Alessandria, LUG in piazza

Il 17

Alessandria - Il 17 luglio il Linux User Group (LUG) locale "scenderà in piazza" ad Alessandria, predisponendo in Piazzetta della Lega un gazebo e un'area nella quale volontari del LUG parleranno delle potenzialità del software libero.

"Durante la manifestazione - si legge in una nota - saranno distribuiti gadget, magliette e CD-ROM con distribuzioni Linux da installare sul proprio PC o da provare senza dover toccare l'hard disk (live su CD)".

Per ulteriori informazioni: www.allug.it
17 Commenti alla Notizia Alessandria, LUG in piazza
Ordina
  • pannella???
    conoscendolo credo gli farebbe piacere!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > pannella???
    > conoscendolo credo gli farebbe piacere!

    ROTFLA bocca aperta
    non+autenticato
  • I have seen a trend in this user group that is very alarming. There is much talk about installing Linux to run astronomy software. Let's examine the stupidity of this.

    First Linux is very hard to use. Yes many distributions are easy to install and KDE has a nice user interface. That is only there to trick unsuspecting users. Try installing software in Linux. Most of Linux software is available as source code. Many Linux cult members lie that it is easy to install from source code. All you have to do is type 3 commands: ./configure, make and make install. That is nothing but bull. Every distro puts files in different places. The configure is suppose to guess where all the files it needs are. It always 500% of the time fails. You have to edit files with cryptic garbage to get it to work. After all of that you learn you need a crap load of dependencies. These are library files needed for software to work, similar to dll in Windows. So then you have to search all over the internet looking for the crap load of dependencies and after 5 days you find them all. You install them and you get warnings that it cannot be installed because other crapware needs an older library file. So you spent 5 days for nothing.

    There is rpm which is precompiled software packages. This is a little easier but you still run into dependency hell. Then there is Debain's apt-get and Gentoo's emerge commands. You type apt-get GIMP and it will download GIMP and its dependencies and install it. This is very easy however this only works for a very small amount of software. The vast majority of the software will not work with apt-get or emerge. Now you know why Linux distros come with several CDs. They are loaded up with software because it is the only way to install them. Linux is not stable. I have had several kernel panics in the past 5 months. I have had nothing but freezes and lock ups. Windows 2000/XP is 99999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999 times more stable then Linux. I have built 20 computers since Windows 2000 has came out and all 20 has never had a freeze, auto reboot, bsod, hiccup or a burp. Many have run several months 24/7 without even a warm boot. On top of that you can do something called install quality software. You put in the CD and insert finger in ass and the software is installed without problems. Now that you know it is next to impossible to install software in Linux lets take a look at a few impossible to install astronomy programs for Linux. First the main reason to use astronomy software is because of the extensive data base they come with. Stars to 15th magnitude and the ability to download UNSO A2 data is an absolute must. Over 100,000 deep sky objects are a must also. We like to look at something other then M this and NGC that over and over again. There are great objects such as the coat hanger cluster and strongman cluster we would like ploted. Also CCD imagers needs a large database so they can identify the objects they have imaged.

    KStars is a popular Linux astronomy program. First it is version 0.9 that means beta and it is buggy and crashes. Also it doesn't have the data as described above. Remember TheSky version 1 running on our 386 and 486 computer with Windows 3.1. Even that is far better then Kstars. Xplns isn't any better either. It plots a few stars and a puny deep sky data base of 10,000 deep sky objects. Guide has over a million deep sky objects. Chartes Du Ceil is free and is far better then Kstars and Xplns put together. That's right folks Windows has better free software then Linux does. XEphem the king astronomy software to the Linux cult. After I spent 10 days trying to compile I ran the software and I laughed. What a joke for a user interface. When you click on an object that is if you can find an object with is puny data base you have to hold down the mouse button for the data to stay on screen. The display looks like the astronomy software we used in the 80's. It isn't Starry Night. It only has basic typical hum drum features that any other charting, ephemeris software has. Guide has tons more features. To be fair you can purchase the CD version which has something called a data base but why there is Chartes Du Ceil and it kicks XEphem's ass.

