Matrox inaugura le nuove Millennium

Arrivano le nuove schede grafiche Matrox Millennium G450 dotate di uscita DVI e della nuova generazione della tecnologia DualHead

Montreal (Canada) - Matrox ha finalmente annunciato il rilascio della sua nuova serie di schede grafiche G450, una famiglia di acceleratori 3D che non rappresenta un vero e proprio salto generazionale, ma che offre comunque diverse novità interessanti. Il grande salto è atteso invece con la serie G800, disponibile non prima della fine dell'anno.

Le novità introdotte in questa nuova serie riguardano l'innalzamento della frequenza di lavoro e la maggiore integrazione. Il processo produttivo è ora di a 0.18 micron mentre l'architettura è passata a 256 bit con canali indipendenti di memoria DDR a 64 bit.

Presente anche la nuova versione della tecnologia DualHead per la gestione di due monitor, ora capace di avvalersi dell'uscita digitale DVI. Il secondo monitor può essere sfruttato per visualizzare un secondo desktop, una porzione differente dello schermo, come zoom del primo monitor o per la riproduzione a pieno schermo di un filmato DVD (che in alternativa può sfruttare l'uscita TV).
A proposito di DVD, le nuove G450 supportano in hardware tutte le fasi di decodifica ed ottimizzazione dei filmati MPEG2: questo permette di ottenere il massimo in termini di qualità e fluidità di visualizzazione.

Per quanto riguarda le prestazioni, i 165 MHz di velocità della nuova unità permettono velocità di creazione delle scene 3D superiori a quelle attuali, ma da sempre l'obiettivo di Matrox è stato, più che la velocità pura, la qualità, sia nel 2D (si possono pilotare risoluzioni fino a 2048x1536 a 85 Hz) che nel 3D, dove il filtro environmental bump mapping permette una migliore resa delle superfici traslucide e increspate.

Matrox definisce le sue schede un buon compromesso fra le esigenze della fascia professionale di utilizzatori e quella consumer, ma di certo le prestazioni 3D di queste schede, almeno per quanto riguarda i giochi, non possono competere con quelle sfoggiate dai nuovi bolidi di Nvidia, 3Dfx o ATI: la bilancia pende dunque sempre verso il mercato professionale dove il marchio Matrox è ormai da anni un simbolo di qualità.
TAG: hw