Empoli, Amiga strikes back

A Pianeta Amiga 2004 si potrà palpeggiare e comprare il nuovo computer Amiga, mettere le mani su Commodore One ed altre chicche, hardware e software. Stand gratuiti per chi aggiunge pepe all'evento

Empoli - L'11 e il 12 settembre saranno date che rimarranno con ogni probabilità nel cuore degli amighisti italiani. Sono infatti le giornate dell'ottava edizione di Pianeta Amiga, una kermesse dedicata alle piattaforme alternative che quest'anno ha qualcosa di decisamente concreto da offrire ai nostalgici di un PC che ha fatto storia.

L'evento, che anche quest'anno si svolgerà presso il PalaEsposizioni di Empoli, troverà il suo clou nella presentazione del nuovo Amiga One accompagnato naturalmente dall'evoluzione più ardita di Amiga OS, la 4.0. Non solo sarà possibile toccare con mano il nuovo computer che porta il nome e molte delle caratteristiche che hanno reso davvero mitico il nome Amiga nella storia dell'informatica, ma per gli appassionati sarà ora possibile acquistarlo e portarselo a casa.

Sono ormai dieci anni, spiegano gli organizzatori di Jasa Communications, che si protrae l'attesa per l'uscita di un nuovo modello del personal computer "che - sottolineano - ha inventato concetti quali multitasking e multimedia".
Ma a catturare l'interesse saranno anche le piattaforme alternative come Pegasos o Commodore One, il sistema C=64 compatibile. "Anche il software la farà da padrone - spiegano gli organizzatori - con interessanti novità ed anteprime imperdibili, e poi seminari e conferenze per approfondire i temi dell'informatica alternativa".

All'evento di Empoli potranno fruire di uno spazio espositivo gratuito tutti coloro che intendono presentare a scopi non commerciali propri progetti dell'informatica alternativa. "Facciamo appello - raccontano quelli di Jasa - a chiunque voglia esporre le sue produzioni, siano esse animazioni, immagini, utility, soluzioni hardware, ecc., a contattarci per l'assegnazione della propria postazione. Così come gradiremmo essere contattati da coloro che desiderano partecipare alla borsa scambio dell'usato". Anche questa fruirà di spazi gratuiti e riguarderà tutte le piattaforme presenti.

Informazioni sulla manifestazione e dettagli per la presenza ad Empoli sono disponibili sul sito dedicato a Pianeta Amiga 2004
TAG: hw
37 Commenti alla Notizia Empoli, Amiga strikes back
Ordina
  • di tutti quelli, amighisti e non, a cui piace l'informatica e che guardano con interesse e curiosità ad AmigaONE

    le schede costano troppo! o meglio a (quasi) parità di prezzo il parco hardware e software è ancora troppo piccolo per competere...

    escludendo casi particolari motivati da sitauzioni irripetibili l'acquisto di un AMiGAONE non è ancora proponibile alla massa

    (il mio non è un discorso di processi industriali e commerciali, so bene cosa significa un prodotto nuovo in termini di costo e di parco sw e hw, il mio è solo un discorso da cliente curioso e interessate)

    saluti (anche da parte dalle patch HW del mio Amiga500A bocca aperta )
  • Mi spiace, sarò prolisso.
    Regolarmente, tutte le volte che qualcuno (vuoi per farci soldi, vuoi perché ci crede veramente) cerca di rilanciare la piattaforma più innovativa della storia - ed ho le prove per affermarlo - c'è sempre qualcuno che dice: lasciatela morire in pace. Poi qualcun altro risponde: no, siamo stati grandi e lo saremo ancora, e vaff.. a Bill Gates. E non manca mai chi dice: ma come, ancora c'è qualcuno che usa quella mezza piattaforma, buona solo per i videogiochi (e ora non più, visto che sotto Windows c'è l'ultima DirectX 65 che comanda le nuove schede Pifferon per il rendering fotorealistico in 25 dimensioni...)?
    A suo tempo sono rimasto incantato da quello che, apparentemente senza sforzo, riusciva a fare questa macchina. Era un hardware progettato fin dall'inizio come multiprocessore a processori dedicati (nel 1983! Poi commercializzato nell '85), in cui le schede di espansione "si riconoscevano da sole" (protocollo Autoconfig - 16 bit - stranamente simile a quel famoso plug'n'play tanto strombazzato, uscito almeno 8 anni dopo); ed il sistema operativo, incredibile ma vero, sfruttava fin da subito tutta la potenza a disposizione, senza dover aspettare 5 anni per una versione decentemente matura del software. Quando comprai un PC (80286) e lo misi accanto all'Amiga, quasi non riuscivo a credere che fosse lui "il computer serio, quello col quale si lavora". L'MS-DOS aveva un feeling quasi peggiore del vecchio C64, in confronto all'ambiente totalmente grafico di Amy. Perfino il "bios" Amiga, che si chiama Early Startup, dal 1991 (AmigaOS 2.04) è grafico e si usa con bottoni e mouse. Una cosa del genere non l'ho ancora vista su un PC, se non con schermate a caratteri, e con input solo da tastiera. E' vero, è una piccola cosa; ma intanto c'è.
    Oggi possiedo un AmigaONE, con processore PPC G3, Radeon 9100 e SB Live!. Posso espandere il sistema con tutte le periferiche di mercato che siano in standard PCI, AGP 2x, USB. Posso anche installare un SO Linux, il kernel è ancora fermo alla versione 2.4.22 perché necessita di personalizzazione di alcuni moduli (del resto l'Amiga NON è un PC, e non vuole esserlo), ma è in corso la conversione del kernel serie 2.6. E finora ho usato questa macchina senza sistema operativo, proprio usando Debian GNU/Linux, perfettamente aggiornato con la versione attuale per X86 nelle componenti base - anche perché i pacchetti sono gli stessi installati sui sistemi Mac o IBM. E non consuma nemmeno granché: tutta la scheda madre necessita di appena 25 watt, una lampadina ad incandescenza consuma di più.
    Hanno ragione quelli che dicono che l'Amiga classic è ormai un computer vecchio. Vorrei anche vedere, c'è ancora qualcuno che usa un 286 in casa? Però, anche i PC di oggi sono solo lontani parenti di quelli anche solo di 3 anni fa. E la gente continua ostinata a farci girare sopra Windows 2000. Forse perché si fida poco di Xp.
    In questi giorni mi è arrivata la pre-release di AmigaOS 4, perché sono stato tra i primi ad acquistare un AmigaOne. L'ho installata, e riconosco che avevo dimenticato come fosse facile usare l'interfaccia di Amiga: snella, pratica, intuitiva.
    Se qualcuno, senza pregiudizi su storia passata e beghe varie, trovasse il sistema abbastanza interessante da comprarlo o realizzarci sopra un applicativo interessante, in fondo non me ne stupirei troppo. Del resto, funzionò così la prima volta, con la vecchia generazione...
    non+autenticato
  • Sono d'accordo, ma ti dico che solo se avessero prezzi più contenuti comprerei (volentierissimo!) un amigaONE. Sono di ottima qualità, nulla da dire, ma il prezzo...
    non+autenticato
  • Gia', molto interessato... il sito e' stato hackato? Ma allora, perche' solo quella pagina?