    Linux has no alternatives for the great programs like Deep Sky 2002 or SkyTools. Those are very useful programs and Linux has nothing to offer for planning and logging.

    Windows is freedom. If gives you the choice to run top quality astronomy software such as TheSky, Skymap Pro, Skytools and Guide the best astronomical software there is period. You can even have free software such as CDC, Hello Northern Sky and other blow away Kstars, Xplns and XEphem software. You even have the freedom to run Linux like crap such as crappy sky globe. Do yourself a favor run as fast as you can away from the communist evils of Linux and embrace the freedom of Windows 2000/XP.

    Say no to Linux

    John Ladder
    non+autenticato
  • Linux is
    10 EXP 99999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999999
    cheaper than Windows.

    You have to use your head for using Linux, if you have not a head watch television. Do you like Grande Fratello? Watch this!!!
    non+autenticato

  • > Say no to Linux
    >
    > John Ladder

    Say no to cut & paste.

    TAD
  • ehi, ma questo e' un genio....
    capisco che per un novizio installare software sotto linux non e' esattamente facile come cliccare su setup.exe, ma e' vero anche che non siamo passati a linux per avere sempre la pappa pronta, ma (anche) per CAPIRE come funzionano le cose.
    e non voglio perdere neanche troppo tempo a spiegare al genio di cui sopra l'esistenza, qualora necessario, di programmi come vmware o wine.

    gimme head, honey!Sorride
    non+autenticato
  • windows e' piu' stabile? sei un grande!!A bocca aperta
    ora scusami, ma devo andare a cercare di rimuovere tre virus, un dialer, quattro spywares, due trojan, una search bar e a scaricare una patch da 80 Mb... sai, questo linux ha un sacco di problemi....Triste

    :P
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > I have seen a trend in this user group that
    > is very alarming. There is much talk about
    > installing Linux to run astronomy software.
    > Let's examine the stupidity of this.
    let's go!
    >
    > First Linux is very hard to use. Yes many
    > distributions are easy to install and KDE
    > has a nice user interface. That is only
    > there to trick unsuspecting users. Try
    > installing software in Linux. Most of Linux
    > software is available as source code. Many
    > Linux cult members lie that it is easy to
    > install from source code. All you have to do
    > is type 3 commands: ./configure, make and
    > make install. That is nothing but bull.
    > Every distro puts files in different places.
    > The configure is suppose to guess where all
    > the files it needs are. It always 500% of
    > the time fails. You have to edit files with
    > cryptic garbage to get it to work. After all
    > of that you learn you need a crap load of
    > dependencies. These are library files needed
    > for software to work, similar to dll in
    > Windows. So then you have to search all over
    > the internet looking for the crap load of
    > dependencies and after 5 days you find them
    > all. You install them and you get warnings
    > that it cannot be installed because other
    > crapware needs an older library file. So you
    > spent 5 days for nothing.
    FIVE DAYS?!?!?
    e certo i giorni saltano così, giorno 1, mezzanotte, giorno 5
    >
    > There is rpm which is precompiled software
    > packages. This is a little easier but you
    > still run into dependency hell. Then there
    > is Debain's apt-get and Gentoo's emerge
    > commands. You type apt-get GIMP and it will
    > download GIMP and its dependencies and
    > install it. This is very easy however this
    > only works for a very small amount of
    > software. The vast majority of the software
    > will not work with apt-get or emerge. Now
    > you know why Linux distros come with several
    > CDs. They are loaded up with software
    > because it is the only way to install them.
    > Linux is not stable.
    io sono utente windows, ma questa è proprio una put**ata.
    certo anche io ho fatto saltare linux le prime volte perchè non ci capivo, ma capendo di windows salta TROPPE volte..

    I have had several
    > kernel panics in the past 5 months. I have
    > had nothing but freezes and lock ups.
    > Windows 2000/XP is
    > 999999999999999999999999999999999999999999999
    certo, grazie. scrivere 9,9periodico per 10 all'infinito no?!?

