Malaysia: fuorilegge i giochi via SMS

Il Consiglio nazionale della Fatwa ha stabilito che i musulmani che utilizzino in questo modo il cellulare commettono un grave errore che va punito

Kuala Lumpur (Malaysia) - Le autorità religiose musulmane della Malaysia hanno pronunciato un anatema ufficiale contro l'utilizzo del cellulare per inviare e ricevere SMS legati a concorsi a premi o altri giochi che prevedano un premio.

Secondo il Consiglio nazionale della Fatwa l'uso degli SMS per questo genere di finalità è equiparabile al gioco d'azzardo, già severamente vietato ai musulmani malesi.

La nuova disposizione, fatwa appunto, prevede che chi sia colto in fallo venga posto sotto processo dalle autorità religiose. Il rischio è elevato visti i forti incentivi all'uso della telefonia mobile e delle nuove tecnologie che provengono dal governo nonché i rilevanti introiti economici che queste e altre iniziative del genere significano per le società del comparto e gli operatori telefonici.
"Questa gente - ha dichiarato Ismail Ibrahim, membro del Consiglio - spende molti soldi con questi SMS e non vince nulla. Ciò non deve essere consentito nell'Islam".
79 Commenti alla Notizia Malaysia: fuorilegge i giochi via SMS
Ordina
  • [...]
    Infatti Voi sapete molto bene, Venerabili Fratelli, che in questo tempo si trovano non pochi i quali [...] Contro la dottrina delle sacre Lettere della Chiesa e dei Santi Padri, non dubitano di affermare "essere ottima la condizione della società nella quale non si riconosce nell?Impero il dovere di reprimere con pene stabilite i violatori della Religione cattolica, se non in quanto lo chieda la pubblica pace". Con tale idea di governo sociale, assolutamente falsa, non temono di caldeggiare l?opinione sommamente dannosa per la Chiesa cattolica e per la salute delle anime, dal Nostro Predecessore Gregorio XVI di venerata memoria chiamata delirio , cioè "la libertà di coscienza e dei culti essere un diritto proprio di ciascun uomo che si deve proclamare e stabilire per legge in ogni ben ordinata società ed i cittadini avere diritto ad una totale libertà che non deve essere ristretta da nessuna autorità ecclesiastica o civile, in forza della quale possano palesemente e pubblicamente manifestare e dichiarare i loro concetti, quali che siano, sia con la parola, sia con la stampa, sia in altra maniera"
    [...]


  • > cittadini avere diritto ad una totale
    > libertà che non deve essere ristretta
    > da nessuna autorità ecclesiastica o
    > civile, in forza della quale possano
    > palesemente e pubblicamente manifestare e
    > dichiarare i loro concetti, quali che siano,
    > sia con la parola, sia con la stampa, sia in
    > altra maniera"
    > [...]

    Parlava bene Pio IX eppura la sua chiesa in fatto di ingerenza non scherza....
    non+autenticato
  • Ehm... forse ti converrebbe rileggere la citazione...
    se per te Pio IX parlava bene allora ti trovi d' accordo con la posizione di considerare "delirio" la libertà di coscienza...
    P.S: stupenda citazione, ma forse sarebbe meglio citare la fonte (non sono molto ferrato in citazioni pretine).
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ipocrisia inconcepibile.

    come l'America delle liberta' dove sei libero solo di produrre e consumare solo al fine di arricchire le "caste" superiori...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ipocrisia inconcepibile.
    >
    > come l'America delle liberta' dove sei
    > libero solo di produrre e consumare solo al
    > fine di arricchire le "caste" superiori...

    : |:| ma che stai a dire???
    Ma non lo sai che negli USA (ad esempio) ci sono intere
    comunita' di gente che NON produco e NON lavorano??
    Vivono alla giornata di quello che rimediano/producono.

    Certo a me non piacerebbe come stile di vita, per questo
    preferisco sgobbare per mettere da parte qualche soldo.

    Ma il punto e' che NESSUNO me lo impone!!!

