoft per docenti
Ordina
  • E da chi poteva venire l' idea?
    Sempre dai soliti intripponi.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > E da chi poteva venire l' idea?
    > Sempre dai soliti intripponi.

    Brucia vero che Linux è sempre considerato "un sistema operativo da smanettoni"?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > E da chi poteva venire l' idea?
    > > Sempre dai soliti intripponi.
    >
    > Brucia vero che Linux è sempre
    > considerato "un sistema operativo da
    > smanettoni"?

    Veramente questo è il mio orgoglioA bocca aperta
  • Prendere esempio e in più regalare il software alle scuole dopo i corsi di formazione.Qualcosa è stato fatto ma questa è la via maestra per avere utenti abituati a considerare il proprio software la normalità e in questo m$ è maestra. Fan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan Linux
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Prendere esempio e in più regalare il
    > software alle scuole dopo i corsi di
    > formazione.Qualcosa è stato fatto ma
    > questa è la via maestra per avere
    > utenti abituati a considerare il proprio
    > software la normalità e in questo m$
    > è maestra.
    > Fan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan Linux(li

    in parte hai ragione, ma non è facile per diversi motivi:
    1) la resistenza che s'incontra all'interno della scuola ad usare software alternativo
    2) la difficoltà di penetrare in modo capillare nel sistema scolastico
    3) l'ampio eco che l'amministrazione riserva alle iniziative che vengono da alcune direzioni.

    In merito al punto (1) ti posso assicurare che il miglior alleato di Microsoft sono gli insegnanti. Ogni volta che cerco di proporre qualcosa di alternativo mi scontro con l'indifferenza se non addiritura con il conflitto. Ci sono colleghi che ancora storcono il naso quando non vedono l'iconcina di esploder sul desktop e sono costretti ad usare firefox, qualcuno mi ha detto senza mezzi termini che sono un fissato perché ho tolto office dai piccì (riesco a difendermi solo obiettando che lo metterò quando si deciderà ad acquistare le licenzeA bocca aperta ). L'anno scorso ho realizzato su CD una raccolta di software libero e freeware oltre a mettere a disposizione una copia di GNUWin. Solo due colleghi mi hanno chiesto di masterizzarli una copia dei CD.

    In merito al punto (2) ci sono IMHO parecchie responsabilità da parte dei Linux user. Non puoi sperare che il software libero si propaghi spontaneamente in una realtà che è dominata alla grande da Microsoft e satelliti, è necessaria una forte opera di sensibilizzazione e di supporto senza lasciare tutto sulle spalle di pochi insegnanti. Ne ho parlato con alcuni soci del GULCh di Cagliari e stiamo pensando di organizzare delle iniziative in tal senso per il prossimo anno. La mia idea sarebbe quella di organizzare dei Linux day anche all'interno delle singole scuole, ma per fare questo occorre da un lato un po' di gente che si rimbocchi le maniche per qualche mese e da un altro un appoggio interno. Infine è necessario offrire un costante punto di riferimento per il supporto tecnico: se uno studente accetta di farsi installare Linux sul suo pc devo anche dargli una mano nella necessaria fase di rodaggio, altrimenti finirà per disaffezionarsi alle prime difficoltà.
    In ogni modo se non si opera con questa strategia il software libero non riuscirà mai a scalzare M$ & Figli dalla generalità della scuola. Le poche isole felici non fanno testo.

    In merito al punto (3) ci sono grosse responsabilità. In passato mi sono scagliato contro la modalità con cui si sarebbe svolto il piano di formazione delle "competenze" informatiche e in effetti avevo visto giusto. I corsi elementari, quelli del livello A, non sono stati altro che un corso pro-Microsoft con risultati deleteri (so che in una scuola che da anni adottava Star Office come suite d'ufficio dopo il corso ci sono state pressioni da parte dei "neoformati" per fare acquistare M$ Office perché era necessario). Non parliamo del livello C: sulla carta i corsisti potevano chiedere una formazione basata su sistemi Linux, di fatto non si è fatto nulla: a prescindere dai contenuti trattati nella formazione on line, nella maggior parte delle scuole in cui si tenevano i corsi i formatori e i tutor non ne sapevano una cippa di sistemi Linux con il risultato che i server M$ l'hanno fatta da padroni. Io ho addiritura chiesto cortesemente se potevo installare Mozilla nella mia postazione perché sono impedito nell'uso di esploder e mi hanno risposto picche. Non male per chi, come me, aveva espresso l'opzione Linux A bocca storta
    A prescindere da queste chicche, ogni volta che ci sono iniziative & offerte Microsoft arrivano tanto di note informative dal MIUR (che di solito si limita a specificare che la circolare deve essere scaricata dal sito). La famosa convenzione con Sun di un anno fa per la licenza Education di Star Office è invece passata in sordina.
    gian_d
    10466

  • - Scritto da: gian_d
    >
    > In merito al punto (1) ti posso assicurare
    > che il miglior alleato di Microsoft sono gli
    > insegnanti. Ogni volta che cerco di proporre
    > qualcosa di alternativo mi scontro con
    > l'indifferenza se non addiritura con il
    > conflitto. Ci sono colleghi che ancora
    > storcono il naso quando non vedono
    > l'iconcina di esploder sul desktop e sono
    > costretti ad usare firefox, qualcuno mi ha
    > detto senza mezzi termini che sono un
    > fissato perché ho tolto office dai
    > piccì (riesco a difendermi solo
    > obiettando che lo metterò quando si
    > deciderà ad acquistare le licenzeA bocca aperta
    > ). L'anno scorso ho realizzato su CD una
    > raccolta di software libero e freeware oltre
    > a mettere a disposizione una copia di
    > GNUWin. Solo due colleghi mi hanno chiesto
    > di masterizzarli una copia dei CD.

    La gente diffida di Linux perchè non funziona come dovrebbe. Per installarlo si perdono ore ed ore, non ci sono sempre i driver per i dispositivi hardware. Per fortuna che si è visto qualche spiraglio di luce con la Suse 9.0

    > In merito al punto (2) ci sono IMHO
    > parecchie responsabilità da parte dei
    > Linux user.

