L'E-mail nuota a 400 piedi sotto al mare

Grazie ad una nuova tecnologia per la trasmissione di dati digitali nell'acqua un sottomarino americano Ŕ riuscito a trasmettere e-mail da qualche centinaio di piedi di profonditÓ

Falmouth (USA) - Se attrezzati di macchina del tempo si ritornasse indietro di mezzo secolo e si pubblicasse la notizia circa la possibilitÓ di inviare lettere da sotto al mare, probabilmente la prima domanda che i lettori si farebbero sarebbe: "Ma come faranno a non farle bagnare?"

Potenza di una nuova tecnologia per la trasmissione di dati in ambiente marino sviluppata da un'azienda del Massachusetts, tecnologia con la quale un sottomarino americano Ŕ riuscito a trasmettere, da 400 piedi di profonditÓ, e-mail a circa 5 Km di distanza, appoggiandosi ad una boa-ripetitore. Un record per questo genere di comunicazione.

La nuova tecnologia utilizza onde sonore per trasmettere dati alla "folle" velocitÓ di 2.400 byte per secondo: velocitÓ ridicola se confrontata a quelle che comunemente utilizziamo sui nostri desktop, ma di tutto rispetto se consideriamo l'ambiente operativo.
In realtÓ, la trasmissione di dati digitali attraverso l'acqua non Ŕ una novitÓ assoluta, ma di certo Ŕ la prima volta che si possono raggiungere velocitÓ e distanze sufficienti per un suo utilizzo pratico.

Oltre a servire per scopi militari, questa nuova tecnologia potrÓ essere adottata dall'industria e dai centri di ricerca che hanno la necessitÓ di lavorare in fondo al mare.
TAG: ricerca