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Ipocrisia inconcepibile.
    > >
    > > come l'America delle liberta' dove sei
    > > libero solo di produrre e consumare
    > solo al
    > > fine di arricchire le "caste"
    > superiori...
    >
    > : |:| ma che stai a dire???
    > Ma non lo sai che negli USA (ad esempio) ci
    > sono intere
    > comunita' di gente che NON produco e NON
    > lavorano??
    > Vivono alla giornata di quello che
    > rimediano/producono.

    vero, ma sono considerati la feccia della società ...
    non dirmi che la società americana si vanta di gente che non fa niente dalla mattina alla sera....




    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > >
    > > > - Scritto da: Anonimo
    > > > > Ipocrisia inconcepibile.
    > > >
    > > > come l'America delle liberta' dove
    > sei
    > > > libero solo di produrre e consumare
    > > solo al
    > > > fine di arricchire le "caste"
    > > superiori...
    > >
    > > : |:| ma che stai a dire???
    > > Ma non lo sai che negli USA (ad
    > esempio) ci
    > > sono intere
    > > comunita' di gente che NON produco e NON
    > > lavorano??
    > > Vivono alla giornata di quello che
    > > rimediano/producono.
    >
    > vero, ma sono considerati la feccia della
    > società ...
    > non dirmi che la società americana si
    > vanta di gente che non fa niente dalla
    > mattina alla sera....


    E' vero che negli USA non si vantano di queste persone, ma
    e' altrettanto vero che non sono considerati feccia della
    societa', ne tantomeno sono obbligatoi a cambiare il loro
    modo di vivere.

    E' l'approccio stesso al problema che e' diverso tra la
    filosofia occidentale/americana/liberalista e quella teocratica-Islamista.

    Aggiungo solo che "stranamente" le donazioni ai fondi
    religiosi islamici via telefonino sono accettate ed anzi incoraggiate......

    Quanta ipocrisia c'e' in questo?


    non+autenticato
  • Senti non venire a proporre gli USA come modello di societa' civile, con ragazzi che si ammazzano in guerre tra bande per il possesso di un marciapiede, un tasso di omicidi altissimo, un paese dove viene applicata la pena di morte e dove sul proprio denaro appare la scritta IN GOD WE TRUST.

    non+autenticato
  • > > Ipocrisia inconcepibile.
    >
    > come l'America delle liberta' dove sei
    > libero solo di produrre e consumare solo al
    > fine di arricchire le "caste" superiori...

    e quindi? preferisci un modello come quello islamico?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > > Ipocrisia inconcepibile.
    > >
    > > come l'America delle liberta' dove sei
    > > libero solo di produrre e consumare
    > solo al
    > > fine di arricchire le "caste"
    > superiori...
    >
    > e quindi? preferisci un modello come quello
    > islamico?

    La religione islamica di per se' non è un male(nel passato con le sue regole salutistiche ha fatto anche del bene)
    il problema è quando queste ideologie si estramizzano diventano soffocanti.
    Se tu estremizzi la visione capitalistica dell'America(vivi se puoi permettertelo altrimenti muori) non avrai certo un paese più vivibile dell'IRAN....
    non+autenticato
  • > La religione islamica di per se' non
    > è un male(nel passato con le sue
    > regole salutistiche ha fatto anche del bene)
    > il problema è quando queste ideologie
    > si estramizzano diventano soffocanti.
    > Se tu estremizzi la visione capitalistica
    > dell'America(vivi se puoi permettertelo
    > altrimenti muori) non avrai certo un paese
    > più vivibile dell'IRAN....

    bla, bla, bla, lo so bene com'é la religione islamica, ti ho fatto una domanda precisa: preferisci il modello islamico (attuale, mi pare ovvio dalla domanda)?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > La religione islamica di per se' non
    > > è un male(nel passato con le sue
    > > regole salutistiche ha fatto anche del
    > bene)
    > > il problema è quando queste
    > ideologie
    > > si estramizzano diventano soffocanti.
    > > Se tu estremizzi la visione
    > capitalistica
    > > dell'America(vivi se puoi permettertelo
    > > altrimenti muori) non avrai certo un
    > paese
    > > più vivibile dell'IRAN....
    >
    > bla, bla, bla, lo so bene com'é la
    > religione islamica, ti ho fatto una domanda
    > precisa: preferisci il modello islamico
    > (attuale, mi pare ovvio dalla domanda)?