    I fanatici di Linux sono deleteri per l' informatica. Sono talmente fissati che vedono il male ovunque. Usano con rabbia e livore il Jargon (M$, Micro$oft, MicroSCOft, WinMer, ecc.) quando nominano il BIG di Redmond. Diciamo che contribuiscono all' analfabetismo informatico.
    Ancora la gente vede Linux come il S.O. da smanettoni e universitari sfigati perchè tutto naviga un pò nell' ombra. Linux è un sistema operativo "di protesta", un' illegalità nella legalità.

    > In merito al punto (3) ci sono grosse
    > responsabilità. In passato mi sono
    > scagliato contro la modalità con cui
    > si sarebbe svolto il piano di formazione
    > delle "competenze" informatiche e in effetti
    > avevo visto giusto. I corsi elementari,
    > quelli del livello A, non sono stati altro
    > che un corso pro-Microsoft con risultati
    > deleteri (so che in una scuola che da anni
    > adottava Star Office come suite d'ufficio
    > dopo il corso ci sono state pressioni da
    > parte dei "neoformati" per fare acquistare
    > M$ Office perché era necessario). Non
    > parliamo del livello C: sulla carta i
    > corsisti potevano chiedere una formazione
    > basata su sistemi Linux, di fatto non si
    > è fatto nulla: a prescindere dai
    > contenuti trattati nella formazione on line,
    > nella maggior parte delle scuole in cui si
    > tenevano i corsi i formatori e i tutor non
    > ne sapevano una cippa di sistemi Linux con
    > il risultato che i server M$ l'hanno fatta
    > da padroni. Io ho addiritura chiesto
    > cortesemente se potevo installare Mozilla
    > nella mia postazione perché sono
    > impedito nell'uso di esploder e mi hanno
    > risposto picche. Non male per chi, come me,
    > aveva espresso l'opzione LinuxA bocca storta

    E questo come si spiega? Guarda che la suite "Office" è ottima. Solo che la gente (Linari compresi) non la sa usare.

    non+autenticato
  • Credo che tu abbia un po' travisato il senso del mio post, in ogni modo i tuoi sono interventi parziali. Cmq vediamo di risponderti

    - Scritto da: Anonimo

    > La gente diffida di Linux perchè non
    > funziona come dovrebbe.

    La gente non sa neppure cosa sia Linux. E quando la gente acquista un computer lo fa perché gli forniscono una macchina già funzionante. Prova a dargli un computer con l'hardisk vuoto e il CD di windows e dei vari driver e poi ne riparliamo.
    Ti sei mai chiesto come potrebbero andare le cose se si vendessero i computer con un Linux preinstallato e configurato a dovere?

    > Per installarlo si
    > perdono ore ed ore,

    OK, quanto tempo impieghi su un hardisk vuoto a
    1) installare un sistema Windows
    2) installare tutti i driver (spiegalo soprattutto alla gente che mi rompe le balle quando decide di formattare il pc e reinstallare e scopre che non ha i driver di qualche scheda a disposizione)
    3) installare una suite d'ufficio
    4) installare un antivirus
    5) installare un firewall
    6) installare un editor grafico

    Questo per limitarci allo stretto indispensabile.
    Sai quanto impiego ad installare un sistema Linux senza gli applicativi limitandomi ad un solo desktop? meno di dieci minuti.

    > non ci sono sempre i
    > driver per i dispositivi hardware.

    Quando ho acquistato il mio pc mi sono preoccupato di scegliere l'hardware adatto e non ho incontrato problemi. Quando l'ho acquistato per mia moglie mi ero dimenticato di verificare l'hardware, eppure non c'è stato nessun problema. Con questo non voglio dire che non ci siano problemi di compatibilità fra Linux e l'hardware, ma ritorniamo alle solite cose dette e ridette e che a quanto pare non vogliono entrare in testa. Alla sua prima uscita Windows XP ha creato tanti di quei problemi con i driver, ricordi? Chiaramente le case si sono affrettate a mettere a posto le cose, già, non si poteva correre il rischio di restare tagliati fuori dal mercato.
    Se Linux fosse utilizzato dal 50% dell'utenza home stai tranquillo che funzionerebbe tutto l'hardware perché le case si guarderebbero bene dal negare le specifiche o almeno farebbero come NVidia.

    > Per
    > fortuna che si è visto qualche
    > spiraglio di luce con la Suse 9.0

    Perché la mandrake è buio completo, la red hat o fedora è buio completo? A parte il fatto che tutto l'hardware che ho mi funziona tranquillamente anche con la slack.

    > I fanatici di Linux sono deleteri per l'
    > informatica.

    Che strano, io ho imparato molto da loro, come ho imparato molto da fanatici di Windows. Ma io preferirei usare il termine di "persone competenti" più che quello di "fanatici".

    > Sono talmente fissati che
    > vedono il male ovunque.

    Tipo dire che Linux è un cancro, vero?

    > Usano con rabbia e
    > livore il Jargon (M$, Micro$oft, MicroSCOft,
    > WinMer, ecc.) quando nominano il BIG di
    > Redmond.

    i sinistri usano l'appellativo di Berluska o del nano, i destri usano l'appellativo di Mortadella, ecc. I nomignoli si sprecano quando si parla di un avversario. Il Jargon non c'entra un piffero. Cerchiamo di valutare più i contenuti e un po' meno il gergo usato. A Bill Gates non gliene frega una mazza se lo chiamo zio Bill o Gugliemo Porte.
    A parte questo, è più salutare usare il termine Winzoz piuttosto che scrivere Windows e poi vedersi citati perché non abbiamo specificato in calce "Windows (TM) è un marchio registrato bla bla...."


    > Diciamo che contribuiscono all'
    > analfabetismo informatico.

    che strano, io ho l'impressione che i linari contribuiscano a diffondere una cultura dell'informatica. Al contrario .... immagino che s'intuisca come la penso a proposito di Microsoft & Conoscenza informatica

    > Ancora la gente vede Linux come il S.O. da
    > smanettoni e universitari sfigati
    > perchè tutto naviga un pò
    > nell' ombra.

