Ecco come verrà punita Microsoft

Entro 90 giorni l'azienda dovrà iniziare a seguire certe ingiunzioni del tribunale. Ecco i particolari della decisione del giudice Jackson, le reazioni e la rassegna stampa

Ecco come verrà punita MicrosoftWashington (USA) - Microsoft è stata spezzata in due, eppure lo smembramento in due tronconi dell'azienda non è che la vistosa punta di un iceberg di raccomandazioni e ingiunzioni del tribunale. Alcune di queste dovranno essere eseguite dalla softwarehouse entro 90 giorni, altre appaiono decisamente scontate.

Per quanto riguarda i rapporti con i costruttori di computer, Microsoft non potrà interferire nelle relazioni di questi con i produttori di software concorrenti all'azienda; dovrà applicare lo stesso prezzo per Windows con ciascun produttore e dovrà offrire loro la flessibilità sufficiente per integrare il sistema operativo alle proprie macchine.

Seppure con alcune restrizioni, Microsoft dovrà rivelare a sviluppatori terzi i codici già utilizzati dai propri programmatori per realizzare i programmi dell'azienda (in pratica la visione del loro codice sorgente).
Microsoft inoltre non potrà introdurre nei propri prodotti, specificamente in Windows, funzionalità che interferiscono con il software dei suoi rivali se non dietro avvertimento esplicito a questi ultimi in modo da metterli in condizione di proteggere i propri clienti.

L'azienda di Bill Gates è poi diffidata dal cercare "vendette" sui rivenditori di software che promuovono i programmi delle rivali così come dall'inteferire nelle relazioni tra entità terze o nell'agire per ridurre la performance dei prodotti non-Microsoft.

A Microsoft viene vietato esplicitamente, inoltre, di condizionare la possibilità di vendere Windows alla contestuale vendita di altri prodotti Microsoft. Non solo, tre anni dopo la release di una nuova versione di Windows, Microsoft sarà tenuta a dare in licenza le versioni precedenti a qualunque azienda lo richieda.

Alla softwarehouse di Redmond, infine, il giudice Thomas Penfield Jackson ha vietato qualsiasi accordo con potenziali concorrenti ed ha ordinato la costituzione di un comitato e di un supervisore che garantiscano che l'azienda esegua quanto previsto. Microsoft dovrà anche conservare la propria posta elettronica per quattro anni. (continua)
TAG: microsoft