    Nella mia situazione attuale meglio quello americano perchè mi posso permettere di vivere in modo più che dignitoso In altre situazioni forse sarebbe preferibile quello islamico.


    non+autenticato
  • > Nella mia situazione attuale meglio quello
    > americano perchè mi posso permettere
    > di vivere in modo più che dignitoso

    bene

    > In altre situazioni forse sarebbe
    > preferibile quello islamico.

    attuale?
    non+autenticato
  • Di "primitivo" c'è prima l'atteggiamento giudicatorio degli spara-sentenze come te.

    Le diversità culturali/religiose/ideologiche possono essere discusse, ma non giudicate sprezzatamente (ovviamente a meno che non violino la morale).

    Evolviamoci, cavolo!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    >
    > Evolviamoci, cavolo!

    no tu dici cazzate ... ho ragione io uffa! Sorride)))
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > >
    > > Evolviamoci, cavolo!
    >
    > no tu dici cazzate ... ho ragione io uffa!
    >Sorride)))

    vabbè, ma io piscio più lontano!!! A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    >
    > vabbè, ma io piscio più
    > lontano!!! A bocca aperta

    impossibile c'è l'hai piccolo.... o almeno e' più piccolo del mio
    :D
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > >
    > > vabbè, ma io piscio più
    > > lontano!!! A bocca aperta
    >
    > impossibile c'è l'hai piccolo.... o
    > almeno e' più piccolo del mio
    >A bocca aperta

    ti rispondo con una mitica citazione (di cui non ne rivendico la peternità!):

    "...è piccolo, ma è piccolo come la puntina del giradischi... infatti fa una musica..."!Con la lingua fuori

    ehe he heh... si passa dalle guerre di religione all'anatomia nel giro di due post... A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Di "primitivo" c'è prima
    > l'atteggiamento giudicatorio degli
    > spara-sentenze come te.
    >
    > Le diversità
    > culturali/religiose/ideologiche possono
    > essere discusse, ma non giudicate
    > sprezzatamente (ovviamente a meno che non
    > violino la morale).
    >
    > Evolviamoci, cavolo!

    Certo, certo, evolviamoci, tiriamoci la Turchia in Europa dove rappresentanti delle istituzioni dello stato lasciano morire affogate le ragazzine perché la loro religione non gli permette di toccarle per portarle in salvo.

    Eccome no, evolviamoci pure.
    non+autenticato
  • a me pare che limitare la libertà delle persone in base a precetti religiosi sia contro la morale...
    non+autenticato
  • definisci morale.

    E' un concetto estremamente elastico e variabile a seconda dei punti di vista...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Di "primitivo" c'è prima
    > l'atteggiamento giudicatorio degli
    > spara-sentenze come te.
    >
    > Le diversità
    > culturali/religiose/ideologiche possono
    > essere discusse, ma non giudicate
    > sprezzatamente (ovviamente a meno che non
    > violino la morale).
    >
    > Evolviamoci, cavolo!

    Molto intelligente l' inciso...
    per criticare "l' atteggiamento giudicatorio" altrui affermi che non si giudicano le differenze a meno che non violino la morale.
    Poichè non esiste un' etica universalmente accettata ma questa cambia talora anche vistosamente in relazione alle differenze culturali/religiose/ideologiche , dimmi, quali sono le regole morali che non vanno violate?
    Le tue immagino...
    non+autenticato
  • ... tutto giusto...
    poi magari fra qualche centinaio di anni anche la loro societa' si affranchera' dalla religione... per il momento cazzi loro.. chi siamo noi per dire che così non va bene?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ... tutto giusto...
    > poi magari fra qualche centinaio di anni
    > anche la loro societa' si affranchera' dalla
    > religione... per il momento cazzi loro.. chi
    > siamo noi per dire che così non va
    > bene?

    Concordo solo se l'affermazione "cazzi loro" sia strettamente
    rispettata in futuro per qualsiasi cosa.
    Forse dovresti riproporla agli idioti che hanno avuto la geniale idea di costituire classi solo musulmane qui in Italia (idea per fortuna bocciata)
    non+autenticato
  • Si potrebbe obiettare che gli idioti sono in primo luogo coloro che hanno voluto fondare scuole coraniche clandestine a Milano.,..
    non+autenticato
  • Non sono d'accordo per un semplice motivo: la legge civile deve essere distinta da quella religiosa, e sopratutto, quella religiosa, non deve, o meglio dovrebbe, mai condizionare quella civile.
    E' pericoloso se la religione viene presa come giustificazione per fare le leggi, adesso può essere una legge, tutto sommato giusta, contro il gioco d'azzardo ma un domani?
    E' una strada pericolosa che noi europei conosciamo bene infatti quanto abbiamo penato per separare, in alcuni paesi di più in altri di meno, lo stato dalla chiesa?
    La laicità dello stato è un valore o un pretesto per dare contro una fazione contraria ?