    > KStars is a popular Linux astronomy program.
    > First it is version 0.9 that means beta and
    > it is buggy and crashes.
    non riesco a resistere: windows NON è più in beta, ma crasha comunque... e i buchi si trovano.... come in qualsiasi programma, cosa stai dicendo???
    (e lo dico da utente win)

    >Also it doesn't
    > have the data as described above. Remember
    > TheSky version 1 running on our 386 and 486
    > computer with Windows 3.1. Even that is far
    > better then Kstars. Xplns isn't any better
    > either. It plots a few stars and a puny deep
    > sky data base of 10,000 deep sky objects.
    > Guide has over a million deep sky objects.
    > Chartes Du Ceil is free and is far better
    > then Kstars and Xplns put together. That's
    > right folks Windows has better free software
    > then Linux does. XEphem the king astronomy
    > software to the Linux cult. After I spent 10
    > days trying to compile I ran the software
    > and I laughed. What a joke for a user
    > interface. When you click on an object that
    > is if you can find an object with is puny
    > data base you have to hold down the mouse
    > button for the data to stay on screen. The
    > display looks like the astronomy software we
    > used in the 80's. It isn't Starry Night. It
    > only has basic typical hum drum features
    > that any other charting, ephemeris software
    > has. Guide has tons more features. To be
    > fair you can purchase the CD version which
    > has something called a data base but why
    > there is Chartes Du Ceil and it kicks
    > XEphem's ass.
    >
    > Linux has no alternatives for the great
    > programs like Deep Sky 2002 or SkyTools.
    > Those are very useful programs and Linux has
    > nothing to offer for planning and logging.
    >

    > Windows is freedom.
    certo. non avevo capito l'attivazione. grazie bill per avermi dato la libertà di attivarlo!
    e grazie di farmi pagare 400€ per una nuova experienza

    >If gives you the choice
    > to run top quality astronomy software such
    > as TheSky, Skymap Pro, Skytools and Guide
    > the best astronomical software there is
    > period. You can even have free software such
    > as CDC, Hello Northern Sky and other blow
    > away Kstars, Xplns and XEphem software. You
    > even have the freedom to run Linux like crap
    > such as crappy sky globe. Do yourself a
    > favor run as fast as you can away from the
    > communist evils of Linux and embrace the
    > freedom of Windows 2000/XP.
    >
    > Say no to Linux
    >
    > John Ladder

    Say no to "part person" (persone di parte, lo capirà)
    Say no to John Ladder

    Bye.
    non+autenticato
  •     
    Il software che vendevate a prezzi da monopolio non vende più perchè c'è un sostituto open source ?

    La copertura del monopolio Microsoft non vi garantisce più ?

    Non sapete governare un cambiamento epocale ?

    diventate Luddisti !!

    http://cioccolatablu.interfree.it/il_luddismo.htm
    http://www.vittorini.mi.it/sito1/rivind/gruppo3/lu...
    http://www.pbmstoria.it/dizionari/storia_mod/l/l90...

    Diventare membri del club è facile: basta sparlare del software Open Source e martellare qualche CD masterizzato con distribuzione di Linux (è ammesso anche un BSD)

    Il risultato sarà garantito: dopo la vostra azione tutti saranno consci della gravità dell situazione e correranno a comprare i prodotti prorietari non monopolistici a costo raddoppiato !!

    Buona vendita!
    non+autenticato
  • Open Source = Regalare Il Lavoro E Affossare Il Mercato
    Interventi tratti da "Punto Informatico"

    A me per il lavoro il denaro pare essenziale. Se non mi pagano non rientra nel mio concetto di lavoro, casomai di hobby, ma magari ho una visuale ristretta....

    Cmq, cari informatici, mi sa che sono cavolacci vostri. (Io mi laureo in altro ambito ingegneristico, per fortuna). Forse qualcuno ha ragione a sconsigliare la facoltà. Ormai, grazie al simpatico barbone di Stallman, siete l'unico settore produttivo preda di "etica, morale e filosofia innanzitutto".

