La musica di Real ballerà su iPod

RealNetworks ha annunciato una tecnologia che le permetterà di distribuire, senza il permesso di Apple, musica digitale compatibile con iPod. Quest'ultima porterà invece iTunes sui telefonini MP3 di Motorola

Seattle (USA) - L'inizio della nuova settimana ha portato con sé due annunci piuttosto importanti per il mondo della musica digitale, entrambi legati ad Apple. Il primo riguarda la creazione, da parte di RealNetworks, di un sistema di digital rights management (DRM) compatibile con quello della società di Cupertino, mentre il secondo consiste nel futuro sviluppo, da parte di Apple, di una versione di iTunes per i telefoni cellulari di Motorola.

La novità annunciata da RealNetworks, battezzata Harmony, viene definita dalla società come "il primo sistema per la traduzione delle tecnologie di DRM". Harmony permette infatti a RealNetworks di codificare i brani distribuiti on-line in un formato di DRM compatibile con quello sviluppato da Apple e Microsoft. Ciò significa, per gli utenti, la possibilità di acquistare canzoni riproducibili su una grande varietà di player audio portatili, incluso l'iPod di Apple.

La notizia ha suscitato particolare clamore per il fatto che, prima d'oggi, Apple era la sola ad offrire, attraverso il proprio negozio on-line iTunes, musica protetta compatibile con iPod. Facendo infatti leva sul successo della coppia iTunes/iPod, la casa della mela non ha mai concesso a nessuno la licenza della propria tecnologia di DRM FairPlay, tantomeno ad un'avversaria del calibro di RealNetworks. Molti ritengono che per sviluppare Harmony quest'ultima si sia perciò avvalsa di informazioni tecniche non ufficiali, informazioni che in genere gli sviluppatori ottengono facendo il reverse engineering di una tecnologia: questa pratica, oltre ad essere espressamente vietata da Apple, è considerata in molti casi illegale.
"Reverse engineering è un termine legale che non si applica al nostro caso", ha affermato Sean Ryan, vice president dei servizi di musica di RealNetworks. "Esso si riferisce ad un metodo per guardare all'interno del software e scoprire com'è costruito. Noi ci siamo invece limitati ad osservare i dati disponibili al pubblico che si muovono fra l'utente e iPod. Per Harmony, il cui sviluppo ha richiesto un lungo periodo di tempo, abbiamo potuto contare sul lavoro di ingegneri davvero brillanti". Ryan ha poi sottolineato come Harmony consenta l'uso dei brani protetti con FairPlay solo nei modi previsti da Apple.

È interessante notare come il portavoce di RealNetworks abbia detto che Harmony è in sviluppo "da lungo tempo", lasciando dunque supporre che il progetto fosse già in fase piuttosto avanzata quando, lo scorso aprile, l'azienda chiese ad Apple la possibilità di utilizzare la tecnologia FairPlay. Evidentemente la mamma di RealPlayer aveva già intuito che la risposta sarebbe stata negativa e che, per rendere il proprio negozio di musica compatibile con iPod, avrebbe dovuto seguire una strada diversa. Strada che, come si può ben immaginare, va però a scontrarsi frontalmente con gli interessi di Apple: oltre a vedersi "defraudata" dell'uso esclusivo della tecnologia FairPlay, quest'ultima non intasca da RealNetworks un solo dollaro di royalty. Ottimi motivi, secondo alcuni, perché la questione possa sfociare in una causa legale.

Nel frattempo la tecnologia di RealNetworks ha già ricevuto la benedizione di EMI, uno dei giganti dell'industria discografica, e di Intel, che vede Harmony "in armonia" con la propria visione della casa digitale.

"La compatibilità è un fattore chiave per portare la musica digitale alle masse", ha detto Rob Glaser, fondatore e CEO di RealNetworks. "Con Harmony chiunque può acquistare la musica e trasferirla sul proprio dispositivo portatile preferito: questo fa sì che la musica digitale divenga un media universale come il DVD e il CD".

Harmony verrà dapprima implementato all'interno del negozio RealPlayer Music Store e, in seguito, nel servizio di musica su abbonamento Rhapsody. La prima versione del RealPlayer a supportare i brani codificati con la nuova tecnologia sarà la 10.5, appena entrata in fase di beta testing.