    Riguardo alle radici cristiane, per me avrebbero dovuto ricordare nel preambolo alla costituzione le radici dell'europa, europa il cristianesimo ha contribuito, insieme al pensiero greco e quello romano, al pensiero rinascimentale e quello illuminista.
    E' la nostra storia, per bella o brutta che sia l'europa è nata da quella.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 30/07/2004 10.30.08

  • - Scritto da: shevathas

    > E' una strada pericolosa che noi europei
    > conosciamo bene infatti quanto abbiamo
    > penato per separare, in alcuni paesi di
    > più in altri di meno, lo stato dalla
    > chiesa?

    mah la politica senza etica e' anche peggio,
    non esistono ne filosofi ne saggi che possano influenzare il governo, da cui l'immagine dei dirigenti telecom a cui viene tagliata la gola in piazza e' un'immagine che non mi disturba molto, sai quelli che i dialer quelli che l'ultimo miglio, quelli che.

    poi prendi il p2p se mi dicono che scaricare l'ultimo cd di brithney spears o comcacchsichiam e' peccato mortale, questo ha un senso, io lo capisco!
    ma se mi dicono che il peccato/illecito e' non pagare non capisco piu' tanto

    > Riguardo alle radici cristiane, per me
    > avrebbero dovuto ricordare nel preambolo
    > alla costituzione le radici dell'europa,
    > europa il cristianesimo ha contribuito,

    ma a rigor di logica sono d'accordo, pero' non so perche' sono contento che non ce ne sia traccia.

    > E' la nostra storia, per bella o brutta che
    > sia l'europa è nata da quella.

    guarda l'europa non e' mai stata unita dal cristianesimo.
    anzi il cattolicesimo in particolare ha impedito l'unificazione d'italia per molto tempo.

    spero che l'altra meta' del mondo sia sempre piu' intollerante nei confronti delle aziende che vogliono guadagnare su mercati inesistenti e che a nessun musulmano debba mai aver a che fare con un call center, inoltre avere piu' di mezzo mondo che non riconosce la propieta' intellettuale e' un vantaggio per tutti noi che beneficiamo quotidianamente di questi frutti.
    non+autenticato
  • > mah la politica senza etica e' anche peggio,
    > non esistono ne filosofi ne saggi che
    > possano influenzare il governo, da cui
    > l'immagine dei dirigenti telecom a cui viene
    > tagliata la gola in piazza e' un'immagine
    > che non mi disturba molto, sai quelli che i
    > dialer quelli che l'ultimo miglio, quelli
    > che.

    La politica senza etica è peggio,ma gli sgozzamenti in piazza non ti disturbano?

    > poi prendi il p2p se mi dicono che scaricare
    > l'ultimo cd di brithney spears o
    > comcacchsichiam e' peccato mortale, questo
    > ha un senso, io lo capisco!
    > ma se mi dicono che il peccato/illecito e'
    > non pagare non capisco piu' tanto

    Scaricare una cosa illegale per te è peccato, l'invito a pagarla no?

    > > Riguardo alle radici cristiane, per me
    > > avrebbero dovuto ricordare nel preambolo
    > > alla costituzione le radici dell'europa,
    > > europa il cristianesimo ha contribuito,
    >
    > ma a rigor di logica sono d'accordo, pero'
    > non so perche' sono contento che non ce ne
    > sia traccia.

    Sarà, di solito sotto a queste affermazioni c'è il vuoto spinto.

