Sega darÓ in licenza Dreamcast

Nel tentativo di non perdere troppo terreno nei confronti di Sony, Sega sembra intenzionata a dare in licenza la tecnologia del Dreamcast, una console che potrebbe presto trasformarsi in una Internet appliance

Tokyo (Giappone) - Dopo i risultati non confortanti nelle vendite del Dreamcast e l'arrivo dell'"asso pigliatutto" di Sony, la Playstation 2, Sega sembra intenzionata a salvare il salvabile concedendo in licenza la tecnologia che si cela dietro alla sua console da gioco.

Con questa mossa il colosso dell'entertainment spera di anticipare Sony, la quale prevede, per l'inizio del prossimo anno, di concedere in licenza l'Emotion Engine, il cuore pulsante della Playstation 2.

Ma i piani di Sega sembrano non fermarsi qui. Insieme a chipmaker americani, giapponesi ed europei il big dagli occhi a mandorla sta infatti dando vita ad una joint venture per lo sviluppo di processori avanzati per il Dreamcast da vendere anche su licenza.
L'ambizione di Sega Ŕ quella di rilanciare, attraverso un'alleanza, la sua tecnologia videoludica come base per lo sviluppo di Internet appliance ed altri dispositivi in grado di far girare giochi, musica e film.

In un'intervista rilasciata a ZDNet il vice presidente di Sega Shoichiro Irimajiri ha affermato: "Il futuro delle console da gioco starÓ nelle set-top box all-in-one".