    Soprattutto grazie all'informazione. Specie quando ogni volta che si parla di cracker e lamer certa stampa usa impropriamente il termine di hacker e peggio ancora vi associa Tux.

    > Linux è un sistema
    > operativo "di protesta", un'
    > illegalità nella legalità.

    Questo lo dici tu, immagino


    > E questo come si spiega? Guarda che la suite
    > "Office" è ottima.

    ha i suoi pregi e i suoi difetti. come altrettante piattaforme libere

    > Solo che la gente
    > (Linari compresi) non la sa usare.
    >

    affermazione del tutto gratuita

    best regards Occhiolino

    PS: sono un appassionato linaro ma sono anche un utente windows, perciò sono abituato a valutare in modo obiettivo almeno nei limiti delle mie conoscenze.
    Poco più di tre anni fa quando mi consigliarono di provare Linux risposi che avevo un'età per cui non mi potevo permettere a perdere tempo per studiare qualcosa di nuovo, sapevo che era difficile, roba da smanettoni, ecc. ecc.
    Qualche mese dopo provai l'installazione per curiosità. Andò tutto bene, per curiosità iniziai a studiacchiare, a provare, a smanettare, a ecc. ecc.
    Nel frattempo ho scoperto che su Linux mi avevano raccontato e continuano a raccontare parecchie leggende
    gian_d
    10466

  • - Scritto da: Anonimo
    > L'anno scorso ho realizzato su CD una
    > > raccolta di software libero e freeware
    > oltre
    > > a mettere a disposizione una copia di
    > > GNUWin. Solo due colleghi mi hanno
    > chiesto
    > > di masterizzarli una copia dei CD.
    >
    > La gente diffida di Linux perchè non
    > funziona come dovrebbe.

    Sbaglio oppure ho letto GNU/Win?

    >Per installarlo si
    > perdono ore ed ore,

    Ci si perde 45 minuti (ovvero circa quanto windows xp) con la maggioranza delle distribuzioni orientate all'utente "normodotato", quali Mandrake, Fedora, SuSE.
    Certo, se poi ci metti in conto il tempo di ripartizionamento e di backup dei dati allora si va sull'ordine delle ore. Ma tutto questo tempo non servirebbe se si installasse solo linux, esattamente come si installa solo windows.

    >non ci sono sempre i
    > driver per i dispositivi hardware.

    Questo è vero, spesso si è scoraggiati dalla mancanza di driver. Un po' alla volta le aziende di hw si stanno svegliando, però

    >
    > E questo come si spiega? Guarda che la suite
    > "Office" è ottima. Solo che la gente
    > (Linari compresi) non la sa usare.
    >

    Nemmeno chi la pretende sui computer anche se pirata. E ti assicuro (anche io ho visto cosa fanno ai corsi A) che chi usciva da quei corsi sapeva a malapena utilizzare qualche funzionalità di office, funzionalità che si trovavano tranquillamente anche in OpenOffice
    non+autenticato
  • Una volta mi è capitato, davvero con raccapriccio, di leggere (forse proprio su P.I.) che un prof. insegnava ai suoi ragazzi che Bill Gates aveva inevntato il computer.
    Forse è proprio quello che zio Bill vorrebbe si insegnasse nelle scuole. Io invece partirei dalla pascalina e da Babbage, questo sì che sarebbe utile insegnare ai prof. ed ai ragazzi.
    Ma forse sono fuori moda, peccato.

  • - Scritto da: lorenzaccio
    > Una volta mi è capitato, davvero con
    > raccapriccio, di leggere (forse proprio su
    > P.I.) che un prof. insegnava ai suoi ragazzi
    > che Bill Gates aveva inevntato il computer.

    Ecco. E' proprio questo quello che io temo, non è il Visual Basic, ma il fatto che si vogliano plasmare orde di futuri "schiavi" della Microsoft.

    > Forse è proprio quello che zio Bill
    > vorrebbe si insegnasse nelle scuole. Io
    > invece partirei dalla pascalina e da
    > Babbage, questo sì che sarebbe utile
    > insegnare ai prof. ed ai ragazzi.
    > Ma forse sono fuori moda, peccato.

    Io penso che prima di tutto bisogna insegnare algoritmi e questo va fatto in linguaggio C++, il linguaggio universale e più didattico della faccia della terra. Perchè passare dal C++ a qualunque altra cosa è una passeggiata. Ma passare da VB a qualunque altra cosa è un incubo.

    Questo è quello che volevo dire.

    TAD
  • - Scritto da: TADsince1995

    > Io penso che prima di tutto bisogna
    > insegnare algoritmi e questo va fatto in
    > linguaggio C++, il linguaggio universale e
    > più didattico della faccia della
    > terra.

    Sul fatto di insegnare gli algoritmi sono d'accordo, anche se - per scopi didattici - preferisco di gran lunga Python a C++

  • > Sul fatto di insegnare gli algoritmi sono
    > d'accordo, anche se - per scopi didattici -
    > preferisco di gran lunga Python a C++

    Non conosco Python, ma ne ho sentito ben parlare... Io da poco sto aiutando un amico a fare degli esercizi in Delphi (cioè Pascal) e sto scoprendo come, seppur datato e arcaico, il pascal sia ottimo per uno che inizia!

    TAD
  • E' giusto. Microsoft = progresso Fan Windows
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > E' giusto. Microsoft = progresso Fan Windows


    Spero che tu sia un troll. Il solo pensiero che tu possa veramente creere a quello che hai scritto mi fa stare male per te.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > E' giusto. Microsoft = progresso Fan Windows
    >
    >
    > Spero che tu sia un troll. Il solo pensiero
    > che tu possa veramente creere a quello che
    > hai scritto mi fa stare male per te.

    tu speri..io invece ho delle certezze nei tuoi confronti!
    p.s. creere che vuol dire?
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > E' giusto. Microsoft = progresso Fan Windows

    ok ma adesso come la mettiamo ? . . . . chi mi aiuta a smettere di ridere ?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > E' giusto. Microsoft = progresso Fan Windows
    >
    > ok ma adesso come la mettiamo ? . . . . chi
    > mi aiuta a smettere di ridere ?

