McVeigh morto, sfruttato per un trojan

L'uomo è stato ucciso nei giorni scorsi con una iniezione letale negli Stati Uniti. Ma con il suo nome circola un file che contiene SubSeven, noto codice troiano che prende possesso del computer che lo scarica. Tutti i dettagli

McVeigh morto, sfruttato per un trojanSan Francisco (USA) - A volte i trojan ritornano, anche se sono noti, anzi notissimi, e hanno già provocato sufficienti danni. Questo è il caso del codicillo diffuso in queste ore sulla rete sotto le mentite spoglie di un video relativo all'esecuzione di Timothy McVeigh, l'attentatore di Oklahoma City giustiziato nei giorni scorsi.

A quanto pare, subito dopo l'iniezione letale con cui McVeigh è stato ucciso, sulla Rete ha iniziato a circolare un messaggio che invita gli utenti a recarsi su un certo sito per vedere il video dell'esecuzione, un video sul quale si è lungamente dibattuto prima dell'esecuzione perché c'era chi voleva trasmettere l'esecuzione in diretta web.

Chi si fosse recato sulla pagina indicata, che è già stata rimossa, avrebbe trovato il "file del video". Se lo avesse scaricato, l'utente si sarebbe ritrovato con SubSeven nel computer. Gli esperti che si sono occupati della cosa, compresi quelli di Securityfocus.com, hanno confermato che non è possibile stabilire quanti sono gli utenti "caduti nella trappola" nei pochi giorni di vita del "trucco".
Va detto che SubSeven è un troiano già noto da tempo e gli antivirus più aggiornati dovrebbero essere in grado di bloccarlo. Un firewall ben configurato, inoltre, è certamente in grado di intercettare qualsiasi traffico in uscita generato dal troian.

Lo scorso marzo una nuova versione del codice troiano si era affacciata sulla rete. La versione 2.2 era considerata, dagli esperti di X-Force, più insidiosa della precedente.

Subseven consente a chi lo gestisce di "prendere possesso" del computer della propria vittima, permettendo all'autore di sniffare le password, di ascoltare attraverso il microfono, di vedere attraverso la webcam, di copiare file e via dicendo.

La nuova versione del trojan horse ("cavallo di Troia"), inoltre, sembra essere più semplice da utilizzare, offre una migliore interfaccia e gira anche su Windows NT e 2000.
TAG: sicurezza
41 Commenti alla Notizia McVeigh morto, sfruttato per un trojan
Ordina
  • chi viene giustiziato, non "pena", ma smette di soffrire.
    Perche' vivere per 50 anni nei 5 metri quadri di una cella, che qualcuno ha paragonato a stanze d'albergo... vi ci farei stare, e' uno dei modi migliori per punire chi commette gravi reati contro le persone, come l'omicido.
    Ucciderlo, vuol dire solo liberarlo dai suoi rimorsi, dal suo doversi confrontare con le sue colpe ogni volta che vedra' un po' di sole a strisce...
    Per questo piu' che pena di morte, per me e' omicidio di stato.
    E' lo stato che si da il diritto di vita e di morte sui suoi cittadini, come se ne fosse il creatore.
    Le persone non sono ne' televisori, ne' automobili!!!!
    E tutti quelli che pensano che uccidendo un assassino plachi la sete di vendetta del familiare, si metta nei panni di quel familiare.
    Davvero veder uccidere una persona vi farebbe stare meglio? non credo.

    Ricordate che negli USA del liberismo e della globalizzazione, O.J. Simpson puo' girare liberamente.
    Siamo cosi' sicuri dell'infallibilita' della giustizia che vogliamo dargli il compito di terminare delle vite umane?
    io no... non voglio che i soldi delle mie tasse vadano a finire nelle vene di qualcuno... non voglio essere anche io complice di un omicidio legalizzato...

    NO GRAZIE!
    la pena di morte lasciamola agli ignoranti e bigotti americani!

    Non penso che ci siano persone cosi' stupide su questi forum da pensare a una reale utilita' della pena di morte.
    Avete mai visto il nome della rosa?
    mai sentito parlare di inquisizione a caccia alle streghe?
    c'e' gente che ha rischiato il rogo per aver detto che la terra girava intorno al sole...
    vogliamo tornare cosi' indietro?