    > guarda l'europa non e' mai stata unita dal
    > cristianesimo.
    > anzi il cattolicesimo in particolare ha
    > impedito l'unificazione d'italia per molto
    > tempo.

    non per fare il saccente, ma è evidente che la storia non la conosci granchè, si vede che hai informazioni segrete che smentiscono quello che dozzine di storici affermano

    > spero che l'altra meta' del mondo sia sempre
    > piu' intollerante nei confronti delle
    > aziende che vogliono guadagnare su mercati
    > inesistenti e che a nessun musulmano debba
    > mai aver a che fare con un call center,
    > inoltre avere piu' di mezzo mondo che non
    > riconosce la propieta' intellettuale e' un
    > vantaggio per tutti noi che beneficiamo
    > quotidianamente di questi frutti.

    Fa sempre comodo straparlare standosene a casa al calduccio col cellularino, la connessione a banda larga, la pizza e la bevutona con gli amici, le vacanze al mare, atteggiarsi a pseudo intellettuale (tanto non c'è la polizia religiosa che viene a bastonarti per quello che dici)
    Due slogan sul capitalismo, due slogan sulla Chiesa e vai di supporto all'Islam, che dato che ci sono gli amerikani in irak fa molto impegnato stare dalla loro parte
    non+autenticato


  • - Scritto da: shevathas
    > Non sono d'accordo per un semplice motivo:
    > la legge civile deve essere distinta da
    > quella religiosa, e sopratutto, quella
    > religiosa, non deve, o meglio dovrebbe, mai
    > condizionare quella civile.

    Daccordissimo con te.

    > E' pericoloso se la religione viene presa
    > come giustificazione per fare le leggi,
    > adesso può essere una legge, tutto
    > sommato giusta, contro il gioco d'azzardo ma
    > un domani?

    Un domani, come i nostri antenati anche loro piegheranno i loro "uomini di religione".

    Si accorgeranno che alcune cose che fanno non hanno senso, non ha senso farsele dire da un libro, ma che ha senso farsele dire dalla testa.

    Quello che la nostra cultura ha passato anni e anni fa lo stanno passando loro.
    E' un processo irreversibile, ma si compirà. Anche alcuni loro religiosi importanti (mi pare anche Sistani, non so come si scrive, ma è quello dell'Iraq) pensano che lo stato deve essere separato dalla religione..

    > E' una strada pericolosa che noi europei
    > conosciamo bene infatti quanto abbiamo
    > penato per separare, in alcuni paesi di
    > più in altri di meno, lo stato dalla
    > chiesa?
    > La laicità dello stato è un
    > valore o un pretesto per dare contro una
    > fazione contraria ?

    Alcuni casi un valore altri un pretesto.

    Il valore è quando accadono fattacci, tipo l'estate scorsa, quando fu violentata una bambina mi pare di 10 anni (in america latina, ma non mi ricordo dove) e rimase incinta.
    I preti sollevarono scandali dicendo che non doveva abortire, che i figli sono doni di Dio, che non dovevano essere "uccisi"
    poco importa come fosse arrivato il bambino..Perplesso
    E' finita che un'associazioni di madri incazzatissime con i preti (e anche perchè la piccola poteva morire) la fecero abortire in un'altro stato, dove non era vietato l'aborto ai minori..

    Il pretesto è quando i preti pensano ancora di comandare.
    Allora non li consideri neanche, gli ricordi tutti i danni che hanno fatto anni fa e che continuano a fare, perchè va bene che sono uomini di Dio.. ma pensare con la testa no?

    >
    > Riguardo alle radici cristiane, per me
    > avrebbero dovuto ricordare nel preambolo
    > alla costituzione le radici dell'europa,
    > europa il cristianesimo ha contribuito,
    > insieme al pensiero greco e quello romano,
    > al pensiero rinascimentale e quello
    > illuminista.
    > E' la nostra storia, per bella o brutta che
    > sia l'europa è nata da quella.

    Anche per me, ma solo come radici, non altre cose.
    Costava tanto scrivere una frase come quella che hai detto tu?
    Ma forse lo hanno fatto per distaccare ancora di più la chiesa dallo stato (vedendo l'influenza che ha avuto sui nostri politici per le ultime leggi come la fecondazione posso capire perchè l'hanno fatto..)
    F.
    529
  • > Un domani, come i nostri antenati anche loro
    > piegheranno i loro "uomini di religione".
    >
    questa logica non mi piace molto...
    perchè non mostrargli i nostri errori affinchè loro non li compiano?
    altrimenti gli yankiee potrebbero dire al sig. schroeder, siccome voi tedeschi avete avuto un pazzoide che ha causato la II guerra mondiale, perchè rompete per due nostre scaramuccie ?