    Nessuno!
    E' impossibile..
    ..si sa...
    ..il riso abbonda sulla bocca degli stolti!
    non+autenticato

  • Questa è la prima parola che mi viene in mente leggendo questa folle notizia. Già è pazzesco che in alcune scuole si insegni il Visual Basic, ma che Microsoft voglia entrare così nella scuola per creare nuovi eserciti di futuri sviluppatori (paganti) con le sue tecnologie è semplicemente agghiacciante. Ma è possibile che nessuno la fermi??? Ma nelle scuole i professori sono così ciechi!??!

    Se questo non è abuso.

    TAD

  • Per linux esiste mono, che problema c'è? Quello che impari lo puoi spendere anche su linux
    non+autenticato

  • - Scritto da: TADsince1995

    > Ma nelle scuole i professori sono
    > così ciechi!??!
    >
    > Se questo non è abuso.
    >
    > TAD
    >

    concordo

    http://www.cettolini.it/webmaster/s-gulch.sxi

    naturalmente per gli impediti che sanno usare solo PauerPoint c'è una versione aperta in HTML (fatta maluccio a dire la verità):

    http://linuxdidattica.org/docs/conferenze/cagliari.../
    gian_d
    10466

  • - Scritto da: TADsince1995
    >
    > Questa è la prima parola che mi viene
    > in mente leggendo questa folle notizia.
    > Già è pazzesco che in alcune
    > scuole si insegni il Visual Basic,

    pazzesco per chi?
    evidentemente non per i docenti (che in ambito formativo ne dovrebbero saper più di te), neanche per il ministero della cultura che lo consente, non lo è per gli studenti che almeno imparano qualchecosa che potrà essere subito produttivo nel mondo del lavoro e non lo è neanche per le aziende che almeno avranno forza lavoro imediatamente disponibile....
    pazzesco lo è solo per te!
    per te è per quelli che credono che se non si insegni php e ad usare linux e meglio che non si insegni niente!!!
    e voi siete quelli che lottate per la diffusione e lo sviluppo???
    NO HOLY WAR PLEASE!


    ma che
    > Microsoft voglia entrare così nella
    > scuola per creare nuovi eserciti di futuri
    > sviluppatori (paganti) con le sue tecnologie
    > è semplicemente agghiacciante.

    vedi sopra

    Ma
    > è possibile che nessuno la fermi???
    > Ma nelle scuole i professori sono
    > così ciechi!??!

    ci vedono meglio di te!
    vedono che così renderanno gli studenti compatibili con le richieste del mercato del lavoro e non con qualche ideologia...


    >
    > Se questo non è abuso.

    abuso di che....
    si chiama istruzione!
    se poi a te non piace vb e i prodotti ms sono fatti tuoi!
    non puoi pretendere che il mondo del lavoro giri attorno i tuoi capricci, ed il mondo scolastico è impostato (che questo sia un bene o un male non è certo sede di discussione) come ambito preparativo al lavoro!
    Vuoi negare che il mondo del lavoro è dominato (soprattutto in italia) da ms e vb??
    allora per cosa dovrebbero essere preparati gli studenti, per quello che gli aspetta nella realtà o per fare rivoluzioni pseudo-informatiche?!
    la scuola insegna arti pratiche le ideologie è meglio che restino e nascano fuori!

    >
    > TAD
    >
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > - Scritto da: TADsince1995
    > > Questa è la prima parola che mi
    > viene
    > > in mente leggendo questa folle notizia.
    > > Già è pazzesco che in
    > alcune
    > > scuole si insegni il Visual Basic,

    > pazzesco per chi?
    > evidentemente non per i docenti (che in
    > ambito formativo ne dovrebbero saper
    > più di te),

    Dovrebbero..., il dubbio se permetti e' lecito.
    Cosa c'entra la formazione di un docente con la trasmissione di conoscenze specifiche?
    Se uno e' informatico e nota che un docente non insegna bene quella materia permetterai che possa esserci il dubbio che la formazione del docente sia insufficente?

    >neanche per il ministero
    > della cultura che lo consente, non lo
    > è per gli studenti che almeno
    > imparano qualchecosa che potrà essere
    > subito produttivo nel mondo del lavoro e non
    > lo è neanche per le aziende che
    > almeno avranno forza lavoro imediatamente
    > disponibile....
    > pazzesco lo è solo per te!
    > per te è per quelli che credono che
    > se non si insegni php e ad usare linux e
    > meglio che non si insegni niente!!!
    > e voi siete quelli che lottate per la
    > diffusione e lo sviluppo???
    > NO HOLY WAR PLEASE!

    Personalmente ritengo comunque meglio M$ che niente ma se permetti e' la consolazione DEI POVERI e come ben sai il nostro paese non puo' permettersi un' istruzione misera... l' ASIA (Cina, India in particolare) ci sta' facendo le scarpe (le fanno agli USA...figuriamoci a noi) e si da il caso che la' ,almeno in India, ci sia un elevata percentuale di programmatori Open
    http://punto-informatico.it/p.asp?i=48366
    Sara' un caso?
    Prima di riempirvi la bocca di formazione, di istruzione e di M$ MA GUARDATE un po' piu' in la' del vostro NASO cazzarola!
    Il fatto che per loro non sia pazzesco non significa che non lo sia realmente e non depone certo a loro favore.
    Ma e' possibile che ci si continua a lamentare che nel nostro paese l' economia e in particolare il settore informatico va a rotoli e che si continui imperterriti a fare sempre le stesse cose, a pensare sempre allo stesso modo e quindi a cadere sempre negli stessi errori?
    La M$ spende montagne di risorse per propagandare i propri prodotti ma lo fa per il bene dello "sviluppo", se invece qualcuno forma un gruppo e decide di propagandare dei sistemi alternativi FA GUERRA SANTA! Ma scusa tanto Microsoft NON LA FA LA SUA GUERRA SANTA? Solo perche' ha piu' soldi e risorse si tratta di qualcosa di diverso? Ma checca§§o di ragionamento e'?
    L' italietta eterno fanalino di coda e' guidata da persone come te che non vogliono sapere cosa succede nel mondo.