    ciao
    non+autenticato
  • Ma perché discutere tanto? Basta guardare i risultati pratici: la pena di morte NON E' MAI SERVITA E CONTINUA A NON SERVIRE A NIENTE COME PREVENZIONE DEL CRIMINE, ma solo a illudere l'opinione pubblica che esiste una presunta GIUSTIZIA STATALE capace di frenare i reati.
    non+autenticato
  • Nessuno può essere condannato a morte: 1) perchè ci si può sempre sbagliare (si è dato il caso che perfino certe confessioni fossero false...; 2) perché qualsiasi delinquente può cambiare col tempo; 3) perché si introduce implicitamente nella società una pericolosa legittimazione dell'uccisione del "colpevole". Mi limito a queste considerazioni di carattere logico, ma ce ne sarebbero di ben più profonde. IL VERO PROBLEMA NON E' SE DARE O NO LA MORTE, MA COME IMPEDIRE CHE UNO SCIAGURATO RIPETA I SUOI ERRORI, AD ESEMPIO ATTRAVERSO UN SISTEMA CARCERARIO NON "BUONISTICO", MA RIEDUCATIVO E TERAPEUTICO, CAPACE DI INCIDERE SULLE CAUSE DELLE "COLPE"
    non+autenticato
  • Quando leggo alcuni articuli sui giornali, nn posso che domandarmi:"dov' e' la mia liberta'?Nn posso passeggiare senza correre il rischio di saltre in aria grazie a un pazzo?"
    Ma con la pena di morte cosa ho risolto? Per uno che ne muore quanti altri sono ancora in giro?
    Francamente nn credo che sia questo il modo per "liberarci" dalla follia del mondo!!!!
    Un tempo il fine ultimo anche del carcere era "il recuperare" il detenuto; oggi si mira ad eliminarlo socialmente e fisicamente!
    Non credo si debba vittimizzare o accogliere a braccia aperte un pluriassassino, pero' credo di avere un'arma in piu' rispetto a lui: posso scegliere, di perdonarlo, di aiutarlo.
    Il problema e' che nn abbiamo un sistema giudiziario in grado di marginare la criminalita' in ogni suo campo d'azione.
    non+autenticato
  • L'articolo 5 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo stabilisce che nessuno puo' essere sottoposto a "trattamenti crudeli, inumani e degradanti". La pena di morte è un trattamento crudele, ed in quanto tale viola la Dichiarazione. Essa, però, viene applicata in molti paesi di diverso orientamento politico e di diverso livello democratico (USA, Cina, Iran, Cuba...), sebbene le statistiche provino, oltretutto, che come deterrente del crimine *non funziona*!
    L'abolizione della pena di morte fu proposta formalmente per la prima volta al Sinedrio da uno dei massimi giuristi ebrei dell'antichità, Rav Aqiba. Sono passati quasi 2.000 anni da allora, e questa barbarie deve ormai finire.
    non+autenticato

  • - Scritto da: pin_a
    > L'articolo 5 della Dichiarazione Universale
    > dei Diritti dell'Uomo stabilisce che nessuno
    > puo' essere sottoposto a "trattamenti
    > crudeli, inumani e degradanti". La pena di
    > morte è un trattamento crudele, ed in quanto
    > tale viola la Dichiarazione.

    Uccidere con una bomba 168 persone non era crudele?
    non+autenticato
  • Negli USA non tutti gli stati della federazione applicano la pena di morte. In quelli dove la pdm non vige, il livello della criminalità non è piu' alto che negli altri. La pena di morte non e' un deterrente. Se invece è la vendetta che si cerca, allora quello è un discorso differente, ma voglio sperare che uno stato non si metta sullo stesso piano di un criminale.

    - Scritto da: Icestorm
    >
    > - Scritto da: pin_a
    > > L'articolo 5 della Dichiarazione
    > Universale
    > > dei Diritti dell'Uomo stabilisce che
    > nessuno
    > > puo' essere sottoposto a "trattamenti
    > > crudeli, inumani e degradanti". La pena di
    > > morte è un trattamento crudele, ed in
    > quanto
    > > tale viola la Dichiarazione.
    >
    > Uccidere con una bomba 168 persone non era
    > crudele?
    non+autenticato
  • vogliamo smetterla di equiparare il compartamento di uno o più criminali a quello che un' istituzione, qualcunque essa sia, non può e non deve perpetuare ?
    NO ALLA PENA DI MORTE SEMPRE E COMUNQUE

    - Scritto da: pin_a
    > Negli USA non tutti gli stati della
    > federazione applicano la pena di morte. In
    > quelli dove la pdm non vige, il livello
    > della criminalità non è piu' alto che negli
    > altri. La pena di morte non e' un
    > deterrente. Se invece è la vendetta che si
    > cerca, allora quello è un discorso
    > differente, ma voglio sperare che uno stato
    > non si metta sullo stesso piano di un
    > criminale.
    >
    > - Scritto da: Icestorm
    > >
    > > - Scritto da: pin_a
    > > > L'articolo 5 della Dichiarazione
    > > Universale
    > > > dei Diritti dell'Uomo stabilisce che
    > > nessuno
    > > > puo' essere sottoposto a "trattamenti
    > > > crudeli, inumani e degradanti". La
    > pena di
    > > > morte è un trattamento crudele, ed in
    > > quanto
    > > > tale viola la Dichiarazione.
    > >
    > > Uccidere con una bomba 168 persone non era
    > > crudele?
    non+autenticato