    > Si accorgeranno che alcune cose che fanno
    > non hanno senso, non ha senso farsele dire
    > da un libro, ma che ha senso farsele dire
    > dalla testa.
    >
    spero

    > Quello che la nostra cultura ha passato anni
    > e anni fa lo stanno passando loro.
    > E' un processo irreversibile, ma si
    > compirà. Anche alcuni loro religiosi
    > importanti (mi pare anche Sistani, non so
    > come si scrive, ma è quello
    > dell'Iraq) pensano che lo stato deve essere
    > separato dalla religione..
    >
    il brutto è quando usi la religione per governare lo stato.

    > > E' una strada pericolosa che noi europei
    > > conosciamo bene infatti quanto abbiamo
    > > penato per separare, in alcuni paesi di
    > > più in altri di meno, lo stato
    > dalla
    > > chiesa?
    > > La laicità dello stato è
    > un
    > > valore o un pretesto per dare contro una
    > > fazione contraria ?
    >
    > Alcuni casi un valore altri un pretesto.
    >
    > Il valore è quando accadono fattacci,
    [cut]
    > bambino..Perplesso
    E' una storia triste ma senza andare su questioni così delicate, ci sarebbe da discuterne in maniera molto approffondita, basta pensare al divorzio. per la religione cattolica è un sacramento indissolubile e stop. ma per la legge civile è, e deve essere, solo un contratto in cui due persone prendono reciprochi obblighi l'uno nei confronti dell'altro.
    E come tutti i contratti ha le sue condizioni di rescissione.

    > > Riguardo alle radici cristiane, per me
    > > avrebbero dovuto ricordare nel preambolo
    > > alla costituzione le radici dell'europa,
    > > europa il cristianesimo ha contribuito,
    > > insieme al pensiero greco e quello
    > romano,
    > > al pensiero rinascimentale e quello
    > > illuminista.
    > > E' la nostra storia, per bella o brutta
    > che
    > > sia l'europa è nata da quella.
    >
    > Anche per me, ma solo come radici, non altre
    > cose.
    > Costava tanto scrivere una frase come quella
    > che hai detto tu?
    > Ma forse lo hanno fatto per distaccare
    > ancora di più la chiesa dallo stato
    > (vedendo l'influenza che ha avuto sui nostri
    > politici per le ultime leggi come la
    > fecondazione posso capire perchè
    > l'hanno fatto..)

    uno schifo di legge. Capisco l'evitare il far west, le mamme nonne o le assurdità del figlio su ordinazione: vorrei un pupo con occhi azzurri etc. etc.
    ma la legge sta già iniziando a fare acqua da tutte le parti.
    :s

    ==================================
    Modificato dall'autore il 30/07/2004 13.41.13


  • - Scritto da: shevathas
    > > Un domani, come i nostri antenati anche
    > loro
    > > piegheranno i loro "uomini di
    > religione".
    > >
    > questa logica non mi piace molto...
    > perchè non mostrargli i nostri errori
    > affinchè loro non li compiano?
    > altrimenti gli yankiee potrebbero dire al
    > sig. schroeder, siccome voi tedeschi avete
    > avuto un pazzoide che ha causato la II
    > guerra mondiale, perchè rompete per
    > due nostre scaramuccie ?

    Ho detto così perchè:
    - Se noi andassimo da loro a parlare liberamente, dicendogli di non sottostare ai giochi dei religiosi, poi già immaginarti cosa incomincerebbero a dire i loro religiosi (soprattutto visto che noi siamo di un'altra religione)
    - Se un popolo fa "le cose" per contro proprio, ci "arriva" da solo, puoi immaginare che è uno stimolo molto più forte che non quello "suggerito da noi": non fate i nostri sbagli, etc...
    - Il processo lentamente si compie. lentamente ma si arriverà.

    > > Quello che la nostra cultura ha passato
    > anni
    > > e anni fa lo stanno passando loro.
    > > E' un processo irreversibile, ma si
    > > compirà. Anche alcuni loro
    > religiosi
    > > importanti (mi pare anche Sistani, non
    > so
    > > come si scrive, ma è quello
    > > dell'Iraq) pensano che lo stato deve
    > essere
    > > separato dalla religione..
    > >
    > il brutto è quando usi la religione
    > per governare lo stato.

