Il Pentium M si fa più economico

Intel ha sfornato un nuovo modello di Pentium M che, a fronte di qualche sacrificio sul lato delle prestazioni, vanta il prezzo più basso della sua linea

Santa Clara - Intel ha deciso di assecondare le richieste di diversi produttori di notebook e commercializzare, senza troppa pubblicità, un nuovo modello entry-level di Pentium M, il 705, dal prezzo inferiore ai 200 dollari.

Per contenere il costo del nuovo chip, Intel ne ha sacrificato prestazioni e consumi: il Pentium M 705 gira infatti a 1,5 GHz, contro i 2 GHz del modello più veloce; include un solo megabyte di cache L2 (contro i 2 MB dei suoi più recenti predecessori); e si basa sul core Banias, lo stesso che è stato di recente sostituito dal core di seconda generazione Dothan.

Il precedente modello entry-level, il Pentium M 715, gira alla stessa velocità di clock del nuovo chip ma, a dispetto di questo, adotta il più efficiente core Dothan e una quantità di cache doppia. Intel non ha svelato a quale prezzo fornisce il Pentium M 705 agli OEM, tuttavia questo dovrebbe essere di circa 50 dollari più basso di quello del 715, che attualmente costa 209 dollari. Stando ad alcune fonti, la produzione di quest'ultimo chip dovrebbe cessare a breve.
Fra i primi produttori di laptop ad includere il nuovo processore sulle proprie macchine vi saranno HP e Dell: entrambe le società hanno ancora a listino PC portatili equipaggiati con la prima generazione di Pentium M.
TAG: hw
13 Commenti alla Notizia Il Pentium M si fa più economico
Ordina
  • "Per contenere il costo del nuovo chip, Intel ne ha sacrificato prestazioni e consumi"

    ... i consumi !!!!!

    Perche' non li indicate mai sti benedetti consumi, sarebbe utile per chi, come me, deve lasciare sempre accesso il PC, ed e' fermo al PIII-667 da anni in attesa di una CPU che ricominci a consumare meno di 20 watt.

    Mi fareste un grande favore se negli articoli che parlano delle nuove CPU li indicaste. Non credo che questa attesa sia solo mia (spero) e non tutti hanno la pazienza e la pratica di andarsi a leggere i papiri tecnici di Intel o AMD, spesso anche io impazzisco a trovare quest'informazione sui loro siti.

    Il massimo sarebbe una bella tabellina dei consumi di tutte le CPU in commercio, ma forse chiedo troppo.
    non+autenticato
  • prova con le cpu via, oppure con il sempron di amd

  • - Scritto da: Anonimo
    > "Per contenere il costo del nuovo chip,
    > Intel ne ha sacrificato prestazioni e
    > consumi"
    >
    > ... i consumi !!!!!
    >
    > Perche' non li indicate mai sti benedetti
    > consumi, sarebbe utile per chi, come me,
    > deve lasciare sempre accesso il PC, ed e'
    > fermo al PIII-667 da anni in attesa di una
    > CPU che ricominci a consumare meno di 20
    > watt.
    >
    > Mi fareste un grande favore se negli
    > articoli che parlano delle nuove CPU li
    > indicaste. Non credo che questa attesa sia
    > solo mia (spero) e non tutti hanno la
    > pazienza e la pratica di andarsi a leggere i
    > papiri tecnici di Intel o AMD, spesso anche
    > io impazzisco a trovare quest'informazione
    > sui loro siti.
    >
    > Il massimo sarebbe una bella tabellina dei
    > consumi di tutte le CPU in commercio, ma
    > forse chiedo troppo.

    ...fammi capire...il tuo è un problema di bolletta??
    no!..fa ridere!...qualche watt...
    20 watt!!!dai su....

    ...allora ti si scalda il pc? o la scrivania??
    fa ridere lo stesso!

    il notebook lo compri bello e assemblato...non ti frega niente
    quanto assorbe, se si scalda pazienza, ti assicuro che è stato tutto fatto...progettato e testato per funzionare ad un determinato regime termico!
    se si scalda di più vi saranno accorgimenti per un migliore smaltimento del calore, nonchè ventoline apposite che partono qunado serve!!

    PS: se davvero è un problema di bolletta......be fatti un giro per casa e prendi provvedimenti di altro tipo....
  • > ...allora ti si scalda il pc? o la
    > scrivania??
    > fa ridere lo stesso!
    fa meno ridere quando qualche componente si surriscalda e lo devi ricomprare perchè salta o perchè dura la metà del tempo, oppure spendere fortune in hydrocooling o ventole tachimetriche di grande diametro su dissipatoroni in rame...
    fa meno ridere quando vorresti usare questa benedetta macchina multimediale e invece che sentire l'audio dolby senti le ventole che girano...
    fa ridere di meno quando in un open space ci sonono 50 pc che fanno casino...
    fa meno ridere se il portatile te lo devi tenere sulle ginocchia e ti consuma le batterie come un dannato e nel frattempo ti lessa i vovi con l'aria calda delle ventole...
    fa meno ridere soprattutto se, portatile o fisso con le nuove cpu che si autoproteggono, devi fare qualcosa di intenso per la cpu, come videoediting, videogiochi recenti (durante cui anche la GPU scalda parecchio) oppure ricerca con molti calcoli...
    paghi la cpu a n mila GHz per poi vaderla andare dopo un po fissa alla metà o un terzo perchè sennò la dissipazione è comunque insufficiente, il che per un uso normale della cpu nn è un problema, ma vg e videoediting non sono cose poi così fantascientifiche!
    non+autenticato

  • > ...fammi capire...il tuo è un
    > problema di bolletta??
    > no!..fa ridere!...qualche watt...
    > 20 watt!!!dai su....