  • > altri. La pena di morte non e' un
    > deterrente. Se invece è la vendetta che si

    La pena di morte E' un deterrente. Stai sicuro che quel tipo li ora non ammazza piu' nessuno ,piu' deterrente di cosi'.
    Se la applicassero anche in Italia finalmente la smetteremmo di sentire cose del tipo "pluripregiudicato uccide tabaccaio durante un tentativo di rapina" . Negli USA giustamente si considera uno che ammazza 168 persone come merda e lo si elimina. Viva la pena di morte.

    > differente, ma voglio sperare che uno stato
    > non si metta sullo stesso piano di un
    > criminale.

    Se permetti uccidere un assassino non e' proprio la stessa cosa che uccidere un innocente (figuriamoci 168). Io una certa differenza la vedo ,non so tu.
    non+autenticato


  • - Scritto da: pena di morte anche in Italia
    MA VAFFANCULO SCEMO.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Alien
    >
    >
    > - Scritto da: pena di morte anche in Italia
    > MA VAFXXXXXXX SCXXX.

    Non capisci mai quando è il momento di smetterla di fare il bamboccio...sei proprio uno stupido.
    non+autenticato


  • - Scritto da: pena di morte anche in Italia
    >
    > La pena di morte E' un deterrente. Stai
    > sicuro che quel tipo li ora non ammazza piu'
    > nessuno ,piu' deterrente di cosi'.
    > Se la applicassero anche in Italia
    > finalmente la smetteremmo di sentire cose
    > del tipo "pluripregiudicato uccide tabaccaio
    > durante un tentativo di rapina" . Negli USA
    > giustamente si considera uno che ammazza 168
    > persone come merda e lo si elimina. Viva la
    > pena di morte.
    >
    Sai sono e rimango contrario alla pena di morte anche se il recente caso americano lascia senza parole...
    Credo che la vendetta sia un sentimento arido che inaridisce ancora di più quando viene esercitato.
    Non voglio parlare di diritto alla vità...sarebbe troppo complicato e lungo da argomentare in un post e non me la sento, ma credo che la pena debba essere qualcosa che permetta alla società di poter correggere i propri errori, Credo che dovrebbe essere qualcosa di molto vicino a ciò che intendeva Beccaria...e forse i casi come quest'ultimo sono delle tristi eccezioni che comunque non possono essere presi come termine di paragone e giudizio.



    non+autenticato


  • - Scritto da: NetDruid
    >
    >
    > - Scritto da: pena di morte anche in Italia
    > >
    > > La pena di morte E' un deterrente. Stai
    > > sicuro che quel tipo li ora non ammazza
    > piu'
    > > nessuno ,piu' deterrente di cosi'.
    > > Se la applicassero anche in Italia
    > > finalmente la smetteremmo di sentire cose
    > > del tipo "pluripregiudicato uccide
    > tabaccaio
    > > durante un tentativo di rapina" . Negli
    > USA
    > > giustamente si considera uno che ammazza
    > 168
    > > persone come merda e lo si elimina. Viva
    > la
    > > pena di morte.
    > >
    > Sai sono e rimango contrario alla pena di
    > morte anche se il recente caso americano
    > lascia senza parole...
    > Credo che la vendetta sia un sentimento
    > arido che inaridisce ancora di più quando
    > viene esercitato.
    > Non voglio parlare di diritto alla
    > vità...sarebbe troppo complicato e lungo da
    > argomentare in un post e non me la sento, ma
    > credo che la pena debba essere qualcosa che
    > permetta alla società di poter correggere i
    > propri errori, Credo che dovrebbe essere
    > qualcosa di molto vicino a ciò che intendeva
    > Beccaria...e forse i casi come quest'ultimo
    > sono delle tristi eccezioni che comunque non
    > possono essere presi come termine di
    > paragone e giudizio.
    CHI SEI TU? SPUTA L'OSSO, SEI IL JEKIL O Mrs HIDE?
    Non sei NetDruid, QUA VI MASCHERATE TUTTI DIETRO PIU' NIK, BANDE DI CORNUTI SIETE.