    E' una tendenza che difficilmente riuscirete ad invertire, soprattutto nel breve termine. Poi nel lungo magari, arrivati a 35 anni e dovendo metter su famiglia, senza soldi e senza tempo libero, molti dei fan della filosofia Open inizieranno a ripensare ai "deliri di gioventù", ma sarà troppo tardi ed una nuova generazione di sognatori li avrà rimpiazzati.

    --------------------------------------------------------------------------------

    Il vero punto è che chi ha studiato e si è fatto il mazzo, cosa che non necessariamente comporta il non aver pratica sul campo, si trova impauperito dalla presenza dell'Open.

    In 4 parole il concetto è: Tizio (+Caio, Sempronio, ecc..) ha le competenze per sviluppare un progetto da zero e si trova di fronte la concorrenza "sleale" di Pinco che prende un progetto già bello e pronto e lo customizza.

    Inevitabilmente a Tizio e ai suoi amici girano i maroni, perchè Pinco non ha bisogno e probabilmente nemmeno ha le competenze che avrebbero loro, ma Pinco grazie all'Open Source produce cmq una soluzione al problema.

    Questo per Pinco è ottimo, perchè può lavorare anche senza sapere granchè, cosa che non sarebbe in grado di fare altrimenti, ma ovviamente è meno pagato (gli imprenditori mica sono scemi) ed inevitabilmente abbassa tutto il mercato al suo livello. Quindi la professione viene impoverita e l'unica cosa richiesta è l'abilità di Pinco.

    Il che porta a stipendi bassi, precarietà, ecc... appunto come dimostra il titolo dell'articolo. Che peraltro, nell'IT, non è affatto un problema solo italiano. Chiedete in California.

    Ergo, come ho detto 1000 volte, l'Open impoverisce l'economia perchè taglia i redditi del settore e i fatti dell'articolo e di molti altri analoghi, al di là delle chiacchiere, lo dimostrano.

    Chi dice di no, o ci è, o è il Pinco che beneficia della situazione. Invece di fare il cassiere al supermercato o il cameriere, destino inevitabile fino a poco tempo fa, grazie all'Open si ritrova informatico, che è un lavoro più divertente (almeno per il gusto comune).

    Per mia fortuna esco ingegnere e non informatico e gli ingegneri improvvisati non sono ancora apparsi all'orizzonte!

    --------------------------------------------------------------------------------

    I ricercatori e docenti che rilasciano roba opensource sono poche decine, nulla in confronto alle torme di ragazzini "vorrei ma non posso" che infestano sourceforge e freshmeat. La qualità media della progettazione oscilla tra l'orripilante e l'inesistente, nonostante le poderose iniezioni di engineering da parte di qualche teorico di linguaggi astrusi o specialista di criptiche applicazioni utili forse ad una ventina di iniziati in tutto il mondo.

    Tra l'altro, una vera specifica in un linguaggio formale a seguito di un programma opensource non si è mai vista. Si fa presto a dire "funziona", un programma funziona se e solo se rispetta esattamente la specifica... che di solito non c'è.

    --------------------------------------------------------------------------------

    A quando gli ordini monastici e i corsi in semiario per gli informatici colti da vocazione, come i preti, perchè altre motivazioni per fare il mestiere non ce ne saranno?

    --------------------------------------------------------------------------------
    non+autenticato
  • Andate da un Architetto a farvi fare un progetto con filosofia "Open Source", o per la prossima dichiarazione dei redditi, vedete un po' se il vostro commercialista ve la regala perché non sarebbe etico farsela pagare
    non+autenticato
  • > In 4 parole il concetto è: Tizio
    > (+Caio, Sempronio, ecc..) ha le competenze
    > per sviluppare un progetto da zero e si
    > trova di fronte la concorrenza "sleale" di
    > Pinco che prende un progetto già
    > bello e pronto e lo customizza.
    >
    > Inevitabilmente a Tizio e ai suoi amici
    > girano i maroni, perchè Pinco non ha
    > bisogno e probabilmente nemmeno ha le
    > competenze che avrebbero loro, ma Pinco
    > grazie all'Open Source produce cmq una
    > soluzione al problema.
    >
    > Questo per Pinco è ottimo,
    > perchè può lavorare anche
    > senza sapere granchè, cosa che non
    > sarebbe in grado di fare altrimenti, ma
    > ovviamente è meno pagato (gli
    > imprenditori mica sono scemi) ed
    > inevitabilmente abbassa tutto il mercato al
    > suo livello. Quindi la professione viene
    > impoverita e l'unica cosa richiesta è
    > l'abilità di Pinco.