    > ma che
    > > Microsoft voglia entrare così
    > nella
    > > scuola per creare nuovi eserciti di
    > futuri
    > > sviluppatori (paganti) con le sue
    > tecnologie
    > > è semplicemente agghiacciante.

    > vedi sopra

    Ma cosa c'e' da vedere sopra?
    TU dici a qualcuno di vedere sopra?
    Che non vedi nemmeno cosa c'e' oltre il tuo orticello?

    > Ma
    > > è possibile che nessuno la
    > fermi???
    > > Ma nelle scuole i professori sono
    > > così ciechi!??!

    > ci vedono meglio di te!
    > vedono che così renderanno gli
    > studenti compatibili con le richieste del
    > mercato del lavoro e non con qualche
    > ideologia...

    ECCIRISIAMO: tu confondi le IDEE con le IDEOLOGIE (se sono di M$ ssono IDEE se sono di altri sono IDEOLOGIE)
    Spiegami una cosa (anzi ce ne sarebbero molte ma non voglio infierire troppo sui tuoi deboli ragionamenti).
    dato che M$ e' FUORI dalle ideologie, dato che quello che pensano i suoi dirigenti e' PURA FILOSOFIA, BENE DEL LIBRO PENSIERO DELLA LIBERA INIZIATIVA E DOGMA DI FEDE
    SPIEGA come mai si sta tanto affrettando a cambiare le proprie politiche commerciali sempre poiu' simili all' open source...
    (basta leggersi gli articoli di PI)
    spiega spiega... sono tut' occhi (ne ho 4).

    > > Se questo non è abuso.

    > abuso di che....
    > si chiama istruzione!

    HAHAHAHA
    Dunque TUTTA l' informatica, quella di base intendo, si ridurrebbe alle lezioni su Windows?
    Solo i prodotti M$ sono immediatamente produttivi nel mondo del lavoro?
    Ma scherzi?

    > se poi a te non piace vb e i prodotti ms
    > sono fatti tuoi!
    > non puoi pretendere che il mondo del lavoro
    > giri attorno i tuoi capricci, ed il mondo
    > scolastico è impostato (che questo
    > sia un bene o un male non è certo
    > sede di discussione) come ambito preparativo
    > al lavoro!
    > Vuoi negare che il mondo del lavoro è
    > dominato (soprattutto in italia) da ms e
    > vb??

    Infatti il MONDO DE "LAVORO" in italia e' allo sfascio, siamo il fanalino di coda, siamo nullita' in confronto a paesi come l' India (li la gente brava non e' affatto vero che guadagna una miseria, poteva esserlo una volta ma non oggi)
    anche a causa della mentalita' diffusa che solo i prodotti di marche stranote e in particolare M$ sono produttivi.

    > allora per cosa dovrebbero essere preparati
    > gli studenti, per quello che gli aspetta
    > nella realtà o per fare rivoluzioni
    > pseudo-informatiche?!
    > la scuola insegna arti pratiche le ideologie
    > è meglio che restino e nascano fuori!

    Ma quali rivoluzioni pseudo informatiche...
    ma guarda fuori dalla tua finestra...

  • - Scritto da: Alessandrox
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > - Scritto da: TADsince1995
    > > > Questa è la prima parola
    > che mi
    > > viene
    > > > in mente leggendo questa folle
    > notizia.
    > > > Già è pazzesco che in
    > > alcune
    > > > scuole si insegni il Visual Basic,
    >
    > > pazzesco per chi?
    > > evidentemente non per i docenti (che in
    > > ambito formativo ne dovrebbero saper
    > > più di te),
    >
    > Dovrebbero..., il dubbio se permetti e'
    > lecito.
    > Cosa c'entra la formazione di un docente con
    > la trasmissione di conoscenze specifiche?

    ????scherzi vero???????????
    la formazione dei docenti è uno dei pilastri di una scuola e un'ustruzione decente!

    > Se uno e' informatico e nota che un docente
    > non insegna bene quella materia permetterai
    > che possa esserci il dubbio che la
    > formazione del docente sia insufficente?

    :):):)

    perchè sei andato a vedere (nel futuro) cosa insegneranno dopo?Sorride:):) mi sa che ti rodo solo che nelle scuole compaia il nome ms.....
    gli insegnanti insegna già male adesso!!!
    dato di fatto!!
    programmi scolastici vecchi di 30 anni!!!!
    apprendimento su linguggi estinti (parliamo di superiori non università ricordatene), li dove esiste (ma di rado al meno che non parliamo di indirizzi specifici) un approcio informatico; insegnati sottopagati in scuole con infrestrutture (meglio dire senza) che a volte cadono a pezzi....in un paese in cui i fondi vanno al digitale terrestre e non a una scuola che pare da terzo mondo......
    in quest'ottica (te le ricordi le scuole vero?) credo che un corso di 3 giorni ms non si certo un danno...non lo sarebbe in nessun'ottica...è un corso..della formazione, e fa sempre bene, che poi a te stia antipatico perchè non è open source o linux (se non è guerra santa questa) non mi importa!
    E' formazione, e ms si è fatta avanti (certo per interessi personali, ma almeno lo ha fatto) la dove il mondo linux sta solo a dire: non ms nelle scuole fermiamola.....

    come puoi dire di notare che un docente non insegna bene riferendoti a fatti futuri?
    come puoi dire che un corso di formazione per docenti e un male?
    solo perchè c'è il nome ms (lo ripeto ancora è questo atteggiamento che puzza di guerra santa), l'informatico lo si fa anche con prodotti ms, non è obbligatorio usare open source....sono scelte..solo che fare una scelta non significa schiifare tutto quello che c'è dall'altra parte!