    non+autenticato


  • - Scritto da: Alien
    >
    >
    > - Scritto da: NetDruid
    > >
    > >
    > > - Scritto da: pena di morte anche in
    > Italia
    > > >
    > > > La pena di morte E' un deterrente. Stai
    > > > sicuro che quel tipo li ora non ammazza
    > > piu'
    > > > nessuno ,piu' deterrente di cosi'.
    > > > Se la applicassero anche in Italia
    > > > finalmente la smetteremmo di sentire
    > cose
    > > > del tipo "pluripregiudicato uccide
    > > tabaccaio
    > > > durante un tentativo di rapina" . Negli
    > > USA
    > > > giustamente si considera uno che
    > ammazza
    > > 168
    > > > persone come merda e lo si elimina.
    > Viva
    > > la
    > > > pena di morte.
    > > >
    > > Sai sono e rimango contrario alla pena di
    > > morte anche se il recente caso americano
    > > lascia senza parole...
    > > Credo che la vendetta sia un sentimento
    > > arido che inaridisce ancora di più quando
    > > viene esercitato.
    > > Non voglio parlare di diritto alla
    > > vità...sarebbe troppo complicato e lungo
    > da
    > > argomentare in un post e non me la sento,
    > ma
    > > credo che la pena debba essere qualcosa
    > che
    > > permetta alla società di poter correggere
    > i
    > > propri errori, Credo che dovrebbe essere
    > > qualcosa di molto vicino a ciò che
    > intendeva
    > > Beccaria...e forse i casi come
    > quest'ultimo
    > > sono delle tristi eccezioni che comunque
    > non
    > > possono essere presi come termine di
    > > paragone e giudizio.
    > CHI SEI TU? SPUTA L'OSSO, SEI IL JEKIL O Mrs
    > HIDE?
    > Non sei NetDruid, QUA VI MASCHERATE TUTTI
    > DIETRO PIU' NIK, BANDE DI CORNUTI SIETE.
    >
    Sei tu l'invasato ciarlatano e bamboccio. Sei tu il guerra fondaio del piffero.
    Dai fila a nanna che tra poco rientra il papi dal cinema e se ti trova alzato ti riempie di vergate....
    non+autenticato


  • - Scritto da: NetDruid
    >
    >
    > - Scritto da: Alien
    > >
    > >
    > > - Scritto da: NetDruid
    > > >
    > > >
    > > > - Scritto da: pena di morte anche in
    > > Italia
    > > > >
    > > > > La pena di morte E' un deterrente.
    > Stai
    > > > > sicuro che quel tipo li ora non
    > ammazza
    > > > piu'
    > > > > nessuno ,piu' deterrente di cosi'.
    > > > > Se la applicassero anche in Italia
    > > > > finalmente la smetteremmo di sentire
    > > cose
    > > > > del tipo "pluripregiudicato uccide
    > > > tabaccaio
    > > > > durante un tentativo di rapina" .
    > Negli
    > > > USA
    > > > > giustamente si considera uno che
    > > ammazza
    > > > 168
    > > > > persone come merda e lo si elimina.
    > > Viva
    > > > la
    > > > > pena di morte.
    > > > >
    > > > Sai sono e rimango contrario alla pena
    > di
    > > > morte anche se il recente caso
    > americano
    > > > lascia senza parole...
    > > > Credo che la vendetta sia un sentimento
    > > > arido che inaridisce ancora di più
    > quando
    > > > viene esercitato.
    > > > Non voglio parlare di diritto alla
    > > > vità...sarebbe troppo complicato e
    > lungo
    > > da
    > > > argomentare in un post e non me la
    > sento,
    > > ma
    > > > credo che la pena debba essere qualcosa
    > > che
    > > > permetta alla società di poter
    > correggere
    > > i
    > > > propri errori, Credo che dovrebbe
    > essere
    > > > qualcosa di molto vicino a ciò che
    > > intendeva
    > > > Beccaria...e forse i casi come
    > > quest'ultimo
    > > > sono delle tristi eccezioni che
    > comunque
    > > non
    > > > possono essere presi come termine di
    > > > paragone e giudizio.
    > > CHI SEI TU? SPUTA L'OSSO, SEI IL JEKIL O
    > Mrs
    > > HIDE?
    > > Non sei NetDruid, QUA VI MASCHERATE TUTTI
    > > DIETRO PIU' NIK, BANDE DI CORNUTI SIETE.
    > >
    > Sei tu l'invasato ciarlatano e bamboccio.
    > Sei tu il guerra fondaio del piffero.
    > Dai fila a nanna che tra poco rientra il
    > papi dal cinema e se ti trova alzato ti
    > riempie di vergate....

    ANDATE A DORNIRE VOI VECCHI RIMBAMBITI E SCLEROTICI.
    DRAGATORI DI SACCOCCE, SFRUTTATORI DI GIOVANI, LECCACULI PRETORIANI, PRATICATORI DI MOBBING CON I COLLEGHI DI UFFICIO, RAZZA DI SPAZZATURA UMANOIDE SIETE.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)