    No e' un problema di coscienza ecologica, forse la tua non e' cosi' sviluppata, ma a me secca parecchio dover lasciare qualcosa accesa tutto il giorno se consuma 60 watt in piu' del modello precedente.

    > il notebook lo compri bello e
    > assemblato...non ti frega niente

    Non parlo di notebook ovviamente, avevo letto che avrebbero portato i P-M anche su desktop.

    > PS: se davvero è un problema di
    > bolletta......be fatti un giro per casa e
    > prendi provvedimenti di altro tipo....

    Ti assicuro che il giro in casa lo ho gia' fatto da tempo ed ora il costo maggiore e' rimasto il PC.


    non+autenticato
  • ora si che ci sarà un gran casino nell acquisto di un notebook... no dico per chi non si intende di nulla ma per chi ci capisce un poco... le etichette informative dei notebook in genere sono scritte con i piedi e i commessi non sanno nemmeno che esiste la cache di secondo livello... uffa che barba sta Intel...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ora si che ci sarà un gran casino
    > nell acquisto di un notebook... no dico per
    > chi non si intende di nulla ma per chi ci
    > capisce un poco... le etichette informative
    > dei notebook in genere sono scritte con i
    > piedi e i commessi non sanno nemmeno che
    > esiste la cache di secondo livello... uffa
    > che barba sta Intel...

    Esiste un modo per evitare tutto questo, ci si prende un bell'AMD, magari un Athlon64 mobile che non ha nulla da invidiare all'iperpubblicizzato centrino.

    Peccato che la gente non lo sa e continua a spendere molti soldi in più per avere di meno, giusto perchè porta il nome Intel.....che tristezza........
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > ora si che ci sarà un gran casino
    > > nell acquisto di un notebook... no dico
    > per
    > > chi non si intende di nulla ma per chi
    > ci
    > > capisce un poco... le etichette
    > informative
    > > dei notebook in genere sono scritte con
    > i
    > > piedi e i commessi non sanno nemmeno che
    > > esiste la cache di secondo livello...
    > uffa
    > > che barba sta Intel...
    >
    > Esiste un modo per evitare tutto questo, ci
    > si prende un bell'AMD, magari un Athlon64
    > mobile che non ha nulla da invidiare
    > all'iperpubblicizzato centrino.
    >

    a parità di frequenza un dothan è mediamente pari o superiore all'amd

    ma continua a consumare la metà

    > Peccato che la gente non lo sa e continua a
    > spendere molti soldi in più per avere
    > di meno, giusto perchè porta il nome
    > Intel.....che tristezza........

    intel fa un sacco di castronerie, se dovessi prendere un desktop prenderei amd sicuro.... ma cerchiamo di non essere faziosi, pentium-m per adesso è il top (sia dothan sia banias)
  • quoto in pieno Avvelenato, date a cesare quel che è di cesare... 23 coltellateA bocca aperta
    scgerzi a parte, il pentium m sembra davvero una ottima cpu, il vero erede del p3 tualatin
  • - Scritto da: Anonimo
    > ora si che ci sarà un gran casino
    > nell acquisto di un notebook... no dico per
    > chi non si intende di nulla ma per chi ci
    > capisce un poco... le etichette informative
    > dei notebook in genere sono scritte con i
    > piedi e i commessi non sanno nemmeno che
    > esiste la cache di secondo livello... uffa
    > che barba sta Intel...

    io invece la vedo bene, il banias è cmq un'ottima cpu, e il fatto che costi di meno è un buon segno.

  • - Scritto da: Anonimo
    > ora si che ci sarà un gran casino
    > nell acquisto di un notebook... no dico per
    > chi non si intende di nulla ma per chi ci
    > capisce un poco... le etichette informative
    > dei notebook in genere sono scritte con i
    > piedi e i commessi non sanno nemmeno che
    > esiste la cache di secondo livello... uffa
    > che barba sta Intel...

    purtroppo la cavolate che scrivi non sono quantificabili......

    Allora non scriviamo nulla!
    Allora non facciamo più processori!
    Allora non introduciamo milgioramenti tecnologici alle CPU!
    Allora scriviamo sempre la stessa cosa sui processori!!

    tanto!!!

    ..eh? contento?

    ma va va......


    ...e poi un'altra cosa insopportabile...tua e di tanti!!
    Che cavolo di colpa ne ha intel (che te la fa odiare!!!!) se il commesso di quel dato negozio è un pò ignorante????!!!
    ma prenditela con lui!!o con chi lo ha assunto!!o con chi non lo ha fomato a dovere!!!!
    no!!! te la devi prendere con intel.....LA MULTINAZIONALE CAPITALISTA....MONOPOLISTA....***********ISTA.......
    solo perchè fa bello prendersela con chi è "grande" e difendere chi è un po più piccolo (con tutto il rispetto per AMD e suoi prodotti che io stimo moltissimo...)


    ...ma va va!!


    saluti


  • ...non so, dovrebbe esser ancora 0.13 micrometri..
    credo che sul processo produttivo a 90 nanometri ci stiano ancora lavorando...