    >
    > >neanche per il ministero
    > > della cultura che lo consente, non lo
    > > è per gli studenti che almeno
    > > imparano qualchecosa che potrà
    > essere
    > > subito produttivo nel mondo del lavoro
    > e non
    > > lo è neanche per le aziende che
    > > almeno avranno forza lavoro
    > imediatamente
    > > disponibile....
    > > pazzesco lo è solo per te!
    > > per te è per quelli che credono
    > che
    > > se non si insegni php e ad usare linux e
    > > meglio che non si insegni niente!!!
    > > e voi siete quelli che lottate per la
    > > diffusione e lo sviluppo???
    > > NO HOLY WAR PLEASE!
    >
    > Personalmente ritengo comunque meglio M$ che
    > niente ma se permetti

    lo dici come se ms fosse un sottoprodotto di chissà che....

    e' la consolazione DEI
    > POVERI e come ben sai il nostro paese non
    > puo' permettersi un' istruzione misera... l'
    > ASIA (Cina, India in particolare) ci sta'
    > facendo le scarpe (le fanno agli
    > USA...figuriamoci a noi) e si da il caso che
    > la' ,almeno in India, ci sia un elevata
    > percentuale di programmatori Open
    > punto-informatico.it/p.asp?i=48366
    > Sara' un caso?

    che akkio centra?
    in america che è il paese economicamente e politicamente dominante c'è un'elevata percentuale di programmatori su tecnologie ms...e allora?
    che centra con un corso offerto ai docenti?????
    ooooo....ma qui se non si fa open source si distrugge l'economia secondo te????

    > Prima di riempirvi la bocca di formazione,
    > di istruzione e di M$ MA GUARDATE un po'
    > piu' in la' del vostro NASO cazzarola!

    inizia a farlo tu!!!!
    io mi attengo ai fatti....tu a strane teorie che coinvolgono paesi disastrati (l'india mica sta messa troppo bene sai....dal tuo ragionamento devo deddure sia colpa dell'open source???? sono il tipo di conclusioni/sconclusionate che trai tu!)
    FATTO è che in italia la scuola fa schifo!!!!!!!!!!
    FATTO è che ms offre un corso di formazione gratuito
    FATTO è che 'formazione' per i docenti è sempre un bene (anche se in tre giorni non è che si farà un granche ne per i docenti ne per il futuro dell'informatica nelle scuole)
    FATTO è che stai a criticare e a lamentarti perchè ci volevi l'open source invece di ms..

    sei tu quello che se non è open source allora fa male...questo è comportamento da guerra santa!


    > Il fatto che per loro non sia pazzesco non
    > significa che non lo sia realmente e non
    > depone certo a loro favore.

    il fatto che per loro non sia pazzesco vuol dire che per il mondo della scuola e quello del lavoro va bene!!
    infatti si parlava del mondo della scuola e del lavoro!!!
    discorso semplicissimo vero???

    > Ma e' possibile che ci si continua a
    > lamentare che nel nostro paese l' economia e
    > in particolare il settore informatico va a
    > rotoli e che si continui imperterriti a
    > fare sempre le stesse cose, a pensare sempre
    > allo stesso modo e quindi a cadere sempre
    > negli stessi errori?

    i proprlemi dell'economia non hanno niente a che vedere con ms ne con corsi scolastici, ma con governi che hanno sfasciato un paese ricco di potenziale, con tasse e burocrazia tanto asfisianti da scoraggiare ogni investitore estero..con una scuola disastrata, con fondi devoluti al digitale terrestre anzicchè a scuola e ricerca, con docenti non al passo con i tempi etc..
    è quali sono gli errori??
    usare prodotti ms??
    ma allora il tuo è un chiodo fisso??
    o una visione religiosa?
    se iniziamo a usare open source risolviamo i problemi economici e politici italiani????
    daiiii smetti di dire castronerie....
    i problemi del settore informatico vanno offerti con una formazione più adeguata!!!

    e questo è completamente indipendente dal concetto open o closed source!!!
    ci arrivi o no che formazione scolastica non c'èntra niente con la diatriba open/closed??????

    prima cerca il tuo naso...e poi vedi se ti riesce di guardare oltre!!!!!

    > La M$ spende montagne di risorse per
    > propagandare i propri prodotti ma lo fa per
    > il bene dello "sviluppo"

    certo! e allora?

    se invece qualcuno
    > forma un gruppo e decide di propagandare dei
    > sistemi alternativi FA GUERRA SANTA!

    no, mai detto!
    il fatto che non esiste nessuno che forma gruppi e decide di fare corsi di formazione ai docenti...esiste solo gente che vuole tenere ms lontana dalle scuole come se fosse il male!!!
    la guerra santa inizia quando invece di cercare di portare conoscenza (con corsi e quant'altro) si fa di tutto per osteggiare un nemico, anche a costo di ridicolizzare pesino dei corsi di formazione perchè sono ms e non open source!

    Ma
    > scusa tanto Microsoft NON LA FA LA SUA
    > GUER
    non+autenticato

  • > > Già è pazzesco che in
    > alcune
    > > scuole si insegni il Visual Basic,
    >
    > pazzesco per chi?
    > evidentemente non per i docenti (che in
    > ambito formativo ne dovrebbero saper
    > più di te), neanche per il ministero
    > della cultura che lo consente, non lo
    > è per gli studenti che almeno
    > imparano qualchecosa che potrà essere
    > subito produttivo nel mondo del lavoro e non
    > lo è neanche per le aziende che
    > almeno avranno forza lavoro imediatamente
    > disponibile....
    > pazzesco lo è solo per te!
    > per te è per quelli che credono che
    > se non si insegni php e ad usare linux e
    > meglio che non si insegni niente!!!

    Io non ho mai detto questo, ma insegnare a programmare in VB come primo linguaggio di programmazione significa fare del male agli studenti e al loro futuro.

    > e voi siete quelli che lottate per la
    > diffusione e lo sviluppo???
    > NO HOLY WAR PLEASE!

    Non sto facendo nessuna guerra di religione

    >
    >
    > ma che
    > > Microsoft voglia entrare così
    > nella
    > > scuola per creare nuovi eserciti di
    > futuri
    > > sviluppatori (paganti) con le sue
    > tecnologie
    > > è semplicemente agghiacciante.
    >
    > vedi sopra

    Continuo a dire che Microsoft va sedata in questo ambito, andando avanti così si finirà definitivamente per soffocare l'innovazione.