Oltre che su iPod e iPod mini, la musica venduta da RealNetworks potrà essere ascoltata su diversi modelli di player marchiati Creative, Rio, RCA, palmOne, iRiver, Dell, Gateway e Samsung.

Lunedì Apple ha annunciato un accordo con Motorola che consentirà ai clienti dell'iTunes Music Store di trasferire le proprie canzoni su alcuni futuri modelli di telefoni cellulari prodotti dal chipmaker americano. In base all'accordo, Apple svilupperà una speciale versione mobile di iTunes che Motorola integrerà, il prossimo anno, in una nuova linea di telefonini 3G con funzioni di riproduzione audio.

Con questa partnership la società di Cupertino spera di far leva sull'enorme bacino di utenti di telefonia mobile che, nel prossimo futuro, utilizzeranno i cellulari come player MP3. La strategia di Apple è dunque di allearsi, invece che combattere, una delle società che nel prossimo futuro potrebbero seriamente minacciare il mercato dei player audio portatili tradizionali.
TAG: apple
86 Commenti alla Notizia La musica di Real ballerà su iPod
Ordina
  • Dunque ho capito il discorso delle playlist, del numero illimitato
    verso ipod, ma il dubbio era se devo ripristinare il sistema
    ( su piattaforma windows ) e quindi devo reinstallare il tutto
    o semplicemente cambio il pc ( o uno di quelli consentiti,
    mi pare al massimo 4 ), posso backupparmi le licenze
    e non aver problemi dopo, oppure non c'è bisogno, insomma
    come tubo funzionaA bocca aperta, lo chiedo perchè avrei intenzione
    di acquistarmi in autunno un'ipod.

    saluti.

  • - Scritto da: CoreDump
    > Dunque ho capito il discorso delle playlist,
    > del numero illimitato
    > verso ipod, ma il dubbio era se devo
    > ripristinare il sistema
    > ( su piattaforma windows ) e quindi devo
    > reinstallare il tutto
    > o semplicemente cambio il pc ( o uno di
    > quelli consentiti,
    > mi pare al massimo 4 ), posso backupparmi le
    > licenze
    > e non aver problemi dopo, oppure non
    > c'è bisogno, insomma
    > come tubo funzionaA bocca aperta, lo chiedo
    > perchè avrei intenzione
    > di acquistarmi in autunno un'ipod.
    >
    > saluti.


    si funziona, in ogni momento puoi "togliere" un PC dalla lista dei 4 e passare il DRM ad un altro...


    oppure ti masterizzi un CD-Audio e togli i DRM

    Fan Apple
    non+autenticato
  • Ma sull'ipod la musica ci può essere messa solo col drm o ci posso tranquillamente copiare un mp3 o un ogg fatto da me?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma sull'ipod la musica ci può essere
    > messa solo col drm o ci posso
    > tranquillamente copiare un mp3 o un ogg
    > fatto da me?

    ci puoi copiare tutti gli MP3 che ti pare senza DRM, ogg non è supportato...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma sull'ipod la musica ci può essere
    > messa solo col drm o ci posso
    > tranquillamente copiare un mp3 o un ogg
    > fatto da me?

    scusami ma è troppo disturbo andare nel sito del produttore per conoscere le caratteristiche di un prodotto ?
    ( http://www.apple.com/ipod/specs.html )

    comunque questi sono i formati riconosciuti dall'iPod

    AAC (16 to 320 Kbps),
    MP3 (32 to 320 Kbps),
    MP3 VBR,
    Audible,
    AIFF,
    Apple Lossless and WAV

    il formato Ogg non è ancora ricosciuto...(per ora)



    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ma sull'ipod la musica ci può
    > essere
    > > messa solo col drm o ci posso
    > > tranquillamente copiare un mp3 o un ogg
    > > fatto da me?
    >
    > scusami ma è troppo disturbo andare
    > nel sito del produttore per conoscere le
    > caratteristiche di un prodotto ?
    > ( www.apple.com/ipod/specs.html )
    >
    > comunque questi sono i formati riconosciuti
    > dall'iPod
    >
    > AAC (16 to 320 Kbps),
    > MP3 (32 to 320 Kbps),
    > MP3 VBR,
    > Audible,
    > AIFF,
    > Apple Lossless and WAV
    >
    > il formato Ogg non è ancora
    > ricosciuto...(per ora)

    per sempre...

  • - Scritto da: avvelenato

    > per sempre...

