TIM: Wireless Office integra le reti interne

L'azienda presenta il nuovo sistema già in funzione presso Assicurazioni Generali. Una soluzione che integra le reti fisse e mobili creando un ambiente di comunicazione integrato. Per enti ed aziende

Roma - TIM, il braccio "mobile" del Gruppo Telecom Italia, ha lanciato ieri il suo "Wireless Office", ambiente applicativo che integra le comunicazioni in ambito aziendale tra rete fissa e mobile.

L'occasione è la presentazione del sistema già avviato preso Assicurazioni Generali, un sistema definito come: "copertura radiomobile indoor" che consente "l'integrazione tra reti aziendali fisse e mobili per rendere più efficiente la comunicazione fra i dipendenti".

Stando alla nota diffusa da TIM, Wireless Office permette ad Assicurazioni Generali di comunicare con i propri dipendenti sia su rete fissa che su rete mobile, utilizzando sempre il telefonino TIM, sia all'interno della sede aziendale, sia all'esterno, "dove il cellulare svolge la normale funzione di apparecchio GSM."
"Wireless Office" è personalizzabile dai clienti grazie a un sistema che permette di contattare la persona che si trova all'esterno dell'azienda, anche quando viene chiamata sul numero interno del centralino.

Questa applicazione è resa possibile grazie all'installazione di un'apposita copertura radio interna agli edifici, che contribuisce a migliorare il segnale indoor. "La capillarità delle antenne installate da TIM all'interno degli edifici - spiega la nota - permette l'impiego di un segnale di potenza molto inferiore rispetto ai telefonini cordless".

Secondo Roberto Pellegrini, Responsabile Divisione Business di TIM, l'applicazione è la prima del suo genere in Italia.
2 Commenti alla Notizia TIM: Wireless Office integra le reti interne
Ordina
  • La totalità dei produttori di centrali telefoniche integra la possibilità di aggiungere una scheda DECT inclusa delle varie antenne per la copertura totale dei cordless all'interno dell'azienda.
    Muovendosi è possibile pescare il segnale da un'antenna all'altra senza far cadere la conversazione in corso.
    Se non erro è già possibile trasferire la chiamata da uno specifico interno ad un cellulare automaticamente, solamente però se si usurfruisce di almeno tre linee ISDN con la selezione passante (per avere un numero telefonico personale nell'azienda) e se si programma la "trasferta urbana su urbana" da centrale che è un servizio ISDN.
    Da quello che ho capito io l'unico vantaggio del sistema TIM è che si può utilizzare il cellulare anche come cordless e non si devono avere due apparecchi distinti (che forse in molti casi è meglio che ci siano).
    Non vedo per cui l'eccezionalità di questa soluzione.
    Questo è solamente il mio parere in base alle mie attuali conoscenze nel settore, se ho sbagliato qualcosa vi prego di controbattere al mio messaggio.

    Eugenio
    non+autenticato

  • > Da quello che ho capito io l'unico vantaggio
    > del sistema TIM è che si può utilizzare il
    > cellulare anche come cordless e non si
    > devono avere due apparecchi distinti

    Ti sembra poco?
    Ti piace fare Tex Willer,
    con un telefono per tasca?

    A parte il fatto che 2 telefoni
    costano di piu' di un telefono solo...
    non+autenticato