    > Ma
    > > è possibile che nessuno la
    > fermi???
    > > Ma nelle scuole i professori sono
    > > così ciechi!??!
    >
    > ci vedono meglio di te!
    > vedono che così renderanno gli
    > studenti compatibili con le richieste del
    > mercato del lavoro e non con qualche
    > ideologia...

    Io non ho messo in dubbio l'utilità di vb nel campo del lavoro (sigh!) ma il suo potere formativo. Ma poi come parli tu pare che tutte le aziende richiedano solo ed esclusivamente "programmatori" Visual Basic.

    >
    >
    > >
    > > Se questo non è abuso.
    >
    > abuso di che....
    > si chiama istruzione!

    Visual Basic istruzione!?!?!?

    > se poi a te non piace vb e i prodotti ms
    > sono fatti tuoi!
    > non puoi pretendere che il mondo del lavoro
    > giri attorno i tuoi capricci, ed il mondo
    > scolastico è impostato (che questo
    > sia un bene o un male non è certo
    > sede di discussione) come ambito preparativo
    > al lavoro!
    > Vuoi negare che il mondo del lavoro è
    > dominato (soprattutto in italia) da ms e
    > vb??

    Beh... Questa frase presa così è un po' esagerata... Pare che in tutte le aziende di informatica si usi solo Microsoft... Personalmente posso dirti che lavoro in un'azienda dove si sviluppa sotto linux in j2EE, nessuna traccia di Microsoft e non è l'unica... Ti do ragione sul fatto che, purtroppo, in Italia si fanno quasi esclusivamente gestionali in vb, ma quello che ritengo terribile è che i ragazzi vengano formati su un linguaggio che di didattico ha davvero ben poco...
    Prendi il ragazzino che ha studiato VB a scuola e mettigli in mano J2EE e vedi come si mette a piangere...
    Crescono con la convinzione che "informatica = microsoft" e questo è MALE, è un imposizione! Poi che il vb serva in pratica, questo non lo metto in dubbio. Ma le cose finalmente stanno cambiando... (vedi esempio di dove lavoro io)

    > allora per cosa dovrebbero essere preparati
    > gli studenti, per quello che gli aspetta
    > nella realtà o per fare rivoluzioni
    > pseudo-informatiche?!

    Dovrebbero imparare a programmare, non a fare le GUI col mouse e le query a un database... Che fine fanno gli algoritmi di ordinamento? Le liste? I grafi? Le procedure ricorsive? Queste sono cose che insegnano a programmare...

    > la scuola insegna arti pratiche le ideologie
    > è meglio che restino e nascano fuori!

    Sono d'accordo, ripeto la mia non era una guerra di religione.

    TAD

  • - Scritto da: TADsince1995
    >
    > > > Già è pazzesco che in
    > > alcune
    > > > scuole si insegni il Visual Basic,
    > >
    > > pazzesco per chi?
    > > evidentemente non per i docenti (che in
    > > ambito formativo ne dovrebbero saper
    > > più di te), neanche per il
    > ministero
    > > della cultura che lo consente, non lo
    > > è per gli studenti che almeno
    > > imparano qualchecosa che potrà
    > essere
    > > subito produttivo nel mondo del lavoro
    > e non
    > > lo è neanche per le aziende che
    > > almeno avranno forza lavoro
    > imediatamente
    > > disponibile....
    > > pazzesco lo è solo per te!
    > > per te è per quelli che credono
    > che
    > > se non si insegni php e ad usare linux e
    > > meglio che non si insegni niente!!!
    >
    > Io non ho mai detto questo, ma insegnare a
    > programmare in VB come primo linguaggio di
    > programmazione significa fare del male agli
    > studenti e al loro futuro.

    e perchè????

    >
    > > e voi siete quelli che lottate per la
    > > diffusione e lo sviluppo???
    > > NO HOLY WAR PLEASE!
    >
    > Non sto facendo nessuna guerra di religione
    >
    > >
    > >
    > > ma che
    > > > Microsoft voglia entrare
    > così
    > > nella
    > > > scuola per creare nuovi eserciti di
    > > futuri
    > > > sviluppatori (paganti) con le sue
    > > tecnologie
    > > > è semplicemente
    > agghiacciante.
    > >
    > > vedi sopra
    >
    > Continuo a dire che Microsoft va sedata in
    > questo ambito, andando avanti così si
    > finirà definitivamente per soffocare
    > l'innovazione.
    >
    > > Ma
    > > > è possibile che nessuno la
    > > fermi???
    > > > Ma nelle scuole i professori sono
    > > > così ciechi!??!
    > >
    > > ci vedono meglio di te!
    > > vedono che così renderanno gli
    > > studenti compatibili con le richieste
    > del
    > > mercato del lavoro e non con qualche
    > > ideologia...
    >
    > Io non ho messo in dubbio l'utilità
    > di vb nel campo del lavoro (sigh!) ma il suo
    > potere formativo.

    stiamo parlando di superiori (e molti indirizzi l'informatica la toccano solo di striscio)....
    per dare dei concetti generali (come si fa un ciclo, i costrutti decisionali e via dicendo) va bene qualsiasi linguggio..a questo punto meglio che sia vb (che è utilizzato nel mondo del lavoro) piuttosto che linguggi estinti!

    Ma poi come parli tu pare
    > che tutte le aziende richiedano solo ed
    > esclusivamente "programmatori" Visual Basic.

    non è quello che volevo dire.
    la realtà è che (soprattutto in italia) 6 aziende su dieci richiedo vb o 'anche vb', le restanti si frammentano tra i vari liguaggi (non è che in italia brilliamo per prodotti eccezionali, sigh)....