    Avvelenato ti ricordo che l'iPod ha il firmware aggiornabile via software quindi in futuro si potranno avere anche altre compatibilità.

    anche se AAC, AIFF non sono proprio male!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: avvelenato
    >
    > > per sempre...
    >
    > Avvelenato ti ricordo che l'iPod ha il
    > firmware aggiornabile via software quindi in
    > futuro si potranno avere anche altre
    > compatibilità.
    >
    > anche se AAC, AIFF non sono proprio male!

    quanti mb di flash NOR ha l'ipod?
    quanti mb di sdram ha l'ipod?

    e soprattutto: la apple ha voglia di aggiungere all'ipod un formato totalmente inutile (prima che mpc diventasse opensorcio aveva la sua utilità idealistica, adesso proprio zero)?

    queste sono le domande alle quali bisogna risponder per sapere se ogg arriverà su ipod, oppure no.
    l'ogg è un formato complesso (leggasi: inutilmente complicato), se non fosse così tutti i lettori mp3 cheap provenienti dalla cina sarebbero in grado di decodificarlo tramite tremor (che è rilasciato in bsd).

    cmq: di sdram l'ipod deve averne per forza abbastanza per via dell'antishock.
    di flash NOR deve averne abbastanza per i suoi formati, ovvero aiff, mp3, aac. Ma se c'è gente che tenta persino di metter su linux sull'ipod, deve essercene abbastanza per un terzo formato.


    a dire il vero non si capisce però perché apple dovrebbe spingere su un formato opensorcio (come ogg o il meno noto musepack), quando aac fa il suo sporco lavoro egregiamente.
  • Non costerebbe di meno che abbassare i prezzi dei cd ? possono mettere tutte le protezioni che gli pare, ma se la copia viene fatta con un cavo analogico è tutto inutile. Con tutti i soldi che hanno investito potevano sfamare l'Africa.

    falliti.

    non+autenticato
  • io mi fido della APPLE perche' mi ha sempre dato prodotti ottimi e soluzioni senza alcun problema, in totale sicurezza, coccolandomi sempre con novita' e innovazioni utilissime, quindi se ha scelto di introdurre il DRM vuol dire che e' una scelta giusta che e' a vantaggio piu' dell'utente che degli altri, perche' la APPLE ci pensa ai suoi Utenti, mica come quei markettari winari e linari che subiscono il mercatoCon la lingua fuori

    Fan Apple Fan Apple Fan AppleFicoso
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > io mi fido della APPLE perche' mi ha sempre
    > dato prodotti ottimi e soluzioni senza alcun
    > problema, in totale sicurezza, coccolandomi
    > sempre con novita' e innovazioni utilissime,
    > quindi se ha scelto di introdurre il DRM
    > vuol dire che e' una scelta giusta che e' a
    > vantaggio piu' dell'utente che degli altri,
    > perche' la APPLE ci pensa ai suoi Utenti,
    > mica come quei markettari winari e linari
    > che subiscono il mercatoCon la lingua fuori
    >
    > Fan Apple Fan Apple Fan AppleFicoso




    Se tu sei un maccarone, Cicciolina è vergineOcchiolino

    A parte questo, i DRM sulla musica di iTMS non sono una "scelta" di Apple ma un obbligo: se non applichi una restrizione, pur minima, le major NON ti danno la musica, e se NON ti danno la musica....che cosa vendi sul tuo negozio online di MUSICA?
    Dai, non è difficile da capire.....come non è difficile da capire che le limitazioni dei DRM di iTMS possono dare fastidio solo a chi vuole mettere su una bancarella per vendere i CD tarocchi...
    non+autenticato
  • > A parte questo, i DRM sulla musica di iTMS
    > non sono una "scelta" di Apple ma un
    > obbligo: se non applichi una restrizione,
    > pur minima, le major NON ti danno la musica,
    > e se NON ti danno la musica....che cosa
    > vendi sul tuo negozio online di MUSICA?
    > Dai, non è difficile da
    > capire.....come non è difficile da
    > capire che le limitazioni dei DRM di iTMS
    > possono dare fastidio solo a chi vuole
    > mettere su una bancarella per vendere i CD
    > tarocchi...
    Lascia stare utente mac e capire nella stessa frase proprio non ci stanno, lasciali giocare con i loro ipod, e col loro mouse monotasto più di uno non riescono a gestirlo non sanno fare altro
    non+autenticato
  • Io ho un mouse a due tasti, ed il destro fa il click contestuale, proprio come su windows. Peccato che windows va reinstallato ogni 2 mesi perchè si sminchia qualcosa.