    Veramente il Pinco di cui parli e' molto piu' spesso un utilizzatore di sw proprietario, ovvero si compra .NET o qualche altro pacchetto di sviluppo, qualche altra libreria di terzi basata su SW proprietario, e senza saperne una cippa come dici tu, ma con un investimento iniziale di qualche migliaio di euro, inizia a smerdare il mercato con applicazioncine palaffittate su SW chiuso in cui non potra' mai mettere becco che gli costeranno bug non risolvibili, pagamento di penali, riduzione del costo orario, perdita di clienti (a favore di soluzioni open) e abbassamento di tutto il livello del mercato closed (a favore di quello open) .... e tu che la vedi in modo sbagliato non puoi altro che fare le tue considerazioni del cappio e continuare a rosicare.

    ciao ciccio, continua cosi' ...

    non+autenticato
  • <<Ormai, grazie al simpatico barbone di Stallman, siete l'unico settore produttivo preda di "etica, morale e filosofia innanzitutto">>.

    LOL questa è da signature
  • > facoltà. Ormai, grazie al simpatico
    > barbone di Stallman, siete l'unico settore
    > produttivo preda di "etica, morale e
    > filosofia innanzitutto".

    hai perfettamente ragione, solo nel mercato closed trovi quell'immoralita', quell'assolutamancanza di senso etico e quel modo di ragionare da babbuini, che serve per metterlo nel c*lo hai proprio clienti

    > Il che porta a stipendi bassi,
    > precarietà, ecc... appunto come
    > dimostra il titolo dell'articolo. Che
    > peraltro, nell'IT, non è affatto un
    > problema solo italiano. Chiedete in
    > California.

    Ma come! partivi dal presupposto di inchiappettarti i tuoi clienti e ora te lo ritrovi in quel posto ? ahi ahi, forse i ragionamenti da babbuino non pagano ?

    non+autenticato
  • Vedete perchè il web è fantastico.... è un mezzo di comunicazione decentarlizzato e assolutamente pluralistico dove tutti possono dire tutto!!
    E' come un bambino che irrompe al MIT e si mette a dar lezione!!!

    C'è gente che dell'IT conosce giusto la disposizione dei tasti sulla tastiera, ma li usa per parlare di software, open source, .... addirittura fa considerazioni sulla qualità del sw.

    Ciccio, sei sicuro di sapere cosa c'è sotto la tastiera???

    non+autenticato
  • Senti... se io scrivo una canzone rock rubo il lavoro a Vasco Rossi e regalo il lavoro??

    Dietro all'open source c'è molto: c'è l'assistenza (non gratuita), ci sono gli sponsor e molte altre cose che possono distribuire capitale e permettono di realizzare prodotti di qualità elevatissima
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Senti... se io scrivo una canzone rock rubo
    > il lavoro a Vasco Rossi e regalo il lavoro??
    >
    > Dietro all'open source c'è molto:
    > c'è l'assistenza (non gratuita)

    riporto parte di una discussione così magari qualcuno si degna di spiegrami...




    - Scritto da: Riot
    > Io sono uno sviluppare di siti internet, ma
    > ho visto che la maggior parte dei miei
    > introiti deriva dall'assistenza che faccio
    > qualche volta.

