Sparamessaggini: AOL censura Odigo

Che però non ci sta. Come previsto il colosso cerca di tagliare fuori i servizi di instant messaging della piccola rivale che subito rilascia un patch. Dissotterrata la cyberascia di guerra

Web - Su queste pagine lo avevamo previsto, ma non serviva essere dei visionari per sapere che AOL non avrebbe resistito alla tentazione di mettere i bastoni tra le ruote alla piccola rivale Odigo, rea di aver fatto interloquire gli utenti di AOL Instant Messanger con MSN Messanger, il sistema sparamessaggini di Microsoft.

E così, AOL ha modificato le architetture dei propri server per impedire agli utenti di Odigo di interfacciarsi con quelli del proprio sparamessaggini. Odigo, però, non è stata a guardare e ha deciso di disporsi sul terreno di battaglia con una patch che supera le nuove configurazioni di AIM e ripristina il dialogo dei propri utenti con quelli di AIM e di MSN Messenger.

La faccenda per AOL rischia di complicarsi, visto che non solo Odigo ma anche Microsoft ed altre aziende del settore chiedono un intervento regolamentare contro America Online. L'azienda viene ritenuta "monopolista" nel settore dell'instant messaging, visto anche che possiede il diffusissimo network di ICQ. Come si ricorderà, in passato AOL aveva già bloccato MSN e Yahoo! per impedire loro di "connettere" ai propri, i loro sistemi sparamessaggini.
TAG: mondo