    Io non reinstallo osX da 4 anni credo, praticamente da quando è uscito.

    narazie.

    non+autenticato
  • > Io ho un mouse a due tasti, ed il destro fa
    > il click contestuale, proprio come su
    > windows. Peccato che windows va reinstallato
    > ogni 2 mesi perchè si sminchia
    > qualcosa.
    >
    > Io non reinstallo osX da 4 anni credo,
    > praticamente da quando è uscito.
    Io ho win2000 e l'ho installato 2 _anni_ fa... quindi ?A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Io ho win2000 e l'ho installato 2 _anni_
    > fa... quindi ?A bocca aperta

    certo lasciando il pc con win2k spento dura anche 10 anni


    :D
    non+autenticato
  • > > Io ho win2000 e l'ho installato 2 _anni_
    > > fa... quindi ?A bocca aperta
    >
    > certo lasciando il pc con win2k spento dura
    > anche 10 anni
    Allora il tuo cervello sarà eternoA bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    non parlare di cose più grandi di te...
    fai un favore a tutti torna nel tuo angolino utonto x86.
    non+autenticato
  • > non parlare di cose più grandi di
    > te...
    > fai un favore a tutti torna nel tuo angolino
    > utonto x86.

    Ehi bel bambino io ho iniziato a programmare (sai cosa vuol dire vero) su un APPLE II sai cos'è vero?
    Se adesso lavoro su x86 è forse perchè Intel vende tante CPU in un giorno quanto tutti gli altri messi insieme ?A bocca aperta
    Torna a giocare col tuo mouse vai su vai
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > non parlare di cose più grandi di
    > > te...
    > > fai un favore a tutti torna nel tuo
    > angolino
    > > utonto x86.
    >
    > Ehi bel bambino io ho iniziato a programmare
    > (sai cosa vuol dire vero) su un APPLE II sai
    > cos'è vero?
    > Se adesso lavoro su x86 è forse
    > perchè Intel vende tante CPU in un
    > giorno quanto tutti gli altri messi insieme
    > ?A bocca aperta
    > Torna a giocare col tuo mouse vai su vai
    ah bella argomentazione questa...su bimbino torna a giochettare con i tuoi comandini di basic e non dar fastidio ai grandi
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > ah bella argomentazione questa...su bimbino
    > torna a giochettare con i tuoi comandini di
    > basic e non dar fastidio ai grandi

    forse non ha capito che quando lui cercava di capire cos'era un PC io ero già un grafico....
    questi pivellini da 2 soldi...
    non+autenticato
  • Senza il DRM non ci sarebbero iniziative come itunes e in futuro non ne nascerebbero di nuove.
    Per esempio io comprerei volentieri dei film online, però ora non posso perché non c'è un itunes per i film, mi scaricherei anche un film da 5 giga tanto ho la fibra ottica, però non posso perché nessuno me li vende.
    Magari un giorno sarà possibile, di certo non senza DRM.
    E' la soluzione per chi vuole usare internet anche per scaricare contenuti multimediali, ma non illegalmente come avviene sui circuiti p2p.
    Chi ama la musica o il cinema ed anche la legalità dovrebbe essere felice dell'esistenza del DRM.
    non+autenticato
  • [...cut...]
    > Per esempio io comprerei volentieri dei film
    > online, però ora non posso
    > perché non c'è un itunes per i
    > film, mi scaricherei anche un film da 5 giga
    > tanto ho la fibra ottica, però non
    > posso perché nessuno me li vende.
    > Magari un giorno sarà possibile, di
    > certo non senza DRM.
    [...cut...]

    Quello che tu vuoi è già possibile, senza alcun DRM.

    Come? Tu vuoi perforza pagare? Dammi 5€, che ti dico come fareSorride.

    'Iao

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    ossibile, senza alcun DRM.
    >
    > Come? Tu vuoi perforza pagare? Dammi
    > 5?, che ti dico come fareSorride.

