Speciale/ Hackmeeting 2000 a Roma

di Gilberto Mondi. Forte Prenestino ospiterà il più colossale raduno di hacker, in maggioranza italiani. Un evento tutto da vivere partecipandovi il prossimo weekend

Speciale/ Hackmeeting 2000 a RomaRoma - L'emozione per l'avvicinarsi di un attesissimo appuntamento è palpabile nelle liste online frequentate da hacker, ammiratori e aspiranti. A Forte Prenestino, storico centro sociale della capitale, il 16, 17 e 18 giugno si terrà il più importante appuntamento hackeristico dell'anno per quanto riguarda l'Italia e non solo. Sarà un raduno, una tre giorni di esperimenti, di seminari tecnici e filosofici, di esaltanti scambi di esperienze.

Il tutto, com'è ovvio, al di fuori dei riflettori dei media tradizionali, a cui saranno invece consegnati materiali selezionati dall'organizzazione dell'Hackmeeting all'interno di una cultura hacker più viva che mai, come testimoniano i mesi di lavoro che precedono questo incontro. Forte Prenestino, già luogo di appuntamento per tantissimi nonché megastruttura quasi interamente cablata ad alta velocità, sarà per tre giorni un faro da seguire per chiunque voglia saperne di più su tutto quello che non viene detto dai veicoli ufficiali di informazione sul mondo dell'hacking.

La tecnologia la farà da padrone, ma basta guardare l'impressionante elenco dei seminari pubblicato nella terza pagina di questo articolo per rendersi conto che di carne al fuoco ce ne è moltissima e non solo per gli "addetti ai lavori".
L'URL di riferimento è naturalmente quello di Hackmeeting anche se moltissime informazioni sono comunque accessibili dal sito di Forte Prenestino. Tutto è stato curato nei dettagli off e on line, con la costruzione di cose come pagine ad hoc che indicano la via per Forte Prenestino a tutti quelli che arriveranno nella capitale da lontano o da lontanissimo, con info sui pernottamenti e altro ancora. Si parla di cavetti e mouse intorpiditi ma anche di cucina...

L'organizzazione di questo incontro, come si deduce dal Proclama dell'Hackmeeting proposto nella prossima pagina di questo articolo e nel programma dei seminari in terza pagina, ha coinvolto decine, forse centinaia di persone, in uno sforzo collettivo il cui rilievo è probabilmente destinato ad andare ben oltre la tre giorni prevista a Roma il prossimo week-end. Ciò si deve anche alla speciale contaminazione che si va creando tra l'ambiente dell'hacking e quello dei centri sociali, che in Forte Prenestino ha probabilmente il suo più imponente baluardo italiano. (continua)