    Infatti. con questo esempio, ti faccio notare, che Sistani è una persona molto importante nell'ambito della loro religione e quindi, per me, già un religioso che dice che lo stato (futuro) non dovrà essere basato sulla religione è una spinta fortissima

    >
    > > > E' una strada pericolosa che noi
    > europei
    > > > conosciamo bene infatti quanto
    > abbiamo
    > > > penato per separare, in alcuni
    > paesi di
    > > > più in altri di meno, lo
    > stato
    > > dalla
    > > > chiesa?
    > > > La laicità dello stato
    > è
    > > un
    > > > valore o un pretesto per dare
    > contro una
    > > > fazione contraria ?
    > >
    > > Alcuni casi un valore altri un pretesto.
    > >
    > > Il valore è quando accadono
    > fattacci,
    > [cut]
    > > bambino..Perplesso
    > E' una storia triste ma senza andare su
    > questioni così delicate, ci sarebbe
    > da discuterne in maniera molto
    > approffondita, basta pensare al divorzio.
    > per la religione cattolica è un
    > sacramento indissolubile e stop. ma per la
    > legge civile è, e deve essere, solo
    > un contratto in cui due persone prendono
    > reciprochi obblighi l'uno nei confronti
    > dell'altro.
    > E come tutti i contratti ha le sue
    > condizioni di rescissione.

    Certo. I religiosi non vorrebbero questo.
    Però non parlano alle donne picchiate dai mariti e dicono loro "non divorziare perchè è peccato".
    Oppure quando 2 persone si sposano e si accorgono che non si vogliono più bene.. vaglielo te a dire che devono vivere fianco a finco per sempre

    F.
    529
  • > Ho detto così perchè:
    > - Se noi andassimo da loro a parlare
    > liberamente, dicendogli di non sottostare ai
    > giochi dei religiosi, poi già
    > immaginarti cosa incomincerebbero a dire i
    > loro religiosi (soprattutto visto che noi
    > siamo di un'altra religione)
    > - Se un popolo fa "le cose" per contro
    > proprio, ci "arriva" da solo, puoi
    > immaginare che è uno stimolo molto
    > più forte che non quello "suggerito
    > da noi": non fate i nostri sbagli, etc...
    > - Il processo lentamente si compie.
    > lentamente ma si arriverà.
    >
    speriamo arrivi presto.

    >
    > Infatti. con questo esempio, ti faccio
    > notare, che Sistani è una persona
    > molto importante nell'ambito della loro
    > religione e quindi, per me, già un
    > religioso che dice che lo stato (futuro) non
    > dovrà essere basato sulla religione
    > è una spinta fortissima

    pienamente d'accordo

    > Certo. I religiosi non vorrebbero questo.
    > Però non parlano alle donne picchiate
    > dai mariti e dicono loro "non divorziare
    > perchè è peccato".

    per me questo è stupido bigottismo ipocrita, se una donna (o un uomo) viene maltrattata dal coniuge significa che ormai il matrimonio è finito. Continuare a tenere in piedi un "rapporto" ormai morto imho è stupido e nocivo per chi subisce ed è grave costringere uno a subire per del bigottismo ipocrita.

    > Oppure quando 2 persone si sposano e si
    > accorgono che non si vogliono più
    > bene.. vaglielo te a dire che devono vivere
    > fianco a finco per sempre
    >
    in molti casi il divorzio è il "male" minore, meglio che due si separino invece di vivere in uno stato di guerra permanente.
    Spesso raccomandano di non divorziare per i figli, ma vaglielo a dire che per i figli è meglio il divorzio dei genitori che continuare a vivere in una famiglia percependo lo stato di tensione che c'è tra i genitori.
    Ma come disse qualcuno, non esiste peggior sordo di chi non vuole sentire.
  • - Scritto da: F.
    > Oppure quando 2 persone si sposano e si
    > accorgono che non si vogliono più
    > bene.. vaglielo te a dire che devono vivere
    > fianco a finco per sempre

    "nella gioia e nel dolore finchè morte non ci separi"

    hanno giurato questo di fronte a Dio...

    se non sono credenti non c'è problema... ma se son credenti mi pare che sia inutile discutere
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)