    Varthall
    non+autenticato
  • Hem... molto interessaNTE, sorrySorride

    Varthall
    non+autenticato
  • Allora avevo visto giusto !
    :)

    ...chissà se quelli qui sopra che ci ascoltano se ne sono accorti.. (quelli di PI...)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > www.pianetaamiga.it/paold/index.html
    >Sorpresa

    Probabilmente trattasi del pregevole comitato organizzativo...

    Fan Apple
    Terra2
    2332
  • cosa sei un borghese dell'IT?

  • - Scritto da: theDRaKKaR
    > cosa sei un borghese dell'IT?

    no dracchio, stavo solo ironizzandoSorride


    Terra2
    2332
  • che ti hanno
  • So che la cosa può sembrare strana a chi, come me, l'Amiga la usava anni fa e quasi solo per i giochini, anzi, togliere il quasi nel mio casoSorride.
    Però so che in ambiente di produzione video professionale l'Amiga e il suo sistema operativo (bellino a vedersi) sono molto considerate. Ora non mi chiedete il modello ecc perché non ricordo, ma rimango stupito quando sento che per montaggio video usano un'Amiga.
    Comunque devo dire una cosa: la mia Amiga 500 era veramente un capolavoro, i media hanno sempre osannato Win95 come novità ma sembrava una copia del vecchio Amiga.
    Tutti quei colori, i dischetti piccoli, altro che quelle stupide cassette del C64, o le cartucce dell'Atari.
    Sniff sniff se continuo mi commuovo... pensate solo se ci fosse stata vera concorrenza nel mondo dei sistemi operativi cosa avremmo fra le mani oggi. Se Bill avesse puntato sui suoi prodotti invece che a uccidere sul nascere la concorrenza, beh, altro che quella ciofega di WinXP e quel bellissimo SO per maniaciSorride che è Linux.

    Artillero
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > So che la cosa può sembrare strana a
    > chi, come me, l'Amiga la usava anni fa e
    > quasi solo per i giochini, anzi, togliere il
    > quasi nel mio casoSorride.
    > Però so che in ambiente di produzione
    > video professionale l'Amiga e il suo sistema
    > operativo (bellino a vedersi) sono molto
    > considerate. Ora non mi chiedete il modello
    > ecc perché non ricordo, ma rimango
    > stupito quando sento che per montaggio video
    > usano un'Amiga.

    Ancora lo usano in molte TV private... Non potrò dimenticare mai che una volta ho acceso la TV sintonizzandomi su una TV locale e mi sono trovato davanti la schermata del Deluxe Paint!!!!!!

    > Comunque devo dire una cosa: la mia Amiga
    > 500 era veramente un capolavoro, i media
    > hanno sempre osannato Win95 come
    > novità ma sembrava una copia del
    > vecchio Amiga.

    Come hai ragione...

    > Tutti quei colori, i dischetti piccoli,
    > altro che quelle stupide cassette del C64

    AH! Non bestemmiare!!!

    >, o
    > le cartucce dell'Atari.
    > Sniff sniff se continuo mi commuovo...
    > pensate solo se ci fosse stata vera
    > concorrenza nel mondo dei sistemi operativi
    > cosa avremmo fra le mani oggi.

    Diciamo che Amiga aveva 10 anni di vantaggio tecnologico su tutti a parte le Silicon Graphics...

    > Se Bill
    > avesse puntato sui suoi prodotti invece che
    > a uccidere sul nascere la concorrenza, beh,
    > altro che quella ciofega di WinXP e quel
    > bellissimo SO per maniaciSorride che è
    > Linux.

    Io non me la prenderei tanto con Bill, quanto con la Commodore che si è solo goduta i soldi derivanti da un prodotto futuristico, ma non lo ha coltivato come doveva... Se amiga avesse avuto la stessa velocità di sviluppo dei PC attuali, oggi avremmo un amiga potente con i PC tra 10 anni... Ti lascio solo immaginare...

    > Artillero

    TAD

    Amiga, indimenticabile amiga...
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)