    futuro nell'assistenza???
    e allora perchè investire anni in ricerche e sviluppo di cose innovative?
    assistenza di che?
    io vengo da una generazioni di informatici (non la tua e neanche quella di quelli che come te dicono certe panzane) per i quali creare un prodotto che necessità di poco assistenza è un fattore primario (e questo vale sempre tranne rarissime eccezioni)...un software che mi farà guadagnare sull'assistenza è un software che necessità di continua assistenza quindi un software di m***a!
    ci sono gli upgrade...si ma un software va progettato per essere autosufficiente e non richiedere upgrade se non per opzioni aggiuntive..avendo un software gratis perchè mai dovrei prendere l'upgrade? e poi perchè non fare pure l'upgrade gratis?
    e su cosa guadagno allora?
    sui bug? allora facciamo un software pieno di bug se no non guadagno? sulle modifiche?
    ma il software è open source e le modifiche possono essere commisionate a società che non devono ammortizzare anche i costi di sviluppo del sudetto software e che posso fare modifiche a prezzi molto inferiori..
    e allora ripeto dove guadagno????
    certo se tutti fanno come nei sogni dei linari e non fanno altro che customizzare un software già esistente va anche bene, ma a questo punto nessuno più farà software partendo da zero (troppo tempo, troppi costi e nessun riscontro)..questo avvantaggierà o scoraggerà la ricerca e lo sviluppo??
    sapendo la tendenza del mercato ipotizato (aggiungere qualche mattoncino a qualcosa di già fatto) quanti spenderanno anni in formazione per diventare programmatori con gli attributi?
    e quando i programmatori saranno solo operai del software chi farà innovazione e sviluppo? chi vorra studiare per diventare un operai (vado a fare l'idraulico piuttosto)?
    il sogno filo-comunista (in senso buono) dell'open source è una cosa che puo funzionare solo in un mondo filo-comunista!!
    se il software è free (open source non significa free..ma avendo i sorgenti e il diritto a modificarli basta poco perche lo diventi) allora che siano free anche il mutuo sulla casa, il dentista, il fruttivendolo, la macchina...vallo a dire alla fiat di guadagnare sull'assistenza...

    > In ufficio e per lo sviluppo uso
    > praticamente solo applicazioni open source o
    > comunque free, le uniche cose closed
    > rimastemi sono il windows xp (che mi tocca
    > tenere visto che devo testare i siti su
    > quello schifo che è IE) e l'ambiente
    > di sviluppo di Flash della Macromedia (che
    > non è M$ e si vede).
    >

    ma cosa sviluppi? software che ha continuo bisogno di assistenza? o software facile facile da hobbysta? altrimenti non mi spiego come tu possa progettare software che richiede anni di sviluppo e distribuirlo gratis sperando di recuperare e guadagnare con l'assistenza

    > Per il resto me la cavo perfettamente e
    > meglio con software free.
    >
    > Quando faccio assistenza ad un cliente in
    > genere lo convinco ad installare software
    > open o free, quindi Firefox e Thunderbird,
    > Openoffice e GIMP, il firewall Kerio e
    > così via.

    ma sei un venditore porta a porta di software free..ti danno dei buoni premio?? non vavevi detto di fare il programmatore?
    che sei si puo sapere? un'attivista di qualche movimento che non conosco?

    > Tutti sono rimasti pienamente soddisfatti e
    > io mi faccio la parte di guadagni con
    > l'assistenza.

    che cosa intendi per assistenza?? assisti chi a fare cosa?? lucri sul fatto che non sappiano usare il software free per farti ganzo e spacciarti per esperto?

    > A volte riesco anche ad organizzare qualche
    > corso informale per l'utilizzo dei suddetti
    > programmi.

    APPUNTO!!
    ma questo non è programmare!!
    nel migliore dei casi sei uno smanettone..nel migliore..





    , ci
    > sono gli sponsor

    ma fai il programmatore o l'organizzatore di spettacoli che vivi di sponsor...

    e molte altre cose che
    > possono distribuire capitale

    e quali sarebbero

    > e permettono di
    > realizzare prodotti di qualità
    > elevatissima

    hobby = fare qualcosa per divertimento o passione
    professione = lavoro retribuito che comporta l'impegno verso il raggiungimento di obiettivi e standard di qualità

    chi li vuole dei programmatori hobbysti? baaa visto l'ict quelli abbiamo e in futuro sarà sempre peggio!

    programmatore per vocazione? sta confondendo una professione con la religione..speriamo non nascano chiese con l'insegna del pinguino..
    non+autenticato