Stanca e la rivoluzione del broad band

Dichiarazioni

Roma - "La banda larga sta portando una vera e propria rivoluzione epocale e, al tempo stesso, una sfida di cui pochi nel nostro Paese hanno sinora colto l?essenza e soprattutto le enormi ed ancora inesplorate prospettive. Essa non è solo e semplicemente più velocità e capacità di trasmissione di informazioni, ma rappresenta una drastica discontinuità tecnologica con il passato".

Così il ministro all'Innovazione Lucio Stanca ha esordito nel suo intervento ad un convegno presso Associazione Civita dal titolo Cultura in gioco: le nuove frontiere di musei, didattica e industria culturale nell'era dell'interattività.

Stanca ha equiparato il momento presente al "passaggio dall?automobile all?aeroplano" spiegando che sono necessari "nuovi modelli non solo di comunicazione e informazione, ma anche di produzione dei contenuti digitali, della loro distribuzione, del nuovo business connesso e persino delle relative regole".
Sul fronte dei contenuti interattivi, Stanca ha parlato di un "mercato dal potenzale enorme" che può trovare nella banda larga un alleato importante per "smaterializzare innumerevoli prodotti che prima avevano una loro fisicità, dal libro al film, dal brano musicale ai beni culturali - musei, istruzione, etc. - creando le prospettive per una nuova industria, determinando una inedita convergenza tra le Tecnologie dell?Informazione e della Comunicazione, l?ICT, e i media e l?elettronica di consumo. E, quindi, andando ad aprire la porta a nuovi modelli e, contemporaneamente, ponendo temi di cui industria e politica non possono non tenere conto".
TAG: italia
8 Commenti alla Notizia Stanca e la rivoluzione del broad band
Ordina
  • mezza italia è senza adsl, questa è l'innovazione in italia. non abbiamo nemmeno le reti.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > mezza italia è senza adsl, questa
    > è l'innovazione in italia. non
    > abbiamo nemmeno le reti.

    mezza italia è esagerato, l'adsl ha dei costi che vengono ripagati bene solo in zone con sufficiente concentrazione per chi è distante da quelle densità è riservato un trattamento di serie b, immagino che quando anche quelle zone avranno l'adsl le altre avranno già la fibra e via di questo passo.

  • - Scritto da: Africano

    > mezza italia è esagerato, l'adsl ha
    > dei costi che vengono ripagati bene solo in
    > zone con sufficiente concentrazione per chi
    > è distante da quelle densità
    > è riservato un trattamento di serie
    > b, immagino che quando anche quelle zone
    > avranno l'adsl le altre avranno già
    > la fibra e via di questo passo.

    Sono d'accordo sul fatto che sia la remuneratività a spingere Telecom a diffondere l'ADSL nei piccoli centri e che quando questo avverrà i grandi centri urbani avranno a disposizione altre tecnologie. E' però vero che l'Italia è la patria dei piccoli comuni è che questa divisione penalizza buona parte della popolazione. Il governo dovrebbe incentivare la diffusioen dell'ADSL, colmando il gap di remuneratività.
    Mauro
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Africano
    >
    > > mezza italia è esagerato, l'adsl
    > ha
    > > dei costi che vengono ripagati bene
    > solo in
    > > zone con sufficiente concentrazione per
    > chi
    > > è distante da quelle
    > densità
    > > è riservato un trattamento di
    > serie
    > > b, immagino che quando anche quelle zone
    > > avranno l'adsl le altre avranno
    > già
    > > la fibra e via di questo passo.
    >
    > Sono d'accordo sul fatto che sia la
    > remuneratività a spingere Telecom a
    > diffondere l'ADSL nei piccoli centri e che
    > quando questo avverrà i grandi centri
    > urbani avranno a disposizione altre
    > tecnologie. E' però vero che l'Italia
    > è la patria dei piccoli comuni
    > è che questa divisione penalizza
    > buona parte della popolazione. Il governo
    > dovrebbe incentivare la diffusioen
    > dell'ADSL, colmando il gap di
    > remuneratività.
    > Mauro

    imho, dovrebbe almeno obbligare l'incumbent Deluso a offrire flat analogiche scontate nelle zone non coperte, almeno questo.
  • Infatti i soldi li danno al digitale terrestre...
    bla bla blaA bocca aperta
    non+autenticato
  • si parla e parla.
    Ma la gente davvero credete che spenderà 50 euro di più al mese per accedere alla posta e a 2 pagine web.
    Le cose sono 2:
    o ci date cose legali che rendano davvero appetibili le ADSL
    o ci lasciate scaricare in pace.

    Non c'è una applicazione che può attrarre la massa. Solo poche persone sfruttano la banda larga senza usare il p2p
    non+autenticato
  • > Non c'è una applicazione che
    > può attrarre la massa. Solo poche
    > persone sfruttano la banda larga senza usare
    > il p2p

    Già, almeno avessero dimezzato i prezzi invece di raddoppiare la banda ("regalo" pensato per la chiavica rossoalice ma invece buono solo per scaricare più forte dal p2p) forse un po' più di gente ci avrebbe pensato a fare adsl flat (non fosse altro che per aggiornare spesso l'antivirus e winzozz senza patemi di bolletta o di linea occupata).
    Adsl a consumo, invece, è una cosa contro naturaDeluso sarei curioso di sapere in europa quanti isp la propongono
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    ...
    > Adsl a consumo, invece, è una cosa
    > contro naturaDeluso sarei curioso di sapere in
    > europa quanti isp la propongono

    tempo fa ho fatto un conto e risultava che usando un a tempo per tutto il tempo all'anno veniva qualcosa come 27 milioni!!!, non c'era ancora l'euro, senza considerare che a tempo ha dei costi di fatturazione per niente secondari, hai detto bene contronatura, è utile solo per chi vuole restare connesso pochissimo e avrebbe un senso se fosse a scalare cioè dopo che si supera un certo limite automaticamente per quel mese passasse a flat magari un po' più cara di una flat normale.