    Si parlava di soluzioni legali, non di server panamensi
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Senza il DRM non ci sarebbero iniziative
    > come itunes e in futuro non ne nascerebbero
    > di nuove.
    > Per esempio io comprerei volentieri dei film
    > online, però ora non posso
    > perché non c'è un itunes per i
    > film, mi scaricherei anche un film da 5 giga
    > tanto ho la fibra ottica, però non
    > posso perché nessuno me li vende.
    > Magari un giorno sarà possibile, di
    > certo non senza DRM.

    perché no?

    > E' la soluzione per chi vuole usare internet
    > anche per scaricare contenuti multimediali,
    > ma non illegalmente come avviene sui
    > circuiti p2p.
    > Chi ama la musica o il cinema ed anche la
    > legalità dovrebbe essere felice
    > dell'esistenza del DRM.

    affatto, io non sono felice se il produttore di un film decidesse che il suo film lo posso guardare solo se la linea immaginaria sottesa tra me e il televisore indica verso casa sua.

    o, caso più realistico e meno grottesco, se il suo film andasse solo su una marca di riproduttori.
  • - Scritto da: avvelenato
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Magari un giorno sarà
    > possibile, di
    > > certo non senza DRM.
    >
    > perché no?

    Senza drm la gente se ne frega e condivide tutto su internet.

    Il drm e iniziative come il trust computing sono l'unico mezzo per proteggere gli autori e convincere i produttori e distributori ad investire nell'online per quanto riguarda la distribuzione di contenuti.
    Mi spiace ma senza certe protezioni questo non può avvenire, io credo nell'economia non nella pirateria.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Senza drm la gente se ne frega e condivide
    > tutto su internet.
    >
    > Il drm e iniziative come il trust computing
    > sono l'unico mezzo per proteggere gli autori
    > e convincere i produttori e distributori ad
    > investire nell'online per quanto riguarda la
    > distribuzione di contenuti.
    > Mi spiace ma senza certe protezioni questo
    > non può avvenire, io credo
    > nell'economia non nella pirateria.

    beh il drm sulla musica e/o film e il trust computing (palladium) che vuole M$ è ben diverso...per quello che riguarda la grossa limitazione della privacy.
    il mondo x86 Fan Windows ha questo grosso problema...credo che molti passeranno (giustamente) a Linux o Mac.


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > beh il drm sulla musica e/o film e il trust
    > computing (palladium) che vuole M$ è
    > ben diverso...per quello che riguarda la
    > grossa limitazione della privacy.
    > il mondo x86 Fan Windows ha questo grosso
    > problema...credo che molti passeranno
    > (giustamente) a Linux o Mac.
    >
    >

    Ma i Mac non usano processori motorola? Perché vedo che anche motorola tra i membri del tcpa consortium:
    https://www.trustedcomputinggroup.org/about/member.../

    Per quanto riguarda linux (x86 non è solo win) ho letto che anche tra la comunità linux nomi famosi hanno dei progetti riguardo al trusted computing, quindi non è detto che il pinguino ne rimanga fuori.
    non+autenticato
  • Apple ha fatto impiego di chip Motorola per i computer a base 68000, i PowerPc, i G3 e G4, mentre per i G5 si è rivolta a IBM. Che usi però un produttore invece di un altro non necessariamente significa che usi il trusted computing (visto che ambo i chipmakers sono nel gruppo) fornito da esso.

  • - Scritto da: scorpioprise
    > Apple ha fatto impiego di chip Motorola per
    > i computer a base 68000, i PowerPc, i G3 e
    > G4, mentre per i G5 si è rivolta a
    > IBM. Che usi però un produttore
    > invece di un altro non necessariamente
    > significa che usi il trusted computing
    > (visto che ambo i chipmakers sono nel
    > gruppo) fornito da esso.

    Però neanche lo esclude
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: scorpioprise
    > > Apple ha fatto impiego di chip Motorola
    > per
    > > i computer a base 68000, i PowerPc, i
    > G3 e
    > > G4, mentre per i G5 si è rivolta
    > a
    > > IBM. Che usi però un produttore
    > > invece di un altro non necessariamente
    > > significa che usi il trusted computing
    > > (visto che ambo i chipmakers sono nel
    > > gruppo) fornito da esso.
    >
    > Però neanche lo esclude


    Lo esclude eccome, il CEO di Apple ha dichiarato più volte di essere contrario al tcpa.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Lo esclude eccome, il CEO di Apple ha
    > dichiarato più volte di essere
    > contrario al tcpa.

    Dacci un link dove l'ha dichiarato
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)