    >
    > >
    > >
    > > >
    > > > Se questo non è abuso.
    > >
    > > abuso di che....
    > > si chiama istruzione!
    >
    > Visual Basic istruzione!?!?!?

    ogni linguaggio è una parte dell'informatica..insegnare informatica è istruzione!!
    che poi vb non possa competere con c e fuori dubbio...ma continuiamo a parlare di superiori (dove molto spesso l'informatica si accenna)

    >
    > > se poi a te non piace vb e i prodotti ms
    > > sono fatti tuoi!
    > > non puoi pretendere che il mondo del
    > lavoro
    > > giri attorno i tuoi capricci, ed il
    > mondo
    > > scolastico è impostato (che
    > questo
    > > sia un bene o un male non è certo
    > > sede di discussione) come ambito
    > preparativo
    > > al lavoro!
    > > Vuoi negare che il mondo del lavoro
    > è
    > > dominato (soprattutto in italia) da ms e
    > > vb??
    >
    > Beh... Questa frase presa così
    > è un po' esagerata... Pare che in
    > tutte le aziende di informatica si usi solo
    > Microsoft... Personalmente posso dirti che
    > lavoro in un'azienda dove si sviluppa sotto
    > linux in j2EE, nessuna traccia di Microsoft
    > e non è l'unica... Ti do ragione sul
    > fatto che, purtroppo, in Italia si fanno
    > quasi esclusivamente gestionali in vb, ma
    > quello che ritengo terribile è che i
    > ragazzi vengano formati su un linguaggio che
    > di didattico ha davvero ben poco...
    > Prendi il ragazzino che ha studiato VB a
    > scuola e mettigli in mano J2EE e vedi come
    > si mette a piangere...
    > Crescono con la convinzione che "informatica
    > = microsoft" e questo è MALE,

    d'accordo...l'informatica non c'entrè niente con il nome delle società che producono al suo interno....quindi che sia ms, vb, java o open source sempre informatica è!

    > è un imposizione! Poi che il vb serva
    > in pratica, questo non lo metto in dubbio.
    > Ma le cose finalmente stanno cambiando...
    > (vedi esempio di dove lavoro io)

    io lavoro in vc++ da anni..questo non significa che sia così facile trovare società che sviluppano software tale da richiedere la potenza di c++

    >
    > > allora per cosa dovrebbero essere
    > preparati
    > > gli studenti, per quello che gli aspetta
    > > nella realtà o per fare
    > rivoluzioni
    > > pseudo-informatiche?!
    >
    > Dovrebbero imparare a programmare, non a
    > fare le GUI col mouse

    ma quello lo impari in 2 giorni specie in ambienti come vb..almeno che i corsi informatic non durino 2 giorni rimane il tempo per insegnare ben altro

    e le query a un
    > database...

    ma anche in vb senza sql non è che vai poi tanto lontano

    Che fine fanno gli algoritmi di
    > ordinamento? Le liste? I grafi? Le procedure
    > ricorsive? Queste sono cose che insegnano a
    > programmare...

    ma sono cose indipendenti dal linguggio e possono essere insegnate con ogni linguaggio...parlando di scuole superiori (e parlando di scuole superiori italiane) forse è quasi un bene che si focalizzi sulla concettualiità di query e procedure ricorsive senza appesantirsi con linguaggi coplessi...parliamo di un'introduzione all'informatica, se vuoi fare il programmatore minimo fai l'università (o anni di studio privato)

    >
    > > la scuola insegna arti pratiche le
    > ideologie
    > > è meglio che restino e nascano
    > fuori!
    >
    > Sono d'accordo, ripeto la mia non era una
    > guerra di religione.
    >
    > TAD
    non+autenticato

  • - Scritto da: TADsince1995
    >
    > Io non ho mai detto questo, ma insegnare a
    > programmare in VB come primo linguaggio di
    > programmazione significa fare del male agli
    > studenti e al loro futuro.

    Per quale ragione? Guarda che a molti studenti delle medie/speriori non gliene frega una cippa di programmazione. Hanno inventato il VB perchè è un ambiente RAD. Che senso ha perdere 1 ora di tempo per costruire una videata? Allora, tanto fa, torniamo all' Assembly

    > Continuo a dire che Microsoft va sedata in
    > questo ambito, andando avanti così si
    > finirà definitivamente per soffocare
    > l'innovazione.

    E' questo che ti sbagli. La Microsoft sta spingendo sempre più verso l' interoperabilità tra più piattaforme. L' ambiente .NET è un validissimo esempio, tanto che Oracle ha sposato la piattaforma .NET.

    > Io non ho messo in dubbio l'utilità
    > di vb nel campo del lavoro (sigh!) ma il suo
    > potere formativo. Ma poi come parli tu pare
    > che tutte le aziende richiedano solo ed
    > esclusivamente "programmatori" Visual Basic.

    Quali aziende prenderebbero un programmatore C o C++ ? Solo quelle che si occupano di informatica industriale o che si occupano della realizzazione di applicazioni nell' ambito della R & D (es: sincrotrone)

    > Beh... Questa frase presa così
    > è un po' esagerata... Pare che in
    > tutte le aziende di informatica si usi solo
    > Microsoft... Personalmente posso dirti che
    > lavoro in un'azienda dove si sviluppa sotto
    > linux in j2EE, nessuna traccia di Microsoft
    > e non è l'unica... Ti do ragione sul
    > fatto che, purtroppo, in Italia si fanno
    > quasi esclusivamente gestionali in vb, ma
    > quello che ritengo terribile è che i
    > ragazzi vengano formati su un linguaggio che
    > di didattico ha davvero ben poco...
    > Prendi il ragazzino che ha studiato VB a
    > scuola e mettigli in mano J2EE e vedi come
    > si mette a piangere...
    > Crescono con la convinzione che "informatica
    > = microsoft" e questo è MALE,
    > è un imposizione! Poi che il vb serva
    > in pratica, questo non lo metto in dubbio.
    > Ma le cose finalmente stanno cambiando...
    > (vedi esempio di dove lavoro io)

    > Dovrebbero imparare a programmare, non a
    > fare le GUI col mouse e le query a un
    > database... Che fine fanno gli algoritmi di
    > ordinamento? Le liste? I grafi? Le procedure
    > ricorsive? Queste sono cose che insegnano a
    > programmare...

    Esagerato. Non serve scendere nel dettaglio. Esistono i corsi di laurea in ing. informatica o informatica per questo scopo

    > Sono d'accordo, ripeto la mia non era una
    > guerra di religione.
    >
    > TAD

    MENO MALE!A bocca aperta
    non+autenticato